ORGANIZZAZIONE E POLITICA – Il circolo virtuoso leadership-competenze-capacità-conoscenza-organizzazione-risultati applicati alla politica: il caso UK.

La storia insegna che un Paese è tanto più grande tanto più i propri leader siano non solo forti, capaci di alta e raffinata dialettica (che può servire temporaneamente per superare qualche momento critico) e di una elevata capacità relazionale  ma che siano pure talentuosi, preparati e formati ad alto livello,  capaci di implementare una adeguata organizzazione atta supportare i propri indirizzi strategici e, dulcis in fundo, capaci di avere una visione lungimirante e molto più ampia dei propri subalterni.

Ma ci sono altri quattro ingredienti che spesso sfuggono anche ai migliori analisti e studiosi.

Leggi tutto “ORGANIZZAZIONE E POLITICA – Il circolo virtuoso leadership-competenze-capacità-conoscenza-organizzazione-risultati applicati alla politica: il caso UK.”

Please follow and like us:
error

Ecco perchè Draghi è nemico sia dell’Italia che dell’EUropa (ossia favorisce solo le elites industriali della Germania). Dunque, Trump ha ragione: Draghi manipola l’euro al ribasso, contro gli USA!

I tassi bassi salvano l’Italia, qualcuno dice così. Ad esempio Matteo Renzi, certamente uno scienziato della politica ma che a livello economico di scienza ne ha vista ben poca, temo anzi abbia già da tempo condannato l’Italia all’indigenza in forza delle sue politiche passate, vedrete fra qualche tempo dove ci porterà il suo allineamento interessato “costi quel che costi” all’EU. Leggi tutto “Ecco perchè Draghi è nemico sia dell’Italia che dell’EUropa (ossia favorisce solo le elites industriali della Germania). Dunque, Trump ha ragione: Draghi manipola l’euro al ribasso, contro gli USA!”

Please follow and like us:
error

Spieghiamo il Macro-Evento che stiamo (quasi) vivendo: Conseguenze e premesse di un Reset socio-economico globale (e l’Italia?)

Lo scorso fine settimana abbiamo partecipato ad un evento con gli amici autori di scenarieconomici.it. E’ stata un’ottima occasione ri-incontrarci  e soprattutto per tentare di mettere in ordine le idee, visto che in molti riteniamo che la situazione economica globale sia insostenibile in termini di equilibri precari e tensioni accumulate in ogni parte del globo. Stiamo infatti vivendo una grande discontinuità, di quelle che la storia del mondo tante ne ha viste. L’importante sarà non farsi cogliere impreparati agli eventi, per non farsi travolgere.

Leggi tutto “Spieghiamo il Macro-Evento che stiamo (quasi) vivendo: Conseguenze e premesse di un Reset socio-economico globale (e l’Italia?)”

Please follow and like us:
error

E se il revanscismo gialloverde venisse pagato dagli impiegati e dai pensionati italiani? Magari coi Mini BOT (post elezioni EUropee)? Spieghiamo come NON fare una valuta parallela

Ho espresso reiterati commenti sulla valuta parallela: il sunto è che, da una parte, se si deciderà di procedere, va chiarito che NESSUN PAESE ha mai fatto prima qualcosa di simile; più specificatamente nessun paese importatore di risorse ha mai emesso una valuta parallela con successo (giusto il Sud Africa con l’apartheid ed il Venezuela con Chavez, entrambi grandi esportatori); a meno che non fosse un paese con una valuta di scambio globale o assimilabile (Cina). Dall’altra, nessuno ci spiega chi pagherà il conto, tra gli italiani.

Che si paghi il conto è certo, ma chi? Le elites? I poveri? I pensionati? Passo subito alle conclusioni: se gli ipotetici miniBOT verranno gestiti male state certi che la sinistra EUropeista riprenderà il potere, di nuovo, sebbene a termine…

Leggi tutto “E se il revanscismo gialloverde venisse pagato dagli impiegati e dai pensionati italiani? Magari coi Mini BOT (post elezioni EUropee)? Spieghiamo come NON fare una valuta parallela”

Please follow and like us:
error

I fascismi e i nazismi sono sempre nati a sinistra: in Germania gli attacchi a politici di AfD si moltiplicano. Ieri l’odio ha colpito anche il sindaco di Danzica (ex città tedesca), ucciso da uno squilibrato

Jonah Goldberg anni fa scrisse un libro illuminante, “Liberal Fascism – The Secret History of the American Left, from Mussolini to the Politics of Meaning“, anche acclamato al di là dell’oceano, in cui l’autore espresse un concetto davvero banale nella sua tragica semplicità: i fascismi e nazismi storici sono sempre nati a sinistra. Mussolini era di sinistra, i fasci del lavoro erano di sinistra. Hitler era nazionalsocialista a difesa dei lavoratori. Eppoi Pol Pot, Fidel Castro, lo stesso Stalinismo… Cosa accomuna i citati esempi di fenomeno involutivo nazifascista, che regolarmente si insidia nei gangli vitali di interi ordinamenti statali?

