Domanda al PM Zuccaro: dietro Sea Watch, Jugend Rettet etc. ci sono si servizi segreti tedeschi? Memento, le leggi anti-riciclaggio in Germania fanno acqua da tutte le parti (la Germania è un paradiso fiscale! fonte: TJN, quella dei Panama Papers)

Ho letto stasera il pezzo di Maurizio Blondet, uno stimato cittadino italiano. Pensate, giornalista in pensione, va per gli 80 anni  ed in tutto questo occupa il suo tempo, i suoi sforzi, le sue risorse per la causa italiana.

In forza del rispetto che nutro per gente come Blondet, vorrei fare una domanda al procuratore Zuccaro, il PM di Catania incaricato dell’indagine su Sea Watch: vado al sodo, in molti vorrebbero sapere se dietro ai finanziamenti alle varie ONG tedesche che operano nel Mediterraneo davanti all’Italia ci siano i servizi segreti tedeschi (mi limito ad un ambito specifico, onde evitare di introdurre l’argomento di SOS Mediterranee ed i legami con Bernard Kouchner, ndr). Leggi tutto “Domanda al PM Zuccaro: dietro Sea Watch, Jugend Rettet etc. ci sono si servizi segreti tedeschi? Memento, le leggi anti-riciclaggio in Germania fanno acqua da tutte le parti (la Germania è un paradiso fiscale! fonte: TJN, quella dei Panama Papers)”

Quando la propaganda mediatica cancella i fatti: nonostante le ondate di freddo in tutto il mondo “la colpa è del riscaldamento globale”. Spieghiamo cosa c’è dietro…

Ebbene sì, rasentiamo davvero la presa per i fondelli. Abbiamo visto tutti l’ondata di gelo in Austria, Germania e centro Europa in genere nelle scorse settimane, metri e metri di neve, freddo polare, ghiaccio. Come se non bastasse ora è arrivato il freddo polare anche negli States, con -30 gradi ed oltre, neve, gelo…

In tutto questo la stampa mainstream che fa? Oltre a riportare la notizia in termini, secondo lo scrivente, raffazzonati ed incompleti (in fondo sarebbe facile dire al pubblico che semplicemente FA FREDDO….), ecco che cerca di nascondere la realtà. Anzi di manipolarla, dando supposte verità perfettamente controsenso. Voi direte, riscaldamento globale, uguale più caldo. Invece abbiamo freddo e gelo….

Come la mettiamo?

Leggi tutto “Quando la propaganda mediatica cancella i fatti: nonostante le ondate di freddo in tutto il mondo “la colpa è del riscaldamento globale”. Spieghiamo cosa c’è dietro…”

Spieghiamo il Macro-Evento che stiamo (quasi) vivendo: Conseguenze e premesse di un Reset socio-economico globale (e l’Italia?)

Lo scorso fine settimana abbiamo partecipato ad un evento con gli amici autori di scenarieconomici.it. E’ stata un’ottima occasione ri-incontrarci  e soprattutto per tentare di mettere in ordine le idee, visto che in molti riteniamo che la situazione economica globale sia insostenibile in termini di equilibri precari e tensioni accumulate in ogni parte del globo. Stiamo infatti vivendo una grande discontinuità, di quelle che la storia del mondo tante ne ha viste. L’importante sarà non farsi cogliere impreparati agli eventi, per non farsi travolgere.

Leggi tutto “Spieghiamo il Macro-Evento che stiamo (quasi) vivendo: Conseguenze e premesse di un Reset socio-economico globale (e l’Italia?)”

L’invasione del Venezuela, pianificata da anni, arriva ora? Uno sguardo al passato per capire il futuro…

Ho deciso di seguire formalmente l’autore, nel nuovo sito. In questo frangente molto complesso per gli equilibri globali ritengo sia importante non tanto guardare ai segnali spurii ma, oltre a capire il contesto, comprendere che cosa è successo e soprattutto cosa succederà in Venezuela.

Prima di tutto, il Venezuela è uno dei principali produttori di petrolio al mondo (con riserve enormi, superiori ai sauditi), sebbene di bassa qualità. Parimenti è vicino ad un altro buon produttore petrolifero, la Colombia, con Ecopetrol. E, si sa, Uribe (assieme alle sue filiazioni presidenziali, …) è stato molto vicino alla DEA ed è vicino al Department of State americano.

Leggi tutto “L’invasione del Venezuela, pianificata da anni, arriva ora? Uno sguardo al passato per capire il futuro…”

L’informazione come educazione: l’intervista al prof. Giuliano Preparata del 1998 (chiedetevi perchè il prezzo del palladio negli ultimi 10 anni è aumentato di 8 volte)

Penso sia importante che l’informazione educhi. Educare significa gettare le basi per il futuro sviluppo umano, speranzosamente nel paese che ha covato le innovazioni. Ho rivisto dopo anni l’intervista a Giuliano Preparata e mi sono commosso. Ho conosciuto una parte del team di Frascati che ha studiato la fusione fredda: erano tutti convinti che funzionasse. Da ingegnere posso dirvi che, nel mio piccolo, sebbene non sia all’altezza per confermare le loro tesi, certamente non riesco a smentirle. Assolutamente.

