Lo strano caso delle elites mondiali che, se da un lato vorrebbero spingere per qualche forma di depopolazione mondiale, dall’altra pagano miliardi per le ricerche sulla vita ultracentenaria (occhio alle statistiche EMA sul vaccino Pfizer! [sotto])

Quanto sopra accadde con lo scoppio del COVID

Alla fine il gioco è lasciare “il morto sulle spalle dell’altro”, come si suol dire. Oggi si sprecano le teorie secondo cui qualcuno spinga per la “depopolazione mondiale”; principe di tale narrazione sembra essere un erede di JFK, la vera vittima del complotto della storia moderna. E qui non aggiungo altro, se non che gli atti completi della Commissione Warren ad oltre  50 anni dall’accaduto sono ancora secretati, evidentemente contengono dettagli inquietanti.

In realtà quello che stride con tale narrazione pro-riduzione della popolazione è che Cina ed India sembrano correre in aggregato verso i 3 miliardi di persone, sono già prossimi a 2,5 mld. Mentre Europa, Russia, Nordamerica – ossia il potere ad oggi ancora dominante nel mondo – non sono nemmeno a metà degli abitanti in aggregato. Ma le pulsioni sull’eccessiva popolazione sembrano restare concentrati in Occidente.

In parallelo emerge il caso Grifols, sapientemente descritto da Newsweek la scorsa settimana, in cui le elites globali che finanziano il progetto non fanno mistero di voler tentare di “fregare la morte“, con ricerche su sieri di sangue quasi miracolosi estratti dai bambini.

Notate il metodo per favore: quelli che vi riportiamo sono tutti fatti, noi non creiamo complotti, semplicemente mettiamo in ordine – appunto – i fatti.

Dunque, a parte rilevare le pulsioni di una certa elite per qualche forma di depopolazione, siamo qui a combattere per farci o meno inoculare un antivirus che dovrebbe combattere il COVID, sebbene il COVID faccia pochissimi morti (forse dovremmo bellamente fregarcene di poter morire di tale malattia…?).

Con però un’attenzione spasmodica a far vaccinare in particolare i vecchi con un vaccino che non è dato sapere se avrà effetti collaterali anche fatali a medio-lungo termine, visto che tale vaccino, in particolare quelli mRNA, non hanno passato le fasi ritenute da sempre necessarie per definire sicuro un vaccino, ossia le fasi I, II, e III “peer reviewed“, in sequenza.

Dall’alto in basso: in ordine, vaccino COVID21-Sars Astra Zeneca, Moderna, Pfizer – Quale è il vaccino che ha fatto più “danni” in termini di effetti collaterali? (LINK)


Ad esempio, in Italia si parla soprattutto di danni da vaccino Astra Zeneca; ma le statistiche dicono che di gran lunga i problemi maggiori arrivano da quello tedesco, il Pfizer- Biontech, chiamato anche Tozinameran (speriamo non si riveli essere come la talidomide, anch’esso era un medicamento germanico che fece danni enormi a livello globale, ndr).


(E senza citare le parole dei vecchi, quelli saggi, che evitano il vaccino – oggi – dicendo qualcosa di simile a “tanto sono vecchio, se devo morire, bene, morirò” [ma non nel caso “di vaccino”, ndr]).

Lasciamo perdere le follie per cui l’Italia, paese ormai selvaggio e che quindi va selvaggiamente, ad inizio Gennaio ipotizzava di vaccinare solo i giovani col vaccino Astra Zeneca, che come letalità resta molto meno letale di quelli mRNA, sembra addirittura molto meno rispetto dello Pfizer, base dati EMA ad inizio Aprile (aspettiamo i dati in quanto l’AIFA è ferma a fine febbraio scorso coi suoi report sulla famacovigilianza vaccini COVID: ci starà nascondendo qualcosa?). Oggi invece incredibilmente nel Paese selvaggio,  si dice, “con Astra Zeneca si vaccinano solo gli anziani”;  anzi no, Astra Zeneca verrà ritirato dal commercio in EU….(lo dice oggi Il Giornale, al LINK).

