Risultati delle Elezioni: “Andremo davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti”

Daily Wire News

Il Presidente Donald Trump ha commentato i risultati delle elezioni presidenziali durante le prime ore del mattino di mercoledì.

La corsa molto serrata fra lui e Joe Biden suggerisce che le elezioni potrebbero essere decise dalla Corte Suprema.

Dopo aver parlato per diversi minuti delle vittorie conseguite e di quegli Stati in cui credeva che le cose stessero andando bene, Trump ha fatto notare che il conteggio dei voti si fosse apparentemente fermato in alcuni Stati, impedendo che fossero proclamati i risultati.

“E all’improvviso tutto si è fermato” — ha detto Trump — “Questa è una frode contro il popolo americano. Questo è un grave imbarazzo per il nostro Paese”.

“Il nostro obiettivo, ora, è di assicurarne l’integrità per il bene di questa nazione. Questo è un momento storico. Questa è una grande frode ordita contro la nostra nazione. Vogliamo che la legge sia usata nel modo corretto”, ha continuato Trump.

E ha concluso: “Andremo, quindi, davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Vogliamo che tutte le votazioni siano fermate. Non vogliamo che trovino le schede alle 4 del mattino e le aggiungano alla lista. D’accordo? Questo è un momento molto triste, davvero molto triste”.

TRASCRIZIONE FORNITA DA NEWSWEEK:

Questa è senza dubbio la più difficile conferenza stampa che abbia mai tenuto. Apprezzo molto e voglio ringraziare il popolo americano per il suo enorme sostegno.

Milioni e milioni di persone hanno votato per noi stasera. Ma un triste gruppo di persone sta cercando di privare gli Stati Uniti del “diritto di voto” e noi non lo tollereremo. Non lo tollereremo.

Voglio ringraziare la First Lady, tutta la mia famiglia e il Vicepresidente Pence, la Signora Pence, per essere stati con noi in tutto questo tempo.

Ci stavamo preparando per una grande festa. Stavamo vincendo tutto e all’improvviso tutto è stato annullato.

I risultati di questa sera erano fenomenali. Ci stavamo preparando. Voglio dire, letteralmente, che eravamo pronti a uscire per festeggiare qualcosa di così bello, di così buono. Un tale voto, un tale successo.

I cittadini di questo Paese sono andati a votare massicciamente. Questo è davvero un record.

Non c’è mai stato niente di simile a sostenere il nostro incredibile movimento.

Abbiamo vinto anche negli Stati dove non ci aspettavamo di vincere. In Florida non abbiamo semplicemente vinto. Abbiamo vinto di molto.

Abbiamo vinto nel grande stato dell’Ohio. Abbiamo vinto in Texas per 700.000 voti e non lo includono nemmeno nelle tabulazioni.

È chiaro che abbiamo vinto anche in Georgia. Siamo in rialzo del 2,5%, ovvero di 117.000 voti quando resta da scrutinare solo il 7%. Non ci prenderanno mai, non possono prenderci.

Allo stesso modo abbiamo chiaramente vinto in Nord Carolina, dove siamo sopra dell’1,4%.

Inoltre, se guardiamo all’Arizona, qualcuno ha dichiarato che sarà una vittoria ma, in ogni caso, là fuori abbiamo ottenuto tanti voti, perché stiamo entrando in quello che chiamano “Territorio Trump”.

Il signore che l’ha “chiamato”, l’ho visto stasera, ha detto che è abbastanza improbabile che riusciremo a vincerlo.

Abbastanza improbabile? Ma in ogni caso non ne abbiamo bisogno, non ne abbiamo bisogno.

Era solo uno Stato che se l’avessimo preso sarebbe stato bello. L’Arizona. Ma c’è una possibilità, forse anche una buona possibilità. Quindi, vogliamo che questo Stato resti in gioco.

Ma, soprattutto, stiamo vincendo in Pennsylvania con un’enorme quantità di voti. Siamo in rialzo — pensate a questo, pensate a questo — di 690.000 voti in Pennsylvania, 690.000. Non ci sono nemmeno vicini.

Con il 64% dei voti, sarà quasi impossibile prenderci e stiamo entrando in zone della Pennsylvania dove il vostro Presidente piace. Quindi probabilmente miglioreremo.

Stiamo vincendo nel Michigan. Vi dico che ho guardato i numeri, ho detto wow, sono proprio tanti. Abbiamo quasi 300.000 voti di vantaggio.

E stiamo vincendo anche in Wisconsin. Ho detto che non ci servono [tutti questi Stati] se si aggiungesse il Texas, che non è stato conteggiato.

Ho parlato con il meraviglioso Governatore del Texas poco fa. Greg Abbott mi ha fatto le congratulazioni. Mi ha chiamato per congratularsi con me per aver vinto in Texas.

E, a proposito, lui ha detto, “cosa sta succedendo? Non ho mai visto niente del genere”.

Posso dire una cosa? Nessuno l’ha mai visto. Abbiamo avuto una grande serata. Basta dare un’occhiata a tutti gli Stati che abbiamo vinto stasera e poi un’altra ai margini con cui li abbiamo vinti.

Abbiamo vinto in tutti questi Stati e all’improvviso ho detto: “Cos’è successo alle elezioni? Non ci sono più”.

E ora abbiamo tutti questi annunciatori televisivi che ci dicono cos’è successo.

Sapete cos’è successo? [I Democratici] sapevano di non poter vincere, così hanno detto “andiamo in tribunale”.

Lo aveva predetto Newt? Io l’ho detto dal giorno stesso in cui ho sentito che avrebbero spedito decine di milioni di schede.

Ho detto esattamente: “o vinceranno loro, o ci porteranno in tribunale”.

La Florida è stata una grande vittoria, 377.000 voti in più. Sul Texas ho già detto. L’Ohio, pensate a questo. L’Ohio è uno stato tremendo, un grande stato, adoro l’Ohio, abbiamo vinto dell’8,1%, 461.000 voti. Pensateci, quasi 500.000 voti.

North Carolina, grande vittoria nel North Carolina. E così abbiamo vinto anche lì, siamo in testa per 76.000 voti ma, di tutto questo, non ci è rimasto quasi nulla … all’improvviso tutto si è fermato.

Questa è una frode contro il popolo americano. È una vergogna per il nostro Paese.

Ci stavamo preparando a vincere queste elezioni e, francamente, le abbiamo vinte. Abbiamo vinto queste elezioni.

Quindi, il nostro obiettivo è di assicurarne l’integrità per il bene di questa nazione. Questo è un momento molto importante. Questa è una grande frode per la nostra nazione. Vogliamo che la legge sia usata nel modo corretto.

Quindi, andremo davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Vogliamo che tutte le votazioni siano fermate. Non vogliamo che trovino le schede alle 4 del mattino e le aggiungano alla lista.

È un momento molto triste, è un momento molto triste. Per me, questo, è un momento molto triste ma vinceremo e, per quanto mi riguarda, abbiamo già vinto.

Quindi, voglio solo ringraziarvi per il sostegno che mi avete dato. Voglio ringraziare tutte le persone che hanno lavorato con noi e ora, Signor Vicepresidente, dicci qualche parola, per favore.

*****

Link Originale: https://www.dailywire.com/news/trump-on-election-results-we-will-be-going-to-the-u-s-supreme-court

Scelto e tradotto da Franco