La dittatura fiscale italiana in arrivo dal 1.1.2019: intercettazioni domestiche per mero sospetto di evasione fiscale! E’ il Governo del Cambiamento

Ieri nel decreto fiscale è comparsa una norma interessantissima: dal 1.1.2019 sarà possibile mettere addirittura trojan nei computer e nei cellulari per registrare conversazione a casa propria – anche anche a casa dei cittadini -, anche senza il presupposto necessario, come invece era in precedenza, che si stia compiendo un reato in flagrante. Tradotto: solo col sospetto, per le indagini, si intercetta a casa dei cittadini violando una privacy fino a ieri sacra. E questo in aggiunta alle solite intercettazioni telefoniche, ambientali ecc.

Ossia il governo gialloverde pensa evidentemente di far banco con la supposta evasione fiscale Infatti statisticamente l’evasione fiscale italiana – come da ISTAT – è attorno al 12% del PIL, non lontana dall’evasione tedesca, attorno all’11%. Invece dal 2014, con decisione implementata dal solito Monti su indirizzi precedenti, si è imposto per convenzione con l’EU che il PIL italiano “negro”, ossia no dichiarato, sommerso, fosse attorno al 20%, numero imposto dall’alto (vedasi LINK)

Leggi tutto “La dittatura fiscale italiana in arrivo dal 1.1.2019: intercettazioni domestiche per mero sospetto di evasione fiscale! E’ il Governo del Cambiamento”

L’Italia è importante per l’Europa e per il Mondo: ecco l’unica “ricetta” per salvarla (in extremis)

Parliamoci chiaro: l’Italia non è un paese indifferente, anzi è un paese economicamente e culturalmente molto importante per il mondo. Nessuno, forse ad eccezione di francesi e tedeschi (che da secoli la vogliono conquistare) ha interesse a che imploda. Dunque, va salvata, come si salvò il soldato Ryan, addirittura per principi secondo me abbastanza simili, ossia certamente non per motivi materiali.

Dunque, che fare? Il primo punto da considerare è che l’Italia la possono soltanto salvare gli italiani, che stanno sia a nord che a sud, uniti.

Leggi tutto “L’Italia è importante per l’Europa e per il Mondo: ecco l’unica “ricetta” per salvarla (in extremis)”

Quando i cd. “riformatori” rischiano di fare disastri: il caso di Beppe Grillo, la riforma della prescrizione e la giustizia italiana (che funziona peggio di quella Thailandese?)

Mi sono molto interrogato sulla liceità dei proclami dei sovranisti in mezza EUropa, sia quelli dei gilet gialli – che capisco -, sia quelli italiani stile gialloverde – più ambigui -. Chi scrive ritiene che il relativismo imperante sia il problema, ossia l’assenza di punti fermi da cui dipanare un’azione veramente riformatrice quale correttivo di una società capitalistica che ha raggiunto ormai i suoi limiti. Per limiti intendo quelli “ufficiali”, partendo da quelli indicati da uno dei padri del capitalismo, J.M.Keynes: l’impossibilità di controllare (e limitare) l’accumulo di ricchezza in mano a pochi ed il controllo della disoccupazione.

Leggi tutto “Quando i cd. “riformatori” rischiano di fare disastri: il caso di Beppe Grillo, la riforma della prescrizione e la giustizia italiana (che funziona peggio di quella Thailandese?)”

Ecco perchè l’EU non vuole la crescita del PIL italiano (e non solo): punta ad azzerare le pensioni future. Sveliamo la truffa della piovra EUropea sulla previdenza

Pochi sanno che le pensioni hanno tassazione zero in Germania, o quasi. Anche in Francia Macron ha promesso negli scorsi giorni, durante la trattativa a seguito della protesta dei gilet gialli, in un classico esempio di dividi et impera, di solleticare gli appetiti dei pensionati francesi concedendo decontribuzione totale per le pensioni fino a 2000 euro mensili. In Italia invece la tassazione “spacca”, ossia è altissima, si paga come fosse uno stipendio costringendo molti pensionati a trasferirsi in Portogallo dove per 10 anni la tassazione è zero. In tale contesto, nei paragoni con la spesa pensionistica netta di altri paesi EU,  andrebbe infatti fatto un ricalcolo per Roma in quanto vanno dedotte le tasse pagate nei vari paesi sulle pensioni stesse (…).

Leggi tutto “Ecco perchè l’EU non vuole la crescita del PIL italiano (e non solo): punta ad azzerare le pensioni future. Sveliamo la truffa della piovra EUropea sulla previdenza”

Un recente studio propone di irrorare la stratosfera con sostanze chimiche per modificare il clima (ossia per combattere il cambio climatico). Caspita, proprio come le cd. scie chimiche?

Come ingegnere non sono mai voluto entrare nel merito delle cd. scie chimiche: troppi dubbi, troppo complottismo fine a se stesso e forse troppe reticenze nel voler indagare seriamente tale fenomeno.

Negli scorsi giorni mi sono però imbattuto in una recente pubblicazione della prestigiosa rivista Environmental Research Letters (ERL), scritta da due eminenti scienziati di Harvard, in cui clamorosamente emerge un collegamento con molte delle teorie cd. complottiste sulle scie chimiche: in soldoni, viene ipotizzato un intervento OPERATIVO con aerei da trasporto per irrorare l’altissima atmosfera con sostanze chimiche, nel caso per modificare la temperatura terrestre. Ossia proponendo uno schema teoricamente efficace per combattere il riscaldamento climatico da CO2.

Leggi tutto “Un recente studio propone di irrorare la stratosfera con sostanze chimiche per modificare il clima (ossia per combattere il cambio climatico). Caspita, proprio come le cd. scie chimiche?”

