Ripartenza: lasciate che la manifattura paghi i vostri stipendi

Fase 2: ma l’Italia riuscirà davvero a ripartire senza fondi del governo?

di Carloalberto Rossi e Giorgio Saibene

Ripartenza insieme, a rate, prima su, prima giù, a quadretti, a righe

Il dibattito sulla ripartenza dopo il lockdown infuria sui media e tra le forze politiche e, pare, anche tra le tante commissioni istituite dal governo, ma tra tanti commenti incompleti non si riesce a sentire niente di intelligente, e al contemporaneamente completo e realizzabile. Solo una cacofonia di posizioni di governatori più preoccupati di uno scampolo di visibilità che delle reali conseguenze del virus.

Attualmente il dibattito pare polarizzato nella sterile politica regionalistico-secessionista tra Lombardo Veneto e nostalgici borbonici vittimisti, in cui la Lombardia dice che vorrebbe aprire le aziende al più presto e risponde la Campania (che di fabbriche ufficiali da aprire ne ha molte meno) minacciando di chiudere le frontiere e bloccare i treni in arrivo dal nord, o la Puglia che giusto per distendere il clima della discussione invita la Campania a non regolare adesso i conti con “l’arroganza settentrionale”, che non sembra il modo migliore per attrarre turisti paganti sulle spiagge del Salento. Poi entrano in scena i virologi, gli epidemiologici e gli attuari che, elaborando dati per loro ammissione incompleti e inaffidabili, elaborano curve che cadono come astragali sul calendario per determinare le date presunte del mitico contagio zero per ogni regione.

Leggi tutto “Ripartenza: lasciate che la manifattura paghi i vostri stipendi”

TUTTI DENTRO

Oh! Prima avrei dovuto chiederlo?

Giochi finanziari a leva, (re-invenzione moderna di L. Ranieri), sete di potere di personaggi visionari, distopici e forse patologici, sete di poltrone per i nuovi commedianti, interessi personali più o meno confessabili e adesso siamo qui.

Leggi tutto “TUTTI DENTRO”

Sars-CoV-2 : come trasformare un grave danno sociale ed economico in opportunità per il Paese

…..e fermare lo “spread”

 

La situazione di “stato di polizia” evocata (ed ottenuta) insistentemente e quotidianamente  da Governatori Regionali come unica “panacea” per combattere il virus e progressivamente realizzata tramite decreti governativi non sempre lineari e coerenti con le ordinanze regionali, impedisce di dare spazio a notizie ed articoli “non allineati” con gli incalzanti aggiornamenti che ruotano intorno alla “pandemia”.

Leggi tutto “Sars-CoV-2 : come trasformare un grave danno sociale ed economico in opportunità per il Paese”

Come anticipato, lo “Stop Euro” e basta austerità verranno sostituiti dall’equivalente di nuove tasse per le famiglie: la genialata del governo per far tornare i conti imposti da Bruxelles, facendo pagare gli italiani…

Arrabbiatevi pure. Sappiate che gran parte delle parole spese (al vento) nel periodo pre-elettorale da parte del Governo del Cambiamento andranno a breve a farsi benedire: invece di sfidare l’EU – come promesso – sull’inutile ed anzi nefasta austerità EUroimposta (che,lo ricordo, nel caso greco ha creato un vero e proprio caso umanitario, con l’esplosione ad es. della mortalità infantile in terra ellenica, più tanti altri disastri) cosa hanno deciso di fare i governanti italiani?

Leggi tutto “Come anticipato, lo “Stop Euro” e basta austerità verranno sostituiti dall’equivalente di nuove tasse per le famiglie: la genialata del governo per far tornare i conti imposti da Bruxelles, facendo pagare gli italiani…”

Ma avete capito con chi l’Italia (la Lega) ha voluto firmare un accordo commerciale strategico? Capite in che grana ci stanno cacciando? Un approfondimento

Negli scorsi giorni il nostro bravo Franco ha fatto un brillante excursus sul fatto che il progetto della via della seta cinese (BRI) è col fiato corto. Il motivo è semplice: i surplus di bilancio e soprattutto di partite correnti cinesi si stano disintegrando, diventeranno negativi bei prossimi anni. Ossia la Cina dovrà importare capitali. Fate attenzione ad un dato: se il dollaro ad un certo punto si svaluterà, visto che le partite correnti sono la somma dei surplus commerciali e dei movimenti di capitale, significa che il rosso diventerà ancora più profondo. Ecco perchè oggi tutti vogliono tenere il dollaro forte. Notasi che la tesi del futuro deficit di partite correnti cinesi è confermato anche dai cinesi stessi.

Leggi tutto “Ma avete capito con chi l’Italia (la Lega) ha voluto firmare un accordo commerciale strategico? Capite in che grana ci stanno cacciando? Un approfondimento”

La nullità strategica di Salvini et al. ipoteca il futuro dell’Italia? Guardiamo ai fatti per comprendere i danni potenziali

Ci si è dimenticati di un’idea felice???

E’ vero che la sinistra – rappresentata da Matteo Renzi e soprattutto da Enrico Letta – non sembra un’alternativa utile per il paese. Non perché tali giovani politici arrivino dalle fila del PD, quanto perché il loro operato – fattualmente – sembra sia stato finalizzato a favorire gli interessi di altri paesi (stranieri, nell’EU) piuttosto che il bene nazionale.

Leggi tutto “La nullità strategica di Salvini et al. ipoteca il futuro dell’Italia? Guardiamo ai fatti per comprendere i danni potenziali”