Il Partito di Matteo Renzi implode letteralmente nei sondaggi: Italia Viva CROLLA all’1,5%, ancora -0.1% e finisce tra gli “Altri” (… avete voluto regolarizzare 500’000 migranti…)

Fonte al LINK

Tra un tentativo di renzusconi e l’altro – per ora falliti – gli italiani si dimostrano tutto tranne che fessi: il partito di Matteo Renzi crolla nei sondaggi all’1,5%, letteralmente in via di estinzione. Parimenti il suo compagno di avventure al ristorante di Verdini, la Lega di Matteo Salvini, partito che recentemente si è detto “a maggioranza” pro €uro, ossia rinnegando le promesse di ITALEXIT e dunque giocandosi i voti di molti votanti, con profusioni in ultimo di Luca Zaia, ma prima di lui anche di Giorgetti, Fontana, anche Salvini. E poi Maroni, Pagliarini ecc….. enfatizzando il loro essere EUropeisti ed euristi prima di tutto, lasciano sul campo ben il 9%, dal 34%+ alle Europee al 25% oggi, in forte discesa prospettica anche nei prossimi mesi. Verrebbe da dire, le promesse si mantengono cari miei…

Teresa Bellanova, ministra renziana, alla fine ottiene la regolarizzazione ” quasi obbligata” per fini di sopravvivenza  per Giuseppe Conte, di 500’000 migranti…

Restando a Matteo Renzi è impressionate come il cd. rottamatore (di tutto e tutti) dal 40% dei suffragi alle Europee di qualche anno fa sia letteralmente crollato, quasi sparito all’1,5% (sondaggio IXE’ – 26.5.2020)!

Probabilmente le sue invettive, i suoi veti incrociati, anche i tradimenti politici, il fatto che non mantenga la parola data (memento lo “Stai Sereno” a Enrico Letta qualche anno fa; o il suo impegno a ritirarsi dalla politica in caso di sconfitta al referendum Costituzionale, ritiro politico naturalmente mai avvenuto, …), ossia gli ostacoli messi al governo anche durante la crisi mortale della Repubblica durante il COVID, alla fine fanno paura anche e soprattutto agli italiani, appunto, come e più del COVID. Dunque anche Renzi come il virus d’estate si estingue, col caldo… O così sembra!

Ora, che dire? Bisogna aspettare novembre prossimo, ben coscienti che l’EU parlerà tanto e non concederà nessun fondo agli italiani ancora per svariati mesi. Dunque il governo dovrà sperare che gli italiani ce la facciano da soli, nel post COVID: scordatevi gli aiuti, l’EU sta prendendo la Penisola per fame sperando di farle fare la fine della Grecia. In tutto ciò, quello che deve preoccupare gli italiani non sono tanto le frontiere chiuse da Austria e Svizzera, che bloccheranno i turisti in arrivo in Italia. Ma le uscite pubbliche dei referenti massimi della task force COVID della Lombardia: sono loro stessi che consigliano di chiudere i confini, altro che far arrivare i turisti! Io mi domando, ma come è possibile che in Ticino, che ha avuto forse più casi della Lombardia che le è confinante, le scuole sono aperte ed invece lato italiano si vuole addirittura tenere chiusi i confini? Autelesionismo allo stato puro o c’è di più (…)? Ricordo per altro che i confini svizzeri con Germania e Austria verranno aperti totalmente il 15.6.2020, ma NON quelli con l’Italia!

E con l’Olanda pronta a lavorare sotto banco in EU per non concedere nessun fondo EU per l’emergenza post COVID all’Italia, nonostante le promesse mediatiche dei media cooptati all’EU che cercheranno di fare passare l’EU francotedesca come magnanima, in realtà un’arpia, vedasi articolo sotto, al LINK.

La storia sembra ancora tutta da scrivere, in attesa degli sviluppi possibilmente clamorosi dell’OBAMAGATE/Spygate italiano, che rischia di vedere sul banco degli imputati anche ex leaders politici, nel senso, dopo che costoro magari saranno spariti politicamente nelle prossime elezioni, ovvero senza tutela dell’immunità parlamentare.

Work in progress.

Italiani tenete duro, qualcosa accadrà!

MD

*****

Le immagini, i tweet e i filmati pubblicati nel sito sono tratti da Internet per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun visibile contrassegno di copyright). In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all’indirizzo info@mittdolcino.com perché vengano immediatamente rimossi. Le opinioni espresse negli articoli rappresentano la volontà e il pensiero degli autori, non necessariamente quelle del sito.