Barboncini, processi e buchi nell’acqua

Roberto Buffagni per Italia e il Mondo

Cari Amici vicini & lontani,

in queste belle giornate estive due fatti di cronaca campeggiano sui media: lo sbarco di immigrati tunisini a Lampedusa con barboncino (di nazionalità ignota) al seguito [1] e l’autorizzazione a procedere per il caso Open Arms [2] contro Matteo Salvini, concessa dal Senato [3].

L’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini è motivata, ovviamente, da ostilità politica nuda e cruda, manifestata in forma particolarmente indecente, perché:

a) si è trattato di un atto squisitamente politico compiuto da un Ministro in carica

b) la responsabilità politica di quell’atto è condivisa, come minimo, dal Presidente del Consiglio del governo giallo-verde Giuseppe Conte, che andrebbe dunque processato anch’egli.

Cosa un po’ complicata e ossimorica, visto che Conte continua ad essere il Presidente del Consiglio in carica anche del governo giallo-rosa, sostenuto dalla maggioranza che ha appena votato l’autorizzazione a procedere contro Salvini.

Probabilmente, a Matteo Salvini non dispiace la prospettiva di finire sotto processo per il caso Open Arms, perché gli serve su un vassoio d’argento l’opportunità di presentarsi come vittima di un’ingiustizia e unico difensore degli italiani dai pericoli dell’immigrazione incontrollata.

Tant’è vero che ha già diffuso il trailer dello spettacolo mediatico-giudiziario di cui sarà protagonista, dichiarando a caldo che:

«Contro di me festeggiano i Palamara, i vigliacchi, gli scafisti e chi ha preferito la poltrona alla dignità. Sono orgoglioso di aver difeso l’Italia: lo rifarei e lo rifarò. Vado avanti, a testa alta e con la coscienza pulita»

L’autorizzazione a procedere è sicuramente un’ingiustizia.

Resta da vedere se Salvini sia una vittima.

Secondo me, sì: Salvini è una vittima … ma anzitutto di se stesso e della povertà desolante della sua cultura e azione politica.

Motivo? Eccolo il motivo, anzi i motivi:

1) La maggioranza parlamentare che l’ha indecentemente mandato a processo l’ha costituita lui, con la sua decisione dell’agosto scorso di far cadere il Governo, nella speranza di provocare nuove elezioni e di incassare un diluvio di consensi [4].

All’epoca, la decisione di Salvini fu attribuita a valutazioni strategiche così raffinate da risultare accessibili solo a un Olimpo di pochi eletti strateghi.

Ai molti perplessi si ingiunsero umiltà, silenzio, fiducia, come ai militi dell’Arma (mele marce escluse).

Salvo prossimi, miracolosi rovesciamenti della situazione, forse implicanti un intervento dei Piani Superiori (dagli USA di Trump a Padre Pio) mi pare si possa pacificamente riscontrare che le valutazioni strategiche di cui sopra erano, tutto sommato, sbagliate.

2) L’azione politica per cui Salvini viene oggi indecentemente processato — e le altre analoghe da lui compiute come Ministro degli Interni, ovvero la chiusura dei porti agli immigrati clandestini — aveva già allora due caratteristiche principali:

a) faceva acquisire una valanga di consensi a Salvini

b) era ovviamente insufficiente per affrontare sul serio il problema (enorme) dell’immigrazione [5], perché da un canto è impossibile chiudere efficacemente i porti nell’attuale quadro politico e legislativo e, dall’altro, il problema dell’immigrazione si può affrontare solo se si ha una visione adeguata della politica internazionale, in particolare dei rapporti tra l’Italia e i paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

Evidentemente, per Salvini era rilevante soltanto l’aspetto sub a) della sua azione politica, cioè il fatto che gli faceva acquisire tanti consensi.

Consensi che in un regime di democrazia parlamentare a suffragio universale per un politico hanno importanza decisiva, ma che tuttavia non sono tutto anche perché … come si acquisiscono, così si perdono.

E se si acquisiscono con azioni dimostrative attente anzitutto all’immagine (ma che non producono alcun risultato concreto), si perdono quando l’immagine di autorevolezza e di sbrigativa efficacia proiettata con l’ausilio dei photoshop si appanna, o addirittura viene smentita dai fatti.

Qualcosina di meglio e di più anche Salvini avrebbe potuto fare, quando era Ministro, anche sotto il profilo dell’immagine.

Qui vi racconto un minimo esempio di quel qualcosina di più e di meglio. 

Ce ne sono certamente altri, ma vi racconto questo perché lo conosco bene, visto che alla Lega l’ho proposto io.

Come sanno i lettori di italiaeilmondo.com e non solo loro (se n’è parlato in più occasioni sulla stampa nazionale ed è stato presentato in un importante convegno internazionale in Tunisia. Lo conoscono molto bene il governo tunisino e l’ambasciatore italiano a Tunisi), il nostro collaboratore Antonio de Martini è il referente italiano di un importante e suggestivo progetto, appoggiato da tre Università italiane, “Mare nel Sahara”  https://www.medinsahara.org/

In pillola, è la ripresa aggiornata di un antico progetto francese mai realizzato per contrasti politici, che fu appoggiato da Ferdinand de Lesseps [6], promotore ed esecutore del Canale di Suez e del Canale di Panama.

Nel deserto tunisino ci sono vaste depressioni naturali, gli chott, site in prossimità del Mediterraneo.

Escavandole per aumentarne la profondità, e sterrando un canale, vi si potrebbe far irrompere il Mar Mediterraneo, creando un mare artificiale.

Con l’evaporazione esso cambierebbe il microclima, rendendo fertili i terreni circostanti.

Risultano subito chiare le ricadute positive economiche e sociali per la Tunisia e per l’Italia.

