Venezuela, lo spettro della guerra civile

Con l’arrivo delle truppe russe, i militari venezuelani schierano i missili S-300

Questo fine settimana Mosca ha tracciato senza ambiguità la sua “linea rossa” riguardo l’intervento militare statunitense in Venezuela.

Ha quindi inviato un aereo da trasporto militare pieno di truppe russe, che è atterrato a Caracas sabato scorso. Immediato il dispiegamento, in una base a sud di Caracas, dei sistemi missilistici antiaereo S-300.

L’aereo da trasporto russo An-124 che è atterrato a Caracas trasportava nientemeno che il Generale Russo Vasily Tonkoshkurov, “Capo di Stato Maggiore delle Forze di Terra” e “Primo Vice Comandante in Capo delle Forze Terrestri della Russia”, accompagnato da 99 militari e 35 tonnellate di carico.

Leggi tutto “Venezuela, lo spettro della guerra civile”

La rabbia di Emmanuel Macron sulla Brexit: “L’Inghilterra ci ha impedito di costruire gli Stati Uniti d’Europa”

Il Sig. Macron, Presidente francese, è stato il feroce sobillatore della trattativa di sette ore che si è tenuta a Bruxelles, la scorsa settimana, per discutere la richiesta di Theresa May di ritardare la Brexit fino al 30 Giugno.

Ha insistito perché le condizioni fossero molto dure, esortando i suoi colleghi dell’UE a spingere la Gran Bretagna fuori dal blocco europeo all’inizio di Maggio, con o senza accordo.

Leggi tutto “La rabbia di Emmanuel Macron sulla Brexit: “L’Inghilterra ci ha impedito di costruire gli Stati Uniti d’Europa””

La missione principale di Mueller era di coprire l’orgia criminale dell’era-Obama e il Russiagate del Partito Democratico

Ecco in breve il racconto: tutti davvero si aspettavano che Hillary Clinton vincesse. Quando a vincere fu invece Trump, il “Deep State” diede inizio ad una frenetica corsa per distruggere le prove dei crimini commessi e per compromettere la reputazione dei testimoni.

Perché? Perché il “Deep State” voleva disperatamente impedire che s’indagasse sulle numerose illegalità dell’era-Obama, sulla criminalità e sulla  corruzione che l’hanno distinta.

Leggi tutto “La missione principale di Mueller era di coprire l’orgia criminale dell’era-Obama e il Russiagate del Partito Democratico”

Sullo sfondo dell’incombente hard-Brexit, il Governo May ha invitato 10.000 soldati stranieri per delle esercitazioni militari

LONDRA – Con il “dramma Brexit” a raggiungere nuove vette, il Governo del Regno Unito aveva “alzato le sopracciglia” annunciando [il 14 Marzo] che avrebbe ospitato 10.000 soldati stranieri per una massiccia esercitazione militare, a partire dal giorno successivo alla Brexit [29 Marzo].

L’annuncio aveva sollevato lo spettro di uno scenario post-Brexit da “Legge Marziale”, considerando che il Governo guidato da Theresa May stava esaminando questa possibilità quanto meno dallo scor+so Gennaio.

Leggi tutto “Sullo sfondo dell’incombente hard-Brexit, il Governo May ha invitato 10.000 soldati stranieri per delle esercitazioni militari”

Fai come i dinosauri, sparisci!

Due settimane fa il giornalista algerino El kadi Ihsane ha twittato il video dello tsunami di umanità che scorreva attraverso le strade di Algeri: “Desidero che ogni persona di buona volontà possa sperimentare una volta nella sua vita il momento esaltante in cui la rivoluzione che ha sempre sognato passa sotto la finestra del suo ufficio!”.

Le sue parole evocavano gran parte dell’euforia che traspariva da William Wordsworth, quando scriveva sull’inizio ancora romantico della Rivoluzione Francese: “Era una beatitudine in quell’alba essere vivi, ma essere giovani era un paradiso”.

Leggi tutto “Fai come i dinosauri, sparisci!”

Amazon è un’estensione della CIA e del “Deep State” statunitense

Redazione: Difficile credere alla favola del bravo ragazzo che nel garage della propria casa costruisce un impero. Se, dopo la fase meramente pionieristica, fondata a volte sulla genialità dell’inventore, la Big Tech statunitense ha raggiunto limiti quasi inesplorati lo deve al potere del “Deep State”, comprendendo con questo termine non solo i Funzionari e le Organizzazioni dello Stato, ma anche le corporation industrial-finanziarie da cui spesso dipendono.

