Ormai è assodato: il COVID è servito in funzione del Reset Globale “Made in Germany” a cui Trump ed i suoi militari si opponevano. In Italia servirà per rendere la Penisola schiava dell’EU e indigente, impaurita, depredata…

 

Basta sappiate a cosa andate incontro cari concittadini! Ormai è chiaro che il COVID, e soprattutto le folli imposizioni statali che – spero lo abbiate notato – arrivano dall’esterno, servono per ammazzare l’economia italica, per favorire le grandi aziende facendo morire quelle piccole. Che ritengo verranno fagocitate dalle grandi; ossia potere contro volgo, questo sembra ormai essere il piano.

Chiaro, nel paese delle PMI per eccellenza, è chiaro chi sia la preda e chi il predatore. Alla fine si torna alla borghesia compradora, come pontiere verso l’estero. Ma con un addendo: si chiarisce chi è il venditore ad oltranza e obtorto collo, il piccolo imprenditore. E la famiglie locali.

Il problema sono anche e soprattutto gli italiani…

Da qui a tradurre il messaggio dell’uomo di Davos, studente di Kissinger, in un nuovo mondo in cui le piccole proprietà vengono assorbite da enti maggiori, il passo è breve.

In altri tempi si chiamava colonialismo, quello duro, cattivo, perfido, violento. Alla violenza non si è ancora arrivati ma ci si arriverà: quando i kapo’ locali non saranno più sufficienti, qualche tempo….

Mons. Viganò, e prima il veggente cattolico mentore di Gabriella Carlizzi, ci hanno avvertito per tempo: è l’Italia, il simbolo della cristianità, l’obiettivo.

Il mezzo è il Grande Reset. Solo il tramite, che sarà equivalente all’avvento di un mondo cambiato, da annunciare diciamo, che so, attorno al 2023-2024-2025. Queste sarebbero in fondo le credenze che fondono segreto massonico, fratellanze varie, chiesa, religione, storia, Sumeri e che dir si voglia (anche pedofilia?). Giustificando con maggiori dettagli quell’enorme buco (voluto) della storia umana che va dagli egizi, nel 1500 a.c, a circa il 5000 a.c.

Evidentemente qualche moderno folle, ma ricco abbastanza da poter avere gli strumenti di indagine, unito in gruppo dal desiderio di sopraffazione elitaria e di indirizzo mondiale, pensa così di presentarsi al nuovo.

Probabilmente non andrà come qualcuno ha pianificato. Ma ciò significa passare tra le forche caudine di eventi che davvero scrivono la storia. E che rischiano di incendiarla, la storia, per poi ri-nasconderla come successo in passato, nel caso questa volta per vergogna…

Analizziamo cosa porterà il COVID come eredità. E soprattutto quali saranno le pene che “qualche paese” dovrà sopportare, un paese in particolare.


Tutto programmato: senza letti in ospedale poi nascono le crisi sanitarie…

Da qui in avanti infatti ci sarà da tremare, per il “Paese obiettivo”: un generale degli alpini di Torino, acquisito dall’area più ritualista d’Italia, il nord Ovest, a capo dell’esercito per somministrare il vaccino “a chiunque passa“. Anche se tale vaccino fa male quando lo inoculi (senza garanzia che funzioni e/o faccia danni a lungo termine, non avendo passato la fase III “peer reviewed”). E forse anche uccide, notando che a guardare le statistiche forse Astra Zeneca è il meno peggio, dei vaccini mRNA intendo, come effetti collaterali (…). (NB: il principale vaccino COVID mRNA è Made i Germany, di fatto)

E senza considerare che l COVID uccide ormai pochissimo, rendendo assolutamente ingiustificato vaccinare tutto per una malattia che uccide solo i super anziani debilitati che muoiono NON necessariamente di COVID ma CON COVID.

Aggiungiamo che la Svizzera ha in fase III (terminata) una medicina che cura il COVID e tutte la varianti, all’85%. Ossia, non serve il vaccino! Soprattutto se fatto in deroga EMA ossia senza fase III riconosciuta “peer reviewed“, al contrario del medicinale della Humabs ticinese.

Intanto anche i militari muoiono non per COVID ma per il vaccino. Ogni tanti mi chiedo, se ci fosse obbligo di TSO (Trattamento Sanitario Obbligatorio), ossia legge marziale o emergenza simile, cosa farebbero i militari se gli venisse ordinato di sparare sui dimostranti che non vogliono farsi vaccinare. Dimostranti che magari protestano perchè in realtà chi morirebbe da una ipotetica settima ondata sarebbero (ne caso) solo i vaccinati con vaccino mRNA e non tutta la cittadinanza.

Ossia, cosa succederebbe se fosse proprio il vaccino mRNA a causare nuove varianti della malattia? O se proprio i vaccinati mRNA morissero selettivamente in futuro? Non è una domanda folle, in quanto non è provato quali saranno gli effetti di detto vaccino mRNA, una primizia nella storia umana!

Intanto Draghi al potere, a capo del Paese obiettivo, non fa nulla di concreto ma gode di ottima stampa. Ossia nei fatti fa meno di Conte, che almeno aveva inaugurato il bonus del 110%, unico esempio di sostegno indiretto all’economia tramite incremento del PIL. Conte che, come Trump, godeva invece di pessima stampa, che caso!

Oggi in Italia PD, Forza Italia, Lega sono al potere assieme. Di fatto senza bisogno di altri, se non i fuoriusciti del M5S, che pur di non perdere lo stipendio parlamentare tornando alla disoccupazione sono disposti ad allearsi con Belzebù.

Appunto, Belzebù… Questa coalizione al governo pro Draghi infatti, con E. Letta al comando del PD, è la stessa compagine che ha votato per la TAV, vi ricordate? A favore della Francia, non dell’Italia! Con Berlusconi che nel mezzo della crisi del virus dove si rifugiava? In Francia! E che si dice ormai per lavoro risieda fiscalmente in Belgio, chissà se è vero… (per mettersi al riparo della super-imposta-patrimoniale che verrà?)

In conclusione, siamo nel pieno della notte. Non sapendo però se la distruzione programmata delle PMI italiane, ossia dell’economia italiana, verrà seguita da una strage di vecchi causa vaccino mRNA.

In effetti sia il governo che i militari sono pronti all’azione.

Va capito contro chi si schiererebbero nel caso, i militari.

MD

*****

Le immagini, i tweet e i filmati pubblicati nel sito sono tratti da Internet per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all’indirizzo info@mittdolcino.com perché vengano immediatamente rimossi. Le opinioni espresse negli articoli rappresentano la volontà e il pensiero degli autori, non necessariamente quelle del sito.