Il Sunday Times getta la bomba: il filosofo francese Foucault abusò bambini di circa 10 anni facendo sesso nei cimiteri. Dopo oltre 40 anni Umberto Eco viene compreso appieno (attacco al cuore dell’EUropeismo?)

 

 

Redazione

Umberto Eco, dopo la pubblicazione del Pendolo di Foucault , un libro (stupendo) strutturato non a caso come la Cabala esoterica, venne in un certo qual modo ostracizzato dal mondo che contava ai tempi, pur dopo l’enorme successo del “Nome della Rosa”, altro riferimento occulto che ha molto a che fare anche e soprattutto con l’Italia. Ossia Eco venne ostracizzato dal mondo che ancora oggi conta, e di molto. E’ di qualche giorno fa la notizia che un grande giornale inglese ha tirato fuori una intervista esplosiva con un saggio del nostro tempo, Guy Sorman, in cui viene spiattellato ai 4 venti, letteralmente, che Foucault era uso fare quanto al titolo. Ossia viene finalmente collegata la pedofilia col satanismo, nei fatti concreti. In fondo il Pendolo di Eco, non di Foucault , è una guida al satanismo esoterico, con tanto di casi commentati, avvenuti soprattutto in Italia…..

Tralascio qui l’ “aggiunta” all’articolo fatta da Paolo Mieli ieri mattina a Radio 24, quando ha suggerito che diciamo l’annuncio di cui ai fatti sopra descritti dal Sunday Times potrebbe avere a che fare anche con l’Italia…. (ahi).

Pochi infatti sanno che “Il Codice Da Vinci” di fatto prese linfa proprio dal Pendolo di Foucault, da cui deriva direi direttamente. Anzi, lo stesso Eco considerava Dan Brown addirittura una sua creatura. Chiaramente questi collegamenti con una cultura diventata di massa sono stati taciuti, troppo scomodi. Collegamenti che “dicono tutto” della compagine che ha successivamente promosso il libro e le sue credenze occulte (non parlo del cd. Pendolo)(…). E che forse oggi sta all’apice del potere anche continentale.

Siamo qui dunque a riportare per vostra lettura in Italiano il sunto dall’articolo del Sunday Times citato sopra. Tale articolo spiega molte cose. Davvero tante. Forse troppe. E soprattutto mette a posto l’ultimo tassello, diciamo forse il penultimo, dell’opera madre di Eco: chi era il Foucault, nel titolo. Evidentemente non lo scienziato, ma direi forse il filosofo, come suggerito anche su dizionari online. Sul pendolo-strumento, beh, lascio a voi commentare come il movimento del pendolo possa inquadrarsi nella trama descritta.

Sappiate solo che, mai come prima nella storia, Eco è davvero uno di noi. Ed è tra noi. In uno  status quo decisamente instabile che sembra portarsi dietro mezza classe dirigente gauche caviar ad esempio, non solo parigina. E’ infatti ormai indubbio che, massone in sonno, Umberto Eco “sapeva”.

Ricordate che, contestualizzato nel tempo, “nulla capita mai per caso” (della serie, “tu mi attacchi la Regina ed io (ti) racconto i tuoi vizi”?).

E’ indiscutibilmente in atto una lotta tra le elites. Lascio a voi ragionare su chi siano/possano essere i buoni ed chi i cattivi, mai come questa volta la differenza sta precisamente ““.

(Il grande Irlmaier aveva ragione: l’Italia (e la Francia) va(nno) selvaggiamente).


French philosopher Michel Foucault ‘sexually abused boys in Tunisia’: report : worldnews

Il filosofo francese Michel Focault “ha abusato sessualmente bambini in Tunisia” : notizie dal mondo

American People Neews, tratto dal Sunday Times

French philosopher Michel Foucault ‘sexually abused boys in Tunisia’: report : worldnews

Il filosofo Michel Foucault, un faro dell’ideologia “woke” di oggi, è diventato l’ultima figura di spicco francese ad affrontare una resa dei conti retrospettiva per gli abusi sessuali sui bambini.

Un collega intellettuale, Guy Sorman, ha scatenato una tempesta tra gli “intellettuali” parigini con la sua affermazione che Foucault, morto nel 1984 a 57 anni, era uno stupratore pedofilo che ha fatto sesso con bambini arabi mentre viveva in Tunisia alla fine degli anni ’60.

