Come individuare un “terrorista domestico” sui social-media

Se notate questo simbolo on-line, la Gadsden Flag, contattate immediatamente il WTFLOL

Rob Jenkins per The American Thinker

Per aiutare i nostri colleghi della Homeland Security a identificare le potenziali minacce dei terroristi domestici, noi della White House Task Force on Lawless Online Lowlifes (WTFLOL) chiediamo espressamente il vostro aiuto.

Dopo tutto, i nostri dati evidenziano che l’americano medio trascorre circa 22,5 ore al giorno su vari siti di social-media.

Nonostante il programma di sorveglianza del Governo sia abbastanza accurato e sofisticato — e che i nostri partner della Big Tech siano stati estremamente cooperativi — è ancora teoricamente possibile che voi notiate, online, qualcosa che a noi è sfuggito.

Per questo motivo vi offriamo un breve tutorial su come individuare potenziali terroristi domestici fra i vostri amici e fra i vostri seguaci sui social-media.

Questa lista, seppur non esaustiva, è comunque un mezzo sufficientemente accurato per identificare le persone non in completa conformità con le priorità dell’attuale Governo degli Stati Uniti.

Demografia

Il primo indicatore è la demografia. Secondo i nostri colleghi dell’FBI, i terroristi domestici sono probabilmente bianchi, maschi e di mezza età.

Questo non significa che tutti i vostri amici e tutti i vostri seguaci di mezz’età sui social-media (maschi e bianchi) siano dei terroristi domestici.

È solo un modo per restringere il campo dei potenziali malfattori.

In effetti, si può ragionevolmente eliminare dalla lista chiunque non sia bianco, maschio e di mezza età — ponendo una maggiore attenzione su coloro che rientrano, invece, in quella demografia.

Altre caratteristiche distintive

I terroristi domestici, potenziali o sulla via della radicalizzazione, tendono ad avere anche altre caratteristiche fisiche distintive, compresa la peluria sul volto (specialmente il pizzetto), le teste rasate e i tatuaggi di insegne militari.

Possono anche indossare cappelli o magliette con tali insegne e tendono ad avere una predilezione per i pantaloncini.

Negazione della scienza

Mentre combattiamo compatti il Covid-19, sospendendo temporaneamente i diritti umani per il bene dell’intero Paese, un comportamento specifico che è emerso fra i potenziali terroristi domestici è la negazione della Scienza™.

Questo fatto, tipicamente, si manifesta attraverso post che mettono in discussione o denigrano la guida del CDC [Center for Disease Control] per quanto riguarda le mascherine, il distanziamento sociale e altri tipi di restrizione in luoghi pubblici, specialmente nelle scuole.

Questi post possono confondere perché citano dati scientifici reali.

Tuttavia, è importante ricordare che, quando le persone mettono in discussione il CDC, non solo stanno negando The Science™, ma stanno anche promuovendo la sfiducia verso il nostro Governo.

Questo crea un pericoloso precedente, specialmente per quanto riguarda i vaccini Covid-19.

I terroristi domestici seminano discordia mettendo in discussione il processo attraverso il quale i vaccini sono stati approvati e il desiderio del Governo di una vaccinazione universale.

Affermano che chiunque faccia parte di gruppi a basso rischio, come i bambini e chi ha già avuto l’infezione, potrebbe non aver bisogno di essere vaccinato.

Anche se queste affermazioni potrebbero sembrare scientificamente supportate, sono in contrasto con le raccomandazioni del CDC.

Ricordate che i vaccini sono stati sviluppati e immessi sul mercato in tempi record — il che non è altro che un miracolo dei tempi moderni.

In queste circostanze, determinarne l’efficacia è un processo continuo e gli eventi avversi sono un qualcosa che ci si deve aspettare.

Discorso politico

I terroristi domestici sono quasi esclusivamente conservatori o libertari (anche se, recentemente, un piccolo numero di liberal si sono radicalizzati).

Le loro inclinazioni politiche sono facilmente rilevabili dalla loro attività online.

Ad esempio, i potenziali terroristi domestici citano spesso i cosiddetti “Padri Fondatori”, fra i quali George Washington, Thomas Jefferson, James Madison, John Adams e Benjamin Franklin.

Poiché sono stati tutti screditati per essere razzisti e misogini, le loro parole potrebbero fomentare la discordia o addirittura la ribellione.

Altri nomi da cercare sono Adam Smith, C.S. Lewis, John Locke e Abraham Lincoln. Tutti noti colonizzatori e suprematisti bianchi.

Simboli sovversivi

Mentre interagite online con individui che sospettate possano essere terroristi domestici, tenete d’occhio i simboli rivelatori, come ad esempio la bandiera americana.

Molti potenziali terroristi domestici, in effetti, usano la bandiera nella foto del loro profilo.

Ancor peggio è la cosiddetta Gadsden Flag, che presenta un serpente a sonagli arrotolato e le parole “Don’t Tread on Me” su sfondo giallo.

Se, sui social-media, vedete questo simbolo, contattateci immediatamente.

Insistenza sui “diritti”

Il segno più sicuro per scoprire un terrorista domestico è che questi usano abitualmente parole come “libertà”, “autonomia” e “diritti”.

In particolare, fanno spesso riferimento al Primo Emendamento, che credono conferisca la “libertà di parola” e che, quindi, dia loro il diritto di dire tutto ciò che vogliono, anche se è un discorso di odiocome ad esempio “gli uomini non possono avere bambini” e “il matrimonio è fra un uomo e una donna”.

Sostengono anche che il Secondo Emendamento dia loro il diritto di detenere e portare con sé un’arma. Così, postano spesso foto con addosso le loro armi e usano frasi come “molon labe” (“venite a prenderle”).

***

La cosa più importante da tenere a mente, in conclusione, è che gli uomini bianchi di mezz’età rappresentano, oggi, il pericolo più serio per la nostra Democrazia, assieme al razzismo sistematico, al cambiamento climatico, alla variante Delta e alla tutela di Britney Spears.

Ecco perché dobbiamo restare vigili. Ci sarà bisogno di tutti noi per sconfiggere questa minaccia.

La suddetta lista di attributi e comportamenti, anche se incompleta, dovrebbe esservi utile come “guida tascabile” per identificare potenziali terroristi.

Poiché la situazione è in via di sviluppo, tenete gli occhi aperti per gli aggiornamenti.

Mentre l’attuale Amministrazione continua a implementare le sue politiche, le priorità legislative e gli ordini esecutivi, l’attività online fra i potenziali terroristi domestici potrebbe aumentare.

Nel frattempo, se durante le vostre interazioni online notate uno di questi indicatori, per favore andate sul sito web di WTFOL e cliccate prima su “Strumenti” e poi su “Rieducazione” per presentare un rapporto.

Il vostro Governo ve ne sarà grato.

*****

Link: https://www.americanthinker.com/blog/2021/08/how_to_spot_a_domestic_terrorist_on_social_media.html

Scelto e tradotto da Franco

*****

Le immagini, i tweet e i filmati pubblicati nel sito sono tratti da Internet per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun visibile contrassegno di copyright). In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all’indirizzo info@mittdolcino.com perché vengano immediatamente rimossi. Le opinioni espresse negli articoli rappresentano la volontà e il pensiero degli autori, non necessariamente quelle del sito.