Inflazione, salita dei prezzi, petrolio…. Comunque vada, se come atteso in gran parte dell’EU i salari resteranno stagnanti/in discesa (causa disoccupazione, in crescita per sblocco licenziamenti) alla fine del mese non ci saranno soldi. Cronistoria del botto

Negli scorsi giorni, per la prima volta, Draghi ha ammesso che, causa inflazione e mancato rispetto dei programmi di implementazione, il Recovery Fund può fare flop, più o meno. Tutte balle! Il RF è insufficiente, tardo e mal concepito, dunque si farà flop comunque. Per dirla tutta il RF è la versione “lenta” del MES, il piano che avrebbe chiesto immediatamente rientro da parte dell’Italia con soldi dati a strozzo, piano applaudito e spinto da Renzi, Berlusconi, Giorgetti, Letta & Co..

Prima conclusione parziale: in Italia non esiste opposizione, tanto meno patriottica. Seconda conclusione parziale: non si tratta se l’Italia farà il botto economico, solo quando lo farà. Infatti i lestofanti politici italiani stanno giusto cercando un modo per sfuggire dalle loro responsabilità, mi direte fra un po’…

Leggi tutto “Inflazione, salita dei prezzi, petrolio…. Comunque vada, se come atteso in gran parte dell’EU i salari resteranno stagnanti/in discesa (causa disoccupazione, in crescita per sblocco licenziamenti) alla fine del mese non ci saranno soldi. Cronistoria del botto”

Evviva! L’EU accetta per l’accesso al suo territorio SOLO i vaccini riconosciuti dall’EMA, che sono o tedeschi o svedesi o amici di Bill Gates. Ciò significa che il vaccino cinese NON verrà accettato (cinesi out!)

I principali vaccini accettati in EU sono quelli di Pfizer (tedesco), Astra Zeneca (anglo svedese) e Moderna (sponsorizzato da Bill Gates). Gli altri ad oggi o non sono riconosciuti (Sputnik, SinoVac, pur essendo i più diffusi nel mondo) o sono marginali (Janssen, J&J). Indubbiamente, trattasi di geopolitica dei vaccini, o meglio di imposizione della propria filiera produttiva lato EU. Succede lo stesso con le auto elettriche a pensarci bene: imposte dall’auto, attraverso divieti. E gli EUropei tutti devono subirne le conseguenze, ossia cambiare di fatto forzosamente il proprio autoveicolo (con uno francese o tedesco, ndr), spendendo i risparmi di una vita. Ci siamo capiti…

Questa è l’EU, un superstato in cui la dittatura è stata sostituita dal moderno totalitarismo a vantaggio franco-tedesco, indirizzando i consumi a vantaggio dei poteri centrali, altro che libertà! Sempre che le elezioni EUropee un giorno non andremo a scoprire che sono esse stesse manipolate, in EU (solo questione di tempo, nel caso, attendo il voto postale, ndr).

Leggi tutto “Evviva! L’EU accetta per l’accesso al suo territorio SOLO i vaccini riconosciuti dall’EMA, che sono o tedeschi o svedesi o amici di Bill Gates. Ciò significa che il vaccino cinese NON verrà accettato (cinesi out!)”

News finanziarie dagli USA: base monetaria M1 + 230% in soli 4 mesi. E trend di + 2.000% entro il 2022. E la zona dell’Euro?


Dalle scorse elezioni americane di novembre 2020 al febbraio 2021 l’approvvigionamento monetario USA M1 è cresciuto del 230%!
 


Un valore incrementale decisamente oltre ogni ragionevole comprensione in un settore dove vige da sempre prudenza, aspettative condivise e continuità.

Salvo immaginare un triplo cambio di paradigma.

Leggi tutto “News finanziarie dagli USA: base monetaria M1 + 230% in soli 4 mesi. E trend di + 2.000% entro il 2022. E la zona dell’Euro?”

L’incredibile errore di Citibank del 2015 sulla Grecia: cosa successe col suo “marchiano” errore, una folle previsione? Evidentemente successe qualcosa, forse i piani vennero cambiati? Magari spostati ad oggi…

Redazione

Per anni mi sono chiesto cosa successe nel giugno/luglio 2015 (LINK) quando Citibank, la banca più importante e sistemica del mondo, fece una previsione folle per la Grecia, post referendum della sfida all’EU/euro. Erano i periodi delle ultime turbolenze di Varoufakis, se vi ricordate bene. Sostanzialmente Citibank fece una previsione davvero folle, ai tempi: si aspettava negli anni a venire la temutissima stagflazione, con esplosione del “Misery Index”, vedasi oltre. La tabella la vedete sopra. Previsione folle che però non si avverò. Resta il dubbio su tale “svista di Citi“. Soprattutto oggi, quando la previsione economica per la Grecia di allora di fatto diventa valida ed attualissima quanto meno per tutto il Club Med EU!

