Le saline pugliesi, le più grandi d’Europa, cedute i francesi per colpa di un NPL. Ma dove cazzo erano CDP ed i nostri sovranisti chiacchiere e distintivo?

Pazzesco, tutti parlano di limitare l’ingerenza straniera in Italia e poi mi tocca leggere ‘ste cose, per altro magistralmente riportate dal giornale del bravo Fabrizio Tamburini, finalmente un grande direttore di testata al Sole 24 Ore.
Avete capito bene: le saline più grandi d’Europa, in Italia, sono diventare francesi, nel silenzio generale. E senza che i nostri sovranisti “chiacchiere e distintivo” abbiano mosso un dito per impedirlo (Salins detiene già la CIS, Compagnia Italiana Sali, ndr).

… E l’Italia invece gli paga la TAV (ed il laboratorio nucleare sotto il Frejus) e ora pure gli cede le saline…

Si noti fatti che: “...La Fondation Salins créée en 2013 sous l’égide de la Fondation de France a pour objet le soutien d’actions d’intérêt général dans les domaines suivants : ...”. Traduco: La fondazione Salins è stata creata dalla Fondation de France con l’obiettivo di perseguire l’interesse generale nel seguienti ambiti:…”; notasi che la Fondation de France è un ente di Stato Francese, che promuove la difesa degli interessi generali francesi, non quelli italiani (perché l’Italia non ha una fondazione simile?)

Ormai l’abbiamo capito, anche e soprattutto con il caso TAV: è evidente come anche un certo mondo vicino alla Lega sia stato cooptato dai francesi, egemonici come sempre a danno dell’Italia. Infatti, guarda caso, dopo aver supportato l’ex forzista Lunardi come main contractor della TAV pagata molto più della proporzione di scavo dagli italiani (ci saranno delle stecche dietro?) nessun sovranista, men che meno nessun leghista, ha voluto impedire la cessione ai francesi anche delle più grandi saline d’Europa. Pazzesco. E pure nel silenzio generale!

Ma, dico io, dove cazzo era CDP – Cassa Depositi e Prestiti ad evitare la cessione? Non si doveva difendere l’italianità delle aziende nazionali? Soprattutto se uniche/strategiche? Siamo forse governati da coglioni che perdono il tempo ad usare contro il popolino specchietti per le allodole per evitare che “capisca”, ossia evitare che si focalizzi l’attenzione sui veri problemi nazionali? Tipo le svendite di assets strategici unici….

Temo di sì, i nostri sovranisti in questo preciso momento probabilmente sono nella hall di qualche hotel Metropole sparso per il mondo a svendere quel che resta degli assets italiani, accompagnati da ex sodali del PD riciclatisi con i leghisti (come successe a Mosca, …, fatti, ndr).
Questo la dice lunga certamente sull’impreparazione di costoro ma probabilmente, in molti casi, anche sulla loro malafede. Tanto per ricordarvi ancora una volta che il problema in Italia sta prima di tutto nel livello infimo delle persone che ivi fanno politica.


Roberto Dagostino getta la bomba: Dopo le elezioni EU il governo cadrà ed arriverà un tecnico (a fare l’imposta patrimoniale pagata dalle famiglie italiane, ndr). Una prospettiva imbarazzante

Interessante però il metodo, che comprova quello da noi preconizzato in passato, ossia il destino delle famiglie italiane: perdere le loro case, soprattutto se di pregio, a favore degli anziani nord europei interessati ad un luogo a basso costo dove venire a passare gli anni d’argento. Infatti i debiti bancari degli italiani vengono normalmente ceduti, venduti a pacchetto se volete, ad aziende francesi e tedesche in forza degli obblighi di solidità patrimoniale imposti dall’EU.
Sappiate che le Saline di Margherita di Savoia provenivano da qualcosa di simile, un debito impagato di MPS, di fatto la banca vicina al PD, arrivato poi in bocca di Francia in forza di tali cessioni di debito imposte dall’alto, guarda caso a banche ed istituti francesi che fanno man bassa di tali PREGIATISSIMI titoli esecutivi.

Sappiate solo che, una volta che l’Italia si avvicinerà il default, anche le pensioni e gli stipendi verranno comunque tagliati restando nell’Euro. E quindi si farà fatica a pagare i debiti famigliari, con conseguenze simili a quanto sopra. O peggio verrà direttamente messa una imposta patrimoniale con annessa ipoteca SULLE VOSTRE CASE PRIVATE che dovrà essere saldata alla prima cessione (proposta Capaldo/Cassese, quest’ultimo non a caso intimo di Napolitano e Mattarella). Tradotto: l’Italia intera, non solo lo stato ma prima di tutto le famiglie, si troveranno in mora con una ipoteca da saldare poi ceduta agli stessi istituti francesi che hanno razziato le Saline di Margherita di Savoia. Ossia che al primo impagato vi manderanno la casa all’asta e/o vi confischeranno il bene, in dipendenza di come evolverà il diritto fallimentare dei privati.

So perfettamente che non serve a nulla scrivere questo, gli italiani sono vacanza, le porcate infatti vengono fatte quasi sempre ad agosto. E dunque non se ne accorgono, anzi se ne fregano (la politica romana sono 75 anni che fa estrema attenzione a non fare crescere culturalmente nei loro diritti civili la popolazione sottomessa, è una precisa strategia tenere il popolino ignorante).
Gli italiani pagheranno carissimo questo di fatto loro menefreghismo, troppo impegnati a bersi un gin tonic al Papeete o a fare viaggi pagati da chissà chi negli States.

MD