Elezioni 2020 — Lo sconvolgente Update del 26 novembre 2020, di Mike Adams — Seconda parte

Prigione di Guantanamo

Ringraziamo Roberto321654 per la complessa traduzione della “Situation Update” del 26 novembre di Mike Adams, tratta dal sito Natural News, che riportiamo in modo asettico, declinando qualsiasi responsabilità sulle affermazioni fatte.

Seconda Parte (sintesi)

OK, la seconda cosa che voglio affrontare è che ci sono molte persone in preda al panico perché in qualche modo sono influenzate dai media.

Sono portate a credere che il 14 dicembre sia una scadenza cruciale perché i voti elettorali vengono presentati dagli Stati quel giorno lì e molte persone pensano che se Trump non vincesse entro quella data allora sarebbe finita, perché è quello hanno sentito su Fox News o CNN.

Ma la gente sta prendendo un abbaglio. In caso di frode elettorale l’intera elezione può essere annullata anche retroattivamente.

Tecnicamente, la SCOTUS potrebbe invertire l’intera elezione anche dopo il 20 gennaio. Non sto dicendo che succederà, ma potrebbe.

La SCOTUS ha il diritto di annullare le elezioni anche retroattivamente dicendo che in realtà i risultati delle elezioni sono stati “irrimediabilmente contaminati” — e io voglio che ricordiate questa frase.

La uso da un paio di giorni. Credo che la Corte Suprema comunicherà la sua decisione usando queste parole.

Dirà che le elezioni, specialmente in alcuni stati in bilico, sono state “irrimediabilmente contaminate” da interferenze anche remote, tramite i sistemi di voto della Dominion.

E quest’interferenza remota, a tutti gli effetti, è una guerra cibernetica contro gli Stati Uniti.

La SCOTUS probabilmente non entrerà nel merito, ma lo ha già fatto l’ordine esecutivo di Trump del 2018.

Questo spiega perché il DoD ha giurisdizione. Quindi, niente panico per il 14 dicembre.

In effetti, mi aspetto che il 14 o il 15 dicembre la CNN riferirà che è tutto finito, che Biden ha i voti, che è fatta e che Trump dovrebbe concedere la vittoria.

È solo un abbaglio ed è francamente patetico che così tante persone ci credano.

Voglio dire, non credete che i media abbiano già mentito abbastanza? Qualcuno ancora crede loro? Suvvia.

C’è una lunga storia al riguardo e precedenti a livello statale. Dai Tribunali Distrettuali i casi sono finiti presso la Corte Suprema Federale.

Sono state annullate elezioni, in alcuni casi, a più di un anno dal fatto. Un caso che coinvolgeva una corsa al Senato è stato ribaltato due anni dopo.

Quindi, non pensate che queste scadenze siano assolute e definitive.

La mia teoria è che Trump aspetterà l’opzione legale fino all’inizio di gennaio.

Ma se questa non portasse a una decisione favorevole della Corte Suprema entro il 6 gennaio, allora Trump lancerà il Piano B, che è l’opzione militare già in corso.  

Ricordate, Trump ha riorganizzato il DoD e vi ha inserito Chris Miller, sbarazzandosi di Esper. Ora c’è Ezra Cohen, con il Generale Flynn che è tornato in gioco.

Tutto questo conferma ancora una volta l’opzione DoD di cui ho già ripetutamente parlato, assieme a quello che succederebbe se venisse lanciato il piano B.

Penso che Trump preferirebbe di gran lunga assistere alla SCOTUS che prende una decisione in tempi brevissimi, ma ci sono le feste di mezzo.

Penso, quindi, che la Corte Suprema possa prendere una decisione ai primi di gennaio.

Ma Trump ha anche l’opzione DoD, con il presupposto che quest’elezione sia stata un atto di guerra informatica contro un’infrastruttura critica degli Stati Uniti, quella elettorale.

Così è stato stabilito nel 2018.

Non dimentichiamo che, all’inizio dell’anno, Joe Biden era stato designato dalla DIA come una “minaccia alla sicurezza nazionale”.

Questo significa che il DoD ha giurisdizione e che può operare al di sopra della Corte Suprema.

Quindi, che nessuno si lasci prendere dal panico nel caso la SCOTUS non accettasse il caso o non prendesse una decisione favorevole a Trump.

Nessun problema gente, il DoD ha giurisdizione e lo sapete chi è il responsabile del DoD.  

E’ un fatto molto importante perché in quel caso Trump potrebbe esercitare la piena opzione militare arrestando tutti i traditori ovunque si trovino, non esclusi i membri stessi della Corte Suprema.

