Perchè la Lombardia ha applicato moltissime direttive “globaliste” oggi stigmatizzate a livello internazionale? Una carrellata di fatti imbarazzanti (i globalisti filo-Germania sono di casa a Milano)

Una fatto fortuito può essere un caso, due fatti diventano una coincidenza, tre una prova: questo era il ragionamento di Agatha Christie. Noi ne abbiamo quanto meno cinque, di fatti, fastidiosi, noiosi, imbarazzanti, per quanto riguarda la deriva globalista della Lombardia governata dalla Lega. Andiamo da una gestione del COVID, scellerata, che ha causato morti a bizzeffe in regione; ad una delibera regionale per permettere di segregare i malati di COVID, ad inizio anno, addirittura nelle RSA lombarde (case anziani) causando una ecatombe; passando per le tangenti ricorsive e ripetute nella sanità lombarda, da lustri. Per arrivare all’uso macchinette elettroniche di SMARTMATIC nelle ultime elezioni, quelle del voto taroccato in Venezuela e forse in USA, le stesse, incredibilmente usate anche in Lombardia. Ed in ultimo arrivando alla deriva cinese per il controllo delle masse italiane, a Como, dove è stato installato dal Comune un sistema di riconoscimento facciale (NON semplice vidosorveglianza) stile Cina comunista, guarda caso le telecamere inizialmente fornite dalla A2a, azienda legata al pubblico, erano casualmente di….. Huawei!

Chiaramente quando si parla di Lombardia la costante politica è sempre e solo una : la Lega.

Leggi tutto “Perchè la Lombardia ha applicato moltissime direttive “globaliste” oggi stigmatizzate a livello internazionale? Una carrellata di fatti imbarazzanti (i globalisti filo-Germania sono di casa a Milano)”

Conte, dopo aver ritardato all’inverosimile la pubblicazione del DPCM voluto dall’EU sperando nella vittoria di Trump, visti brogli USA si arrende e firma. Immediatamente le reazioni dei pro-€. Finalmente è tutto chiaro! Ecco cosa sta succedendo

Vi spiego cosa sta succedendo, senza filtri, con massima chiarezza, siamo infatti arrivati al dunque. Ormai è chiaro l’andazzo. Conte ha aspettato all’inverosimile per pubblicare il DPCM voluto dall’EU, quello che ammazza definitivamente l’Italia. Costretto, dagli eventi a cedere.

Un lockdown cattivo, folle che fa passare l’Italia sulla sponda dei più rigoristi. Era il DPCM voluto da Bruxelles, quello dell’orda del PD di Open, capitanata da Soros e da Renzi e supportata dalla Lega pro €, impersonificata nella famiglia Salvini ed in Fontana. Ora l’Italia muore ovvero verrà fatta a pezzi, salvo miracoli. Infatti l’Italia non durerà un mese con cotante folli misure, non potrà a lungo restare contemporaneamente relativamente benestante, unita ed in pace!

Leggi tutto “Conte, dopo aver ritardato all’inverosimile la pubblicazione del DPCM voluto dall’EU sperando nella vittoria di Trump, visti brogli USA si arrende e firma. Immediatamente le reazioni dei pro-€. Finalmente è tutto chiaro! Ecco cosa sta succedendo”

I padani stanno esagerando: dopo la Via della Seta voluta dall’uomo della Lega Geraci, dopo il sodalizio cinese per il COVID, dopo Huawei in Lombardia ecco anche TikTok, bandita dagli USA, mettere la sede a Milano! (nei fatti la Lega è anti-USA)

 

Ammetto di non trovarmi più con la cultura italica, questo non sembra più il mio Paese. Quanto meno usando il metro della mia nascita e dunque del partito che ho sempre seguito con simpatia per questioni appunto di nascita e di cultura, la Lega. No, io con questa gente traditrice della propria anima  proprio non mi ci trovo, l’ho detto dopo la firma della Via della Seta e lo ripeto ad ogni piè sospinto: i miei avi non mi hanno lasciato questo esempio, di tradimento a 360 gradi, io non ci sto. Soprattutto vis a vis agli USA, l’unico Paese che può salvare l’Italia dal neocolonialismo “cattivo” di matrice EU del III millennio. Non l’impero del dollaro, da cui Roma ha tratto enormi vantaggi, no! Dall’impero neocoloniale che ti porta via tutto quello che hai, “di principio“, in quanto sotto le Alpi non si può essere più ricchi dei popoli del nord. In tale contesto la Cina riveste il ruolo di “triangolatore” – o anche di ufficiale pagatore se volete – per conto dell’EU comandata da Berlino.