Il discorso è attuale perché, se è vero che Microsoft, Google, Facebook, Apple, Amazon etc. sono palesi espressioni del “Deep State” americano, è anche vero che società tecnologiche come Alibaba, ZTE, Huawei etc. lo sono del potere centrale cinese. La prudenza rivendicata dall’Amministrazione Trump sul 5G, quindi, sembrerebbe essere sufficientemente fondata.

Leggi tutto “Amazon è un’estensione della CIA e del “Deep State” statunitense”

Gli Stati Uniti guardano con forza all’ingresso del Brasile nella NATO

Martedì, accogliendo il Presidente brasiliano Jair Bolsonaro alla Casa Bianca, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che sta seriamente pensando all’ingresso del Brasile nella NATO o nelle altre formali alleanze.

Ieri Bolsonaro ha fatto un insolito viaggio presso il Quartier Generale della CIA, nel primo giorno del suo viaggio negli Stati Uniti, durante il quale esprimerà una posizione favorevole agli Stati Uniti e cercherà di espandere sia i legami commerciali che la cooperazione diplomatica.

Leggi tutto “Gli Stati Uniti guardano con forza all’ingresso del Brasile nella NATO”

Il macabro opportunismo sulla Nuova Zelanda – Lo sfruttamento del massacro fa segnare un nuovo minimo alla cricca del Politically Correct

Il livello dei media occidentali ha raggiunto un nuovo minimo. Il “gioco al colpevole” che hanno inscenato all’indomani della strage razzista in Nuova Zelanda è stato macabro e inquietante.

I corpi dei 50 musulmani assassinati erano ancora caldi quando i vari osservatori, attivisti e sinistrorsi hanno cominciato a fare i nomi, spargendoli di vergogna, di quelle persone che a loro parere hanno “gettato le basi” per quest’atrocità.

E a quanto pare la lista comprende proprio tutti, dagli agitatori di estrema destra a qualsiasi editorialista di un qualsiasi giornale che abbia espresso finanche una piccola critica nei confronti dell’Islam radicale.

Leggi tutto “Il macabro opportunismo sulla Nuova Zelanda – Lo sfruttamento del massacro fa segnare un nuovo minimo alla cricca del Politically Correct”

Brendon O’Connell: l’attentatore delle Moschee neozelandesi è un professionista

Brenton Tarrant, cittadino australiano, non è un pistolero di livello amatoriale. Ha mostrato freddezza e distacco nell’uccidere 39 esseri umani nella prima Moschea. Nessuna paura, nessun affanno, nessuna eccitazione. Solo calma e freddezza.

Ha affermato con grande calma che se avesse guidato verso la seconda Moschea un po’ più piano, arrivando quindi più tardi, avrebbe potuto colpire un numero maggiore di donne.  Il “film dell’orrore” che si è fatto da solo dimostra clamorosamente che non è un dilettante.

Leggi tutto “Brendon O’Connell: l’attentatore delle Moschee neozelandesi è un professionista”

Cina e Stati Uniti hanno realizzato “concreti progressi” sul testo degli accordi commerciali

La Cina e gli Stati Uniti hanno fatto dei “progressi concreti” sul testo del loro accordo commerciale, secondo quanto è stato riferito dai media statali cinesi.

L’”Agenzia Nuova Cina” [Xinhua] ha riferito Giovedì scorso che il Vice Premier cinese Liu He ha avuto una conversazione telefonica con il Rappresentante al Commercio statunitense Robert Lighthizer e con  il Segretario al Tesoro Steven Mnuchin [foto sopra].

L’Agenzia ha affermato che “Le due parti hanno compiuto concreti progressi sul testo dell’accordo commerciale”, senza fornire ulteriori dettagli.

Leggi tutto “Cina e Stati Uniti hanno realizzato “concreti progressi” sul testo degli accordi commerciali”

E’ in arrivo la 3a Guerra Mondiale? Israele è sull’orlo di una guerra con Hamas, Hezbollah, Siria ed Iran

Per la prima volta dal 2014, Giovedì sono stati lanciati dei missili su Tel Aviv e Israele ha risposto martellando Hamas con degli attacchi aerei. Quest’ultimo scambio ha avvicinato Israele più che mai ad un’altra guerra con Hamas.

