Kanye West for President

Shipwreckedcrew per Red State

Kanie West aveva già dichiarato l’intenzione di candidarsi alla Presidenza degli Stati Uniti d’America, ma tutti pensavano al 2024 [https://eu.usatoday.com/story/entertainment/celebrities/2019/11/08/kanye-west-says-hes-running-president-2024/2527854001/].

Resta quindi da vedere cosa ci sia dietro l’annuncio di oggi.

Il musicista/politico (e tante altre cose) ha rilasciato una dichiarazione su Twitter, dicendo solo pochissime cose:

Dobbiamo realizzare il Sogno Americano confidando in Dio, unificando la nostra visione e costruendo il nostro futuro. Sto correndo come Presidente degli Stati Uniti

Sono ancora molti i dettagli da elaborare — in particolare l’accesso alle schede elettorali. 

Le schede del GOP e del Partito Democratico sono già state assegnate e quindi ci sono poche possibilità di usare questa leva per entrare in gara.

Ma sono ancora disponibili gli slots del Terzo Partito se West decidesse di perseguire una tale opzione.

Ciò che West porterebbe in eredità è l’istantanea raccolta di fondi e la sua notorietà. 

Un Terzo Partito con il nome di West sulla scheda elettorale batterebbe tutti i record precedenti quanto a numero di voti. 

La raccolta-fondi darebbe a questo Terzo Partito la possibilità di costruirsi l’apparato di cui attualmente non dispone.

Kanie West ha incontrato il Presidente Trump diverse volte nel corso del suo primo mandato — ed è generalmente considerato un suo sostenitore. 

Ha indossato in pubblico il cappello bianco e rosso del MAGA anche in un’esibizione al Saturday Night Live.

Dalla fine del 2018, tuttavia, ha cominciato a mettere un po’ di distanza politica fra lui e il Presidente Trump, forse perché aveva già puntato gli occhi sul 2020 piuttosto che sul 2024.

Oppure, tutto questo potrebbe essere il tentativo di “gettare un’esca” a Joe Biden nel processo di selezione del VP? 

La “campagna di Biden” e il Partito Democratico non riescono a mettersi d’accorso su chi potrebbe essere la migliore “donna di colore” da candidare come VP. 

Vista l’età di Biden — e il declino delle sue capacità mentali — se dovesse vincere il suo VP potrebbe operare più da Presidente che da Vicepresidente. 

Inoltre, è quasi certo che Biden non si candiderebbe per la rielezione — e quindi il suo Vicepresidente avrebbe il vantaggio di una “carica virtuale” da giocarsi nelle Primarie del Partito Democratico per il 2024.

Kanie West, quindi, sta offrendosi come potenziale Vicepresidente di Biden? 

Fosse questo il messaggio che ha inviato fra le righe, quale rischio correrebbe la campagna “Biden 2020” se egli si rifiutasse di prenderlo in considerazione? 

Le possibilità di Biden poggiano quasi interamente sul sostegno della comunità afroamericana e sull’opinione che egli rappresenti una sorta di “terzo mandato” dell’Amministrazione Obama.

D’altra parte, Kanye West come candidato del Terzo Partito si ritaglierebbe una grossa fetta del voto afroamericano che altrimenti andrebbe a Joe Biden — avere come Vicepresidente Kamala Harris, Val Demmings, Karen Bass o qualche altra donna afroamericana non cambierebbe sostanzialmente le cose.

Donald Trump ha dimostrato che una persona di grande celebrità può autopromuoversi gratuitamente — e con notevoli risultati — attraverso i media.  

Ma Kanye West è anche a pieno titolo un magnate dei media, con la possibilità di spendere decine di milioni di dollari del suo stesso denaro per promuovere la sua campagna.  

Due mesi fa la rivista Forbes Magazine ha stimato il suo valore netto in 1,3 miliardi di dollari [https://www.forbes.com/sites/zackomalleygreenburg/2020/04/24/kanye-west-is-now-officially-a-billionaireand-he-really-wants-the-world-to-know/#3f214f297b9e].

Se West seguisse l’esempio e tentasse l’accesso alle schede elettorali cambierebbe tutto. 

La “presa” di Joe Biden sugli elettori afroamericani, tradizionalmente democratici, svanirebbe in un batter d’occhio. 

Le voci dal “campo di battaglia” affermano che nella Rust Belt, dove i Democratici sono avvantaggiati per la consistenza della popolazione afroamericana, Stati come la Pennsylvania, il Michigan, il Wisconsin e l’Ohio diventerebbero tutti molto meno amichevoli —  Kanye West porterebbe via quasi tutti i voti. 

Anche gli Stati di confine e nominalmente meridionali, come la Virginia, la Carolina del Nord, la Georgia e la Florida scivolerebbero via.

Kanye West sta quindi facendo un favore a Trump? Ovvero, sta proponendosi come suo successore per il 2024?

*****

Link Originale: https://www.redstate.com/shipwreckedcrew/2020/07/04/kanye-west-announces-run-for-president-in-2020/

Scelto e tradotto da Franco