La missione principale di Mueller era di coprire l’orgia criminale dell’era-Obama e il Russiagate del Partito Democratico

Ecco in breve il racconto: tutti davvero si aspettavano che Hillary Clinton vincesse. Quando a vincere fu invece Trump, il “Deep State” diede inizio ad una frenetica corsa per distruggere le prove dei crimini commessi e per compromettere la reputazione dei testimoni.

Perché? Perché il “Deep State” voleva disperatamente impedire che s’indagasse sulle numerose illegalità dell’era-Obama, sulla criminalità e sulla  corruzione che l’hanno distinta.

A coprire i maneggioni del “Deep State” fu incaricato Robert Mueller, nominato “Consulente Speciale” – SC – dall’Agente del “Deep State” Rod Rodenstein [entrambi nella foto sopra], perché era la persona più sporca che mai l’FBI abbia avuto come leader.

Non solo aveva coperto le vicende dell’11 Settembre, ma nella sua carriera era stato anche portatore d’acqua delle associazioni a delinquere facenti capo a Bush e a Clinton, ad esempio lo scandalo Uranium One.

Una volta che Trump entrò in carica, i Democratici s’impegnarono allo stremo per prevenire le indagini tramite le quali il Presidente aveva promesso di “bonificare la palude”. Il lavoro di Mueller consisteva nel mettere il Team Trump sulla difensiva, cosa che in effetti ha fatto.

Espandendo illecitamente la portata dell’indagine di sua competenza, Mueller fu in grado d’indagare sulla storia personale e professionale di Trump come nessun altro SC nella storia degli Stati Uniti.

Quello che gli irriducibili persecutori del Partito Democratico hanno trovato è stato sufficiente per avvertire Trump che avrebbero trasformato ogni piccola pietra in un macigno per cercare di tirarlo giù. Del resto, quale importante uomo d’affari non ha un po’ di sporcizia nel suo passato?

Poi c’è stato il funerale di Poppy Bush [foto sotto]. Ecco il link: Bush Funeral “Envelope Affair” Solved: The Mexican Standoff Inside the Beltway

Nonostante lo scopo originario del “Deep State” fosse quello di rovesciare il POTUS attraverso un “colpo di stato” guidato da Herr Mueller, l’ormai famosa contromossa di Trump, descritta nel link precedente, lo colse del tutto alla sprovvista.

Non solo, il background oscenamente corrotto e criminale di Mueller si era rivelato un’arma a doppio taglio, estremamente letale.

Se era facilmente manipolabile [dal Deep State] con la “Spada di Damocle”  costituita dal tradimento dell’11 Settembre e dalla sedizione dell’“Uranium One”, le stesse gravi trasgressioni potevano essere usate da Trump per esporre all’opinione pubblica gli aspetti criminali della carriera di Mueller:  le vicende mediorentali dei suoi padroni del “Deep State” e quelle del segretissimo “Governo Ombra” che sta guidando il collasso-al-rallentatore della Repubblica Americana.

In altre parole, il grande asset costituito da Mueller era anche allo stesso tempo il più grande punto debole del piano ordito dal “Deep State” contro Trump.

Conclusione

Indipendentemente dalla sua progettazione o da qualsiasi altra cosa, l’indagine di Mueller è stata VISIBILMENTE impostata perché fallisse. Al “Deep State”, in effetti, è stato garantito uno strepitoso successo nel momento stesso in cui gli uffici di Michael Cohen furono oggetto di un’irruzione.

Il tesoro costituito dalle prove “radioattive” acquisite negli uffici dell’avvocato personale di Trump [Michael Cohen] forniva munizioni ai Pubblici Ministeri di tutte le giurisdizioni dove Trump aveva “aperto bottega”  ….. compresi i massicci prestiti della Deutsche Bank.

L’esposizione personale e professionale di Trump, naturalmente, era ampiamente compensata dalle numerose prove acquisite sulle illegalità dell’era-Obama da FBI, DOJ, CIA, NSA e DIA.

Il paese, quindi, sta ora assistendo ad una situazione di stallo di tipo messicano, moderata nientemeno che dall’agente di lungo corso del “Deep State”, il Procuratore Generale William Barr.

Alla luce di quanto descritto, la conclusione più importante che si può raggiungere è piuttosto complicata: non è proprio questo ciò che più piace al “Governo Ombra”?

Il riepilogo generale può essere letto qui: CROWNGATE: THE GREATEST CRIMINAL CONSPIRACY IN U.S. HISTORY.

Alla fine del discorso, quello che verrà reso pubblico dal rapporto Mueller sarà solo una frazione delle effettive conclusioni delle sue indagini.

Per quanto forti possano essere le pressioni che i Democratici della Camera eserciteranno per una sua completa divulgazione, il materiale più sensibile sarà trattenuto per le ragioni esposte in questo post.

L’indagine del Consigliere Speciale Muller era la migliore opportunità del “Deep State” per impedire a Trump di “prosciugare la palude”. Ed è il Distretto Sud di New York ad essere stato incaricato di perseguire eventualmente Trump quando lascerà l’alto incarico.

Le elezioni del 2020 determineranno, quindi, quanto a lungo resterà in piedi l’”accordo messicano”.

Referenze:

DOJ IG Report documents Robert Mueller’s bribery and extortion scheme

MUELLER was installed by his Deep State Masters to Cover Up Real Crimes, Fabricate False Crimes and Protect the Power Elite from Prosecution

ROBERT MUELLER: He’s not a Special Counsel, he’s a Deep State hitman and cover-up artist!

MULEgate: Mueller is destroying the rule of law, Replacing it with the rule of the jungle

THE URANIUM ONE TREASON: WHY ROBERT MUELLER MUST BE REMOVED AND HIS PARTISAN HIT SQUAD DISMANTLED

——————————-

Redazione di State of the Nation

Link Originale: https://stateofthenation2012.com/?p=119302

Scelto e tradotto da Franco