Gli anni che finiscono con il numero “9”sono portatori di grandi sconvolgimenti

Redazione: proponiamo quest’originale articolo di Michael Snyder, inconsueto ma basato su una serie storica (e quindi con una sua scientificità).

Tornando indietro nel tempo, ricordiamo un saggio dello stesso tenore che lo scrivente propose qualche anno fa.

Un famoso Professore di Cambridge sosteneva la tesi, su rigida base statistica, che verso la metà del secondo decennio di ogni secolo (per non fare i difficili, dal 2014 al 2017), succede inevitabilmente qualcosa che ne determina il corso per la parte restante.        

Non proponiamo particolari ricerche, ma è comunque intrigante pensare a Donald Trump, che fu eletto nel 2016 e prestò giuramento nel 2017. Siamo tutti convinti che questa presidenza, in un senso o nell’altro, determinerà il corso della storia nei prossimi anni.

Tornando all’articolo, se pensiamo al 2019 lo facciamo sullo sfondo del nostro povero paese. Lo status quo non è più tollerabile. Questa statistica, quindi, la prendiamo come un fatto augurale. Se cambiamento, seppur indotto, deve essere, che cambiamento sia!

—————-

Michael Snyder per The Economic Collapse Blog

Questa tendenza continuerà nel 2019? L’altro giorno stavo parlando con un caro amico il quale mi ha fatto notare che, storicamente, gli anni che finiscono con il “9” sono stati tendenzialmente dei periodi di grandi sconvolgimenti.

Mi è venuta curiosità e quindi ho fatto una ricerca, scoprendo che non è una tesi campata in aria.

Negli ultimi 100 anni, in particolare, siamo stati spettatori di un numero insolito di eventi-chiave che hanno avuto luogo negli anni che terminano con il “9” – e questo, a pensarci, è abbastanza strano.

Potrebbe essere possibile che la fine di ogni decennio possa in qualche modo scatenare psicologicamente qualcosa dentro di noi? Non lo so, ma sembra quasi che ci sia uno schema.

In quest’articolo riassumerò alcune delle cose che ho scoperto, lasciando che ogni lettore tragga da solo le proprie conclusioni.

Cominciamo con il 1929

Come ricordo sempre ai miei lettori, la maggior parte dei crolli di borsa tendono a verificarsi in Autunno. Il 29 Ottobre 1929 ci fu un crollo devastante del mercato azionario, qualcosa che gli Stati Uniti non avevano mai visto in precedenza.

Quella data è generalmente considerata come l’inizio della “Grande Depressione”, che a tutt’oggi è la peggior recessione economica che il mondo occidentale abbia mai vissuto.

La “Grande Depressione” durò dieci anni – e questo ci porta al prossimo “9” della nostra lista …..

1939

Il 1939 fu l’anno in cui iniziò la 2a Guerra Mondiale. È stata la guerra più catastrofica che il mondo abbia mai conosciuto ed ebbe fine nel 1945.

Si stima che morirono fra i 70 e gli 85 milioni di persone e comunque fu a tal punto sconvolgente che da allora non abbiamo più visto una guerra simile.

1949

Il 1949 fu un anno di grandi cambiamenti. Si consolidarono definitivamente le barriere fra Oriente ed Occidente che diedero inizio alla Guerra Fredda.

In quell’anno il Partito Comunista Cinese prese il pieno controllo della Cina Continentale, fondando la Repubblica Popolare Cinese.

Inoltre, nel 1949 l’Unione Sovietica testò la sua prima bomba atomica e fu anche l’anno del “blocco di Berlino”. Per concludere, la NATO fu fondata il 4 Aprile 1949.

1959

Il 1959 fu l’anno in cui salì al potere Fidel Castro. Grazie al successo della rivoluzione cubana, l’isola diventò la prima potenza comunista dell’emisfero occidentale.

Pochi anni dopo ci fu la “crisi dei missili”, che portò il mondo sull’orlo della catastrofe.

1969

Il 1969 fu così tumultuoso da ispirare numerosi documentari. Rob Kirkpatrick ci scrisse un intero libro intitolandolo “L’anno in cui cambiò tutto”.

Fu anche l’anno dello sbarco sulla Luna, di Woodstock e di Manson.

Durante quell’anno Richard Nixon prestò giuramento come Presidente degli Stati Uniti e 250.000 americani marciarono su Washington per protestare contro la Guerra del Vietnam.

In quell’anno fu fondata l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina.

1979

Il 1979 fu l’anno della rivoluzione iraniana. L’Ayatollah Ruhollah Khomeini salì al potere a Febbraio e a Novembre cominciò la “crisi degli ostaggi”.

Se non ci fosse stata quella crisi forse, l’anno successivo, Jimmy Carter avrebbe sconfitto Ronald Reagan.

Il 1979 fu anche l’anno in cui Margaret Thatcher diventò Primo Ministro del Regno Unito.

1989

Il 1989 fu un altro anno di grandi rivoluzioni. Nel Giugno di quell’anno le proteste democratiche in Piazza Tienanmen, a Pechino, furono brutalmente represse dal Governo cinese.

Dall’altra parte del mondo, il 1989 fu l’anno della “Rivoluzione di Velluto” in Cecoslovacchia, che portò alla divisione pacifica di quel paese fra Repubblica Ceca e Slovacchia.

Quello stesso anno George H. Bush prestò giuramento come Presidente degli Stati Uniti e le enormi proteste, da entrambe le parti del Muro di Berlino, portarono al crollo del Governo della Germania Orientale.

1999

Il 1999 fu l’anno in cui Bill Clinton si avvicinò moltissimo alle dimissioni. Il 12 Febbraio il Senato degli Stati Uniti lo assolse a stento dai reati di “spergiuro” e “ostruzione della giustizia”.

Fu anche l’anno in cui l’euro diventò la valuta ufficiale di quasi tutti i paesi dell’Unione Europea e, alla fine di quell’anno, la paura per l’Y2K [Millennium Bug] attanagliò tutto il mondo.

2009

Il 2009 fu sicuramente un anno di cambiamenti. Il 20 Gennaio Barack Obama diventò il Primo Presidente afroamericano degli Stati Uniti.

Nel frattempo, la nazione soffriva della peggiore recessione economica dai tempi della Grande Depressione.

Si stima che andarono persi 8,8 milioni di posti di lavoro e che milioni di americani persero la casa per il crollo dei mutui subprime.

Dulcis in fundo, alla fine del 2009 fu  lanciato questo sito: The Economic Collapse Blog.

2019

Ed ora eccoci qui, un altro anno che termina con il “9”.

Finora, in questo 2019, abbiamo assistito a sparatorie di massa, alla distruzione delle colture del mid-west, alla drammatica escalation della guerra commerciale con la Cina ed ora si profila all’orizzonte una potenziale guerra con l’Iran.

Gli americani sono arrabbiati, frustrati e divisi, oggi più che mai. Per concludere, la situazione è tale che i media mainstream sono costretti a scrivere su base giornaliera.

Il palcoscenico è pronto ad esplodere per l’ultima parte dell’anno e molte persone con cui ho parlato sentono che le cose potrebbero davvero cominciare a scatenarsi in qualsiasi momento.

In larga misura il 2019 è già stato un anno di forti sconvolgimenti, ma molti credono che il peggio debba ancora arrivare.

Allacciate quindi le cinture e preparatevi a resistere, perché penso che il percorso stia per diventare molto accidentato.

—————–

Link Originale: https://theeconomiccollapseblog.com/archives/years-that-end-in-9-tend-to-be-times-of-great-upheaval

Scelto e tradotto da Franco