Quello che i grandi media non dicono: lo scenario è cambiato e qualcuno come al solito non si è nemmeno accorto di essere stato superato dagli eventi. Se i migranti verranno fermati per “esigenze esterne” spero che nessuno si arrabbi perchè “voleva il contrario”…

Ooops…. Qualcosa è cambiato?

Qualche immagine ed un po’ di cronistoria, incastrare gli eventi nel contesto temporale è fondamentale per comprenderli. Le immagini che seguono dicono molto, credetemi. Della serie, quanto successo in Turchia è chiaramente frutto di accordi tra le due superpotenze storiche, facendo leva sugli alleati USA nel Mediterraneo, Grecia ed Italia. La Germania parteggia invece per la Turchia. E la Francia fa come al solito il gioco delle tre carte, spingendo dietro le quinte per l’accordo di Aquisgrana, ossia per un esercito EU in proiezione esterna, dove lei ritiene dovrà avere comando. Mai fare il conto senza l’oste…. Impressionante come i grandi media vedano tutto un altro film…

Leggi tutto “Quello che i grandi media non dicono: lo scenario è cambiato e qualcuno come al solito non si è nemmeno accorto di essere stato superato dagli eventi. Se i migranti verranno fermati per “esigenze esterne” spero che nessuno si arrabbi perchè “voleva il contrario”…”

La Lega vuole ridurre le tasse a PMI ed imprenditori alzandole agli altri. Viceversa PD+M5S vogliono minori tasse solo per le classi medio basse mantenendo i privilegi per i miliardari. Entrambi sbagliano. Il problema è che rinnegando l’ITALEXIT le tasse italiane SALIRANNO! Uccidendo il Paese…

Il PD abbassò le tasse solo grazie alla congiuntura internazionale favorevole… dopo la sbornia di tasse di Mario Monti!

Vorrei cercare di condensare lo status quo attuale reso complesso ad arte – creando apposta confusione, in modo che nessuno ci capisca alcunchè – in pochi e semplici concetti, comprensibili. Abbiamo visto oggi la manovra fiscale italiana con tasse sempre in aumento: si sappia solo che si sta andando diretti verso una strana forma di nazismo fiscale (meglio, stalinismo fiscale, visto che è contro i propri concittadini), se per caso non ve ne siete accorti [PEC obbligatoria per il collaudo delle auto; confisca obbligatoria se non si riesce a spiegare come si fa ad aver accumulato il proprio risparmio; obbligo di pagare prima i debiti dello stato rispetto all’incasso dei crediti con lo Stato, ma senza che un cittadino in credito possa fare nulla per recuperare rapidamente quanto dovuto dalle Istituzioni, ecc.].

Leggi tutto “La Lega vuole ridurre le tasse a PMI ed imprenditori alzandole agli altri. Viceversa PD+M5S vogliono minori tasse solo per le classi medio basse mantenendo i privilegi per i miliardari. Entrambi sbagliano. Il problema è che rinnegando l’ITALEXIT le tasse italiane SALIRANNO! Uccidendo il Paese…”

La Brexit è lontana dal traguardo — Qualunque cosa accada dopo questi colloqui, la democrazia sarà ancora in pericolo.

Potrebbe essere la luce alla fine del tunnel, ma per ora è più simile ad un treno che arriva.

Tom Slater per spiked-online

Al momento della stesura di quest’articolo non siamo ancora nel “tunnel” ma, quando lo leggerete, potremmo già esserci.

Oggi è stato annunciato che ci saranno dei nuovi negoziati sull’uscita della Gran Bretagna dall’UE, a seguito di un incontro “positivo” fra l’Irish Taoiseach, Leo Varadkar, e il Primo Ministro britannico Boris Johnson, che ha aperto la strada ad un possibile “percorso” per raggiungere un accordo.

Ma l’Unione Europea ha voluto chiarire che non stavamo ancora “entrando nel tunnel” — il gergo di Bruxelles per indicare la fase segreta e conclusiva dei colloqui.

Leggi tutto “La Brexit è lontana dal traguardo — Qualunque cosa accada dopo questi colloqui, la democrazia sarà ancora in pericolo.”

