Tutto in una immagine: se non si esce dall’euro l’Italia è destinata a diventare una colonia POVERA, con tasse sempre più alte e di fatto espropri di massa per la classe media (e tasse relativamente basse per la casta). Qualsiasi governo di qualsiasi colore NON cambierà la sostanza. Volete questo?

Molti mi chiedono perchè io sia arrabbiato con chi ha tradito le proprie promesse sull’ITALEXIT. Spero sia chiaro, è tutto in una immagine e nel titolo sopra. Infatti a fare nulla, anche solo ad aspettare prendendo tempo “per cambiare l’EU dal di dentro” non serve a nulla se non a PERDERE tempo. Bisogna ribaltare i tavoli a Bruxelles, proprio come diceva Paolo Savona quando voleva reiterare il 3%+ di deficit, notando che poi lo stesso Savona fu tradito da chi lo aveva proposto al governo (la Lega) mettendolo da parte….

Or dunque, vi deve essere chiaro il vostro futuro… Qualcuno mi sollecita a riflettere sul fatto che ci vuole tempo “per cambiare l’EU”, che bisogna cambiare il sistema EU dal di dentro (impossibile, visto che è la brutta copia del piano nazitedesco in caso di vittoria del nazismo in Europa 75 anni fa). In parte questo messaggio arriva da gente che, entrata in politica ha addirittura parenti strettissimi di stirpe germanica, forse non è un caso. Spiace non poter imputare la massima colpa alla sinistra, che ha causato il danno iniziale. Diciamo che le colpe sono ben definite e suddivise: da una parte i 4 governi non eletti sorretti dalla “sinistra internazionale” che hanno rotto definitivamente l’equilibrio, la stessa “sinistra” che fece rapire ed uccidere Aldo Moro; dall’altra la Lega ed il M5S che hanno tradito le promesse fatte ai propri elettori di  risolvere problemi. Alla fine, alla prova dei fatti, sovranisti e sinistra sono uguali, usano anche gli stessi metodi se volete: evitare le responsabilità e buttarla in caciara SENZA RISOLVERE ALCUN PROBLEMA CONCRETO, accettando il lento ma incontrovertibile declino sperando che gli italiani non se ne accorgano.

Visto che gli italiani non si lamentano, o meglio siamo in pochi a lamentarci di essere stati traditi, vi spiegherò le cose come fa mia moglie (straniera ed all’estero) coi bambini autistici (stranieri); ossia per immagini, portandovi a capire cosa stia realmente succedendo. Non commento sul coronavirus un’ottima occasione per distrarvi, spaventandovi, senza farvi capire dove stanno i reali problemi (che sono per l’Italia PRIMA DI TUTTO economici).


Dunque, non uscire dall’euro comporta minore crescita economica, oggi siamo infatti all’alba della debacle. vedete i numeri economici e di occupazione di dicembre e capirete che l’Italia è l’Italia è all’alba di una grande recessione. Il problema, notate, è che anche a fronte di una recessione le tasse non scenderanno,”lo vuole l’Europa”, la stessa che non ha esitato a mantenere l’austerità in Grecia anche se questo ha fatto decollare la mortalità infantile a livelli di terzo mondo. Mi direte nel caso quando non potrete curare i vostri figli per assenza di risorse per la sanità…

Se non si esce dall’euro non si può riconquistare la Libya (e secondo il gen. Graziano la guerra potrebbe anche arrivare in Italia, …). E non lo dico solo per i soldi, anzi prima di tutto per la sicurezza, anche quella libica. Con Gheddafi al potere sorretto dall’Italia la Libya divenne il paese più prospero dell’Africa. Dobbiamo tornare là. Certo, oggi l’EU franco-tedesca vuole portarsi via la Libya per i suoi giacimenti, non gliene infatti importa nulla dei libici (stiamo parlando di potenze coloniali europee, mai dimenticarlo…) e dunque si ricatta l’Italia: “se intervenite in Libya decolla lo spread“, dicono sottovoce, senza dimenticare che alla BCE c’è oggi lo stesso soggetto messo all’FMI da Sarkozy al posto di Strauss Kahn (ricordate come….) per mettere in ginocchio Atene…

Se non si esce dall’euro ci saranno espropri di massa, soprattutto sulle case, innalzando le tasse via modifica del catasto ad un livello non accettabile dalle famiglie italiane. E qui vediamo tornare la riforma del catasto che andrà a toccare il patrimonio delle famiglie, tutte, anche con espropri. Uno schifo non rammentarvelo.


