L’economia italiana ed EU post elezioni EUropee: e se ci aspettasse una profonda recessione? E se si nascondessero dati economici “troppo” negativi per evitare un voto di protesta? Ossia un futuro governo tecnico?

Da ingegnere prendo di norma gli economisti con le molle, visto che troppo spesso spiegano bene le cose solo “ex post”. Con una notabile eccezione, che poi è il mio macro-economista di fiducia: Fedele De Novellis di Ref *, un importante think tank di Milano che ho potuto apprezzare in vite passate. Il vantaggio di Fedele è di essere indipendente, oltre che persona squisita, che sa spiegare la direzione dell’economia senza bias. Con grande competenza e spirito di ascolto (vedasi LINK ad un suo interessante studio, recente).

Leggi tutto “L’economia italiana ed EU post elezioni EUropee: e se ci aspettasse una profonda recessione? E se si nascondessero dati economici “troppo” negativi per evitare un voto di protesta? Ossia un futuro governo tecnico?”

Please follow and like us:
error

Stiamo vivendo l’attacco finale all’imperialismo anglosassone dopo 250 anni, tutto il mondo ne subirà le conseguenze. Soprattutto l’Italia: la strada del Belpaese riporta a Roma

Pochi si rendono conto che l’impero anglosassone, prima britannico e poi americano, è durato quasi 250 anni, con un staffetta con Washington di fatto a partire dalla fine della prima guerra mondiale. Trattasi di una sfida ad un impero secolare, sebbene anomalo, soprattutto post-1945: gli USA sono stati prima colonia, liberandosi dei diciamo invasori sia inglesi che francesi che spagnoli. Dunque sono diventati Stato, con l’eredità di un paese ricchissimo ed immenso, tutto da costruire, lontano e quindi inattaccabile dai poteri dell’epoca. Questo per dire che, assieme alla multiculturalità tipica di un paese fatto da coloni di stirpi diversissime, hanno goduto dall’inizio di enormi vantaggi. Che tutto sommato non hanno sfruttato, quanto meno nel senso coloniale storico…

Leggi tutto “Stiamo vivendo l’attacco finale all’imperialismo anglosassone dopo 250 anni, tutto il mondo ne subirà le conseguenze. Soprattutto l’Italia: la strada del Belpaese riporta a Roma”

Please follow and like us:
error

Ogni volta che il dollaro si indebolisce, BCE e Bank of China sembra quasi che stampino loro valuta, comprino dollari e poi comprino azioni USA. Il trucco è non far svalutare il dollaro: così cercano di “fottere” Washington!

Oggi le cd. valute forti – come succedeva ai tempi dell’accordo del Plaza – sono quelle dei Paesi che riescono a svalutare alla bisogna, nonostante tutto. Lasciando il conto da pagare a chi non può invece svalutare. La lira era vincente per questo, lasciando il conto da pagare al marco tedesco. Entrata nell’euro la partita si è ribaltata, il nuovo marco chiamato euro è da lustri molto più svalutato di quello che sarebbe senza PIIGS nella compagine eurica, lasciando il conto da pagare ad es. a Italia e Grecia.

La stessa cosa capita al dollaro, solo che per cotanta sfida Berlino non è sufficiente; infatti si è dovuta alleare con Pechino per raggiungere il fine: non permettere al dollaro di svalutare ossia di lasciare il conto agli altri (come Washington faceva da 50 anni). Chiamasi “Thy the neighbor“, in slang.

Leggi tutto “Ogni volta che il dollaro si indebolisce, BCE e Bank of China sembra quasi che stampino loro valuta, comprino dollari e poi comprino azioni USA. Il trucco è non far svalutare il dollaro: così cercano di “fottere” Washington!”

Please follow and like us:
error

Il mitico Gianni Riotta, quello che non conosceva la Costituzione Italiana e che fa parte della commissione anti-fake news della EU, ricompare. Con un articolo commissionato dai suoi datori di lavoro?

Ve lo ricordate Gianni Riotta, lo spocchioso giornalista de La Stampa che osava in TV prendere in giro i suoi interlocutori su supposte ignoranze istituzionali quando, lui, nemmeno conosceva addirittura l’articolo 1 della Costituzione italiana sulla sovranità popolare? Oggi ricompare dopo una lunga assenza mediatica (sarà rimasto ad approfondire le sue carenze costituzionali…?) con un articolo che, a leggerlo bene, sembra commissionato dai suoi datori di lavoro [vedasi video sopra]

Leggi tutto “Il mitico Gianni Riotta, quello che non conosceva la Costituzione Italiana e che fa parte della commissione anti-fake news della EU, ricompare. Con un articolo commissionato dai suoi datori di lavoro?”

Please follow and like us:
error

Dal laboratorio del globalismo mondiale (l’Italia), una minaccia ai globalisti (che delocalizzano)? In Sardegna il latte del caseificio che ha delocalizzato in Romania assaltato e sversato in strada da ignoti (armati)…

Leggiamo oggi, nel giorno della sessione elettorale regionale isolana, del trasporto latte diretto al caseificio sardo dei fratelli Pinna assaltato da ignoti armati e sversato deliberatamente in strada. Perchè succede questo? Cerchiamo di capirci qualcosa.

Leggi tutto “Dal laboratorio del globalismo mondiale (l’Italia), una minaccia ai globalisti (che delocalizzano)? In Sardegna il latte del caseificio che ha delocalizzato in Romania assaltato e sversato in strada da ignoti (armati)…”

Please follow and like us:
error