Leggi tutto “L’incredibile errore di Citibank del 2015 sulla Grecia: cosa successe col suo “marchiano” errore, una folle previsione? Evidentemente successe qualcosa, forse i piani vennero cambiati? Magari spostati ad oggi…”

Il tentativo di Matteo Renzi di far cadere il governo Conte è inaccettabile: lato renzusconi non esiste alcun piano per uscire dalla crisi, solo stratassare gli italiani. Anche con Draghi, supportato dalla Lega (l’ex capo BCE era “sparito” con Trump alla Casa Bianca…)

 

Capisco la posizione di molti amici che vedono in Renzi un ottimo politico. Infatti lo è, nell’affabulazione  e nella dialettica certamente. Ed anche nella capacità di pensiero, vero. Certo però che mai è successo – nel caso – che un presidente del consiglio e/o capo di partito di governo italiano abbia tramato contro un Presidente USA regolarmente eletto, pensando che avrebbe perso ed anzi creando dossier per affossarlo: se ciò dovesse essere provato, intendo che qualcuno in Italia ha fatto questo col Russiagate, beh, costui con Trump che che resta al potere sarebbe finito. E tutto sommato anche senza Trump, ben ricordando come i militari USA non dimenticano gli affronti subiti, Craxi a Sigonella docet. Dunque, ripresentiamo la situazione: “Renzi sarebbe un ottimo politico se/ma….

Leggi tutto “Il tentativo di Matteo Renzi di far cadere il governo Conte è inaccettabile: lato renzusconi non esiste alcun piano per uscire dalla crisi, solo stratassare gli italiani. Anche con Draghi, supportato dalla Lega (l’ex capo BCE era “sparito” con Trump alla Casa Bianca…)”

Le devastanti implicazioni socio-economiche della Brexit per paesi come l’Italia: ora i giovani disoccupati l’EU dovrà tenerseli! Quello che i media nascondono sull’addio di Londra all’Unione franco-tedesca

 

In questa follia da Brexit i media italici hanno fatto – come al solito – quello che gli riesce meglio: nascondere le notizie importanti. Per non allarmarvi chiaramente, ossia in fondo per “deviare” il vostro pensiero. Il motivo è sconcertante: sarete proprio voi che leggete, le vostre famiglie, a pagare dazio! Infatti Londra come sempre ha calcolato molto bene le proprie mosse, al fine di massimizzare gli interessi di un paese sovrano quale certamente la Gran Bretagna è! Mentre Roma resta la capitale sottomessa e corrotta di un paese altamente sottomesso allo straniero, governato per interposta persona dai kapo locali, che di norma controllano media e infrastrutture+aziende strategiche. O sono in politica, ma col doppio stipendio…

Leggi tutto “Le devastanti implicazioni socio-economiche della Brexit per paesi come l’Italia: ora i giovani disoccupati l’EU dovrà tenerseli! Quello che i media nascondono sull’addio di Londra all’Unione franco-tedesca”

Il conto della serva sull’inutilità (ovvero l’insignificanza) del Recovery Fund dell’EU: non ci sono alternative a riattivare la mano invisibile dell’imprenditoria per uscire della crisi. Ossia uscire dalla moneta unica, per abbassare le tasse!

Sto leggendo fesserie incredibili sul Recovery Fund, pagato in gran parte dagli italiani – ossia, non è gratis, in larghissima parte va restituito – dove ti viene detto anche dove devi spendere i tuoi soldi! Ossia non dove i soldi servono veramente al Paese, no, ma dove serve all’EU, una sorta di piano quinquennale come succedeva nella DDR dove è cresciuta Angela Merkel. E, vedrete, a beneficio anche e soprattutto delle aziende tedesche. Ad esempio, si parla di idrogeno e di idrogenizzatori: chi sono i principali costruttori di macchine per produrre idrogeno? Per caso i tedeschi? Avete capito…

Ma il problema è un altro: i fondi sono ampiamente insufficienti post-COVID, ve lo dimostreremo sotto. Anzi il RF è davvero insignificante rispetto ai numeri economici del virus. Ovvero, l’elemosina di circa 210 mld € distribuiti su vari anni sono giusto una goccia nel mare, che NON servirà assolutamente per uscire dalla crisi! Anzi renderà l’Italia ancora più schiava dal debito, da restituire. L’unica vera soluzione la leggete al titolo.

Leggi tutto “Il conto della serva sull’inutilità (ovvero l’insignificanza) del Recovery Fund dell’EU: non ci sono alternative a riattivare la mano invisibile dell’imprenditoria per uscire della crisi. Ossia uscire dalla moneta unica, per abbassare le tasse!”