Leggi tutto “I padani stanno esagerando: dopo la Via della Seta voluta dall’uomo della Lega Geraci, dopo il sodalizio cinese per il COVID, dopo Huawei in Lombardia ecco anche TikTok, bandita dagli USA, mettere la sede a Milano! (nei fatti la Lega è anti-USA)”

La verità dei prossimi anni: tra USA, EU franco-tedesca, Russia e Cina uno è di troppo! Visto che India e Brasile stanno con Washington…

Angela Merkel intende che chi vincerà in USA deciderà il futuro tedesco…

La guerra dei prossimi anni sta nel paradigma di cui al titolo. Ormai i tempi sono maturi per chiamare veramente col loro nome i problemi del mondo. E tali problemi si riducono alla solita radice maligna, quella che per 1000 anni ha scatenato guerre devastanti partendo dall’Europa, problema oggi incentrato nella protervia globalista germanica. Unita, nel caso, all’opportunismo delle elites francesi, non del popolo francese. Il mondo è vittima di tutto ciò. E questa volta il problema va risolto: dalle mie parti si dice che la prima si perdona, la seconda si ragiona, la terza si bastona!

Leggi tutto “La verità dei prossimi anni: tra USA, EU franco-tedesca, Russia e Cina uno è di troppo! Visto che India e Brasile stanno con Washington…”

Un Paese senza opposizione è un paese senza democrazia, infatti in Italia è più limitata di quanto si creda (…). Alcune brevi – ma importanti – considerazioni (post SI al referendum)

Gli italiani hanno ceduto sul referendum confermativo costituzionale della scorsa settimana, votando SI. E’ stato un cedimento importante, ma davvero inevitabile: praticamente i principali partiti nazionali, i loro segretari, erano tutti per il SI, inclusi (incredibilmente) i primi due partiti di opposizione, Lega e Fratelli d’Italia. Gravissimo errore, ritengo, – temo – come frutto avvelenato di una forma latente di ignoranza civile ed istituzionale oltre che procedurale da parte di politici senza cultura nè preparazione politica sufficiente (o magari di peggio, vedasi oltre). Infatti non è passato nemmeno un giorno dai risultati e già comparivano sui giornali nazionali i primi dubbi (e cosa aspettavano?), ossia se il sistema statale avrebbe funzionato con il nuovo assetto post referendario…

Leggi tutto “Un Paese senza opposizione è un paese senza democrazia, infatti in Italia è più limitata di quanto si creda (…). Alcune brevi – ma importanti – considerazioni (post SI al referendum)”

Il disastro del Covid-19 nelle RSA lombarde, è forse una vicenda più ampia di quanto possa sembrare?

Ad oggi risulta un totale di circa 3500 decessi tra gli ospiti delle Residenze Sanitarie Assistenziali della Lombardia, a fronte di circa 35000 decessi legati, in Italia, al virus Sars-CoV-2.

Su tale tragedia sono in corso delicate indagini che potrebbero chiamare in causa direttamente la Regione Lombardia. Vediamo da dove è partito tutto ciò, fino a parlare di come gli effetti del Covid-19 siano stati utilizzati strumentalmente da una fazione politica ben identificabile, per rilanciare istanze autonomiste/secessioniste.

Leggi tutto “Il disastro del Covid-19 nelle RSA lombarde, è forse una vicenda più ampia di quanto possa sembrare?”

La smisurata e ricorsiva arroganza (ed ignoranza) del popolo italico nel credere che tutto gli sia dovuto: il caso dell’ 8.9.1943 e lo sperato ITALEXIT, secondo cui qualcuno dovrebbe salvare gli italiani “aggratis”

La pagina meno conosciuta, proprio perché ha messo a nudo la nullità, l’autolesionismo interessato, l’antimeritocrazia, il nepotismo, la raccomandazione dilagante del sistema di potere romano – e dunque è stata opportunamente nascosta –  è stata l’ 8.9.1943. Ieri forse per la prima volta su Rai1, dopo il famoso “Tutti a casa” di A. Sordi, si è provato a parlare dell’argomento in termini reali e soprattutto in prima serata. Facendo emergere quanto sopra: il ladrocinio e l’inadeguatezza politica dei tempi, tanto simile a quella attuale. Si noti, NON errori, proprio nefandezza nel governare a sfregio degli italiani, ossia dimostrando come chi va a Roma a votare in Parlamento tende inevitabilmente, via antimeritocrazia e nepotismo, a breve, a votare solo per se stesso, fregandosene del Paese (memento il pigiama del super raccomandato Badoglio, non a caso uno dell’elite del tempo, come le elite attuali troppo spesso incapaci di generare valore positivo per il Paese, alias borghesia compradora/venditora…).

