«L’influenza è sparita!» — «A breve in arrivo nuovi tamponi in grado di distinguere tra l’influenza e il Covid!»

Sergio Russo scrive a Marco Tosatti

Scrivo questo brevissimo articolo per tutte quelle persone (in verità oramai rimaste in numero esiguo) che sono ancora capaci di fare il classico “due più due quattro”, razionale e discorsivo…

Nella puntata di domenica 17 gennaio della trasmissione televisiva “Che tempo che fa”, il conduttore Fabio Fazio, rivolgendosi al suo “esperto di fiducia”, Prof. Roberto Burioni, esclama tra il serio e il faceto: «L’influenza è sparita!».

Al che, il Prof. Burioni risponde:

«Sì … sostanzialmente finora non sono stati isolati i virus influenzali, il che … è una cosa eccezionale, mai vista! Ma sono diminuiti drammaticamente (?) anche tutti gli altri virus respiratori! Questo, ci deve far capire quanto sia contagioso il Covid … (???)».

Ed è sempre di questi giorni la notizia, data da alcuni telegiornali, ma presente su diversi siti specializzati del settore, che sono in fase di preparazione: “Tamponi che distinguono tra influenza e infezione da coronavirus in sviluppo allo Spallanzani”.

L’articolista, Andrea Centini, prosegue poi specificando che: 

“L’assessore regionale alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato, ha annunciato che gli scienziati dell’’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive’ (INMI) Lazzaro Spallanzani” di Roma, testeranno a brevi dei nuovi tamponi rino-faringei, in grado di discernere tra un’infezione respiratoria causata da un virus dell’influenza e la COVID-19, la patologia provocata dal coronavirus SARS-CoV-2”  (https://scienze.fanpage.it/tamponi-che-distinguono-tra-influenza-e-infezione-da-coronavirus-in-sviluppo-allo-spallanzani/).

Ed ancora, nel bel mezzo di quello stesso articolo, si legge anche quanto segue: 

“… i sintomi di base in comune tra le due condizioni sono molto simili. Tra essi vi sono tosse, febbre, dolori muscolari, mal di testa, rinorrea, mal di gola, brividi di freddo e diversi altri ancora. In realtà, anche i virus influenzali possono determinare infezioni molto più aggressive, in taluni casi anche letali …”

Ci domandiamo: a questo punto cosa dovrebbe pensare una qualsiasi persona, ancora normale e fornita di raziocinio, quando legge o ascolta simili notizie?

Forse s’interrogherà fra sé e sé, allibito:

“Ma allora … questo numero enorme di contagiati asintomatici — che sono andati a riempire le statistiche sulla pandemia — saranno proprio tutti a causa del covid-19? Oppure, molto più semplicemente, per i diversi livelli della contagiosità influenzale?! …”.

Riassumendo: se le suddette notizie ora le compariamo, mettendole assieme ad altrettanto ambigue e paradossali notizie, tipo quella dell’esperimento compiuto dal Dr. Mario Amici e dal Prof. Stefano Scoglio, in cui hanno dimostrato sperimentalmente che persino un frutto di kiwi (!) dava un test positivo al tampone del Covid-19, allora perché mai dovremmo aver cieca fiducia negli “scienziati” — proposti dal mainstream come “novelli sacerdoti” della nuova religione-scienza — quasi fossero degli intermediari fra noi, comuni mortali, e la loro sacra ed intoccabile dottrina scientifica? …

Bè … mi dispiace per loro, ma se proprio devo fidarmi ciecamente di qualcuno, lo farò nei confronti di ben altro maestro e dottore: Gesù Cristo, Signore dell’Universo e di sua Madre, la Regina del cielo e della terra!

*****

P.S. — All’ultimo momento, approfitto dell’occasione per far notare come la grossa e vistosa spilla di Lady Gaga (da lei indossata alla cerimonia per l’insediamento di Joe Biden), raffigurante una non meglio identificata “colomba della pace”, sia però curiosamente simile a quell’altro volatile dell’inquietante scultura presente nella sala conferenze in cui fu approvato il noto progetto — mondialista e massonico — di Bill Gates, denominato ID 2020, numero 060606!

*****

Link originale: https://www.marcotosatti.com/2021/01/21/sergio-russo-linfluenza-e-sparita-w-linfluenza-e-i-nuovi-tamponi/

Scelto e pubblicato da Franco