Coronavirus: il turismo francese è crollato del 35% — L’Europa è in recessione

Tyler Durden per Zero Hedge

Lunedì, sono stati confermati in Italia più di 200 casi d’infezione da Coronavirus, con qualche decesso.

Il Paese sta adottando misure simili a quelle prese della Cina. Ha chiuso città e imprese con, sullo sfondo, un’economia che comincia a frenare.

Domenica, il Ministro Francese dell’Economia e delle Finanze, Bruno Le Maire, ha detto a Dan Murphy della CNBC (in occasione del G-20 riservato ai Ministri delle Finanze e ai Governatori delle Banche Centrali, che si è tenuto a Riyadh, in Arabia Saudita) che l’epidemia Covid-19 avrà un notevole impatto sull’economia francese e sul mondo.

Ha affermato che il settore del turismo, in Francia, è precipitato, conseguenza dell’epidemia di Coronavirus: “In Francia, naturalmente, abbiamo ca. il 30% — 40% di turisti in meno, rispetto al previsto”.

Ed ha aggiunto che: “Tutto questo avrà un impatto molto importante sull’economia francese”.

Il turismo, in effetti, rappresenta il 10% del PIL del Paese e garantisce più di 3 milioni di posti di lavoro.

Le Maire ha detto che la Francia ha accolto ben 2,7 milioni di turisti cinesi lo scorso anno: “Nel 2020 non sarà più la stessa cosa, naturalmente”.

Palese il riferimento alle oltre 200.000 prenotazioni cancellate da quando il virus è scoppiato, in Cina, il mese scorso.

La Francia ha confermato 12 casi d’infezione e un decesso, mentre il Paese ha attivato 70 nuovi strutture ospedaliere, in preparazione per un’epidemia molto più ampia.

Dopo un incontro domenicale con il Primo Ministro Edouard Philippe, il Ministro della Salute, Olivier Veran, ha detto che: “Fino ad ora avevamo solo 38 strutture sanitarie preparate per accogliere i malati — fondamentalmente Ospedali Universitari [Centres Hospitaliers Universitaires; CHUs]”.

Ed ha aggiunto: “Ho deciso, d’accordo con il Primo Ministro, che 70 strutture dotate di SAMU [Service d’Aide Médicale Urgente] saranno attivate fin da domani, per aumentare la nostra capacità di risposta, dovesse essere necessario”.

Olivier Veran ha ribadito che la Francia aumenterà la sua “capacità di effettuare test”, aggiungendo che le attrezzature protettive, come ad esempio le maschere anti-virus e le tute biologiche, saranno ordinate in “grandi quantità”.

Ha concluso sostenendo che: “Stiamo agendo rapidamente e con decisione di fronte alla minaccia di un’epidemia ….. Stiamo prendendo tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza del popolo francese”.

Comunque, gran parte dell’epidemia, in Europa, è localizzata in Lombardia, una regione del Nord Italia.

Sia la Francia che l’Italia rischiano fin d’ora di mancare gli obiettivi di crescita per il 2020 [https://www.zerohedge.com/economics/europes-economy-records-worst-quarter-2013-slowing-persist-2020].

La diffusione del virus nel Continente potrebbe portare entrambi i paesi alla recessione.

Ma si sta evidenziando un rischio ancor più significativo, perché uno shock virale proveniente dalla Cina potrebbe spingere l’intera Europa in recessione [https://www.zerohedge.com/economics/european-manufacturing-downturn-deepens-december].

La Germania, il cuore pulsante dell’economia europea, è già sull’orlo della recessione.

Più a lungo l’economia cinese resterà paralizzata, maggiore sarà il rischio per l’intera Europa [https://www.zerohedge.com/economics/terrifying-charts-show-chinas-economy-remains-completely-paralyzed].

Abbiamo pubblicato molti articoli sugli scricchiolii provenienti dalle “catene di fornitura globali”.

Partendo dalla Cina, si stanno diffondendo verso l’esterno, nelle regioni Pacifico-Asiatiche, in Europa e negli Stati Uniti [https://www.zerohedge.com/economics/blain-evidence-cracking-global-supply-chains-fast-emerging].

Tuttavia, l’Europa sarebbe esposta anche a ulteriori “shock collaterali”, conseguenza della debole crescita dell’economia globale [palese il riferimento all’economia europea volta soprattutto all’export].

Ecco un grafico che traccia la mappa della dipendenza di alcuni Paesi dalla Cina.

Per riassumere, il mortale Coronavirus è arrivato in Europa, in particolare in Italia e in Francia.

Arriva in un momento piuttosto difficile per l’Europa, la recessione rischia di prosperare.

Il “cannone monetario” della Banca Centrale potrebbe fallire, nel tentativo di puntellare l’economia del Continente.

————

Link Originale: https://www.zerohedge.com/markets/french-tourism-crashes-30-40-amid-virus-outbreak-europe-recession-watch

Scelto e tradotto da Franco