Perchè questa volta l’Italia rischia la guerra civile o qualcosa del genere…. Cosa sarebbe capitato nella stagflazione anni ’70 se l’Italia avesse avuto l’euro (e non la lira)

 


(NB: oggi il prezzo del petrolio è circa raddoppiato dall’elezione di Biden alla casa Bianca, ca. +80%: ma in compenso oggi sono [ormai] esplose tutte le altre materie prime, all’unisono)

Sto leggendo oggi pillole di un sedicente divulgatore in rete appunto di supposte pillole economiche che, in realtà, molto amico del fido Borghi, ritengo abbia pochissime intenzioni/velleità – da buon milanese – di uscire dall’euro. Sento dunque il bisogno di dimostrare coi fatti quanto al titolo. Ossia che oggi, si sia in presenza di fenomeni del tutto simili a quelli degli anni ’70 dello scorso secolo, la famosa stagflazione che trovate sui libri di storia economica (Fischer-Dornbush in testa), innescata da una salita repentina del prezzo del petrolio (ma a pari disponibilità di prodotto, si trattava – e si tratta – del cartello OPEC, ndr) e parallela austerity per evitare l’esplosione inflattiva. Ma al testosterone.

Dunque, dopo l’ennesima forviante pillola ho deciso di spendere una mezz’oretta per spiegare dovutamente le cose, visto che è estremamente semplice, per altro.

Leggi tutto “Perchè questa volta l’Italia rischia la guerra civile o qualcosa del genere…. Cosa sarebbe capitato nella stagflazione anni ’70 se l’Italia avesse avuto l’euro (e non la lira)”

Fattuale: sono i Palestinesi ad aver attaccato per primi Israele, con 2’000 razzi, Tel Aviv ha poi reagito. “Cui prodest” tale “suicidio” palestinese? Specchietto per le allodole, al fine di permettere a Teheran di avere la bomba atomica? Suicidio pro-Iran?

 

I fatti non mentono mai: l’attacco suicida con i razzi da parte dei palestinesi è stato iniziato una decina di giorni fa dai palestinesi, vedasi sopra. Israele, in modo ritengo assai fesso (mi si scusi), ha risposto con enorme durezza. In realtà è davvero sembrata una intemerata palestinese, quella dei razzi, ben sapendo che avrebbero causato la dura reazione israeliana. Che chiaramente i media mondiali hanno puntualmente stigmatizzato, dimenticando però di sottolineare che Israele – nel caso specifico – si è semplicemente difesa, pur essendo ben più forte dell’avversario.

La domanda che bisogna porsi è però un’altra: perchè i palestinesi hanno voluto suicidarsi?  E perchè proprio ora?  E se tale atto apparentemente folle lato palestinese non fosse un  suicidio, ma anzi un piano assai ampio direi ben congegnato? In molti ritengono ormai che il motivo dell’attacco “suicida” palestinese era quello di sviare l’attenzione sul vero problema di queste settimane, in crescendo ma in sottofondo, ossia l’Iran che sta approntando la sua bomba atomica. Dunque una bella crisi che metta sotto pressione mediatica Tel Aviv serve, eccome! Anche per prevenire raids militari contro le centrali nucleari iraniane, raids che verrebbero immediatamente condannati a dir poco…

Leggi tutto “Fattuale: sono i Palestinesi ad aver attaccato per primi Israele, con 2’000 razzi, Tel Aviv ha poi reagito. “Cui prodest” tale “suicidio” palestinese? Specchietto per le allodole, al fine di permettere a Teheran di avere la bomba atomica? Suicidio pro-Iran?”

La timeline del “Grande Reset”

Tim Hinchliffe per Global Research

Facciamo finta di essere nel 2014 e che, da qualche tempo, vi frulli in testa l’idea di un grande resettaggio tecnocratico dell’economia mondiale — anche se, per funzionare, è necessario che l’intero pianeta sia scosso da una pandemia.

Come fareste a vendere la vostra idea?

