La Lega-Salvini viene allo scoperto: fuori dal gruppo sovranista all’europarlamento e dentro, udite bene, al PPE di Angela Merkel (sono finite le bugie dell’Italexit). La Lega tornerà al 10% e gli italiani moriranno di tasse

Per non farsi notare, ossia per non perdere i voti pro ITALEXIT, un anonimo sabato di settembre, prima del “caldissimo” ottobre, la Lega compie la svolta: via dal gruppo dei sovranisti all’europarlamento e dentro al PPE di Angela Merkel. Ossia, euro forever, al diavolo – letteralmente – le promesse passate. Quanto sopra tutto sommato resta un dettaglio – a parte che fa davvero imbestialire, per le bugie che il panzer leghista ed i suoi Rinaldi, Bagnai, Borghi ci hanno raccontato per anni, ed oggi accettano supini -. Infatti quello che gli italiani devono temere, inclusi quelli che plaudono per la svolta (M. Blondet, che stimo sebbene dissenta in parte) non è l’evidente tradimento ma la matematica. Ossia le confische ai beni delle famiglie che arriveranno, restando nell’euro. Due conti, di seguito.

Leggi tutto “La Lega-Salvini viene allo scoperto: fuori dal gruppo sovranista all’europarlamento e dentro, udite bene, al PPE di Angela Merkel (sono finite le bugie dell’Italexit). La Lega tornerà al 10% e gli italiani moriranno di tasse”

Ragioniamo: nella malaugurata e non auspicabile ipotesi che Biden dovesse vincere, chi diventerebbe il riferimento USA in Italia? (visto che Conte, tenuto oggi in piedi grazie agli apparati USA, dovrebbe andarsene)

Ai profani sembrerà lesa maestà ragionare su quanto sopra. In realtà è puro metodo, counter-fact checking, anche ragionare per assurdo se volete. Tale metodo ha la splendida peculiarità di partire da presupposti completamente diversi rispetto all’omologo, complementare ragionamento. Dunque, non più “Chi è uomo di Trump in Italia oggi“, che scalda sempre gli animi. Ma un ben più sobrio ed accattivante, “Che succederebbe se vincesse Biden, in Italia?”. In realtà tale diciamo metodo “opposto” ha anche l’hatù di mettere i chiodi nella bara del futuro, speriamo solo ipotetico, governo italiano pro Biden, che inevitabilmente dovrà fare macelleria sociale restando nell’euro. Nel caso saprete non solo intepretare gli eventi ma anche a chi dire grazie, con anticipo.

Leggi tutto “Ragioniamo: nella malaugurata e non auspicabile ipotesi che Biden dovesse vincere, chi diventerebbe il riferimento USA in Italia? (visto che Conte, tenuto oggi in piedi grazie agli apparati USA, dovrebbe andarsene)”

Debacle del centro destra nelle elezioni regionali: dallo sperato 5 a 1, ad un misero 3 a 3. E con un enorme puzzo d’inciucio, per non governare se non tramite “tecnici”

Prima di tutto i dati: il SI referendario ha vinto largo, 70%.

E come poteva essere altrimenti quando entrambi i leader delle due fazioni contendenti, nonchè i capi dei due principali partiti italiani, una all’opposizione dell’altra (Salvini e Zingaretti o Salvini e Di Maio, a seconda di chi considerate il secondo partito, il primo è chiaramente la Lega, sebbene riteniamo ancora per poco) erano entrambe per il SI? Incredibile.

A livello elettorale il centrodestra prende chiaramente solo la Liguria ed il Veneto, facendo ben notare come in Liguria abbia vinto Forza Italia e in Veneto la lista Zaia e non strettamente la Lega.

All in All quanto accaduto sembra più che tutto la fine del sovranismo di facciata, con una stantia puzza di inciucio.

