L’Europa non ammetterà mai che stanno arrivando i Minibot

Redazione: il sovranismo anglosassone è da sempre sostenitore del Governo giallo-verde. Quest’articolo ne è un esempio.

Noi siamo al riguardo più prudenti e a volte anche un po’ scettici ma tant’è, quest’analisi di Tom Luongo è in alcuni passaggi interessantissima e per qualche verso ci ha colpito.

L’autore ritiene che i Minibot siano la “chiave di volta” per la caduta dell’eurozona ed ammette comunque che saranno cambiati con uno “sconto” rispetto all’euro, che noi pensiamo possa essere, se del caso, del 25-30%.

Non rigettiamo quest’analisi, ma crediamo che assieme ad essa possano essercene delle altre — pensiamo soprattutto ad una “botta inflazionistica” come conseguenza delle vicende iraniane.

Leggi tutto “L’Europa non ammetterà mai che stanno arrivando i Minibot”

Mistero su nuove foto fatte durante l’ 11/9 con una macchinetta fotografica commerciale, ritrovate per caso in un mobile messo all’asta: strani colori, spettrali. Puntualità impressionante


A cosa bella delle foto ritrovate sono la chiarezza. E la fonte, una piccola macchina fotografica, di quelle che si potevano comprare da WalMart. Immagini toccanti, che per la sua gravità e per il profondo senso di devastazione che emanano, ricordano addirittura devastazioni di guerra. Immagini trovate per caso dentro un CD-ROM lasciato in un mobile usato ed arrivato casualmente a due archivisti (gli archivisti Jason Scott e Johnathan Burgess, sono un documento importante per capire com’era Ground Zero all’indomani degli attentati dell’11 settembre 2001, ndr).

Leggi tutto “Mistero su nuove foto fatte durante l’ 11/9 con una macchinetta fotografica commerciale, ritrovate per caso in un mobile messo all’asta: strani colori, spettrali. Puntualità impressionante”

Fattuale: merito del M5S che l’EU ha aumentato il contributo alla TAV, al 55%. Se era per la Lega si faceva subito senza dire nulla, rinunciando a più contributi…. La propaganda interessata ci sta uccidendo!

Solo i fatti ci possono salvare, è indubbio, valutandoli con freddezza e per quello che sono. La TAV dice molto in riguardo, facendoci ben capire i rischi della propaganda mediatica, che non vuole farci capire la realtà, appunto, dei fatti.

Dunque, abbiamo dato la colpa al M5S di non avere voluto la TAV, pur dopo aver dimostrato conti alla mano grazie al più grande esperto italiano in materia di valutazione grandi progetti che tale opera non è sostenibile, anzi sarà in perdita, opera fallimentare utile per fini che probabilmente non ci hanno detto (…). Ripeto, ragionamento fattuale. Or dunque, ugualmente fattuale è che l’EU si è detta oggi disposta – comunicandolo ufficialmente – ad aumentare le sovvenzioni  comunitarie al progetto, per farlo terminar (dal 40% al 55%, ossia almeno 1 miliardo di euro regalato): di chi è il merito di questa nuova sovvenzione, di Salvini che ha lanciato strali ai grillini per aver bloccato il progetto,  lui che voleva farla subito la TAV? O dei grillini che hanno costretto l’EU, pur di fare il progetto, a mettere le mani al portafoglio? Ditemi per favore…

Leggi tutto “Fattuale: merito del M5S che l’EU ha aumentato il contributo alla TAV, al 55%. Se era per la Lega si faceva subito senza dire nulla, rinunciando a più contributi…. La propaganda interessata ci sta uccidendo!”

Gli infuriati alleati della Merkel giurano che fermeranno la presa di Macron sull’Europa

Monta la rabbia tra Francia e Germania per gli incarichi della Commissione Europea

Redazione: Neanche la stampa main stream riesce più a nascondere lo scontro feroce che è in atto per la nomina delle figure apicali dell’UE, in particolare i Presidenti della Commissione Europea e della BCE.

Abbiamo a volte la sensazione, e solo quella, che ancor prima di un conflitto fra diverse famiglie politiche lo sia in realtà fra “Nord” e “Sud” Europa.

Leggi tutto “Gli infuriati alleati della Merkel giurano che fermeranno la presa di Macron sull’Europa”

E ridaje con le prese in giro. Salvini, sei stato votato per mantenere le promesse, non per rinnegarle! Il caso del “limite ai contanti”


Ditemi se faccio male a stigmatizzare le promesse rinnegate. Ossia le balle: chi scrive è ben cosciente che in Germania NON esistono limiti al contante, NESSUNO, addirittura la gente si compra l’auto con i biglietti da 500 euro e nessuno fiata. In Italia no, esiste un limite a  3’000 euro, attualmente. Anzi, erano il limite, dal 1.9.2019 si cambia, per volere del governo gialloverde. Chiaro, in Italia i media non ne parlano, o meglio tacciono il fatto che i tedeschi ad esempio adorano l’oro ed il cash, altrimenti come fanno a indottrinarvi sul fatto che voi italiani il contante NON li dovete usare. Il problema è che il Salvini – che fino a ieri amava il cash – ora, facendo tutti finta di nulla, sotto traccia, ha di fatto avallato silenziosamente un nuovo limite di controllo! Sarà tradimento? Leggi tutto “E ridaje con le prese in giro. Salvini, sei stato votato per mantenere le promesse, non per rinnegarle! Il caso del “limite ai contanti””

