La propaganda pre-elettorale leghista ritorna: Borghi dice Italexit e Salvini lo smentisce (vedasi precedenti, un copia-incolla): tutte balle, la Lega NON vuole uscire dall’euro, Salvini/Borghi SI/NO euro è solo teatro. Ma ‘sta volta non mi fregano, il mio voto se lo scordano

Guardate sopra, non vi sembra un copia incolla? Sembra pura tattica pre-elettorale, come nel precedente caso di febbraio scorso: all’inizio di quest’anno la stessa manfrina venne fuori in vista delle elezioni EUropee, oggi in vista delle elezioni nazionali del prossimo anno, che verranno indette dopo aver dato il tempo necessario ai giallorossi per fare le loro nomine alle aziende di Stato, almeno saranno sicuri che potranno avere parenti ed affini assunti – oltre che le consulenze del caso – pagate dalle “solide” aziende statali.

Leggi tutto “La propaganda pre-elettorale leghista ritorna: Borghi dice Italexit e Salvini lo smentisce (vedasi precedenti, un copia-incolla): tutte balle, la Lega NON vuole uscire dall’euro, Salvini/Borghi SI/NO euro è solo teatro. Ma ‘sta volta non mi fregano, il mio voto se lo scordano”

L’ex capo di stato maggiore nominato dai renziani nel 2015, generale Graziano, oggi a capo del comitato militare della EU, ha la Legion d’Onore e la medaglia d’oro al merito militare francesi! (Parigi vuole un pezzo d’Italia?)

Nel 2015 venne nominato capo di Stato maggiore della Difesa dal governo a trazione Renzi il generale Graziano (da non confondere con il generale Graziani, quello che fu alleato dei nazisti nella seconda guerra mondiale). Tale nomina fece discutere in quanto detto generale non celò il suo favore verso l’EU durante il suo mandato.

Leggi tutto “L’ex capo di stato maggiore nominato dai renziani nel 2015, generale Graziano, oggi a capo del comitato militare della EU, ha la Legion d’Onore e la medaglia d’oro al merito militare francesi! (Parigi vuole un pezzo d’Italia?)”

I migranti arrivati a Novembre 2019: nessuna invasione, i numeri sono approssimabili a quelli che si avevano con Salvini ministro. Memento, non sono i migranti il vero problema italiano, ma l’economia!

Come tutti i mesi ecco l’aggiornamento dei migranti arrivati in Italia a Novembre 2019 vs. Novembre 2018: la notizia positiva è che siamo a livelli simili a quelli che si avevano con Salvini ministro (1’232 vs. 980). Bene per l’Italia, che non ci sia stata la temuta invasione dei migranti. Come vado ripetendo da mesi, il problema italiano NON sono infatti i migranti ma l’economia, che arranca. Anzi, sta proprio implodendo, vedasi il rischio chiusura degli stabilimenti del sud di FCA dopo la vendita ai francesi, l’ILVA in forte ridimensionamento se non in chiusura e Alitalia eterna fallita ormai arrivata al capolinea…

Leggi tutto “I migranti arrivati a Novembre 2019: nessuna invasione, i numeri sono approssimabili a quelli che si avevano con Salvini ministro. Memento, non sono i migranti il vero problema italiano, ma l’economia!”

“Nel 2011 Berlusconi aveva un piano per uscire dall’euro”, onde evitare di fare arrivare la troika imposta da Parigi e Berlino. Ecco perchè Giulio Tremonti, storico ex ministro, è il candidato Premier ideale per evitare il MES!

Lo diciamo da tempo: noi sogniamo una Lega de-salvinizzata, ossia con Salvini che si fa di lato a favore di una squadra capace ed affiatata in grado di sfidare l’EU. Con Giulio Tremonti futuro premier e Giulio Sapelli ai rapporti con l’EUropa , assieme ad un traghettatore segretario leghista, che non sia Salvini. E’ infatti chiaro che oggi il Matteo padano NON vuole sfidare l’EU, nei fatti, vedasi la sua costante sponda ai progetti egemonici francesi in Italia (evidentemente Salvini fa rima con Verdini e dunque con Renzi). Oggi il ras leghista rappresenta il vero problema italiano, visto che oltre a creare inutili contrapposizioni interne al Paese, oltre a non essere supportato dagli USA, è anche enormemente impreparato economicamente per poter gestire la difficile transizione economica che vede nel MES la pietra angolare per far arrivare la Troika in Italia.

Leggi tutto ““Nel 2011 Berlusconi aveva un piano per uscire dall’euro”, onde evitare di fare arrivare la troika imposta da Parigi e Berlino. Ecco perchè Giulio Tremonti, storico ex ministro, è il candidato Premier ideale per evitare il MES!”

FCA vicina all’accordo coi sindacati negli USA senza chiudere stabilimenti: se il gruppo “spende” con gli operai americani significa che chiuderà stabilimenti in Italia! (l’Italia scivolerà verso la guerra civile?)

