Brasile. Elezioni politiche: Bolsonaro sembrerebbe essere favorito

Redazione: l’occasione è giusta anche per parlare dei BRICS, ovvero dei 5 Paesi che, una decina d’anni fa, tutti dicevano avrebbero sostituito l’Occidente alla guida del mondo.

Era il mantra del (modesto) think tank con cui lo scrivente collaborava, salvo abbandonarlo per forti divergenze di analisi.

Certo, guardando i numeri della tabella a seguire, a prima vista sarebbe facile concludere la stessa cosa.

Ma, se calcolassimo il Pil/ppa (pro capite) in termini assoluti, questi numeri apparirebbero sotto una luce ben diversa (per raggiungere il Pil/ppa degli Stati Uniti, visto il numero degli abitanti, il Pil cinese dovrebbe superare quello statunitense di 4–5 volte, a seconda che si voglia credere o meno ai numeri ufficiali cinesi).

In ogni caso, la tabella a seguire va intesa come crescita del Pil–ppa dal 2020 al 2024 e non come valore assoluto.

Detto questo, la mia obiezione era che, al di là degli scambi commerciali indubbiamente notevoli, pensare a questi Paesi come a un’”Entità” dotata di direzione e strategie comuni era semplicemente ridicolo.

Divisi su tutto, Cina e India sono addirittura sull’orlo di una guerra … Russia e Cina sono alleati sì, ma solo fino a quando esisterà un interesse contingente.

Non esiste, quindi, un “mondo Brics”, come potrebbe invece essere considerato, seppur con tanti distinguo, il “mondo Occidentale”.

Contrariamente alla tabella presentata dall’autore, che sembrerebbe suggerire una cosa del genere.

Ci rallegriamo, comunque, dell’ottima performance del “Trumpiano” Bolsonaro che, evidentemente, non viene ritenuto responsabile della pandemia e di cui, anzi, vengono riconosciuti impegno e buona fede.

*****

Giuseppe Sandro Mela per Senza Nubi

A novembre la produzione industriale del Brasile evidenziava un +2.8% anno su anno.

Brasile. Il sistema economico sembrerebbe essere in netta ripresa.

Brasile. Adesso è il terzo fornitore della Cina di petrolio.

Brasile. Bolsonaro nomina Kassio Nunes alla Suprema Corte.

Brasile. Bolsonaro sale molto nei sondaggi. Liberal angustiati e tormentati.

Brasile. Jair Bolsonaro. Datafolha. Popolarità mai così alta al 37%, Consenso 47%.

Brasile. Giugno. PMI in crescita, ma ancora in fascia di contrazione.

Brasile. Archiviati decenni di socialismo si avvia alla rinascita economia.

Tra un mese si terranno in Brasile le elezioni politiche e le formazioni del Presidente Jair Bolsonaro sembrerebbero essere favorite.

«Nonostante una profonda recessione e il secondo focolaio del Covid-19 più mortale al mondo, i candidati sostenuti dal Presidente di destra brasiliano Jair Bolsonaro dovrebbero ottenere il controllo del Congresso il mese prossimo, hanno detto lunedì i politici e gli analisti».

«Bolsonaro sostiene apertamente il deputato di centrodestra Arthur Lira come Presidente della Camera Bassa, contro il centrista Baleia Rossi, che ha l’appoggio dell’attuale Presidente Rodrigo Maia e dei Legislatori che tengono le distanze dal Presidente».

«Lira, che in uno scambio con la Reuters si è dichiarato “fiscalmente conservatore”, ha più dei 257 voti necessari»

«I sondaggi mostrano che Bolsonaro abbia mantenuto il sostegno dell’opinione pubblica nonostante la crisi, con il 37% degli intervistati che lo definisce “buono “o” grande “»

«Il suo candidato al Senato, Rodrigo Pacheco del Partito Democratico, è in chiaro vantaggio per diventare Presidente del Senato: 46 Senatori contro i 33 del suo rivale Simone Tebet»

*****

«Questo è l’inizio della liberazione del Brasile dal socialismo, dal politicamente corretto e da uno stato troppo invadente»

Un mese passa rapidamente.

Per chi volesse, ecco il link (in inglese) all’articolo della Reuters: https://www.reuters.com/article/us-brazil-politics/bolsonaro-allies-set-to-win-control-of-brazils-congress-idUSKBN29N1V6

*****

Link Originale: https://senzanubi.wordpress.com/2021/01/23/brasile-elezioni-politiche-bolsonaro-sembrerebbe-essere-favorito/

Scelto e pubblicato da Franco