Le chiacchiere stanno a zero: la Spagna fa una festa notturna nazionale, la movida, per la fine del coprifuoco+lockdown. In Italia i media vi distraggono sul coprifuoco, “solo” da spostare dalle 22 alle 23…

Nessuno lo dice, i media tacciono, i falsi sovranisti pure: nessuno difende l’Italia, tutti fanno i propri interessi. Da tale triste constatazione nasce la considerazione di cui sopra, telegrafica: la Spagna dice basta a lockdown+coprifuoco, come nei fatti previsto dal solido Magaldi et al. In Italia invece no, la gogna deve continuare. Appunto, nessuno spiega il motivo delle restrizioni italiche (e centro-europee): bloccare l’inflazione voluta dagli USA togliendo consumi, il paniere dell’inflazione è chiaro, togli trasporti, bar+ristoranti, vacanze, in aggiunta a ridurre i consumi anche energetici, e domi momentaneamente la salita dei prezzi. Tutto inutile, gli USA hanno deciso che faranno il cd. “culo” all’EU (ed alla Cina, “a letto” con Berlino).

Leggi tutto “Le chiacchiere stanno a zero: la Spagna fa una festa notturna nazionale, la movida, per la fine del coprifuoco+lockdown. In Italia i media vi distraggono sul coprifuoco, “solo” da spostare dalle 22 alle 23…”

Alla fine emerge che il COVID in USA è servito per ridurre la pressione “economica” sull’INPS locale: crollate le richieste allo stato di sussidi degli anziani statunitensi (causa morte…)

   

Abbiamo descritto alcune settimane fa lo storico documento-intervista-libro di J. Attali, con Michel Salomon – era il 1981 -, in cui veniva riportato che in un futuro prossimo (oggi?) gli anziani sarebbero stati, più o meno, un problema da risolvere, interpretandoli giusto come un costo economico. E non come una risorsa per crescere i figli, utile per riportare le esperienze delle generazioni precedenti a quelle future. No, i vecchi sarebbero stati solo un impaccio. Avessi pensato come Monsieur Attali ha indicato nel suo libro, “Avenir de la Vie“, avrei dovuto chiedere di far sopprimere i miei genitori anni fa.

Per intanto scopriamo che il COVID è servito davvero per fini omologhi a quelli prospettati in tempi non sospetti dall’illustre pensatore francese, per altro mentore del corrente presidente francese Macron. Quando penso a quanto da egli asserito, comprendo il disagio ad es. dei militari d’oltralpe, che si sono a più riprese lamentati del presidente della repubblica francese, lo ammetto…

Leggi tutto “Alla fine emerge che il COVID in USA è servito per ridurre la pressione “economica” sull’INPS locale: crollate le richieste allo stato di sussidi degli anziani statunitensi (causa morte…)”

Bank of America dice che sarà iperinflazione! Al di fuori degli eccessi, non temetela, l’inflazione! E’ lo strumento made in USA per disintegrare l’euro (ecco perchè i politici romani tutti la temono, Lega in primis)

Tutti ne parlano, tranne i grandi media, soprattutto se EUropei…

In fondo è chiarissimo: la Lega del Nord voleva e vuole l’euro, altro che ITALEXIT! Dunque teme l’inflazione, che disintegrerà alla radice le fondamenta della moneta unica, al di fuori di eventuali eccessi iperinflattivi purtroppo possibili, quanto meno secondo la banca USA (con radici italiane, ndr). Noi, lo ripetiamo, tifiamo apertamente per l’inflazione in quanto riteniamo sia l’unico modo per uscire dall’euro, sperando non si tratti di un fenomeno “eccessivo”. Chiaramente, ad es. la Lega invece la teme tantissimo: finirebbe il loro “sogno (fogno?) EUropeo“, di matrice tedesca, iniziato con la RSI a Salò, passato per l’epidemia di COVID in Lombardia (luogo dove è esploso il COVID in EU, ndr) di fatto causata “come se fosse ad arte” dai governanti leghisti locali (che guarda caso all’inizio della crisi del virus da loro stessi “seminata” – vedasi RSA lombarde e caos negli ospedali bergamasco-bresciani – volevano la “zona rossa economica” per tenersi il residuo fiscale; gli è andata male, con l’odiato Conte – per tale motivo davvero odiatissimo –). Moneta unica che, chissà, speriamo “terminerà” a partire dal prossimo inverno…