Roma Caput (Kaputt?) Mundi: la direttrice della CIA, Gina Haspel, ed il capo della NATO, Stoltenberg, mercoledì u.s. contemporaneamente a Roma. Dopo Barr, Durham e Pompeo (più volte, anche ad inizio Agosto, con Mattarella): cosa sta succedendo?

Certamente qualcosa di grosso sta bollendo i pentola. L’altro ieri la temutissima Gina Haspel è arrivata a Roma per un coordinamento con i servizi segreti italiani. Fatto forse addirittura più significativo – con un tempismo che lascia di sasso – parallelamente anche J. Stoltenberg era a Palazzo Chigi come capo della NATO, a reiterare il ruolo cruciale dell’Italia nell’alleanza Atlantica. Solo alcune ore prima l’eurocrate Borrell, probabile futuro ministro degli esteri EU, anche lui con un tempismo da far tremare i polsi, aveva affermato che l’EU deve dotarsi un esercito permanente di 60’000 soldati per attività di matrice EU. Ossia un esercito EUropeo in proiezione extra-EU, sebbene rimanendo – almeno lui, Borrell, che non è più così “atlantico” – fuori dai confini italici…..

Leggi tutto “Roma Caput (Kaputt?) Mundi: la direttrice della CIA, Gina Haspel, ed il capo della NATO, Stoltenberg, mercoledì u.s. contemporaneamente a Roma. Dopo Barr, Durham e Pompeo (più volte, anche ad inizio Agosto, con Mattarella): cosa sta succedendo?”

Nonostante il declino economico, i tedeschi ritengono di vivere in un mondo fantastico, dove tutto è perfetto

La Germania è stata una delle economie a più lenta crescita negli ultimi venti anni

Ambrose Evans-Pritchard per The Telegraph

Se non sta attenta, la Gran Bretagna rischia di retrocedere entro un decennio dalla “Premier League” delle potenze economiche globali.

Ma, seppur in modo meno scontato, sta rischiando anche la Germania.

I due paesi hanno difetti opposti. Mentre gli inglesi scommettono selvaggiamente sul prossimo sconvolgimento politico ed economico, i tedeschi, al contrario, raddoppiano le loro certezze ideologiche — un modello economico pre-digitale (tipico del 20° secolo) e lo status quo.

C’è un soffio dell’era Breznev sul lungo e prudente regno di Angela Merkel. Alcuni tedeschi sono vagamente consapevoli che la “Deutschland Inc.” non è più del tutto adatta ai tempi, ma non hanno alcun senso di urgenza.

Leggi tutto “Nonostante il declino economico, i tedeschi ritengono di vivere in un mondo fantastico, dove tutto è perfetto”

Fact Check – Il NADEF gialloverde e quello giallorosso a confronto. La tragica verità è che sono praticamente uguali, nei numeri (l’aumento di tasse era già stato inserito l’anno scorso). Si sta solo calciando il barattolo più in là…

Faccio un passo indietro, evitiamo valutazioni soggettive, restiamo ai fatti. Aggiungo solo che sono abbastanza schifato ormai da un certo modo di fare politica (…), votato – sembra – al più lugubre ricatto piuttosto che alla costruzione di valore futuro per il Paese. Dunque, per farvi capire dove il Vs. Paese sta andando, onde enuclearmi da qualsiasi considerazione politica, vorrei asetticamente paragonare l’attuale NADEF in via di approvazione [piano economico e finanziario, con le note] giallorosso (M5S+PD+LeU+Italia Viva) con quello presentato dai gialloverdi  (M5S+Lega) l’anno scorso. Come vedrete ci sono sorprese, nel  senso che non ci sono “sorprese”: ossia incredibilmente i due NADEF sono estremamente simili, quasi uguali direi, nonostante la propaganda interessata, alimentata da media sempre troppo faziosi e soprattutto entropici, voglia far credere il contrario.

Leggi tutto “Fact Check – Il NADEF gialloverde e quello giallorosso a confronto. La tragica verità è che sono praticamente uguali, nei numeri (l’aumento di tasse era già stato inserito l’anno scorso). Si sta solo calciando il barattolo più in là…”

Quando c’è caos politico, bisogna sostenere lo Stato ossia i suoi uomini: il caso dello stimato gen. Vecchione, che sta tenendo in piedi i nostri servizi segreti

Quando alla logica della ragion di Stato oltre che al sano al pragmatismo si sostituisce il tifo da stadio è bene farsi da parte. L’agone politico è oggi più convulso che mai, come ebbe a riassumere un caro amico negli scorsi giorni, “forse solo gli italiani non capiscono i rischi che il Paese sta correndo, oggi“.