Venerdì scorso una notizia a mercati chiusi ha scosso il mercato: FCA, ossia il Gruppo Fiat Chrysler comprato recentemente dai francesi, sembra sia vicino ad un accordo con i sindacati auto americani per NON chiudere stabilimenti in USA e pagare bonus assimilabili a quelli pagati da Ford, ossia ca. 9’000 dollari a dipendente! Considerando che netto su netto molti operai Fiat in Italia prendono di stipendio qualcosa di simile a quanto in USA viene dato come bonus, viene da chiedersi quale cataclisma socio-economico si sta preparando per l’Italia. Infatti spendendo in USA bisognerà chiudere ovvero risparmiare – leggasi chiudere stabilimenti – altrove. Ossia in Italia…

Leggi tutto “FCA vicina all’accordo coi sindacati negli USA senza chiudere stabilimenti: se il gruppo “spende” con gli operai americani significa che chiuderà stabilimenti in Italia! (l’Italia scivolerà verso la guerra civile?)”

“RESET : L’UNIONE IRRIFORMABILE”. Libro estratto dall’ultimo convegno di Scenarieconomici (della serie, lo sanno anche i sassi che l’EU non si può cambiare dal di dentro)

Un anno fa 5 persone di buona volontà e certamente in buona fede (tra cui anche il sottoscritto) si riunirono nel centro Italia più o meno dove abita la famiglia di Mario Draghi, non lontano dalla casa della famiglia De Megni a cui il Mario internazionale probabilmente deve molto (…). Il motivo era analizzare la situazione socio-economica europea ed italiana con un taglio diciamo “indipendente”. Da tale evento è scaturito un libro, che descrive quanto in oggetto: l’UE irriformabile. Ovvero il Reset là da venire, inevitabile.

Leggi tutto ““RESET : L’UNIONE IRRIFORMABILE”. Libro estratto dall’ultimo convegno di Scenarieconomici (della serie, lo sanno anche i sassi che l’EU non si può cambiare dal di dentro)”

Se Salvini “troppo vicino a Putin” (e a Renzi) si fosse fatto di lato, ora a Washington a parlare con Trump per fare il governo nazionale ci sarebbe la Lega al posto di Giorgia Meloni…

La domanda che i veri sovranisti che oggi votano Lega – domani chissà – dovrebbero porsi è questa: “amiamo prima di tutto Salvini o amiamo il nostro Paese“? Meglio detta, costoro vogliono andare al governo con elezioni prossime venture o si vuole continuare a stare all’opposizione, perseverando nell’essere il bersaglio di inchieste e scandali incrociati?

Leggi tutto “Se Salvini “troppo vicino a Putin” (e a Renzi) si fosse fatto di lato, ora a Washington a parlare con Trump per fare il governo nazionale ci sarebbe la Lega al posto di Giorgia Meloni…”

L’approvazione del MES2 è un attentato al benessere del Paese, un vero tradimento: Conte, che stai facendo? (p.s.: se si decide che “l’euro è irreversibile” le tasse dovranno comunque aumentare)

Sgombriamo il campo dalle ipocrisie: la modifica del MES (MES2) voluta dall’EU è un attentato al benessere del Paese per l’attacco che rappresenterà al benessere degli italiani, a breve giro. Ci associamo quindi al grido di allarme di altri stimati commentatori economici. Più chiaramente, il MES2 è una fregatura per l’Italia visto che NON fa gli interessi del Paese; spero infatti abbiate capito che una delle prime conseguenze della Brexit rischia di essere la chiusura delle linee di trading “anglosassoni”, nei tempi dovuti, della prima banca teutonica nel caso di nuovi problemi insorgenti lato tedesco, parlo della mitica Deutsche Bank. A seguito di tale evento la crisi si sposterà inevitabilmente sull’Italia, determinando un aumento dello spread sui BTP. Con il MES2 approvato le conseguenze per l’Italia sarebbero devastanti…

Leggi tutto “L’approvazione del MES2 è un attentato al benessere del Paese, un vero tradimento: Conte, che stai facendo? (p.s.: se si decide che “l’euro è irreversibile” le tasse dovranno comunque aumentare)”

Eccellente libro sul sovranismo edito da Gianni Alemanno: 48 autori per definire in modo strutturato ed esaustivo un fenomeno destinato a segnare un’epoca, chapeau!

Finalmente un riferimento bibliografico veramente completo, l’unico esistente, per definire il sovranismo: grazie a Gianni Alemanno, ripeto, l’unico, che ha avuto la capacità ed il coraggio di pubblicare un vademecum sull’argomento.

Leggi tutto “Eccellente libro sul sovranismo edito da Gianni Alemanno: 48 autori per definire in modo strutturato ed esaustivo un fenomeno destinato a segnare un’epoca, chapeau!”

E se la Francia non restituisse le opere di proprietà italiana di Leonardo da Vinci oggi esposte al Louvre? Magari a fronte di una crisi italiana che metta in discussione (nel 2020) il rientro dal debito pubblico…

La realtà troppo spesso supera la fantasia, almeno negli ultimi 3 lustri: due Papi, un presidente nero degli Stati uniti, un Pontefice “nero” in Vaticano, la Juventus in serie B…. Di esempi di “cambio dei tempi” ce ne sono a bizzeffe. Dunque, fate attenzione a non escludere a priori quanto al titolo, temo sarebbe un errore…. Oggi l’uomo vitruviano è stato prestato al Louvre, assieme a molte altre opere del geniaccio toscano…

Leggi tutto “E se la Francia non restituisse le opere di proprietà italiana di Leonardo da Vinci oggi esposte al Louvre? Magari a fronte di una crisi italiana che metta in discussione (nel 2020) il rientro dal debito pubblico…”