Leggi tutto “Bank of America dice che sarà iperinflazione! Al di fuori degli eccessi, non temetela, l’inflazione! E’ lo strumento made in USA per disintegrare l’euro (ecco perchè i politici romani tutti la temono, Lega in primis)”

Draghi osannato perchè pubblica un piano (PNRR) sul Recovery Fund di 320 pagine, dettagliatissimo e pieno di impegni italiani, al contrario di quello di Conte. Peccato che il PNRR spagnolo, solo coi fondi regalati dall’EU, sia di 57 pagine…. (Troika soft in arrivo)



Quando ho letto i media ieri sono cascato dalla sedia: ma come si può essere più masochisti ed infami, a danno della gente votante? Tutti i media nazionali sembrano fare a gara per osannare il Piano di Mario Draghi sul Recovery Fund/PNRR perchè “dettagliatissimo” e pieno di impegni con l’EU. Non come quello di Conte, che conteneva direi ZERO impegni italiani o quasi. La Spagna ad esempio, come il Portogallo, NON ha accettato il Recovery Fund se non nella parte di soldi a fondo perduto: 72 miliardi spagnoli per Madrid, con la possibilità di accedere ad un’altra sessantina di miliardi di prestiti volendo, prestiti che però Madrid ha già detto di voler declinare. L’Italia invece, accede a circa 260 miliardi di euro; ma di questi meno di 40 sono a fondo perduto. Il resto a strozzo, ehm, a prestito, dall’EU. Anche se finanziarsi a lunghissimo termine coi BTP, ad es. a 50 anni, sarebbe costato meno in termine di rischio-opportunità, vedasi oltre…

Leggi tutto “Draghi osannato perchè pubblica un piano (PNRR) sul Recovery Fund di 320 pagine, dettagliatissimo e pieno di impegni italiani, al contrario di quello di Conte. Peccato che il PNRR spagnolo, solo coi fondi regalati dall’EU, sia di 57 pagine…. (Troika soft in arrivo)”

A certi livelli non basta ereditare miliardi per potere essere considerati uomini di successo: il caso di Andrea Agnelli, la Juventus e la Superlega fallita (come l’Italia?)

Parlare di calcio in Italia, prendendo le parti di qualcheduno in particolare, è pericolosissimo! Lo so bene. Ma ritengo sia dovuto fare un commento sull’idiozia agnelliana di tentare l’ “impossibile” con la Superleague (dietro a cui temo ci sia la fregatura per “qualcuno”, ndr). E quindi spezzando una lancia a favore di Andrea Agnelli, pur considerandolo non eccessivamente scaltro – sorry davvero -, ritratto sopra nella foto di famiglia. E pur non tifando necessariamente Juventus, ben sapendo che il termine tifo presuppone l’esclusione dell’Intelletto e del raziocinio; una persona che può contare solo sul suo cervello – visto che di eredità sono stato fortunato a non ricavarne debiti – non può che stigmatizzare certi errori….

Leggi tutto “A certi livelli non basta ereditare miliardi per potere essere considerati uomini di successo: il caso di Andrea Agnelli, la Juventus e la Superlega fallita (come l’Italia?)”

La morte degli anziani col COVID rischia di salvare i conti dell’INPS, se il trend si protrarrà. Della serie: invece di farsi dare i soldi dall’EU per RESTARE nell’€, per l’Italia i fondi per la ripartenza arriveranno dagli anziani trapassati?

La strage degli anziani col COVID – e poi speriamo non anche col vaccino – è veramente casuale?

Interessante titolo di proiezionidborsa.it: finalmente emerge un collegamento mediatico che tutti intuiscono, ma nessuno ora dire. Ossia, il COVID che uccide soprattutto gli anziani-percettori di pensione, rischia di salvare i conti dell’INPS. Ovvero, verrebbe così salvata soprattutto la permanenza dell’Italia nell’euro, con i soldi per la ripartenza che verranno dati nei fatti dalle pensioni non pagate dall’INPS causa morte dei percettori anziani. Morte certamente “non voluta”, ma…. economicamente utile!