Fa per altro pensare che uno dei primi “no euro” padani, il leghista Preatoni, prima fervente NO EURO, ora si sia nei fatti convertito anche lui anticipando i tempi. Ha infatti fondato la cd. Preatoni Nuda Proprietà, un’azienda che vi compra a prezzi relativamente bassi la nuda proprietà della vostra casa, ad esempio se non potrete pagare le tasse sugli immobili che inevitabilmente arriveranno potrete vendere a lui ed ai suoi figli la casa che la acquisiranno fisicamente quando voi morirete. Non c’è che dire, un esempio plastico di conversione interessata dall’essere NO euro e leghista a fare soldi sulle disgrazie là da venire – inevitabili, visto che non si vuole più uscire dall’euro – degli italiani….


Se non si esce dall’euro le tasse esploderanno esponenzialmente, già si stanno preparando. Vedete sotto, non commento oltre.

Fase 2: più tasse e minori deduzioni, che invece all’estero sono normali ed usuali

Fase 2.1: appena dopo, taglio delle pensioni, con metodi immagino subdoli e gabelle nascoste


Il conronavirus con ZERO morti in Italia e qualche centinaio in Cina ma su una popolazione di quasi 1.5 miliardi di persone, sembrerebbe una scusa perfetta per far crollare l’economia cinese, un piano ben congegnato verrebbe anche da dire. Il motivo? Beh, anche qui è tutto in una immagine, il ministro del commercio USA Wilbur Ross lo ha spiegato molto bene secondo me, solo a saper leggere (ma troppi italiani sono ignoranti quanto meno in economia, si sa). Dunque, la crisi economica sembra davvero alle porte, peggiorando addirittura il quadro sopra presentato con tensioni a livello “macro”.

Caspita, l’ha detto…. (meeeeeno male che nessuno se ne è accorto!)


Un’ultima riga sul tradimento di Lega e M5S , che per me possono darsi la mano: la Lega promise uscita dall’euro e revoca delle concessioni autostradali ai Benetton dopo la morte di circa 50 persone sul ponte Morandi (Salvini disse “la revoca è il minimo”, evidentemente un grande bugiardo anche lui…). A distanza di neanche un anno e mezzo sia la Lega che il M5S sono diventate contrarie alla revoca delle concessioni ai Benetton, chissà se sono girati assegni tra il Veneto e Milano verrebbe da dire. In più la Lega ha tradito sull’ITALEXIT, diceva che voleva uscire dall’euro prendendo i voti dei favorevoli al piano tra cui il sottoscritto. Poi si è rimangiata tutto. E, notasi, non serve a nulla affermare che bisogna aspettare, che c’è un piano, che bisogna “cambiare l’EU da di dentro“: tutte  fregnacce, NON C’E’ TEMPO!!

Se non si fa qualcosa rapidamente tempo due o tre anni l’Italia che conoscete oggi sarà morta e sepolta assieme al suo vecchio benessere, diventando veramente una colonia POVERA!

Fino al punto in cui l’enorme debito accumulato costringerà o a tagliare le pensioni in blocco o farà in modo di dividere l’Italia per creare il caos necessario a per dire che “non si sa come suddividere il debito tra varie parti d’Italia” e quindi non si paga [questo è un vecchio piano della Lega diciamo “padana”,una illusione tutto sommato visto che l’ipotetico nord separato diventerà la vacca da mungere della FrancoGermania, come due secoli fa, ndr]. Ossia gli stranieri, a cui fa gioco tale “soluzione” [finale, dell’ex Belpaese, ndr] faranno leva sulla solita invidia insita strutturalmente nel familismo amorale degli italiani – ben descritta dal granissimo Banfield  50 anni fa – e oggi più viva che mai! Che poi è un moderno mortis tua vita mea tra concittadini.

Unica soluzione: che ognuno di voi prenda l’auto e vada dal parlamentare di zona che è stato scelto, lamentandosi a voce alta del fatto che le promesse non sono state mantenute. Almeno potrete dire di aver fatto qualcosa per evitare il tracollo.

Infatti, qualsiasi sia il governo, qualsiasi sia il colore, se si decide di NON uscire dall’euro, dall’epilogo descritto sopra non si scappa. Segnatevelo per favore!

Auguri italiani, ne avete/avrete davvero bisogno.

Mitt Dolcino


PS:

continuate pure nel caso a criticarmi perchè sono profondamente offeso – e lo dico chiaramente, senza peli sulla lingua – dal fatto che NON siano state mantenute le promesse fatte sull’ITALEXIT; fra poco questo sarà una medaglia, quando sarà chiaro a tutti cosa sta realmente bollendo in pentola e quali tragiche conseguenze questo avrà sulla vita degli italiani…