Se foste Klaus Schwab, il fondatore del World Economic Forum (WEF), ci provereste con tre semplici passi:

Leggi tutto “La timeline del “Grande Reset””

La Francia vuole escludere le imprese britanniche dal sistema finanziario dell’UE. Intanto continua la disputa sulla pesca

Tyler Durden per ZeroHedge

Mentre la discussione tra il Regno Unito e la Francia sull’accesso alle acque di pesca britanniche – una questione controversa che ha quasi fatto fallire l’accordo commerciale post-Brexit – peggiora, la Francia ha deciso di prendere per la gola gli inglesi.

La scorsa settimana, i funzionari francesi hanno minacciato di tagliare l’elettricità all’isola di Jersey, sotto la giurisdizione del Regno Unito, mentre una “protesta” inscenata da pescatori francesi ha quasi provocato uno scontro tra navi britanniche e francesi.

Ora, la Francia sta minacciando di fare tutto ciò che è in suo potere per far fallire un accordo UE, che amplierebbe l’accesso ai mercati europei per le imprese finanziarie britanniche.

Leggi tutto “La Francia vuole escludere le imprese britanniche dal sistema finanziario dell’UE. Intanto continua la disputa sulla pesca”

Mario Draghi ed il motivo del governo dei Don Rodrigo: perchè l’Italia sta andando verso la rara “depressione inflattiva”…

Abbiamo letto in queste ore ciò che sapevamo da tempo. Ossia che Berlusconi sta molto male. Il fato evidentemente ha voluto che, proprio oggi, la lunga parentesi cavalleresca volgesse al termine, forse, ci sta. Rileviamo che Donald J. Trump è guarito dal COVID, Berlusconi sembra invece non possa farlo.

Curioso che giornalisti meneghini, su giornali prettamente meneghini (ma che riferiscono ad editori tedeschi), neghino oggi quello che Dagospia sa benissimo e che ha anche urlato ai quattro venti, ossia che molto sta per cambiare in Italia. Infatti una eventuale dipartita del Cavaliere, col passaggio di Mediaset nell’orbita francese, cambierebbe quasi tutto in Italia e non solo….

Leggi tutto “Mario Draghi ed il motivo del governo dei Don Rodrigo: perchè l’Italia sta andando verso la rara “depressione inflattiva”…”

Intervista esclusiva a Joe Hoft del Gateway Pundit. “Ci sono milioni di italiani che vogliono la verità”

Abbiamo intervistato Joe Hoft, editore e autore del Gateway Pundit.

Joe Hoft è il fratello gemello del fondatore di TGP, Jim Hoft. I suoi post sono stati ritwittati dal presidente Trump e hanno fatto notizia al Drudge Report. Joe ha lavorato come dirigente aziendale a Hong Kong e ha viaggiato per il mondo per il suo lavoro, il che gli dà una prospettiva unica degli eventi attuali statunitensi e globali. Ha dieci lauree o denominazioni ed è autore di tre libri.

Leggi tutto “Intervista esclusiva a Joe Hoft del Gateway Pundit. “Ci sono milioni di italiani che vogliono la verità””

Il cielo è terso perchè gli aerei (jet) viaggiano pochissimo, causa COVID. Dunque fa freddo e piove. Il ruolo dello zolfo nei combustibili dei jet occidentali. Riscaldamento climatico EU pilotato?

Arrampicarsi sugli specchi…

Notate bene, quando prendiamo una posizione di norma lo facciamo sulla scorta di papers, nel caso scientifici. Dunque, se qualcuno vuole disinnescare le tesi da noi elaborate collegando i puntini, benvenuto,  ma dovrà mettere in discussione – appunto – papers scientifici. O cercare letture alternative ai fatti, che però dovrà documentare. Auguri dunque.

Resta la constatazione che tutto il sistema solare ha la febbre, ovvero tutti i pianeti del sistema solare stanno riscaldandosi sulla loro superficie, come riportato dalle principiali agenzie spaziali mondiali, noi abbiamo riassunto il fenomeno QUI. Dunque, o qualcuno ha dimenticato il SUV acceso su Marte o Giove, o quello che ci hanno raccontato sul riscaldamento climatico – che i grandi media vogliono sia inteso come puramente antropogenico – è una solida balla.