Le Olimpiadi del Lombardo-Veneto 2026, applausi! Ora speriamo che non sia una mangiatoia per i soliti noti (d’ogni modo l’Italia comincia veramente a spezzarsi in tre o più tronconi)

Chi scrive è nato nel profondissimo nord. Anzi, mio padre era veneto, di Venezia. Mia madre montanara; ma probabilmente ho anche origini del sud, visto il cognome, sebbene non riesca a tracciarle. Detto questo mi sento profondamente italiano, Italia tutta assieme, a maggior ragione vivendo all’estero. I miei avi hanno combattuto nelle guerre più sanguinose per l’Italia, anche a Redipuglia ho parenti.

Oggi festeggio da italiano per le Olimpiadi del 2026 in Italia.

Leggi tutto “Le Olimpiadi del Lombardo-Veneto 2026, applausi! Ora speriamo che non sia una mangiatoia per i soliti noti (d’ogni modo l’Italia comincia veramente a spezzarsi in tre o più tronconi)”

L’Italia è un posto bellissimo ma carissimo per viverci, dove bisogna pagare un esoso biglietto per restarci (anzi, molti biglietti). Dunque la gente che può emigra….

Ragionavo su un fatto: un aperitivo non a Milano ma in provincia, quanto costa? Parlo del nord, vicino all’EUropa, ossia ai costi EUropei. Diciamo 6 euro per un birra e qualche nocciolina? Circa. Il sud è meno caro, ma è meno vicino all’EU, geograficamente. Lo stipendio degli italiani invece, al netto di una disoccupazione elevata, è basso, molto basso, soprattutto rispetto ai costi della vita. Quando/se si arriverà ad aumentare l’IVA i costi italiani saranno ancora maggiori, ricordando che l’Italia è giù un Paese con l’IVA tra le maggiori in EUropa (si parla di portare l’IVA al 25%, come misura di austerità).

Leggi tutto “L’Italia è un posto bellissimo ma carissimo per viverci, dove bisogna pagare un esoso biglietto per restarci (anzi, molti biglietti). Dunque la gente che può emigra….”

Ooops… Giorgetti afferma che i miniBOT sono una chimera, o meglio una idiozia: finalmente qualcuno rinsavisce? Bene, vuole dire che assieme all’hard Brexit potremo avere anche l’hard ITALEXIT (qui è farina del sacco USA mi sa..)

Da Il Fatto Quotidiano, LINK

Finalmente, dopo troppo tempo, quando temevo il dado fosse tragicamente tratto, il fronte dei miniBOT si sta sfaldando: amici e supporter del miniBOT-patacones stanno dileguandosi, prima Bagnai e oggi Giorgetti, passando per un amico di importanti economisti minibottiani come Fassina, un bravo economista. Restano solo Borghi e Rinaldi, a fare – in tema di miniBOT – l’equivalente del cabarettismo economico, di fatto continuando a portare avanti il disegno che fu di Siri, ossia di Berlusconi: i miniBOT, una patrimoniale nascosta per il ceto medio e medio basso. Probabilmente i due economisti sopra citati preferiscono anche personalmente tale soluzione, evidentemente.

Leggi tutto “Ooops… Giorgetti afferma che i miniBOT sono una chimera, o meglio una idiozia: finalmente qualcuno rinsavisce? Bene, vuole dire che assieme all’hard Brexit potremo avere anche l’hard ITALEXIT (qui è farina del sacco USA mi sa..)”

Violata la casa di Boris Johnson

La violazione della privacy di Boris Johnson da parte del Guardian rappresenta un nuovo minimo per il giornalismo mainstream

Brendan O’Neill per spiked-online

È giusto registrare la conversazione privata di una coppia, attraverso i muri della sua casa, e quindi pubblicarla su un quotidiano nazionale?

La maggior parte delle persone direbbe di no, considerandola una grottesca invasione della privacy.

Leggi tutto “Violata la casa di Boris Johnson”

Bruxelles furiosa: la Svizzera mette pressione alla Commissione Europea, che sta organizzando una rappresaglia sulla Brexit

L’Unione Europea e la Svizzera sono ai ferri corti sul “Trattato Bilaterale”. Bruxelles minaccia reazioni rifiutandosi di riaprire i negoziati, in quello che è anche un palese avvertimento rivolto ai Brexiteers

Redazione: Dopo la guerra alla Gran Bretagna, dopo quella all’Italia, ora la Commissione Europea dichiara guerra anche alla Svizzera. Viene da chiedersi se qualcuno, a Bruxelles, oltre la faccia abbia perso anche la testa.

—————-

Alice Scarsi per The Express

Berna è stata accusata da una Bruxelles sempre più bellicosa di rallentare deliberatamente il “Trattato Bilaterale”, dopo che il Governo Svizzero ha chiesto all’UE di “chiarire” tre aree dell’accordo.

Questa richiesta è stata percepita da Bruxelles come una richiesta di riapertura del “progetto di trattato” concluso nel novembre del 2018. Di conseguenza si è rifiutata di farlo.

Leggi tutto “Bruxelles furiosa: la Svizzera mette pressione alla Commissione Europea, che sta organizzando una rappresaglia sulla Brexit”