Per la Tunisia la creazione immediata di 60.000 posti di lavoro, l’estensione della superficie coltivabile e la creazione di una nuova leva di agricoltori e infine lo sviluppo di pesca e turismo marittimo (il 20% del PIL tunisino si deve al turismo).

Per l’Italia, 4-5 miliardi di euro di lavori per le imprese italiane (alle quali sarebbero affidati i lavori che esigono superiori capacità e tecnologie), cessazione dell’immigrazione clandestina dalla Tunisia, accrescimento del prestigio e dell’influenza politica italiana nella regione che è la cintura di sicurezza geopolitica naturale per l’Italia (la costiera mediterranea dell’Africa); replicabilità dell’iniziativa anche altrove, ad esempio in Algeria, dove esistono condizioni geografiche analoghe.

Ma invito i lettori a consultare il sito https://www.medinsahara.org/, dove troveranno le informazioni essenziali su questo bel progetto.

Per quanto riguarda la Lega, e in generale il defunto Governo giallo-verde, l’opportunità e il vantaggio politico, anche d’immagine, di promuovere un progetto simile mi parevano abbaglianti come il sole del deserto.

Anzitutto, sul piano dell’immagine e del consenso appoggiare questo progetto significava  fare per primi quel che gli avversari politici immigrazionisti dicono sempre di voler fare e non fanno mai, “aiutarli a casa loro”, e quindi tappare la bocca all’avversario.

Per forze politiche prive di esperienza internazionale e di governo nazionale come Lega e Cinque Stelle, inoltre, sponsorizzare un progetto del genere implicava presentarsi come forze responsabili e lungimiranti, capaci di strategia internazionale.

Per Matteo Salvini, personalmente, poteva essere una buona occasione per smentire le accuse d’essere un capopopolo incolto e chiacchierone di cui lo bersagliano gli avversari, proponendosi invece come statista affidabile che sa coinvolgere persino gli avversari politici in progetti di vasto respiro.

Se avesse respinto a priori e disprezzato un progetto di cui tutto si può dire tranne che sia razzista, il PD si sarebbe trovato in grave imbarazzo.

A ciò si aggiunga che per acquisire gli elementi di valutazione indispensabili a decidere se passare alla fase operativa vera e propria, bastava finanziare con 3-400.000 euro uno studio di fattibilità, del quale sono già individuate le fasi essenziali.

Se per una delle mille ragioni possibili si fosse poi deciso di non dare il via al progetto, nessuno avrebbe potuto accusare i promotori politici di aver sprecato ingenti risorse — e intanto, essi avrebbero incassato l’effetto promozionale di un nobile, encomiabile tentativo di affrontare il problema, sul serio enorme, dell’immigrazione.

Così, all’insediamento del governo giallo-verde interessai al progetto il Sen. Alberto Bagnai, e lo misi in contatto con Antonio de Martini.

Il Sen. Bagnai, però, non ritenne opportuno incontrare de Martini (che peraltro abita anch’egli a Roma) e lasciò cadere la proposta.

Grazie alla cortese disponibilità di un intermediario, incontrai poi l’On. Riccardo Molinari, capogruppo leghista alla Camera.

L’On. Molinari, che qui colgo l’occasione di ringraziare, mi ha ricevuto con prontezza e cortesia e mi ha dedicato due ore del poco tempo di cui dispone un politico molto impegnato.

Nel nostro colloquio gli illustrai il progetto e, da lui richiestone, mi diffusi sull’importanza politica e geopolitica del Mediterraneo per il nostro paese.

In lui trovai un interlocutore attentissimo, intelligente e molto disponibile, benché la materia in discussione non facesse parte della sua esperienza politica precedente.

Ci congedammo con l’intesa che l’On. Molinari avrebbe portato il progetto, con le sue implicazioni, all’attenzione del Segretario del suo Partito, Matteo Salvini.

Risultato: un buco nell’acqua.

E’ vero: l’attuazione del progetto “Mare nel deserto” non avrebbe risolto definitivamente il problema dell’immigrazione, né soddisfatto l’ambizione di Matteo Salvini di guidare il governo italiano.

Forse, però, se Matteo Salvini, invece di scavare un buco nell’acqua dopo l’altro, avesse fatto scavare qualche buco nella sabbia del deserto tunisino, oggi si troverebbe meglio.

L’Italia e la Tunisia, di sicuro.

That’s all, folks.

*****

Note: 

[1] https://www.corriere.it/cronache/20_luglio_28/migranti-barboncino-travestiti-turisti-nuove-tecniche-sbarco-c3dcb4c0-d0a0-11ea-b3cf-26aaa2253468.shtml

[2] https://www.corriere.it/cronache/20_luglio_30/caso-open-arms-tar-scontro-ministri-ecco-cosa-accadde-f687df6e-d23d-11ea-9ae0-73704986785b.shtml

[3] https://www.corriere.it/politica/20_luglio_30/salvini-va-processo-il-caso-open-arms-senato-concede-l-autorizzazione-procedere-37b84b96-d27e-11ea-9ae0-73704986785b.shtml

[4] L’ho commentata nel settembre 2019, e purtroppo devo constatare che ci ho indovinato: http://italiaeilmondo.com/2019/09/11/lezioni-di-umilta-di-roberto-buffagni/

[5] Qui, in una serie di tre articoli, ne tratto sotto il profilo del conflitto politico su base etnico/religiosa che immigrazione e allargamento dello ius soli possono causare: http://italiaeilmondo.com/?s=ius+soli

[6] https://it.wikipedia.org/wiki/Ferdinand_de_Lesseps

*****

Link Originale: http://italiaeilmondo.com/2020/07/31/barboncini-processi-e-buchi-nellacqua-di-roberto-buffagni/

Scelto e pubblicato da Franco