Sorman, 77 anni, ha detto di aver visitato Foucault con un gruppo di amici durante un viaggio per le vacanze di Pasqua nel villaggio di Sidi Bou Said, vicino a Tunisi, dove il filosofo viveva nel 1969. “I bambini correvano dietro a Foucault dicendo ‘e io? prendimi, prendimi'”, ha ricordato la settimana scorsa in un’intervista al Sunday Times.

“Avevano otto, nove, dieci anni, lui lanciava loro dei soldi e diceva ‘incontriamoci alle 22 al solito posto'”. Questo, si è scoperto, era il cimitero locale: “Faceva l’amore lì sulle lapidi con ragazzi giovani. La questione del consenso non era nemmeno sollevata”.

Sorman ha sostenuto che “Foucault non avrebbe osato farlo in Francia”, paragonandolo a Paul Gauguin, l’impressionista che si dice abbia fatto sesso con le giovani ragazze che dipingeva a Tahiti, e Andre Gide, il romanziere che predò i ragazzi in Africa. “C’è una dimensione coloniale in tutto questo. Un imperialismo bianco”.

Sorman dice di rimpiangere di non aver denunciato Foucault alla polizia all’epoca o di averlo denunciato sulla stampa, definendo il suo comportamento “ignobile” ed “estremamente brutto moralmente”.

Ma, ha aggiunto, i media francesi sapevano già del comportamento di Foucault. “C’erano giornalisti presenti in quel viaggio, c’erano molti testimoni, ma nessuno faceva storie del genere a quei tempi. Foucault era il re dei filosofi. È come il nostro dio in Francia“. (grassetto aggiunto)

Con i suoi caratteristici colli a polo, la testa calva e gli occhiali, Foucault, figlio di un chirurgo, è stato uno dei primi intellettuali famosi del XX secolo, ricordato non solo per le sue controverse analisi sulle prigioni, la follia e la sessualità, ma per aver firmato una petizione nel 1977 per legalizzare il sesso con i bambini di 13 anni.

La biografia più conosciuta di lui, The Passion of Michel Foucault (1993) di James Miller, descrive il suo interesse per i bagni gay e sado-masochisti d’America – fu una delle prime figure apertamente gay nella vita pubblica e morì di Aids – ma non fa menzione delle sue buffonate sessuali in Tunisia.

Foucault è lo studioso più citato al mondo (grassetto aggiunto), spesso associato all’ascesa delle politiche identitarie in America, dove MC Hammer, il rapper, è uno dei suoi fan. “È quasi invariabilmente Foucault a cui i dipartimenti di studi attivisti contemporanei tracciano le loro basi intellettuali”, ha scritto Daniel Miller sulla rivista The Critic. “Al livello più elementare, Foucault il famoso professore francese fornisce una firma di serietà per le discipline senza chiari standard accademici o tradizioni”.

Nell’America degli anni ’80, i “foucaultiani”, come sono conosciuti gli ammiratori accademici del filosofo, “hanno consacrato Foucault come una specie di santo patrono… la cui autorità hanno invocato abitualmente per legittimare, in termini propriamente accademici, il loro marchio di politica progressista”, ha scritto Miller nella sua biografia.

Sorman, un autore prolifico, ha prima espresso le sue affermazioni su Foucault in “My Dictionary of Bullshit”, un libro che ha pubblicato questo mese, e ha fatto di nuovo riferimento ai misfatti sessuali del filosofo in Tunisia in una chat show televisivo a tarda notte. Il conduttore è rimasto sbalordito: “Lei sta parlando di Foucault, secondo lei un pedofilo, non qualcosa che la gente di solito ricorda quando lo ricorda”.

Le affermazioni di Sorman hanno sorpreso gli specialisti in Gran Bretagna, dove l’ultimo volume della storia in quattro parti della sessualità di Foucault è stato appena pubblicato per la prima volta in inglese.

“C’è un grande potenziale per avere un impatto su di lui”, ha detto Phil Howell, un lettore dell’Università di Cambridge in geografia storica. “Foucault era interessato alla sessualità e ne ha scritto, ma gli abusi sui bambini sono un’altra cosa”.