Leggi tutto “I fascismi e i nazismi sono sempre nati a sinistra: in Germania gli attacchi a politici di AfD si moltiplicano. Ieri l’odio ha colpito anche il sindaco di Danzica (ex città tedesca), ucciso da uno squilibrato”

Please follow and like us:
error

Il sovranismo giallo-verde è morto nella culla? Cosa è successo dietro le quinte e cosa dobbiamo aspettarci

 


In un intervento a un libro a cui ho contribuito scrissi che il sovranismo non ha radici essendo mera protesta (…), nata nelle more di un contesto socio-storico-economico critico per la tenuta democratica del Paese e, perché no, del sistema capitalistico occidentale (ricordo infatti che il “secondo molti” futuro dominus, la Cina, resta un paese NON democratico, ma fondamentalmente proto-comunista e semi dittatoriale).
A causa dell’assenza di radici ideologiche, che vanno elaborate ed impiantate, il supporto popolare per il sovranismo è e resterà assai volubile.

Leggi tutto “Il sovranismo giallo-verde è morto nella culla? Cosa è successo dietro le quinte e cosa dobbiamo aspettarci”

Please follow and like us:
error

Dopo aver seppellito G.H.W. Bush, Pompeo vola in Germania e dichiara che dal prossimo anno gli USA sosterranno globalmente un nuovo fronte liberista alternativo!

Intervento letteralmente esplosivo di Mike Pompeo in terra tedesca. Il papabile futuro candidato alla presidenza americana, vola nella tana del lupo e a Bruxelles presso il German Marshall Fundconsesso assai rappresentativo e non scelto a caso – annuncia che dal prossimo anno Washington sarà capofila di un fronte liberista alternativo di fatto al globalismo, vedasi LINK. Ossia di un movimento che metta in prima fila gli interessi dei singoli paesi in subordine alle organizzazioni sovranazionali. E tutto questo fregandosene bellamente  delle recenti prese di posizione tedesche e francesi su armate europee a difesa dell’EU anche dagli USA di Trump, oltre che delle velleità tedesche di avere la bomba atomica, sebbene in veste EUropea (…).

Leggi tutto “Dopo aver seppellito G.H.W. Bush, Pompeo vola in Germania e dichiara che dal prossimo anno gli USA sosterranno globalmente un nuovo fronte liberista alternativo!”

Please follow and like us:
error

Ecco il vero motivo della protesta dei gilet gialli contro Macron in Francia (e perchè i francesi stanno “combattendo” anche per gli italiani)

I gilet gialli protestano in Francia e Belgio per l’aumento del gasolio imposto da Macron, nonostante il recente crollo dei prezzi del petrolio.

Il motivo della protesta sta nella ragione dell’aumento del prezzo del diesel: aumento non solo ingiustificato ma addirittura revanscista nella sua essenza se non direttamente reazionario.

Traduciamo: Macron – il rappresentante delle élite d’oltralpe ed europee – vuole imporre per legge una transizione economica sebbene questa sia ingiustificata, da qui il popolo che si ribella.

Detta transizione imposta per legge (europea) è la sostituzione delle auto a ciclo termico con quelle elettriche. …

Leggi tutto “Ecco il vero motivo della protesta dei gilet gialli contro Macron in Francia (e perchè i francesi stanno “combattendo” anche per gli italiani)”

Please follow and like us:
error

Gli USA di Trump, l’EU della nuova Vichy, l’Italia in perenne declino: dove siamo nel risiko globale che cambierà il mondo (speriamo in modo pacifico)

Mi sono eclissato per qualche settimana: lo ammetto, ci vuole tempo per decifrare gli accadimenti scottanti. Il fatto è che, essendo una persona umile, piuttosto che “sparare” fake news a raffica o pubblicare trattati di tuttologia preferisco tacere (gli amici servono soprattutto in questi momenti).

Mi dicono che la mia principale prerogativa stia nell’approccio “macro” ossia non limitato all’Italia; essendo per altro chiaro a tutti che la Penisola resta una Repubblica a sovranità limitata, come ebbe correttamente a dire il buon Flamigni. Chissà come la vedrebbe oggi il vecchio parlamentare comunista: a fronte di una solo teorica rottura del cordone ombelicale con il vecchio dominus (…), Roma – contro ogni “aspettativa”, quando meno degli ex comunisti italiani  a cui l’EUropa è tanto cara – è caduta in una pesante crisi economica da cui sembra non poter uscire, avendo suo malgrado capito solo alla fine dei giochi (ossia dal 2011) che la teorica nuova sovranità acquisita grazie all’Unione non era altro che una malcelata forma di neocolonialismo intra-EU a proprio danno, dove l’asse dominante costituito dal blocco franco-tedesco (Francia, Belgio, Lussemburgo e Germania, Austria, Finlandia, Olanda con l’aggiunta di Danimarca e Slovacchia) avrebbe prosperato a spese dei paesi periferici.

Leggi tutto “Gli USA di Trump, l’EU della nuova Vichy, l’Italia in perenne declino: dove siamo nel risiko globale che cambierà il mondo (speriamo in modo pacifico)”

Please follow and like us:
error