L’errore di cedere sul rapporto deficit/PIL: il rischio di imposte patrimoniali straordinarie in sud-EUropa

Come sa chi mi segue, ritengo che ormai la Germania egemone abbia gettato la maschera: vuole il comando dell’EUropa. Per fare questo NON può prescindere dalla collaborazione francese, creando un asse, lo stesso che Mussolini supponendo di invadere con le ferraglie la Savoia cercò di evitare, sapeva che altrimenti sarebbe diventato inutile. Cosa che poi avvenne. Ossia, fino a quando la Francia è forte, l’Italia è inutile in EUropa, a maggior ragione post-Brexit. Tutto sommato la presenza dell’asse franco-tedesco sublima il desiderio – più che l’ambizione – di rivincita da 100 anni, rendendo il sogno se non altro praticabile. Questo però si scontra non tanto con le intemperanze italiche e statunitensi quanto con l’anima subconscia della Francia, quella rappresentata dai gilet gialli, che guarda caso sono sulla stessa lunghezza d’onda dei militari francesi; infatti si vorrebbe lo stimato generale De Viliers a capo del governo.

Leggi tutto “L’errore di cedere sul rapporto deficit/PIL: il rischio di imposte patrimoniali straordinarie in sud-EUropa”

Siamo veramente sicuri che i gilet gialli siano nati spontaneamente? O magari c’è dietro un’attenta organizzazione? Le imbarazzanti previsioni dell’Economist

Io amo le fattualità. Forse anche per questo sono stato abbonato all’Economist di Londra per una ventina d’anni. L’Economist, quello lungimirante, informato, serio: di solito non ci azzecca quasi mai sui mercati (e fa specie come sbagli quasi sempre, basterebbe quasi fare il contrario per prenderci, ndr), ma nei suoi messaggi subliminali resta imbattile, letteralmente. Mi sono imbattuto recentemente nella copia della “World Currency” prevista per il 2018, interessantissimo, ci siamo quasi.

Leggi tutto “Siamo veramente sicuri che i gilet gialli siano nati spontaneamente? O magari c’è dietro un’attenta organizzazione? Le imbarazzanti previsioni dell’Economist”

Lo sforamento del deficit di Macron NON implicherà minor rigore per altri paesi del sud EUropa. Ecco perchè

Vedo molto ottimismo, nel caso la speranza (soprattutto italica) che la vittoria dei gilet gialli su Macron – che evidentemente al momento ha ceduto alle loro richieste, generando un deficit francese al tra il 3,5 e 4% (tutto incluso) per il 2019 – possa permettere un allentamento del rigore anche per l’Italia, permettendo dunque che la manovra in deficit pari al 2,4%  presentata dai gialloverdi e contestata da Bruxelles venga accettata integralmente.

Ritengo siano false speranze. Prima di tutto ragioniamo sul fatto che violente proteste di piazza in Francia abbiano permesso di raggiungere risultati economici a favore di chi ha manifestato, una ratio estremamente pericolosa per chi governa, ossia sdoganando il sillogismo “proteste di piazza anche violente = concessioni economiche“.

Leggi tutto “Lo sforamento del deficit di Macron NON implicherà minor rigore per altri paesi del sud EUropa. Ecco perchè”

Il vero motivo (spiegato) del perchè i poteri forti vogliono prima di tutto l’Italia – e poi l’EU – invasa dai migranti (Follow the Money!)

Ho recentemente contribuito ad un libro, che verrà pubblicato entro fine anno – questa volta con il nome nei miei interventi, diversamente da come successo nel recente passato con altre pubblicazioni, … -. Tale libro, un insieme di contributi incentrati sul sovranismo, tratta i motivi più che la radice del fenomeno, argomenti per altro presentati pubblicamente in una manifestazione nei pressi Roma tenutasi un paio di mesi fa. Sono 20 paginette buttate giù di getto, in quanto il meccanismo è chiaro, quanto meno a chi scrive.

Ossia, chiaramente – quanto meno secondo lo scriventeil sovranismo non ha radice, essendo mera protesta. Si, una protesta per il crollo del benessere della classe media e soprattutto da parte di tutti coloro che non sono estremamente ricchi.

Leggi tutto “Il vero motivo (spiegato) del perchè i poteri forti vogliono prima di tutto l’Italia – e poi l’EU – invasa dai migranti (Follow the Money!)”

Clamoroso: la strategia “America First” di Trump era già stata delineata pubblicamente 30 anni fa! Ossia, il Presidente è in buona fede

Lasciamo parlare i fatti. Oggi vediamo  Trump scagliarsi contro i nemici del proprio paese, con un occhio di grande riguardo a preservare gli interessi soprattutto economici della propria gente. Questa è l’essenza del MAGA – Make America Great Again.

Nei primi due anni di mandato presidenziale abbiamo quasi solo letto sui media globali di un’indagine – eterna – sul Russiagate, che dopo 2 anni è riuscita solo a punire pochi soggetti legati all’entourage trumpiano non per tradimento o altri gravissimi reati simili ma per mera evasione fiscale. Ossia, nessuna accusa contro il Presidente è stata formalizzata.

Certo, le continue sfide mediatiche che lo riguardano hanno fatto sorgere il dubbio sui reali motivi per cui Donald J. Trump stesse facendo quanto tutti vediamo, per la sua aggressività, per il suo dirigismo. facendo sorgere anche il dubbio che fosse diventato presidente per propri interessi personali.

Fattualmente: nulla di tutto questo!

Leggi tutto “Clamoroso: la strategia “America First” di Trump era già stata delineata pubblicamente 30 anni fa! Ossia, il Presidente è in buona fede”