Leggi tutto “Quando c’è caos politico, bisogna sostenere lo Stato ossia i suoi uomini: il caso dello stimato gen. Vecchione, che sta tenendo in piedi i nostri servizi segreti”

L’Eurocrate Borrell: l’UE deve imparare ad usare il “linguaggio del potere”. Ha bisogno di un esercito di 60.000 persone

L’Unione Europea avrebbe bisogno di un esercito permanente di 60.000 soldati da schierare in tutto il mondo

Victoria Friedman per Breitbart

Nell’audizione di lunedì del Parlamento Europeo Josep Borrell, candidato Vicepresidente per gli Affari Esteri e la Sicurezza, ha dichiarato che “L’Unione europea deve imparare ad usare il linguaggio del potere”.

Il 72enne socialista spagnolo ha continuato dicendo che i legislatori europei dovrebbero “rafforzare il ruolo internazionale dell’UE e la sua capacità militare”.

Ha chiesto a Bruxelles di aumentare il numero dei soldati fino ad almeno 55.000 : 60.000 unità. La forza risultante sarebbe più grande degli eserciti permanenti del Portogallo (35.000) o dei Paesi Bassi (43.000).

Ed ha aggiunto che: “Dovremmo riunire le sovranità nazionali per moltiplicare il potere dei singoli stati membri. Sono convinto che, se non agiremo tutti insieme, l’Europa diventerà irrilevante nel mondo che è in arrivo”.

Leggi tutto “L’Eurocrate Borrell: l’UE deve imparare ad usare il “linguaggio del potere”. Ha bisogno di un esercito di 60.000 persone”

La prova provata che Conte, ormai asset Trumpiano, sta sfidando il renzusconi. Ed ha sia le capacità che le armi per vincere (alla fine quello che doveva fare Salvini – supportare Trump – lo ha fatto Conte, incredibile…)

Nello scalpore generale dicemmo in tempi non sospetti che Trump con il suo tweet di fine agosto aveva impedito il renzusconi. Pochi ci credettero. Ora la realtà si sta componendo, con il fronte dei “due Matteo” sempre più uniti nell’intento di abbattere il primo ministro sospetto massone, Conte, supportato dagli USA di Trump, via servizi segreti nazionali. Alla fine, vedendo i fatti ossia le azioni, è chiaro che ci sia una collaborazione vera tra Matteo Salvini e Matteo Renzi contro Trump, ossia contro Conte, con il PD supino (tanto per far capire come gira il mondo, ancora non si è smesso di parlare di infiltrazioni di servizi segreti esteri in Italia via collaborazioni di spioni che i server del PD sono stati infettati da qualche starno virus e “bucati” da Anonymous, che caso….).

Leggi tutto “La prova provata che Conte, ormai asset Trumpiano, sta sfidando il renzusconi. Ed ha sia le capacità che le armi per vincere (alla fine quello che doveva fare Salvini – supportare Trump – lo ha fatto Conte, incredibile…)”

Questi cinque tweet cambieranno il mondo?

Tom Luongo per Gold Goats ‘n Guns

Durante il fine settimana mi son chiesto se Donald Trump sarebbe mai riuscito a diventare un “Grey Champion”, come Lincoln e Roosvelt  [https://www.mittdolcino.com/2019/10/07/trump-the-dude-la-piantera-di-essere-corretto/].

Pochi giorni dopo, tramite Twitter, egli ha inserito un grosso elemento pubblicitario nel suo curriculum.

Ci sono molti segnali di cambiamento da quando Trump ha giustamente rifiutato di andare in guerra con l’Iran, che aveva abbattuto un drone americano senza pilota.

Sconvolgendo il suo gabinetto — licenziamento di John Bolton e risposta assai tiepida all’attacco Houthi sulla raffineria saudita di Abqaiq — Trump ha cercato di disinnescare una situazione che era volata fino al sole, minacciando di bruciare milioni di persone.

Questi cinque tweet, presi nel contesto degli ultimi giorni, spazzano via una serie di narrazioni e di operazioni in corso:

Leggi tutto “Questi cinque tweet cambieranno il mondo?”