Leggi tutto “La morte degli anziani col COVID rischia di salvare i conti dell’INPS, se il trend si protrarrà. Della serie: invece di farsi dare i soldi dall’EU per RESTARE nell’€, per l’Italia i fondi per la ripartenza arriveranno dagli anziani trapassati?”

News finanziarie dagli USA: base monetaria M1 + 230% in soli 4 mesi. E trend di + 2.000% entro il 2022. E la zona dell’Euro?


Dalle scorse elezioni americane di novembre 2020 al febbraio 2021 l’approvvigionamento monetario USA M1 è cresciuto del 230%!
 


Un valore incrementale decisamente oltre ogni ragionevole comprensione in un settore dove vige da sempre prudenza, aspettative condivise e continuità.

Salvo immaginare un triplo cambio di paradigma.

Leggi tutto “News finanziarie dagli USA: base monetaria M1 + 230% in soli 4 mesi. E trend di + 2.000% entro il 2022. E la zona dell’Euro?”

Due o tre considerazioni sull’inflazione, voluta dalla politica internazionale. Pronta ad aggredire il “vecchio Occidente” (guardate a quando nacque l’austerity, 1973)

Sicuri di aver capito il perchè degli inutili lockdown+coprifuoco post COVID? Che vengono imposti soprattutto dal centro dell’impero dell’€, Berlino et al.?

Onde mettere a posto le condizioni al contorno del problema “inflazione”, evitando vo-doo economics, analizziamo un attimo cosa significa inflazione: salita persistente dei prezzi, non una fiammata di pochi mesi. Inflazione alta non è iperinflazione, che possiamo invece definire in termini grossolani quando è superiore al 10-15%, fino arrivare agli eccessi descritti da Adam Fergusson nella Germania guglielmina.

Oggi l’inflazione è troppo bassa. Con l’inflazione che è stata per troppo tempo assente, come vedremo di seguito; essendo la regina degli ammortizzatori automatici, dei regolatori di mercato diciamo “autonomi”, addirittura cristiana negli effetti, se gestita e non traviata dalla politica per fini, appunto, politici.

Leggi tutto “Due o tre considerazioni sull’inflazione, voluta dalla politica internazionale. Pronta ad aggredire il “vecchio Occidente” (guardate a quando nacque l’austerity, 1973)”

I disastri sanitari della gestione della pandemia in Italia – di Davide Gionco

Redazione:

Se questo virus fosse arrivano 30 anni fa, nessuno si sarebbe accorto di nulla“. Verissimo. Proseguiamo con la cronaca dell’orrore italico, nel caso su come il COVID è nato prima di tutto in Lombardia – complice una classe politica locale per lo meno incapace, work in progress –  e poi è stato gestito anche a livello nazionale (gestito cfr “da cani”, permetteteci). Chiaramente la I e II Tangentopoli (1992-96 e 2011-14) hanno consegnato l’Italia alle terze/quarte schiere a capo dei partiti, finendo con i politicamente tragici Meloni, Salvini e le varie staffette in Forza Italia rispetto alle alte leve passate della I Repubblica, in parte residuati nella II Repubblica. Sullo sfondo, la creatura britannica-cameroniana ossia globalista per eccellenza chiamata M5S (in termini di merito e preparazione senza aver fatto la “guerra vera” come fu invece il caso per De Gasperi et al., fate ad es. la somma degli anni di università con laurea conseguita dei capi dei tre primi partiti italiani e se va bene ci giocate la schedina, 1X2, ndr). A pensarci bene i risultati non potevano che essere disastrosi.

Leggi tutto “I disastri sanitari della gestione della pandemia in Italia – di Davide Gionco”

Il Grande Reset esiste, lo ha citato anche il Time. E’ reale. Ed il primo obiettivo di tale azzeramento è proprio l’Italia, vittima predestinata, ancora una volta laboratorio (globalista) come fu per il fascismo: verso l’eutanasia dei nonni?