Leggi tutto “Debacle del centro destra nelle elezioni regionali: dallo sperato 5 a 1, ad un misero 3 a 3. E con un enorme puzzo d’inciucio, per non governare se non tramite “tecnici””

Il piano globalista per affossare l’Italia coi referendum costituzionali. Prima ci provò Renzi, ora il M5S. E i due primi partiti italiani, all’opposizione l’uno dell’altro, con Salvini (Lega) e Zingaretti (PD), sono per il SI. Come fu per la TAV, a favore di Parigi…

E’ in corso un attacco contro l’Italia, un attacco chiaro e deliberato. A voler rompere l’Italia sono i globalisti, ovvero le elites globali. Ossia Germania e soprattutto Francia a capo dell’EU neocoloniale. Quest’ultima, la Francia, si è distinta come paese per cercare costantemente di mettere le mani sulla Penisola, nei secoli. Fino a far pronunciare addirittura al suo corrente presidente, Macron, che la capitale dell’Italia è Parigi. A parte che se Macron volesse questo in tantissimi in Italia lo accoglierebbero col moschetto carico. In tale contesto non va però sottaciuto come sia stata proprio Parigi a boicottare da sempre il nucleare italiano. Sapete perchè? L’Italia con il nucleare sarebbe diventata formalmente NON CONTENDIBILE e dunque veramente indipendente. Così si spiegano gli attacchi negli anni vedasi nel caso Ippolito, vedasi la bramosia di prendersi Montedison, l’azienda che – come Edison – venne “nominata” da Fermi come referente per il nucleare civile in Italia.

Leggi tutto “Il piano globalista per affossare l’Italia coi referendum costituzionali. Prima ci provò Renzi, ora il M5S. E i due primi partiti italiani, all’opposizione l’uno dell’altro, con Salvini (Lega) e Zingaretti (PD), sono per il SI. Come fu per la TAV, a favore di Parigi…”

Il capo dell’antiterrorismo USA avverte l’Europa e in particolare l’Italia: Hezbollah, che risponde ad un paese alleato di Berlino (l’Iran) ha inviato nitrato d’ammonio nelle città europee. Altre Beirut in vista?

Notizia a dir poco “esplosiva”, in tutti i sensi: alla vigilia del voto italiano gli USA avvertono l’Europa: gli iraniani sono pronti a far esplodere tante bombe come Beirut nel Vecchio Coontinente. Parola dell’antiterrorismo USA. Un segnale gravissimo a cui tutte le forze politiche dovrebbero fare estrema attenzione. In presenza di dettagli davvero inconsueti.

Leggi tutto “Il capo dell’antiterrorismo USA avverte l’Europa e in particolare l’Italia: Hezbollah, che risponde ad un paese alleato di Berlino (l’Iran) ha inviato nitrato d’ammonio nelle città europee. Altre Beirut in vista?”

In buona sostanza questo sito, pur comprendendo il disagio dei votanti italici, al referendum vota NO. Ecco le ragioni

Impegnativo essere netti ma purtroppo a volte è necessario. Sappiate che anche noi, come tutti, avremmo voglia di mandare a casa molti di questi parlamentari incapaci ed insipienti, sia al governo che all’opposizione. La percezione generale è infatti che non si stia facendo il bene del Paese ma quello di privati cittadini, magari aggregati in gruppi di interesse anche sovranazionali, a danno degli altri e delle Istituzioni. Per questo bisogna essere freddi e non cedere alla pancia: votando SI si peggiorerebbero solo le cose, ossia si ridurrebbe il numero di parlamentari ad un livello più facile da comprare, da parte di esterni interessati al caos nel Paese. Ovvero per comprarsi il Paese, a basso prezzo, si comprano deputati e senatori, da mo’ che succede. Dunque questo sito, pur capendo il disagio dei votanti, che è anche il nostro, si schiera compattamente per il NO, per motivi prettamente logici e consequenziali che spiegheremo di seguito.

Leggi tutto “In buona sostanza questo sito, pur comprendendo il disagio dei votanti italici, al referendum vota NO. Ecco le ragioni”

Le storielle interessate di Debenedetti sulla “patrimoniale svizzera” da introdurre in Italia. Dove in realtà c’è già: quello che si vuole è che paghi solo chi ha “poco ma non nulla”! Spieghiamo i dettagli

E’ pazzesco leggere cotanta ipocrisia interessata, condita da menzogne varie, in Italia. Menzogne dette nel caso da professionisti, ossia mescolando bugie e piccole verità , evitando di spiegare i dettagli, che invece sono dirimenti. Diciamolo: l’imposta patrimoniale “alla Svizzera” richiamata da Carlo Debenedetti nei fatti in Italia c’è già! Ma la cosa impressionante è che in Italia c’è anche la  cd. imposta sui Paperoni, di cui il Debenedetti si avvale ma che tace, che fa pagare pochissimo di tasse alle super-elites, a forfait 100’000 euro all’anno e nulla più, a prescindere se uno ha redditi esteri e/o patrimoni miliardari: è la tassa “sul genere” più bassa del mondo occidentale esclusa Montecarlo!

