Gallup: un numero sempre maggiore di cattolici americani sta considerando di abbandonare questa religione come reazione agli abusi sessuali dei sacerdoti

Secondo un nuovo sondaggio, una percentuale crescente di cattolici statunitensi sta riesaminando il suo impegno nei confronti di questa religione, man mano che vengono rivelate nuove denunce sugli abusi sessuali commessi dai sacerdoti.

Il sondaggio della Gallup pubblicato Mercoledì scorso ha rivelato che ca. il 37% dei cattolici statunitensi sta chiedendosi se restare nella Chiesa Cattolica, come conseguenza delle notizie sugli abusi sessuali commessi dai preti sui giovani.

Ha detto inoltre che questa cifra era del 22% nel 2002, quando la Chiesa aveva affrontato una crisi simile negli Stati Uniti, dopo che il quotidiano “The Boston Globe” aveva riferito di diffusi abusi sessuali da parte di preti cattolici nell’area di Boston, e degli sforzi dei leader della Chiesa Cattolica per impedire che il fatto diventasse di dominio pubblico.

Gli ultimi sondaggi della Gallup dimostrano che lo scandalo attuale sta colpendo i cattolici statunitensi molto più di quello del 2002 e che un numero significativo di cattolici, praticanti e non praticanti, sta pensando di lasciare la Chiesa. In ogni caso,  i meno impegnati con la religione sono quelli più propensi a metterla in discussione.

Il dubbio se restare o meno nell’ambito di questa religione è al 46% fra coloro che mai o solo raramente frequentano la Chiesa, al 37% fra coloro che la frequentano mensilmente e al 22% fra coloro che la frequentano settimanalmente.

Nel mezzo dell’ultimo scandalo ca. un cattolico americano su quattro ha dichiarato di avere poca o nessuna fiducia nei Vescovi statunitensi e negli altri leader cattolici. Solo il 40% dei cattolici statunitensi ha affermato di avere ancora una notevole fiducia in Papa Francesco.

Dai primi casi di abusi sessuali commessi dai preti cattolici, emersi nel 2002 a Boston, molti altri casi simili hanno scosso la Chiesa e il 2018 ha portato con sé un’altra ondata di tali accuse.

La credibilità della gerarchia della Chiesa Cattolica è affondata lo scorso anno, quando sono stati scoperti gli insabbiamenti di vecchi abusi sessuali negli Stati Uniti, in Cile e altrove, che hanno coinvolto lo stesso Papa Francesco.

Mathew Schmalz, fine conoscitore della Chiesa e Professore di studi religiosi presso il Collegio di Santa Croce a Worcester, nel Massachusetts, ha affermato che la Chiesa Cattolica non potrà mai riguadagnare la sua perduta credibilità.

A Gennaio, un ex prete cattolico che aveva ammesso di aver abusato sessualmente di alcuni ragazzi in Pennsylvania è stato condannato a 14 anni di reclusione. E’ il secondo sacerdote ad essere recluso in seguito ad una condanna per illecita condotta sessuale.

L’ex Cardinale statunitense Theodore McCarrick [foto sopra] è stato espulso a Febbraio da Papa Francesco dal Clero Cattolico Romano, dopo che il Vaticano lo ha riconosciuto colpevole di crimini sessuali contro adulti e adolescenti.

L’ottantottenne McCarrick, che a Luglio si era dimesso dal Collegio Cardinalizio Vaticano, è diventato il primo Vescovo Cattolico Romano da ca. 100 anni a perdere il titolo di Cardinale per abusi sessuali.

——————————————-

Redazione di Presstv.com

Link Originale: https://www.presstv.com/Detail/2019/03/14/591034/US-Catholics-sex-abuse-Gallup-poll

Scelto e tradotto da Franco

Please follow and like us: