La propaganda dei media sui miniBOT votati “per sbaglio” dal PD. In realtà la mozione era concordata. Anzi addirittura NON era della Lega ma di Forza Italia!!! Verso il caos, con il conto pagato dalla gente comune…

MiniBOT= patrimoniale concordata con il PD e Forza Italia, ossia con le opposizioni al governo giallo verde? Praticamente certo.
Con questa premessa va detto che NON è assolutamente vero che il PD non ha “notato” i minibot, anzi li ha proprio citati in commissione nella discussione: Simone Baldelli (FI) nella discussione lo ha detto chiaro, davanti a Stefano Fassina (LEU) che non è precisamente l’ultimo arrivato. Inoltre la piddina Silvia Fragolent ha citato precisamente la mozione di Baldelli, quella che citava espressamente i miniBOT durante la discussione alla Camera, come accettata anche dal PD.
Ossia pensare che il PD non abbia visto i minibot e’ una fesseria. Anzi una romanata, solo i polli ci cascano! Forse ora capiamo la potenza ed il fine di non aver voluto sostituire i ministeriali PD dai ministeri.

Leggi tutto “La propaganda dei media sui miniBOT votati “per sbaglio” dal PD. In realtà la mozione era concordata. Anzi addirittura NON era della Lega ma di Forza Italia!!! Verso il caos, con il conto pagato dalla gente comune…”

Aggiornamento Spread Italia-Grecia: siamo poco sopra i 20 bps, differenziale ridotto di due terzi in una settimana. La troika è purtroppo sempre più vicina…

La discesa del differenziale di saggio di finanziamento statale a 10 anni tra Italia e Grecia sembra irrefrenabile, ridottosi a circa lo 0,20% ieri sera. Ossia siamo prossimi al sorpasso della miseria, nel senso che a breve l’Italia sarà il peggior paese occidentale in termini di solidità finanziaria e di rischio sistema.

Leggi tutto “Aggiornamento Spread Italia-Grecia: siamo poco sopra i 20 bps, differenziale ridotto di due terzi in una settimana. La troika è purtroppo sempre più vicina…”

L’Italia ha attivato la sua “valuta parallela” in una provocatoria risposta all’ultimatum dell’UE

Matteo Salvini: “Io non governo un paese in ginocchio”

Redazione: Ambrose Evans-Pritchard è fra i più conosciuti e autorevoli giornalisti economici anglosassoni. Convinto sovranista, non ha mai fatto mancare il suo appoggio ai nazionalisti italiani.

Amico personale di Alberto Bagnai e di conseguenza della Lega di Salvini, è ripetutamente intervenuto nei meeting Goofynomics attaccando l’UE e supportando l’Italexit.

In quest’articolo – che proponiamo in modo asettico, per offrire un quadro il più ampio possibile della situazione – rilancia opinioni già formulate in passato e che non è lecito trascurare, essendo espressione di una larga fetta del pensiero politico-economico britannico. 

Leggi tutto “L’Italia ha attivato la sua “valuta parallela” in una provocatoria risposta all’ultimatum dell’UE”

GOODBYE ITALY FROM AMERICA: è la prima volta dal dopoguerra che la Grecia ha rendimenti così bassi del decennale (l’Italia ha salvato Atene!)

Un boato da Atene per il record sui tassi bassi: GRAZIE ALL’ITALIA. E AI SUOI POLITICI !

Mentre la politica italiana è impegnata a preparare il futuro “elefante che partorisce un topolino”  con i tanto attesi “minibot” ed a compiere arzigogoli fantasiosi su come e cosa risponderà alla Commissione Europea in merito alla lettera di richiesta di spiegazioni sull’ottemperamento stringente dei parametri sul deficit e  sul debito pubblico italiano, qualcuno oltreoceano si sta già muovendo. ORA.

Leggi tutto “GOODBYE ITALY FROM AMERICA: è la prima volta dal dopoguerra che la Grecia ha rendimenti così bassi del decennale (l’Italia ha salvato Atene!)”

Aggiornamento spread Italia-Grecia: siamo a 35.7 bps dall’inferno economico (cosa sta sbagliando l’Italia?)

 

Come ben sapete, ormai lo spread più importante per l’Italia è quello che indica quanto siamo lontani dei tassi di finanziamento a 10 anni della Grecia rispetto al Bund tedesco. Ad oggi Atene, in rappresentanza di uno Stato di fatto fallito, dove la Troika ha razziato tutto, anche le pensioni, paga si’ più  dell’Italia ma giusto un nonnulla: 0.35%. A gennaio l’Italia pagava, più o meno a parità di tassi tedeschi, l’ 1,6% in meno, ossia c’è stato un tracollo nella fiducia verso il nostro paese. Cosa sta sbagliando l’Italia?

