Twitter sta sdoganando la pedofilia, bloccando tutti coloro che sono contro

Redazione: Ci sarà pur un motivo se l’unica volta che Gesù evoca (anche se indirettamente) la pena di morte, è quando — parlando dei bambini — avverte: “Chi fa del male ad uno di questi piccoli è meglio che si leghi al collo una macina di mulino e si getti nel mare”.

*****

Ethan Huff per Natural News

Jack Dorsey e il suo esercito di “justice warrior” hanno cancellato su Twitter un’altra persona che voleva difendere i minori.

Attraverso un tweet, aveva esposto alla pubblica opinione un transgender pedofilo di nome Alok Vaid-Menon.

In un suo recente post su Twitter, Lauren Witzke, già Candidata al Senato per il Delaware e capo dell’“America First GOP”, ha citato una frase inquietante di Vaid-Menon, convinto che le bambine siano delle viziose.

La Witzke lo ha definito “demoniaco”.

Vaid-Menon, a quanto pare, crede che i timori sulle “donne transgender” (non sono altro che dei maschi travestiti) che entrano nei bagni delle ragazze e aggrediscono sessualmente le bambine siano infondati … perché quelle bambine, in realtà, “vogliono” essere vittime.

“La narrativa diffusa vuole che le donne transgender vadano nei bagni per abusare le bambine” — ha detto Vaid-Manon — “La presunta purezza delle vittime non viene mai messa in discussione”.

Che poi ha continuato: “Non ci sono principesse. Le bimbe sono viziose. I vostri figli non sono così etero e limitati come voi credete che siano”.

In altre parole Vaid-Manon, un “maschio” che pretende di essere “femmina”, è convinto che le bambine siano pervertite quanto lui.

E quindi nessuna di loro è una principessa della Disney: sono piuttosto delle deviate sessuali in attesa dell’opportunità di incontrare un transgender malato di mente.

Dopo aver esposto queste considerazioni in un tweet, l’account di Lauren Witzke è stato sospeso. 

La politica repubblicana ha ricevuto un messaggio da Twitter in cui la società spiegava che il suo post, che conteneva solo la parola “demoniaco” accanto alle parole di Vaid-Menon, violava le norme sull’incitamento all’odio.

“Non si può promuovere violenza, minacce, o molestie contro altre persone sulla base della razza, etnia, identità nazionale, genere e orientamento sessuale, affiliazione religiosa, età, disabilità o malattie gravi”, ha aggiunto Twitter.

La setta LGBTQ è “la finestra di Overton sulla pedofilia”

L’ironia è che su Twitter le parole di Vaid-Menon, che incitano alla violenza sessuale nei confronti delle bambine, sono del tutto permesse — come d’altronde i tweet che colpiscono le persone bianche, Donald Trump, i conservatori, i cristiani e altri gruppi privi di protezione.

“Quello che possiamo capire è che Twitter sta sdoganando la pedofilia, la sta promuovendo, mentre censura le verità della Bibbia. Possiamo supporre, quindi, che Twitter sia favorevole alla pedofilia e a chi sostiene questa pratica”, ha detto Lauren Witzkie in un’intervista a un media indipendente.

Twitter supporta in tutto e per tutto le Persone Attratte dai Minori [Minor Attracted Persons  o MAP] attraverso la sua piattaforma.

MAP altro non è che un eufemismo per indicare un pedofilo.

Quindi, se sei un pervertito e un vizioso, Twitter è il social giusto. Se invece hai dei valori morali, tutto quello che dirai violerà i termini del servizio e, di conseguenza, verrai espulso.

In realtà, Twitter ha modificato i suoi termini di servizio per giustificare la pedofilia e la violenza sui bambini, come una mera aggiunta all’“arcobaleno dell’inclusione” LGBTQ.

“Discussioni sullo sfruttamento sessuale dei bambini, inteso come fenomeno sociale o come motivo di attrazione, sono permessi su Twitter”, si può leggere nei termini del social.

Twitter avvalla e supporta “raffigurazioni di minori nudi”, solo se si tratta di “lavori di artisti riconosciuti internazionalmente”.

Questa categoria, probabilmente, include celebrità, politici e altri ricchi esponenti dell’élite, che non devono obbedire alle stesse regole degli altri.

Al Dottor James Cantor, un ebreo omosessuale, è stato concesso il merito di aver migliorato le politiche pro-pedofilia di Twitter.

Ha apertamente dichiarato di difendere la pedofilia e coloro che si identificano come “persone attratte dai minori”.

“È una piattaforma vile e forse è meglio che io non sia più presente” — ha aggiunto Lauren Witzkie, parlando di Twitter e del sudiciume che vi si può trovare — “Twitter è il nuovo punto di incontro per gli utenti che supportano la pedofilia.”

Per poi continuare: “Ci hanno detto che eravamo dei pazzi quando, dieci anni fa, parlavamo di un terreno minato e, ora, non possiamo nemmeno più criticare l’agenda LGBT”.

“L’obiettivo finale era la pedofilia, e ora ci siamo. Se stiamo perdendo è perché i Repubblicani tacciono”, ha aggiunto, concludendo che la Setta LGBT altro non sia che “la finestra di Overton per la pedofilia”.

*****

Link: https://www.naturalnews.com/2021-03-10-twitter-directly-enabling-pedophiles-banning-detractors.html

Scelto e tradotto da l’Alessandrino