Leggi tutto “L’informazione come educazione: l’intervista al prof. Giuliano Preparata del 1998 (chiedetevi perchè il prezzo del palladio negli ultimi 10 anni è aumentato di 8 volte)”

L’uomo della giustizia incaricato ai tempi di Tangentopoli ha parlato: sul caso Diciotti Salvini non va processato…

Antonio Di Pietro è considerato l’icona di Tangentopoli, da PM incaricato del Pool Mani Pulite (operazione che negli anni ha fatto proseliti nel mondo, ad es. Lavajato in Brasile [che ha estromesso il clan Lula] e se vogliamo anche Cuadernopolis in Argentina [che ha puntato il clan Kirchner]). Le sue frequentazioni in USA al DOJ prima dello scoppio del caos giudiziario italiano per antonomasia hanno fatto perdere il sonno a molti. In realtà c’è poco da fare i sonnambuli: la sua uscita di scena da Tangentopoli casualmente concise con  la presa di posizione del neo ambasciatore USA a Roma, Reginald Bartholomew, a nome del very deep state USA; il responsabile della delegazione per il disarmo nucleare dell’ex URSS, ex ambasciatore in Libano ferito nel confronto libanese dei tempi, ex CFR, ex National Security Council – un vero pezzo da 90 – venne infatti investito del compito in Italia come Ambasciatore pensionando l’oriundo biellese Peter Secchia.

Leggi tutto “L’uomo della giustizia incaricato ai tempi di Tangentopoli ha parlato: sul caso Diciotti Salvini non va processato…”

E se il revanscismo gialloverde venisse pagato dagli impiegati e dai pensionati italiani? Magari coi Mini BOT (post elezioni EUropee)? Spieghiamo come NON fare una valuta parallela

Ho espresso reiterati commenti sulla valuta parallela: il sunto è che, da una parte, se si deciderà di procedere, va chiarito che NESSUN PAESE ha mai fatto prima qualcosa di simile; più specificatamente nessun paese importatore di risorse ha mai emesso una valuta parallela con successo (giusto il Sud Africa con l’apartheid ed il Venezuela con Chavez, entrambi grandi esportatori); a meno che non fosse un paese con una valuta di scambio globale o assimilabile (Cina). Dall’altra, nessuno ci spiega chi pagherà il conto, tra gli italiani.

Che si paghi il conto è certo, ma chi? Le elites? I poveri? I pensionati? Passo subito alle conclusioni: se gli ipotetici miniBOT verranno gestiti male state certi che la sinistra EUropeista riprenderà il potere, di nuovo, sebbene a termine…

Leggi tutto “E se il revanscismo gialloverde venisse pagato dagli impiegati e dai pensionati italiani? Magari coi Mini BOT (post elezioni EUropee)? Spieghiamo come NON fare una valuta parallela”

Il Giorno della Memoria: è un giorno triste, purtroppo sappiamo che i tedeschi non hanno imparato la lezione dell’Olocausto. 75 anni dopo, con l’austerità alla Grecia l’attitudine è stata la stessa!

E l’EUropa ancora una volta si è girata dall’altra parte! Come con gli ebrei, come quando prima i nazisti ed i loro sodali li depredavano dei loro averi, li ghettizzavano, li utilizzavano come manodopera gratuita nel lager, per aiutare lo Stato a “risollevarsi” nel dopo Versailles per una guerra sanguinaria che gli stessi tedeschi avevano iniziato e poi perso (dal lavoro gratuito nei campi di sterminio deriva l’ “Arbeit macht frei”, ndr). E poi si finiva a doverli dissipare, quando erano esauriti. Come una batteria usata. Bruciati. In tutto questo i tedeschi in Germania – ed anche gran parte degli europei in Europa – facevano finta di non sapere…

Leggi tutto “Il Giorno della Memoria: è un giorno triste, purtroppo sappiamo che i tedeschi non hanno imparato la lezione dell’Olocausto. 75 anni dopo, con l’austerità alla Grecia l’attitudine è stata la stessa!”

La Regina Elisabetta II spinge ancora il Brexit. Le prossime mosse dell’EU

Oggi la regina Elisabetta II si è espressa ancora una volta, sebbene in modo cauto, neutro e leale – ma chiaro, quanto meno per gli addetti ai lavori chiamati a decodificare il messaggio – per l’uscita dall’EU , ossia per il Brexit. L’occasione è stata l’anniversario del Women Institute, di cui è presidente e membro dal 1943. Come al solito le parole del monarca britannico vanno pesate; ma la sensazione sembra comunque chiara: le “ricette” tradizionali e conosciute alle sfide moderne vanno preferite, senza perdere di vista la “big picture“. Ossia, sembrerebbe, Britain first, nella forma tradizionale.

Leggi tutto “La Regina Elisabetta II spinge ancora il Brexit. Le prossime mosse dell’EU”

Complimenti a Oronzo Canà, nuovo ambasciatore UNESCO. Mentre gli USA e Israele abbandonano l’UNESCO, l’Italia nomina un comico… (speranza)

Io adoro Lino Banfi, conosco quasi tutti i suoi film; addirittura seguivo i suoi fantastici monologhi del sabato sera su Canale 5 appena fondata a fine anni ’80 – monologhi purtroppo non reperibili via internet -. Penso di poter associare Lino ai momenti più spensierati ed allegri della mia esistenza. Penso anzi che Banfi ed il parimenti grande Montagnani siano i due attori nazionali meno valorizzati del panorama italiano moderno (…).

Detto questo, leggere che il governo giallo-verde lo ha nominato ambasciatore UNESCO mi ha lasciato interdetto. Come sapete, chi scrive ritiene che la politica fatta da professionisti, come l’ingegneria fatta da professionisti capaci, sia un “must“.

Leggi tutto “Complimenti a Oronzo Canà, nuovo ambasciatore UNESCO. Mentre gli USA e Israele abbandonano l’UNESCO, l’Italia nomina un comico… (speranza)”