Per Sorman, il comportamento di Foucault era sintomatico di un malessere distintamente francese che risale a Voltaire. “Credeva che ci fossero due morali, una per l’élite, che era immorale, e una per il popolo, che doveva essere restrittiva”.

Ha proseguito: “La Francia non è ancora una democrazia, abbiamo avuto la rivoluzione, proclamato una repubblica ma c’è ancora un’aristocrazia, è l’intellighenzia, e ha avuto uno status speciale. Tutto va bene”. Ora, però, “il mondo sta improvvisamente cambiando”, ha aggiunto Sorman.

Era lontano dall’essere l’unica figura di celebrità francese con un senso gonfiato di diritto. Negli ultimi anni diversi racconti hanno spinto a indagare penalmente su figure del mondo letterario e artistico accusate di aver abusato sessualmente di bambini all’indomani della rivolta studentesca del 1968.

Lo sfogo è iniziato nel 2016, quando Flavie Flament, una presentatrice radiofonica e televisiva, ha scritto un libro accusando David Hamilton, il fotografo britannico, di averla violentata quando aveva 13 anni. “All’epoca mi succhiavo ancora il pollice”, mi disse in un’intervista poco dopo la pubblicazione del suo libro. Hamilton si è ucciso pochi giorni dopo.

Poco più di un anno fa, Vanessa Springora, 48 anni, un editore, ha descritto in un libro come è stata adescata da giovane adolescente negli anni ’80 da Gabriel Matzneff, un romanziere alla moda che all’epoca aveva 50 anni. Si era vantato della sua pedofilia in televisione e aveva vinto premi letterari per i libri che ha ispirato.

Quando questo è emerso, l’elite parigina era già sotto shock per le rivelazioni di Camille Kouchner, 46 anni, la figlia di Bernard Kouchner, un ex ministro degli esteri, che il suo patrigno, Olivier Duhamel, 70 anni, un intellettuale e opinionista politico di primo piano, aveva abusato sessualmente di suo fratello gemello alla fine degli anni ’80 quando aveva 13 e 14 anni.

Né Matzneff né Duhamel hanno ammesso le accuse né sono stati condannati per alcun reato.(grassetto aggiunto)

I soixante huitard sono sulla difensiva. Luc Ferry, 70 anni, filosofo ed ex ministro dell’educazione, sostiene che i suoi contemporanei hanno molto di cui rispondere. “La gente aveva dimenticato che il pensiero sessantottino promuoveva la pedofilia“, ha scritto su Le Figaro. “Ogni adulto aveva il diritto, anzi il dovere, sostenevano, di risvegliare la sessualità che la borghesia nascondeva“.

Le accuse hanno spinto un nuovo disegno di legge in discussione in parlamento che criminalizzerebbe qualsiasi relazione sessuale con un minore di 15 anni – attualmente un bambino vittima di stupro deve dimostrare la forza.

La settimana scorsa, tuttavia, si è discusso su un cosiddetto emendamento “clausola di Romeo e Giulietta”, destinato a proteggere gli amanti adolescenti. Non criminalizzerebbe automaticamente le relazioni sessuali con qualcuno sotto i 15 anni se la differenza di età tra i due “protagonisti” è inferiore a cinque anni.

Il presidente Macron ha sostenuto il cambiamento della legge – che ha provocato il ridacchiare su come Brigitte, sua moglie, potrebbe essere caduta in fallo quando la sua relazione con il suo futuro marito è iniziata negli anni ’90: lui aveva 15 anni e lei era la sua insegnante sposata di 40 anni.

Quanto a Foucault, non va “cancellato”, ha sostenuto Sorman. “Ho una grande ammirazione per il suo lavoro, non sto invitando nessuno a bruciare i suoi libri, ma semplicemente a capire la verità su di lui e come lui e alcuni di questi filosofi hanno usato i loro argomenti per giustificare le loro passioni e desideri”, ha detto. “Pensava che i suoi argomenti gli dessero il permesso di fare quello che voleva”.

*****

Le immagini, i tweet e i filmati pubblicati nel sito sono tratti da Internet per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all’indirizzo info@mittdolcino.com perché vengano immediatamente rimossi. Le opinioni espresse negli articoli rappresentano la volontà e il pensiero degli autori, non necessariamente quelle del sito.