Ben inteso, il riscaldamento climatico esiste, ma vede la CO2 riteniamo più come conseguenza che come causa (nell’ambito dei meccanismi di grande compensazione di Gaia, J. Lovelock docet). Visto che detto riscaldamento planetario, nel caso, sembra arrivare dal centro della terra e degli altri pianeti (aspettatevi enorme attività vulcanica+terremoti a livello globale nei prossimi anni, ndr); ossia il fenomeno sembra dipendere da aspetti geomagnetici, visto che il sole è in una innegabile fase fredda che molti dubitano ormai sia approssimabile ad un nuovo minimo di Maunders, vedasi oltre.

Leggi tutto “Il cielo è terso perchè gli aerei (jet) viaggiano pochissimo, causa COVID. Dunque fa freddo e piove. Il ruolo dello zolfo nei combustibili dei jet occidentali. Riscaldamento climatico EU pilotato?”

Oops! Attenti a chiamarlo! La NASA fa una simulazione di un meteorite devastante che cade sulla terra. E dove ipotizzano che cada? Senza parole (chissà non sia contrappasso)

Che volete che vi dica? La realtà supera ormai di molto la fantasia. Senza per altro sapere cosa sia realtà e cosa fantasia… Sta di fatto che sono in molti a commentare in rete che, vista la disgrazia dei politici italiani, l’Italia si salva solo col meteorite questa volta. Io non posso che essere d’accordo, quanto meno quando vengo preso dallo sconforto, capita ogni tanto. Il problema nasce quando leggo che l’ “esercizio”, svolto dalle principali agenzie spaziali mondiali di un meteorite che cade sulla terra viene rappresentato con il rischio di asteroide la cui probabilità di impatto percorre da sud a nord l’Italia, precisamente nel centro dell’EUropa… (per la precisione l’area inizia diffusa dalle Piramidi, si concentra in termini di grandi Paesi EU statisticamente su gran parte dell’Italia; e poi diffonde a nord delle Alpi, ndr)

Leggi tutto “Oops! Attenti a chiamarlo! La NASA fa una simulazione di un meteorite devastante che cade sulla terra. E dove ipotizzano che cada? Senza parole (chissà non sia contrappasso)”

La Russia, l’Iran e il “first nuclear strike”: lo SWIFT

Tom Luongo per Gold Goats ‘N Guns (sintesi)

Jim Sinclair, secoli fa, ci disse che quando l’Amministrazione Obama minacciò gli svizzeri di espulsione dal “sistema SWIFT” (perché “aprissero” le regole sulla “privacy bancaria”), quell’atto fu l’equivalente di un “primo colpo nucleare”.

Prima di allora lo SWIFT era conosciuto più o meno come gli aspetti più arcani della “fisica delle particelle”.

Per chi non lo sapesse, è il mezzo attraverso cui il denaro si muove magicamente nel mondo.

Leggi tutto “La Russia, l’Iran e il “first nuclear strike”: lo SWIFT”

Per capire la truffa del Climate Change, nei dettagli: come il Dr. Mann ha perso davanti ai giudici canadesi, certificando l’abuso nel grafico chiave su cui si basa l’intera teoria del “cambiamento climatico”

La truffa del Climate Change: il Dr. Tim Ball sconfigge Michael “Hockey Stick” Mann in tribunale

Redazione: Nell’era della post-verità, ogni ciarlatano si sente autorizzato a dire impunemente la sua, specialmente poi quando ciò è funzionale a interessi economici o politici. Questa volta però la giustizia ha rimesso le cose a posto. E non in un caso qualunque, ma della storia che ha alimentato la “filiera produttiva” del “global warming”. Anzi, visto che continua a fare freddo, del “climate change”.