Leggi tutto “La smisurata e ricorsiva arroganza (ed ignoranza) del popolo italico nel credere che tutto gli sia dovuto: il caso dell’ 8.9.1943 e lo sperato ITALEXIT, secondo cui qualcuno dovrebbe salvare gli italiani “aggratis””

Anche il FT conferma la nostra tesi: la sconfitta di Trump a novembre prossimo metterebbe fine ai movimenti sovranisti

Ormai non c’è più alcun dubbio: è proprio Donald Trump a fomentare la speranza di uscita dal progetto neo-revanscista tedesco del III millennio, vestito da EU e soprattutto da euro. Lo dice anche il Financial Times, oggi. Dunque, se Trump non verrà eletto allora la Germania avrà vinto la II guerra mondiale con 70 anni di ritardo. E’ ormai inutile negare che dietro al caos medio-orientale, dietro le destabilizzazioni di Trump in casa propria, dietro all’impoverimento pilotato dei paesi euromediterranei, dietro alla sfida cinese agli USA, dietro ai tentativi di secessione di porzioni di paesi EU in grado di deragliare il progetto dell’euro, c’è proprio l’asse di Aquisgrana, la nuova Vichy. In funzione pro-euro/EU, chiamiamola così. Londra se ne è accorta ed è uscita. Ed inizia a spiegare le cose, con calma come sa ben fare, per uno scherzo del destino si dice goccia cinese, preparandosi allo scontro là da venire. L’Italia è in mezzo, precisamente nel punto di faglia, con tedeschi a (a Milano), i francesi (nel resto del centro-nord, soprattutto nord ovest e ex territori della regina francese tra Modena e Parma) e cinesi (ovunque) tutti pronti a pagare sommi ingenti per accaparrarsi i servigi del politico di turno, al fine che vada contro gli interessi del proprio Paese, moderni kapo.

Leggi tutto “Anche il FT conferma la nostra tesi: la sconfitta di Trump a novembre prossimo metterebbe fine ai movimenti sovranisti”

L’Italia attuale non avrà squadre di calcio di successo per molti anni: la deriva parte dal 2011 e passa per l’esclusione ai mondiali (un paese in implosione non ha italiani disposti a spendere soldi per il calcio, se non c’è più nulla da azzannare…)

Il calcio, immagine del Paese Italia

Ed intanto l’Atalanta… Io che non tifo per l’Inter ebbi una folgorazione con Mourinho, un grande profeta del calcio, arrogante quanto basta, ma capace. Il triplete fu il degno epilogo, che come italiano, parlo di una squadra italiana, mi riempiva di orgoglio. Almeno fino a quando una persona molto importante nelle istituzioni di Madrid mi fece sottilmente notare che, comunque, il Barcellona mai avrebbe potuto vincere la Champions a Madrid, MAI! Fu lì che capì per la prima volta che anche il calcio può essere politica, o anche geopolitica. Ne più ne meno che l’Atalanta in Champions, in rappresentanza di una città che ha pagato un debito elevato alla Germania con i contagi del COVID provenienti dalla zona circa di Mannheim,  forse anche in veste-vestita “pro secessione”: non mi stupirei che a compensazione una buona ma non ottima squadra come quella di Percassi possa andare avanti molto in Champion, magari non vincerla (ma forse si), direi quanto meno andando in finale….

Leggi tutto “L’Italia attuale non avrà squadre di calcio di successo per molti anni: la deriva parte dal 2011 e passa per l’esclusione ai mondiali (un paese in implosione non ha italiani disposti a spendere soldi per il calcio, se non c’è più nulla da azzannare…)”

Conte, l’italiano più temuto ed odiato a Bruxelles: dopo aver rifiutato il MES, ora vuole estendere la golden share anche alle aziende EU (e nessun sovranista lo dice…)

I sovranisti dovrebbero applaudire, infatti noi lo facciamo. I falsi sovranisti invece…

Effettivamente avere i media – OSSIA I GIORNALI – a disposizione può far apparire una notizia più bella di quella che realmente sia. O più brutta, dipende da cosa vuole l’editore che paga i suoi giornalisti, i quali senza lavoro farebbero la fame. Dunque ben si spiega la considerazione dell’assai saggio Dante Preve, uno dei più brillanti commentatori su Twitter, sul fatto che l’abbonamento del Corriere della sera venga offerto a soli 3 €cent al giorno, forse non vale nemmeno tali spiccioli voi direte…

Sta di fatto che nessuno ha parlato della proposte di legge del primo ministro di allargare la Golden Share anche alle aziende Europee, tale “copertura” venne infatti tolta guarda caso dal bocconiano Mario Monti nel 2011/12.

Leggi tutto “Conte, l’italiano più temuto ed odiato a Bruxelles: dopo aver rifiutato il MES, ora vuole estendere la golden share anche alle aziende EU (e nessun sovranista lo dice…)”