Siamo al caos: Salvini invece di chiedere l’incarcerazione di Carola Rackete, afferma che la espellerà (ossia la tedesca non farà un giorno di galera)

Che volete che vi dica, siamo alla follia, al caos, alla debacle: Carola Rackete, dopo aver frantumato un bel po’ di leggi italiane, che avrebbero portato un qualsiasi nostro connazionale che non fosse in qualche modo “protetto” da entità davvero superiori in carcere per anni, oggi viene salvata addirittura da Salvini, che dice volerla espellere invece di mandarla in gattabuia per un pezzo (mi sembra di capire che, casualmente, anche i sospetti colpevoli implicati nello scandalo adozioni/affidi di Reggio Emilia e dintorni stiano vedendo le loro colpe di molto alleggerite, a seguito degli interrogatori dei magistrati italiani).

Rackete, capitana della ONG tedesca “Sea Watch”, si noti bene, che non è nemmeno finita in carcere ma ai domiciliari, sebbene ci siano gli estremi per metterla in carcerazione preventiva, visto il potenziale di reclusione anche superiore anche ai 20-25 anni. Anche se il pericolo che reiteri reati resta, visto che non si è pentita, sembra di capire…

Ossia non si farà un giorno di carcere, la Rackete. Più o meno come i managers di ThyssenKrupp condannati in via definitiva in Italia per il rogo di Torino ed ancora a piede libero in Germania: i tedeschi pensano che le leggi altrui non contano, un comportamento ricorsivo a Berlino, ci cascano sempre, vi ricorda forse qualcosa?

In tutto questo è penoso leggere che Salvini, invece di invocare pene severissime per la criminale tedesca, afferma pubblicamente che ne chiederà l’espulsione.
Ossia anche lei non si farà un giorno di carcere, come gli omicidi della ThyyssenKrupp di Torino.

I Managers del rogo Thyssen ancora liberi nonostante la propaganda in senso contrario dei media italiani: ma perchè agli italiani piace così tanto farsi prendere per i fondelli dai franco-tedeschi?

Quando vi dicevo che era tutto un teatrino, che la ONG a sfidare platealmente l’Italia quando non è  assolutamente necessario alzare i toni… In realtà serve per nascondere grossi fastidi per il Governo. Ossia ad es. per nascondere dai titoli dalla orina pagina dei giornali la manovra finanziaria giallo verde di aggiustamento CHE ALZA LE TASSE INVECE DI ABBASSARLE, come voleva l’EUropa (i gialloverdi dovevano abbassarle, le tasse…): oggi, cosa ne pensate? In realtà sembra davvero esserci un sottile accordo tra l’EU che provoca e l’Italia che si lamenta, ma solo a parole. Ossia non vi viene il dubbio che forse di stia cercando di nascondere la deriva Tsipras anche in Italia?

La cosa incredibile e che comunque c’è ancora “qualcuno” che, nonostante la indicibile deriva, sta spiattellando notizie scottanti “col mirino”, andando a cogliere la magistratura nei suoi vezzi se non nei propri difetti indicibili, vedasi il caso Palamara/CSM e gli affidi di Reggio Emilia. Ma tutto questo “sforzo” non serve a nulla se poi gli italiani se ne fregano, visto che purtroppo si indignano giusto per il tempo di una partita di calcio.
Le ONG sulle prime pagine dei giornali servono anche per questo, per far passare tutto in secondo piano.
Ossia gli italiani non politici dovranno comunque pagare il conto, punto e finito. Come i greci sotto Tsipras, visto che la scelta strategica è la stessa: rinnegare l’uscita dall’euro (come in Grecia trattasi solo di un teatrino, in realtà il governo “del cambiamento” sta facendo quello che vuole l’EU, nei fatti ad es. economici, il vero punto saliente)..

Ma non bisognava abbassarle, le tasse? Invece le alzano….

Basta saperlo. Per un po’ diluirò gli interventi, essendomi reso conto che tutto sommato non serve spiegare le cose, anzi è controproducente per il (mio) fegato.
Contenti gli italiani che vivono in Italia della loro deriva, contenti tutti!
Sappiate solo che mai avrei immaginato un anno fa di essere qui oggi a commentare FATTUALMENTE cotanta ignobile deriva. Speriamo la coppia Salvini-Verdini, ossia l’espressione più plastica del Renzusconi strisciante, possa passare buone vacanze, gli italiani sembrano tenere più a tale insignificante dettaglio che al futuro della loro progenie.

Chi scrive resta pro-ITALEXIT esplicito e a favore dell’Italia Unita (infatti la romperanno in tre o più parti, …).

Mitt Dolcino