Leggi tutto “Le storielle interessate di Debenedetti sulla “patrimoniale svizzera” da introdurre in Italia. Dove in realtà c’è già: quello che si vuole è che paghi solo chi ha “poco ma non nulla”! Spieghiamo i dettagli”

Il progetto mercantilista e neo-feudale connesso all’Euro, guidato dalla BCE che “stampa” per l’élite finanziaria nel disinteresse per l’economia reale

 Megas Alexandros e Pepito Sbazzeguti

Per chi ancora non comprende come è gestito l’euro e per identificare meglio coloro che sono interessati a conservarlo ad ogni costo, ecco una breve lettura che ne descrive le disfunzionalità…raccontiamo come la Banca Centrale Europea, acquistando titoli di debito, non solo non risolve i problemi economici dei paesi appartenenti all’Eurozona, ma agevola la concentrazione della ricchezza reale a favore di pochi.

Leggi tutto “Il progetto mercantilista e neo-feudale connesso all’Euro, guidato dalla BCE che “stampa” per l’élite finanziaria nel disinteresse per l’economia reale”

L’euro e la sua decisiva influenza sulla politica estera: cosa succederebbe in termini euro-monetari in caso di una guerra nel Mediterraneo tra partner EU su fronti opposti?

Ci sono talmente tante cose su cui riflettere da perdersi, davvero. Volevo in realtà scrivere due righe sulla strategia Dem negli USA per combattere l’elezione di Donald J. Trump, anche per supportare il Dragoni della Lega che mi sembra l’unico diciamo normale della compagine, meno male che forse ce n’è uno. Non me ne voglia, ma non è ancora il momento, fra qualche settimana lo faremo, visto che l’evoluzione di detta strategia influenzerà l’Obamagate in Italia, ossia anche con eventuali mandati di arresto. Sono certo che il Dragoni ci perdonerà, promesso che entro settembre avanzeremo. Un argomento invece non considerato da geniali commentatori italici, figli in toto dell’antimeritocrazia più crassa e del doping informativo in tempo di COVID, ossia in assenza di football e di tette finte con cui distrarre gli astanti, è quello al titolo: l’influenza dell’euro sulla politica estera, che poi è l’interesse nazionale di un paese contrapposto a quelli di un altro. In tempi di guerra prossima nel Mediterraneo meglio rifletterci un poco, che dite?

Leggi tutto “L’euro e la sua decisiva influenza sulla politica estera: cosa succederebbe in termini euro-monetari in caso di una guerra nel Mediterraneo tra partner EU su fronti opposti?”

Per non dimenticare: il Piano Marshall fornito dagli USA alla fine della WWII fu per Roma al 95% a fondo perduto (cd. AIUTI). Mentre oggi sia l’EU, coi vari Recovery Fund, che la Cina, con la Via della Seta, vogliono pezzi d’Italia in cambio

Certe volte sbaglio a dare le cose per scontate. Oggi su Twitter ci siamo accorti che c’è qualcuno che NON sa che i Piano Marshall fornito dopo la vittoria nella WWII da parte di Washington fu in grandissima parte a fondo perduto, come cd. “Aiuti”. E questo pur in  presenza di Paesi che avevano perso la guerra, sfidando addirittura gli States anche con le V2. Fa tremare che invece ci sia qualcuno – anche italiano – che oggi, senza per altro vincere alcuna guerra ne liberare nessuno dal gioco nazista, pretenda di convincervi/ci che i fondi cinesi o EU per uscire dal COVID siano benedetti. No, dico io, il Piano Marshall fu un gesto unico e assai significativo; quello che invece vogliono Cina ed EU sono solo pezzi d’Italia quando la Penisola non sarà in grado – inevitabile restando nell’euro, una moneta straniera – di restituire i prestiti…

Leggi tutto “Per non dimenticare: il Piano Marshall fornito dagli USA alla fine della WWII fu per Roma al 95% a fondo perduto (cd. AIUTI). Mentre oggi sia l’EU, coi vari Recovery Fund, che la Cina, con la Via della Seta, vogliono pezzi d’Italia in cambio”