IL VACCINO CONTRO IL COVID SIAMO NOI

Barbara Tampieri per L’Orizzonte degli Eventi

In questo dramma intitolato “Covid-19” che da febbraio, ogni sera, fa il “tutto esaurito” nei teatri di tutto il mondo, è ormai chiaro che il coronavirus in sé non ne fosse affatto il protagonista, ma un comprimario e per giunta anche un po’ cane.

Diciamo che, poverino, mi ricorda quelle band un po’ scalcagnate, ma piene dell’entusiasmo d’inizio carriera, che una volta erano incaricate di aprire i concerti dei grandi gruppi rock.

Di questo virus, presentato all’inizio come sfidante del cugino Ebola per il titolo di “Grande Sterminatore dell’Umanità” e chiamato anche SARS-cov2 per distinguerlo dalla sua prima versione uscita qualche anno fa, si è già detto molto.

Il fatto strano è che all’analisi genetica presenta frammenti anomali, addirittura di HIV, probabilmente inseriti in laboratorio con una tecnica di bioingegneria assai discussa (e diverse volte in passato sottoposta a moratoria), che si chiama gain of function.

Dopo aver tirato in ballo improbabili e casuali scambi di effusioni in natura tra pipistrelli e pangolini, mi pare infine assodato che il virus sia nato nel laboratorio di Wuhan, uno strano luogo mezzo cinese, mezzo francese, americano e onuiolo, dove appunto era noto si giocasse un po’ troppo allegramente con i virus — si può sospettare su commissione. 

Alla fine, quello che era stato annunciato come un virus pandemico letale, simile a quello del film “Contagion”, si è rivelato per quello che in fondo doveva essere in quanto pretesto: un virus influenzale forse un po’ più cattivo del solito.

Tuttavia, combinato con qualche vaccinazione di troppo, con la possibile interazione con fattori di inquinamento ambientale, con i protocolli dell’ineffabile OMS (che hanno ammazzato i pazienti obbligando i medici a pratiche errate, “sconsigliando” al contempo le autopsie — con la curiosa indicazione di trattare i cadaveri con le stesse modalità riservate agli infetti da prione — che avrebbero orientato i medici al corretto trattamento delle polmoniti e chissà quali altri fattori che non conosciamo, incluso il divieto di utilizzare farmaci troppo plebei come la idrossiclorochina), il virus SARS-cov2 ha provocato un numero imprecisato di morti.

Si, perché il numero esatto dei morti di questa pandemia non si conosce e sembra non interessare più alla narrativa pandemica, essendo stato oltretutto viziato da sovrastima, per quei casi in cui il paziente è morto “con” il SARS-cov2 ma non “per” il SARS-cov2.  

I morti non interessano più e dovranno essere presto dimenticati come tutte le vittime sacrificali dei grandi eventi catalizzatori.

Infatti, il loro conteggio è stato sostituito da quello dei non-morti, abilmente classificati in una moltitudine di termini neolinguistici: casi, positivi, negativi, contagi, guariti, asintomatici, addirittura spersonalizzandoli nel termine “tamponi”.

Tutto meno che con il loro nome: sani.

E’ questa la chiave perché, grazie ai morti, si doveva arrivare ai vivi.

Ed è qui che il dramma acquisisce le tinte più fosche. Quando capiamo che il virus era solo un pretesto, un antipasto … e che ora dovrà arrivare il piatto forte.

Lo chiamano in tanti modi: Grande Reset, Quarta Rivoluzione Industriale, Nuovo Ordine Mondiale.

Il primo riguarderebbe un vero e proprio riavvio, se non una formattazione di basso livello, dell’attuale e impallato sistema finanziario con due possibili scenari: la vittoria finale dell’usura (celebrata danzando sulle macerie del mondo e su montagne di cadaveri), oppure il ritorno alle Banche Centrali e al Gold Standard che tenterebbe un disperato salvataggio in extremis del capitalismo, affetto da cachessia neoliberista.

La Quarta Rivoluzione Industriale consisterebbe nella trasformazione del mondo in un monoblocco totalitario su base tecnologica e transumanistica.

Un mondo deindustrializzato e con qualche miliardo di posti di lavoro perduti, senza spiegare che fine farebbero le famiglie che vivono di quel lavoro, che probabilmente andranno a ingrossare le montagne di cadaveri previste anche in questo caso. 

Mondo sostituito da uno degli adorati “mondi nuovi” gaiosi e arcobalenati dell’élite, dove Laterra finalmente si è liberata dei pidocchi che la infestavano: cioè, noi.