Chiedete al vostro medico, prima di farvi vaccinare, che fasi di test abbia raggiunto quello che stanno per inocularvi…

Che il Grande Reset esista è certo: tra gli altri, lo ha confermato il Time, lo ha ripetuto Klaus Schwab. Alla fine il capitalismo è arrivato ai suoi mortali limiti, come da attese: accumulazione di ricchezza eccessiva in mano di pochi e mancato controllo della disoccupazione, con di fatto esaurimento dei drivers di crescita. Tutte le volte che è capitato qualcosa di simile in passato abbiamo avuto le grandi guerre. Oggi le elites globaliste, come quelle presenti ai tempi della Belle Epoque, vogliono evitare l’errore di allora, una guerra mondiale che fece perdere loro denaro e potere. Per fare questo, trasformando il mondo da capitalista in post comunista ossia neofeudatario, con pochi notabili ricchissimi e milioni servi, bisogna cambiare l’ordine democratico. Ossia cancellare alcuni dettagliuzzi derivanti dall’evoluzione umana di diciamo 2000 anni. Ad esempio si potrebbero annientare preventivamente gli anziani percettori di pensione, come si fa per un’auto troppo vecchia? Della serie, se salvi l’INPS tiri avanti ancora qualche decennio…

Leggi tutto “Il Grande Reset esiste, lo ha citato anche il Time. E’ reale. Ed il primo obiettivo di tale azzeramento è proprio l’Italia, vittima predestinata, ancora una volta laboratorio (globalista) come fu per il fascismo: verso l’eutanasia dei nonni?”

Ormai è assodato: il COVID è servito in funzione del Reset Globale “Made in Germany” a cui Trump ed i suoi militari si opponevano. In Italia servirà per rendere la Penisola schiava dell’EU e indigente, impaurita, depredata…

Basta sappiate a cosa andate incontro cari concittadini! Ormai è chiaro che il COVID, e soprattutto le folli imposizioni statali che – spero lo abbiate notato – arrivano dall’esterno, servono per ammazzare l’economia italica, per favorire le grandi aziende facendo morire quelle piccole. Che ritengo verranno fagocitate dalle grandi; ossia potere contro volgo, questo sembra ormai essere il piano.

Chiaro, nel paese delle PMI per eccellenza, è chiaro chi sia la preda e chi il predatore. Alla fine si torna alla borghesia compradora, come pontiere verso l’estero. Ma con un addendo: si chiarisce chi è il venditore ad oltranza e obtorto collo, il piccolo imprenditore. E la famiglie locali.

Leggi tutto “Ormai è assodato: il COVID è servito in funzione del Reset Globale “Made in Germany” a cui Trump ed i suoi militari si opponevano. In Italia servirà per rendere la Penisola schiava dell’EU e indigente, impaurita, depredata…”

La tempesta perfetta per l’Italia nell’€ si chiama inflazione, che ci sarà inequivocabilmente a fine anno. Fine delle speranze di una uscita dignitosa dal cul de sac dell’€ (prossimo passo per l’Italia: neo franco-CFA?)

Per gradi. Pochi vi dicono che le aspettative della BUNDESBANK – mica pizza e fichi – per l’inflazione tedesca sono più alte per il 2021 rispetto addirittura a quelle degli USA, vedremo l’effetto dei 1900 mld USD immessi nel mercato da Biden per contrastare, come “smart first mover” (…), il COVID, dopo le precedenti due ondate di stimoli economici di Trump. L’Italia a fine anno sarà invece nel pieno del cul de sac, fatto di una crescita negativa nel 2021 – a continuare, con lockdown e vaccini ormai inutili – e di – udite bene – inflazione: dunque, la Germania permetterà  – restando nell’euro – ai paesi EU Med ulteriori stimoli economici, in presenza di un così alto rischio inflazione? Superiore al limite del 2% che la Bundesbank ossequia da 40 anni?