Perché, se la SCOTUS non sostenesse la Costituzione e lo Stato di Diritto, ovviamente bisognerebbe intervenire.

Trump controlla la NSA, il DoD e alcuni elementi della CIA. Ha tutte le informazioni. Ha i server sequestrati in tre paesi. Ha la prova assoluta del furto subito alle elezioni.

Tutto questo verrà messo nelle mani della Corte Suprema.

Probabilmente prenderà in carico il caso intorno alla metà di dicembre o qualcosa del genere e dovrà fare gli straordinari cercando di analizzare tutte quelle informazioni, perché saranno davvero molte … le telefonate … i registri di trascrizione … le transazioni finanziarie.

La SCOTUS avrà bisogno di analizzare tutte queste cose e poi di ascoltare le argomentazioni degli avvocati e così via. Ci vorrà del tempo per farlo.

Nel frattempo indovinate cosa sta succedendo agli aerei cargo di Monkeyworks.

Stanno distribuendo materiale militare in tutto il paese. Lo sa perché ha monitorato i voli. C’è in questo momento un numero abnorme di voli militari.

E, oltre agli aerei-cargo militari, sappiamo che sono in volo anche molti jet da combattimento perché si vedono aerei da rifornimento che compaiono sulle app di monitoraggio del volo.

Trump, quindi, sta preparandosi a una guerra interna. Ora, qual è lo scenario in cui può effettivamente scoppiare?

Facile, quando Trump sarà confermato Presidente per il suo secondo mandato, diciamo di nuovo il 6 gennaio.

Quindi, se la SCOTUS prendesse quella decisione, il 7 gennaio l’America diventerebbe una zona di guerra perché la sinistra impazzirà.

Bene, indovinate un po’, Trump ha già tutto pronto. Quel giorno invocherà l’Insurrection Act.

Le Truppe stazioneranno lungo le strade entro 24 ore e forse anche meno.

La sinistra non sarà in grado di fare più di tanto e noi non dovremo andare a combattere, perché saranno i militari a farlo per noi.

Questo è ciò che sta per succedere. Quanto meno è lo scenario più probabile. Ma non è sicuro al cento per cento.

Perché i membri del Deep State, nel frattempo, potrebbero fare cose pazze e pericolose … fomentare una sorta di guerra internazionale … interrompere la rete elettrica … convincere la Cina o lo Corea del Nord a fare qualcosa di pazzo.

Sono scenari disperati che il Deep State a quel punto deve innescare.

Perché sta per essere sopraffatto e, se non interrompesse l’emersione di questa frode, il DoD di Trump catturerebbe tutte le persone coinvolte in questo crimine (che poi è un atto di guerra) internazionale.

Tutto a quel punto sarebbe molto chiaro.

Trump è il Presidente, ha un secondo mandato … esplode di conseguenza una guerra interna … ci sarà sangue sulle strade … saranno schierate le truppe … casini ovunque.

Ma con Trump alla Casa Bianca, con i patrioti nel DoD, quei traditori non potranno finire che in prigione, accusati di tradimento e forse giudicati da tribunali militari.

Avremo la possibilità di combattere per l’America.

Perché, una volta che Trump avrà raggiunto un secondo mandato, la Cina e la Russia vorranno farci a pezzi.

Avremo nemici anche a nord con Justin Trudeau (ma non con il popolo canadese) e a sud con i narcos, ammanicati con i cinesi.

Dovremo sopravvivere alla rivolta di massa dei BLM/Antifa.

GITMO diventerà così piena da dover aprire una tendopoli nel parcheggio.

E poi dovremo riformare il sistema di voto, ad esempio istituendo l’ID dell’elettore a livello nazionale.

Dovremo riappropriarci del nostro paese sequestrato dai terroristi del Covid come Newsom e Fauci.

Dovremo riprenderci la sovranità monetaria dalla Federal Reserve, Trump ci sta lavorando.

La vita sarà molto difficile nel 2020 e 2021 e probabilmente ancora per un paio d’anni.

OK, sono disposto a lottare per questo paese e non sono il solo.

Milioni di persone sono disposte a combattere per l’America e Trump lo sa.

Quindi, avanti tutta per altri 60 giorni. Il 21 gennaio Trump sarà nello Studio Ovale e Joe Biden alle prese con accuse penali.

Nel frattempo, la cosa migliore che possiamo fare è di esprimere il nostro sostegno al Presidente e prepararci ad affrontare una situazione difficile, oliando le nostre armi da fuoco.

*****

Link Originale: https://www.naturalnews.com/2020-11-26-situation-update-nov-26th-flynn-in-place-dod-rendition-flights.html

Scelto e tradotto da Roberto321654, sintetizzato e pubblicato da Franco