Leggi tutto “Aggiornamento spread Italia-Grecia: siamo a 35.7 bps dall’inferno economico (cosa sta sbagliando l’Italia?)”

Il successo di Salvini e la crisi dell’UE

L’Italia è una spina nel fianco dell’UE, ma ora dovrebbe andare oltre e ritirarsi dall’Eurozona.

Dominic Standish per spiked on-line

In Italia, i risultati delle Elezioni per il Parlamento Europeo hanno avuto un impatto significativo, sia a livello nazionale che internazionale.

La Lega e il M5S, i due partiti della coalizione di governo, hanno più o meno invertito la loro quota di voti. Nelle elezioni generali del 2018 il M5S prese più del 32% dei voti e la Lega poco più del 17%.

Domenica scorsa la Lega ha raggiunto il 34% mentre il M5S solo il 17%. La Lega, inoltre, è migliorata significativamente rispetto alle elezioni europee del 2014, mentre il M5S ha perso terreno.

Sotto la guida di Matteo Salvini la Lega si è trasformata da partito separatista regionale [Lega Nord] in partito nazionale che prende voti in tutto il paese.

Leggi tutto “Il successo di Salvini e la crisi dell’UE”

Dice il saggio: accordarsi con i cinesi per tenere lo spread italiano sotto 300 non serve a nulla se poi lo spread della Grecia scende sotto 200, anzi! (quando si pensa di esser furbi…)

Evidentemente qualche genio (non ho detto Geraci e nemmeno Centinaio, …, …) pensava che mettersi d’accordo con Pechino per fissare un cap (ossia un limite massimo) allo spread italiano a 300 bps fosse una genialata, come sotto paragrafo dell’accordo sulla Via della Seta.
Purtroppo la genialità è merce rara a questo mondo, anzi chi si crede volpe alla fine rischia – se non appartenente ad una razza davvero superiore – di finire in pellicceria. E le razze politiche superiori in Italia si sono estinte da tempo, mi sa….

Leggi tutto “Dice il saggio: accordarsi con i cinesi per tenere lo spread italiano sotto 300 non serve a nulla se poi lo spread della Grecia scende sotto 200, anzi! (quando si pensa di esser furbi…)”

La vittoria di Narendra Modi è un avvertimento populista per il mondo intero

Redazione: stiamo discutendo in questi giorni sui risultati delle elezioni europee. C’è chi dice che saranno ininfluenti, chi li considera un primo passo, chi sostiene che stanno influenzando i partiti moderati che governeranno l’UE (chi può più permettersi, ad esempio, di proporre politiche lassiste sull’immigrazione?). 

Crediamo, però, che si stia trascurando un aspetto importante, rivelato con malcelata preoccupazione da Bloomberg: i partiti populisti sono qui e ci resteranno a lungo.

Anche quando la loro azione è controversa, come ad esempio in India, gli elettori continuano a votarli perché esprimono il malessere della popolazione e possono definire le regole per il mondo dei prossimi decenni. 

Leggi tutto “La vittoria di Narendra Modi è un avvertimento populista per il mondo intero”

Salvini senza rete: dopo il successo elettorale di domenica il leader leghista è diventato il primo uomo della Provvidenza del III. Millennio, uomo solo al comando

Salvini bacia il crocifisso dopo i risultati di domenica, diventando ufficialmente l’Uomo della Provvidenza

Non ho detto che è stata una vittoria quella di domenica, non a caso. Questo perché la battaglia è stata dura e la si è vinta, complimenti. Ma la guerra non è ancora iniziata. La guerra va vinta, là sarà vittoria.
Quello che posso certamente dire è quanto al titolo: oggi Salvini è uomo solo al comando, da domenica scorsa. Senza rete, sarà il vero ed unico responsabile delle proprie fortune. E dei propri errori.

Leggi tutto “Salvini senza rete: dopo il successo elettorale di domenica il leader leghista è diventato il primo uomo della Provvidenza del III. Millennio, uomo solo al comando”

La politica multiforme dello Spread indicizzato ad un titolo pubblico di un paese estero che conduce alla schiavizzazione progressiva degli Stati: l’Italia emula la Grecia ?


Tutto ruota intorno allo snaturamento di una Banca Centrale che per decisione istituzionale non può essere prestatore Leggi tutto “La politica multiforme dello Spread indicizzato ad un titolo pubblico di un paese estero che conduce alla schiavizzazione progressiva degli Stati: l’Italia emula la Grecia ?”