Un caos.

Al LINK

In tale enorme disordine pilotato, che caos non è, anzi è oltremodo chiaro cosa stia succedendo ai più attenti ed informati (…), rileviamo l’enorme interesse per elisir di lunga vita/eterna giovinezza studiato dalla spagnola Grifols. Che sarebbe finanziata, udite un po’, da Silicon Valley; ossia dai soliti miliardari soprattutto Dem che sembrano supportare ad ogni piè sospinto i vaccini COVID, guarda caso proprio quelli mRNA (ricordo che Bill Gates li supporta). Senza dimenticare che anche il super-miliardario tedesco Dietmar Hopp, co-founder del “software giant” SAP, ha finanziato anche lui un vaccino mRNA. Che poi la famiglia di Hopp fosse di provata fede nazista, il padre per la precisione, resta il solito dettaglio, come citato da una fonte di stampa che non dimentica quanto accaduto (“Mio padre era un insegnante. Quando fu incaricato di distruggere la sinagoga di Hoffenheim nel 1938, aveva già tre figli, i miei fratelli maggiori. Se non l’avesse fatto, sarebbe stato rilasciato e la sua famiglia avrebbe affrontato un momento senza speranza“, al LINK, LINK).

Insomma, questa faccenda puzza.

Prima di tutto perchè, nel caso, si vorrebbe ridurre la popolazione mondiale non dove ce ne siano di più – di umani – , ma dove tale popolazione può  accampare maggiori diritti economici, ossia nell’Occidente soprattutto europeo (non in Asia ad esempio).

Parallelamente c’è  in circolazione (forzata, come scelta, senza vaccino cinese o russo ad esempio) un vaccino che non è stato testato come vuole la prassi, vaccino che sta causando morti per effetti collaterali; per cui la propaganda mediatica sembra confondere la gente su quale di tali vaccini – non tutti hanno effetti secondari diciamo uguali, … – sia veramente il più pericoloso, se non direttamente il più deleterio…

Tale vaccino COVID viene inoculato preferenzialmente – guarda caso –  ai vecchi, forse non casualmente i detentori dei maggiori diritti economici occidentali (leggasi pensionistici), sebbene il COVID faccia in tutto questo pochissimi morti.

Le elites [soprattutto  Dem?] investono miliardi per “rimanere giovani” (mentre il resto dell’umanità va cd. “depopolato”?)(…)

In coppa c’è la fine del capitalismo, per raggiunti limiti, ossia causa eccessive concentrazioni di ricchezza, difetti NON correggibili/risolvibili senza Schumpeter. Schumpeter che le elites vogliono evitare come la peste; ossia evitando qualcosa di simile alla prima guerra mondiale ad esempio, o effetti similari. Per chi non ci crede, ieri Henry (Heinrich) Kissinger, tedesco, ha avvertito l’amministrazione USA che deve piegarsi ad un nuovo ordine prima di tutto geo-economico mondiale, pena appunto qualcosa di simile alla WWI là da venire, (cvd).

In ultimo, la beffa.

La ricerca scientifico-economica finanziata dalle stesse elites di cui sopra, quelle interessate nel caso a tenere soldi e potere “solo per loro stessi” nonostante la fine del capitalismo per raggiunti limiti di concentrazione di ricchezza e di disoccupazione; gli stessi che vogliono dunque evitare la redistribuzione della “loro” ricchezza. Costoro sono  i diretti interessati ai vaccini soprattutto mRNA, persone che sembrano nel caso avere a cuore la depopolazione mondiale; in aggiunta a tutto quanto leggiamo su Newsweek che costoro, le super-elites, vogliono anche investire per scoprire l’elisir per vivere “loro stessi” di più, oltre i 100 anni, alla faccia del resto della gente che deve invece depopolarsi.

Se si continuerà per tale strada, mi sa che la grande guerra non ve la toglie nessuno (a tal punto forse potrebbe non essere nemmeno il peggiore dei mali…).

MD