Leggi tutto “La tempesta perfetta per l’Italia nell’€ si chiama inflazione, che ci sarà inequivocabilmente a fine anno. Fine delle speranze di una uscita dignitosa dal cul de sac dell’€ (prossimo passo per l’Italia: neo franco-CFA?)”

Enrico Letta, il nipote del braccio destro di Berlusconi, manco ha traslocato dagli uffici di Parigi (è stipendiato dallo Stato francese), che qualcuno vuole spingere l’Italia a cedere sovranità non all’EU, ma alla Francia…

Quando ho letto il tweet di Cerasa, a capo de Il Foglio,. sono saltato sulla sedia: l’uomo francese dell’Europa (C. Beaune) si rivolge all’Italia e dice, più o meno (tradotto): l’EU si può salvare solo se l’Italia cede sovranità alla Francia. O qualcosa del genere. Si sa infatti che il COVID sembra fatto apposta per affossare i paesi europeriferici, gli stessi che il buon Sapelli ha spiegato alcuni giorni fa andare verso una deriva sudamericana (condividiamo). Il passo è breve ad arrivare a richiedere lato diciamo estero, per evitare il capitombolo ormai quasi minacciato, che l’Italia ceda le armi e soprattutto i soldi  e le aziende e si conceda spontaneamente con i suoi assets ed i suoi beni ad uno dei principali paesi EU, sempre in lotta con l’altro, quello dei wurstel

Leggi tutto “Enrico Letta, il nipote del braccio destro di Berlusconi, manco ha traslocato dagli uffici di Parigi (è stipendiato dallo Stato francese), che qualcuno vuole spingere l’Italia a cedere sovranità non all’EU, ma alla Francia…”

Il Target 2, la famigerata proposta Weidmann, i traditori italiani (moderni Kapò) e soprattutto l’€ digitale: ecco come l’EU vuole trasformare l’Italia in una colonia

Come sapete preferisco valutare fonti ragionevolmente certe prima di esprimermi, ben conscio che anche avere informazioni diciamo di seconda mano può non bastare nel caso succeda quanto abbiamo visto negli USA quest’anno, una sorta di golpe, come ha spiegato molto bene il gen. Flynn, ex capo pluridecorato dei servizi segreti militari USA; il cui fratello è oggi – con Biden – a capo della difesa militare americana del Pacifico, lato Cina (per vostra info, nessuno ha mai messo formalmente in discussione le parole di Michael Flynn sull’argomento “elezioni truccate”, chiedetevi il perchè, ne parleremo in un prossimo intervento, ndr).

Tornando a bomba, sull’euro digitale, amici mi hanno aiutato a elaborare una tesi che, quanto meno, posso dire per fortuna non essere necessariamente mia (…), tesi di seguito presentata.

Leggi tutto “Il Target 2, la famigerata proposta Weidmann, i traditori italiani (moderni Kapò) e soprattutto l’€ digitale: ecco come l’EU vuole trasformare l’Italia in una colonia”

Il “liquidatore dell’Italia Draghi” (cfr. F. Cossiga) cerca di piazzare la sua “persona” al Demanio? Forse per la svendita in arrivo, come previsto da Cossiga? Senza dimenticare che tale “persona” sarebbe la cognata di Gentiloni, l’EUropeista (la casta italica immarcescibile…)

Dagospia, che fa solo di secondo lavoro il giornalista forse, spara lo scoop dell’anno: Draghi vuole la cognata di Gentiloni al demanio! Chiaro, oltre allo schifo del nepotismo incrociato e concentrico a Roma, c’è anche un aspetto davvero critico ossia voler mettere le mani sul Demanio, i gioiello da vendere, ad esempio con le sue spiagge tanto abito dai tedeschi. Davvero si concretizzerà la profezia di Cossiga su Draghi, quando predisse che Draghi premier avrebbe terminato la liquidazione dell’Italia?

Leggi tutto “Il “liquidatore dell’Italia Draghi” (cfr. F. Cossiga) cerca di piazzare la sua “persona” al Demanio? Forse per la svendita in arrivo, come previsto da Cossiga? Senza dimenticare che tale “persona” sarebbe la cognata di Gentiloni, l’EUropeista (la casta italica immarcescibile…)”