Ma, come vedremo in seguito, Israele è sull’orlo di una guerra anche con Hezbollah, Siria e Iran. E, soprattutto, il 9 Aprile ci sarà l’elezione più importante degli ultimi anni.

Leggi tutto “E’ in arrivo la 3a Guerra Mondiale? Israele è sull’orlo di una guerra con Hamas, Hezbollah, Siria ed Iran”

Gallup: un numero sempre maggiore di cattolici americani sta considerando di abbandonare questa religione come reazione agli abusi sessuali dei sacerdoti

Secondo un nuovo sondaggio, una percentuale crescente di cattolici statunitensi sta riesaminando il suo impegno nei confronti di questa religione, man mano che vengono rivelate nuove denunce sugli abusi sessuali commessi dai sacerdoti.

Il sondaggio della Gallup pubblicato Mercoledì scorso ha rivelato che ca. il 37% dei cattolici statunitensi sta chiedendosi se restare nella Chiesa Cattolica, come conseguenza delle notizie sugli abusi sessuali commessi dai preti sui giovani.

Leggi tutto “Gallup: un numero sempre maggiore di cattolici americani sta considerando di abbandonare questa religione come reazione agli abusi sessuali dei sacerdoti”

Brexit: la democrazia è in pericolo e non possiamo contare sui nostri Parlamentari per poterla salvare.

Per quanto sembri strano il doverlo dire, la scorsa notte sarebbe potuta essere – e lo sarebbe stata in qualsiasi altra epoca – una buona notte per la democrazia britannica. E’ stata pesantemente sconfitta una politica duramente contrastata dal paese reale, che un Primo Ministro [PM] profondamente impopolare stava cercando d’imporre.

In tempi normali il PM sarebbe stato costretto a dimettersi ed ora saremmo diretti verso una nuova Elezione Generale. Avremmo la possibilità, in altre parole, di punire un Governo che non è riuscito a governare con competenza, con convinzione e, soprattutto, in linea con le promesse fatte agli elettori. Sarebbero iniziate le normali procedure democratiche e il sistema continuerebbe a funzionare bene, come sempre.

Leggi tutto “Brexit: la democrazia è in pericolo e non possiamo contare sui nostri Parlamentari per poterla salvare.”

Marco Polo è tornato di nuovo in Cina

Nota redazionale: siamo stati fra i primi blog a presentare un articolo  sull’adesione italiana alla BRI, intuendone l’impatto sia sulla politica interna che su quella euro-atlantica. Al primo articolo di Breitbart è seguito l’intervento di Mitt Dolcino che attacca la posizione italiana ritenendola autolesionistica  e incomprensibile. L’articolo che presentiamo è del notissimo Pepe Escobar che, su Asia Times, parla ancora della questione Italia/BRI, ma vista dall’altra parte della barricata. Interessanti le opinioni presentate, anche se lacunose alla luce dei rapporti bilaterali Italia/Stati Uniti. Lasciamo ai commenti dei lettori eventuali puntini sulle “i”.    


Tutte le strade portano a Roma, da quando l’Italia ha espresso il suo amore per la cinese “Road and Belt Initiative” [BRI]. Il 22 Marzo il Presidente Xi Jinping arriverà in Italia per una visita ufficiale e il tema principale del convegno sarà la “Nuova Via della Seta”, la BRI.

Leggi tutto “Marco Polo è tornato di nuovo in Cina”

Italexit o Default: lo scontro fra Italia e Unione Europea è ormai inevitabile

In Unione Europea si sta sviluppando una doppia crisi italiana, che ne sta fortemente minando l’unità.

C’è innanzitutto una notevole crisi politica. Basti ricordare il blocco del “riconoscimento” da parte dell’UE dei responsabili del golpe in Venezuela, gli ostacoli posti all’espansione delle sanzioni contro la Russia ed anche il sostegno al movimento dei “gilet gialli” in Francia, che ha suscitato la rabbia del Governo francese.

Leggi tutto “Italexit o Default: lo scontro fra Italia e Unione Europea è ormai inevitabile”