*****

Leggi tutto “Per capire la truffa del Climate Change, nei dettagli: come il Dr. Mann ha perso davanti ai giudici canadesi, certificando l’abuso nel grafico chiave su cui si basa l’intera teoria del “cambiamento climatico””

Ad un passo dalla guerra: Israele, missile siriano precipita vicino al reattore nucleare di Dimona

 

Redazione:

Il sito ofcs.it, attentissimo – e molto informato – sugli sviluppi di guerra in Medio Oriente, oltre a saper dare i pesi giusti spesso ci indirizza pure:  nessun altro organo di informazione italico ha dato la notizia di cui sopra con tale nettezza; anzi in molti casi la notizia è stata bellamente taciuta dalle cronache. Non oso nemmeno immaginare cosa sarebbe potuto succedere se il missile avesse colpito la centrale nucleare israeliana. E non parlo del disastro in loco, appunto, nucleare. No, parlo della risposta anche solo simmetrica di Israele in Syria. Ed in In Iran, che la supporta, a sud del Paese, con Hezbollah.

Un giorno ci sveglieremo con una vera guerra calda in corso a pochi passi dall’Europa, temo…

Leggi tutto “Ad un passo dalla guerra: Israele, missile siriano precipita vicino al reattore nucleare di Dimona”

La “finestra Biden” per la conquista di Taiwan

 

A Pechino, Xi Jinping sta senza dubbio valutando se sia giunto il momento. Si starà sicuramente chiedendo: “È questo il momento giusto per conquistare Taiwan? Conquistare Taiwan è un passo critico per raggiungere l’obiettivo strategico a medio termine della Cina di imporre la sua egemonia in Asia orientale. L’aspirazione a lungo termine della Cina è di superare gli Stati Uniti come leader globale.

Per Xi questa finestra d’opportunità può rimanere aperta solo per altri 45 mesi, quello che rimane del mandato di Joe Biden. Ultimamente, la RPC ha minacciato aggressivamente Taiwan. L’ammiraglio Philip Davidson, comandante delle forze indo-pacifiche degli Stati Uniti, è convinto che Xi stia accelerando gli sforzi per superare gli Stati Uniti.

Leggi tutto “La “finestra Biden” per la conquista di Taiwan”

Hello Fed, l’inflazione è dilagante e ovvia; perché non la vedi?

Redazione:

Mish Shedlock, alias Mishtalk, è uno degli osservatori economici più attenti e famosi (che se fosse vissuto in Italia sarebbe stato tranquillamente silenziato dal sistema anti meritocratico italiano; e dunque non esisterebbe come fenomeno ormai globale di ottima analisi economica, ndr). Le sue considerazioni sull’inflazione in corso sono interessantissime.

Perchè sono basate su ragioni ovvie! Una lettura ritengo sia necessaria, con un occhio agli USA, che di solito anticipa certi trend diciamo finanziari. Vale dunque la pena prendersi un attimo per leggere le sue ragioni, che in fondo dicono che gli USA come entità vogliono l’inflazione, dunque trattasi di un trend innescato dalla (geo)politica! Sappiate che l’EU tedesca, in difesa dell’euro, è disposta a TUTTO per negare anche lei il tentativo inflattivo in EU. A TUTTO, come spiegammo l’altro ieri.

Leggi tutto “Hello Fed, l’inflazione è dilagante e ovvia; perché non la vedi?”

Iran: la centrale nucleare di Natanz spaventa il Medio oriente (e – aggiungiamo noi – non solo)

Redazione:

ofcs.it è un sito sempre molto attento all’argomento, vista anche la sua specializzazione in sicurezza e difesa. E fa bene! Parlammo in passato anche noi sulla pericolosità non solo delle centrifughe atomiche di Natanz, ma anche dell’accumulo di acqua pesante in mano iraniana. Un’eventuale bomba atomica, di qualsiasi tipo, in mano ai medio-orientali (alleati di Berlino fu nazista da un secolo, l’Iran) è nell’interesse del mondo? Anche perchè, immediatamente dopo, se ciò fosse permesso, anche la Turchia vorrebbe fare o stesso (alleata di Berlino fu nazista da oltre un secolo). E’ questo che volete, cari lettori? Certo, se succedesse Roma potrebbe davvero essere conquistata dal Califfato, tempo qualche anno, come diverse scritture suggeriscono…

Buona lettura!

Leggi tutto “Iran: la centrale nucleare di Natanz spaventa il Medio oriente (e – aggiungiamo noi – non solo)”