Lo “scontro finale”: Trump distrugge i Democratici

Tom Luongo per Gold Goats ‘N Guns (estratto)

Donald Trump ha praticamente vinto le Elezioni Presidenziali lo scorso fine settimana, con i suoi quattro “ordini esecutivi”.

Senza nemmeno arrivare alla Convention del DNC, a Milwaukee, posso dire senza incertezze che questa stagione elettorale sia già finita.

I sondaggi dicono che Joe Biden (soffre probabilmente di demenza senile) stia guidando la corsa sul Presidente Trump ma, francamente, non me la bevo.

E nemmeno i Democratici se la bevono.

Altrimenti non sarebbero così disperati, fino al punto di considerare il “voto per corrispondenza” la loro “collina politica”, sulla quale resistere fino alla morte.

E, in effetti, è su quella collina che moriranno.

Dal canto suo, la Presidentessa della Camera, Nancy Pelosi, ha proposto una nuova serie di Leggi per lo stimolo dell’economia.

Ma l’enorme divario fra le proposte del GOP e quelle del DNC evidenzia solo una parte di quella che è la vera divergenza politica fra i due Partiti (vedi grafico, H/T Zerohedge).

I Democratici, in realtà, vogliono il “voto per corrispondenza” per poter imbrogliare, fatto che permetterebbe loro di “vincere le elezioni”.

La Pelosi pensava di aver messo Trump con le spalle al muro.

Perché il Presidente avrebbe dovuto cedere alla sua richiesta per poter spendere i 1.700 miliardi di dollari raccolti attraverso le “Aste del Tesoro” — prova della “Grande Menzogna” che il dollaro stia per morire.

Ma tutto quello che il Presidente doveva fare, in realtà, era di rendere irrilevante l’imposta sui salari per la maggior parte dei contribuenti di questo Paese.

Esaminate gli ordini esecutivi che ha appena firmato.

Ognuno di essi attacca una delle posizioni che i Democratici si son ritagliati nei loro discorsi pubblici.

*****

1) Rinviata la riscossione dell’imposta sui salari.

Al riguardo, Trump sta facendo almeno due cose. In primo luogo sta abbassando le tasse sui poveri e sulla classe media.

In secondo luogo sta abbassando il costo del lavoro negli Stati Uniti, tagliando al contempo la burocrazia e rendendo più facile la sopravvivenza delle imprese in crisi di liquidità, che non devono più preoccuparsi di pagare le tasse mensilmente o trimestralmente.

Questo rinvio attacca uno dei noccioli del discorso dei Democratici: “Ai Repubblicani non importa dei piccoli, a noi si!”.

2) Rinviate le scadenze dei “prestiti agli studenti”.

E’ un passo necessario per congelare la situazione e che, al contempo, molto si avvicina al “giubileo del debito”.

Trump, in questo modo, attacca le banche che fanno prestiti predatori agli studenti e mina, al contempo, il discorso di “Occupy Wall Street” secondo cui tutto il denaro va sempre alle banche.

3) Estesa la moratoria sugli affitti e sui prestiti ipotecari.

Ancora una volta Trump colpisce le banche, fermando lo sfratto delle persone il cui reddito è stato distrutto come conseguenza dei blocchi pandemici ordinati dal Governo Federale e dai Governi Statali.

E’ un attacco contro il piano del DNC volto a che le banche buttino fuori dalle loro case milioni di persone, proprio al culmine della campagna elettorale.

In questo modo Trump ribatte con forza all’argomento secondo cui il GOP è solo per i ricchi capitalisti-avvoltoi.

4) Estesa l’assistenza alla disoccupazione.

Trump non è uno stupido. A questo punto la questione del deficit di bilancio è semplicemente ridicola.

Estendendo l’assistenza sociale nel pieno della stagione elettorale lancia il messaggio che, ancora una volta, sta aiutando la popolazione … mentre il DNC fa solo ostruzionismo.

*****

Non è un piano perfetto, ma rinvia i problemi a dopo le elezioni (quando il Presidente potrà fare cambiamenti più radicali), mantenendo le persone nelle loro case, nutrite e con una qualche parvenza di normalità.

Trump rivendica in questo modo la sua superiorità morale.

L’unica cosa che i Democratici possono fare, in risposta, è criticare il mancato finanziamento della Previdenza Sociale.

Ma è un argomento rilevante solo per i Boomers, i quali stanno comunque ottenendo dei vantaggi.

I loro assegni stanno arrivando e continueranno ad arrivare.

L’alto tasso di disoccupazione rende sempre più insicuro il futuro della Previdenza Sociale, alla quale i disoccupati non possono contribuire.

Se si vuole rimettere in piedi l’economia, bisogna far circolare il denaro.

Mai avrei pensato di poter vedere un Presidente americano che chiama il bluff degli “ingegneri sociali” sul risparmio pensionistico forzato. Che deve finire nella sua forma attuale.

[omissis]

Oggi, i Governi locali vi dicono di vivere nella paura del virus … e al contempo che non possono proteggere la vostra casa dai rivoltosi e dai saccheggiatori.

La Polizia è sopraffatta o, peggio ancora, c’è chi dice che dovrebbe essere sciolta.

Sono le stesse persone che, se andassero al potere, vi toglierebbero le armi che avete appena comprato per proteggervi.

Ma, la prossima settimana, vi diranno qualcosa di diverso perché Trump, nel frattempo, li ha privati dei loro “punti di conversazione”.

Con questi quattro “ordini esecutivi” Trump sta cambiando l’intera narrazione su cui si basa il Governo Federale.

Da qui alle elezioni la prossima storia che andrà a cadere sarà quella secondo cui il DNC sta conducendo una “campagna elettorale” per qualsiasi altro motivo che non sia quello di evitare la prigione per tradimento [Obamagate].

Ma di questa storia se ne parlerà solo dopo che Trump avrà fatto in modo che le cose non peggiorino per coloro che sono già stati oggetto dei loro abusi.

*****

Link Originale: https://tomluongo.me/2020/08/11/trump-destroys-abusive-democrats-stimulus-showdown/

Scelto e tradotto da Franco