Il terzo, il Nuovo Ordine Mondiale, è il nome che riassume i concetti precedenti e rappresenta il sogno bagnato delle medesime élite fin dai tempi della Prima delle Rivoluzioni Industriali. 

Il quadro, quindi, è fosco e le vere intenzioni di chi conduce il gioco al massacro vengono svelate, con non poco sadismo, giorno dopo giorno.

La “nuova normalità” che vorrebbero imporci comprende il confinamento in cella senza ora d’aria e la militarizzazione di scuole e ospedali.

Peggio ancora, guidata dagli ukase promanati da Esperti (un campionario di estratti a caso dall’elenco della servitù e nominati a fil di spada bramini della scienza, tamburini di latta dei media, mestieranti dello spettacolo, politicanti del ventriloquio) ai quali è stata promessa la salvezza dal grande repulisti.

Non sanno, i tapini, di essere già stati classificati come “casi” e “tamponi” della prossima pandemia di utile idiozia, che li spazzerà via perché nel frattempo sono stati certificati per essere “entità umane vecchio modello”, totalmente inutili.

La democrazia nel frattempo è diventata un’interminabile ed estenuante campagna elettorale in attesa di elezioni e conseguenti salvataggi che non arrivano mai.

Il Deserto degli Elettori, dove ciascuno di loro può sentirsi impotente come  il Giovanni Drogo dell’altro celebre deserto.

Un paese attaccato al mito di una Costituzione che ci difende ma non si sa per quale preciso motivo dovrebbe farlo, visto che non esclude addirittura leggi speciali e la cui bellezza è servita probabilmente a cornificarci fin dalla prima notte di nozze. 

La faccenda è seria perché, se il progetto non venisse fermato, sarà “dittatura delle minoranze”, scatenate dall’ultraminoranza contro la maggioranza.

La sua cinghia di trasmissione sarà la vendetta generalizzata.

Il trailer della prossima guerra civile è appena andato in onda negli Stati Uniti. 

Se lo scopo è davvero quello di eliminare “i posti di lavoro”, l’attacco sarà alla mente e al corpo — e sarà concentrico, con una violenza mai vista prima nella storia.

Gli obiettivi saranno la salute mentale e il sistema immunitario.

Ci hanno chiusi in casa, in primavera, deprivandoci di vitamina D, togliendoci le cure per le altre malattie, suggerendoci di sfondarci di carboidrati, obbligandoci a re-inspirare CO2 parcellizzando il concetto di gasazione di massa.

Ci hanno inoculato terrore, depressione, ansia, istigati al suicidio.

Ci hanno concesso un po’ di libertà in estate ma ora ricominciano con campagne vaccinali che saranno sempre più al buio riguardo i loro veri effetti e scopi, con altri confinamenti e con la deprivazione del benessere che deriva dagli affetti, dalla sessualità, dalla semplice interazione personale, dalla celebrazione delle feste, dalla pratica della Fede.

E’ un progetto mostruoso pensato da criminali e chi crede di poterlo fermare senza combattere in prima persona, con gli atti di coraggio che competono ai leader, rasenta la complicità.

E’ una battaglia anche e soprattutto spirituale.

Chi ha rinunciato a quella dimensione della sua esistenza non servirà a nulla, nemmeno se s’impegnasse con tutta la dialettica di cui dispone.

Questi mesi ci hanno messo alla prova ma non dobbiamo arrenderci alla disperazione. E’ la prima volta su scala così vasta ma non è la prima.

Si è sopravvissuti ad  altre catastrofi che parevano non dovessero finire mai.

Se manteniamo salda la mente salveremo anche il corpo.

Pratichiamo, alla faccia degli Esperti, gli affetti, l’amore, il sesso, l’allegria, la condivisione.

Svegliamoci ogni mattina con un pensiero che ci fa star bene e ci guarisce.

Allacciamo nuovi legami, rinsaldiamo quelli precedenti, andiamo alla ricerca dentro di noi del nostro potenziale e troveremo armi che ci renderanno invincibili. 

Il covid è la metafora del neoliberismo, la sua chimera raffazzonata con tutto il peggio dei suoi totalitarismi, e vorrebbe essere la soluzione finale contro l’Umanità.

Siamo noi stessi il vaccino, l’immunità naturale, contro il covid.

*****

Link Originale: http://ilblogdilameduck.blogspot.com/2020/10/il-vaccino-contro-il-covid-siamo-noi.html

Scelto e pubblicato da Franco