Fatti importanti, stop entropia: la Cina diventa il secondo trading partner di Berlino (a breve, con la svalutazione del dollaro sarà il primo). Riflettiamo anche sul coprifuoco che per bloccare il virus non serve, ma…

CI sono tantissime cose da riportare, in questo epico scontro tra mondo libero ed elitocrazia, ossia contro il totem totalitario del globalismo. Chiaramente la stampa italiana punta sempre al ribasso, quasi il mantra fosse “non pensare, fare caciara, sviare il discorso su baggianate lasciando intonsi i grandi interrogativi!“. Noi non ci stiamo. Dunque spingiamo su argomento che riteniamo cruciali, in quanto gravidi di conseguenze. Ad esempio sulla simbiosi Germania Cina a livello non solo economico. Simbiosi che ben si sposa con gli interessi comuni volti ad annientare il potere USA nel mondo, per sostituirsi ad esso. Se tale slancio può avere una giustificazione per Pechino, grande e possente coi suoi consumi, ha invece zero supporto per la Germania, paese piccolo e relativamente povero di risorse, che vive da sempre degli scontri che innesca in Europa. Ossia  troneggia con le asimmetrie e sulle disgrazie altrui, volute, pianificate, anche diabolicamente. Con tale metro spiegate ben 2 guerre mondiali. E forse anche la terza, in arrivo. La Germania infatti non ha il physique du role per sfidare da sola Washington; dunque deve usare l’Europa intera per darsi sostanza. Il progetto EU, a vantaggio preminentemente tedesco e parzialmente francese, la Francia che fu di Vichy intendo, è infatti lo “strumento di ambizione globale tedesca“.

Leggi tutto “Fatti importanti, stop entropia: la Cina diventa il secondo trading partner di Berlino (a breve, con la svalutazione del dollaro sarà il primo). Riflettiamo anche sul coprifuoco che per bloccare il virus non serve, ma…”

La pandemia di COVID in Italia – ed in gran parte dell’EU – è INESISTENTE per colpa dei falsi positivi! Lo dice la scienza ed i magistrati (portoghesi). Dunque i lockdown ed i “Chiudete tutto” hanno fatto un disastro. Chi paga?

 

Esisterà un giudice in Italia? Bisogna essere tranchant in certi casi, ma solo quando ci sono le condizioni opportune. Oggi sono finalmente arrivate, le condizioni: in Portogallo, i giudici lusitani hanno deciso che i positivi COVID sono in larga parte un’invenzione in quanto il test PCR usato si basa su criteri metodologici che letteralmente creano una montagna di falsi positivi! Lo dice la scienza, oltre che i magistrati lusitani. Penso sia chiaro ormai a tutti che la pandemia nei termini in cui i media ce l’hanno descritta non esiste; ossia il fine sembra davvero essere un altro, non quello sanitario: direi spaventare la gente, creare crisi economiche e dunque permettere il Grande Reset, come annunciato da Charles Schwab.

Leggi tutto “La pandemia di COVID in Italia – ed in gran parte dell’EU – è INESISTENTE per colpa dei falsi positivi! Lo dice la scienza ed i magistrati (portoghesi). Dunque i lockdown ed i “Chiudete tutto” hanno fatto un disastro. Chi paga?”

Scontri a Palermo, Firenze, Napoli: ha ragione Trump, i lockdown di ogni tipo devono finire! Solo mascherine e distanziamento sociale (Intanto Paolo Mieli, ex Potere Operaio, sembrerebbe quasi parlare come se fosse un agente straniero, da ascoltare)

Abbiamo visto ieri pesantissimi scontri, soprattutto a Napoli. Il motivo è semplice: la fame! Al grido, “vogliamo lavorare” la gente ha sfidato la Polizia ed i blocchi da virus. Peccato notare che molti sulla piazza, ma non tutti, erano extracomunitari, quanto meno questo è quanto si è visto dai video della Polizia, messi stranamente live sul sito de La Stampa di Torino, ossia dell’azienda vicina agli Elkann (quelli che prima possedevano la più grande industria auto del Paese, poi svenduta ai francesi trasformando le fabbriche italiane in produttori di mascherine, ndr). La nuda e cruda verità è che il futuro disegnato da francesi e tedeschi a capo dell’EU per la Penisola, è quello di farvi diventare un popolo di camerieri e ristoratori, una repubblica basata sugli agriturismo insomma. Che poi è una repubblica povera. Ossia, un surrogato del piano Morgenthau che gli USA volevano invece applicate a Berlino post WWII: tale deriva farà diventare irrimediabilmente povera la Penisola! Se passa tale linea arriverà – inevitabile– la patrimonialona pagata da chi ha poco ma non nulla preservando le ricchezze enormi apicali, è INEVITABILE!

Leggi tutto “Scontri a Palermo, Firenze, Napoli: ha ragione Trump, i lockdown di ogni tipo devono finire! Solo mascherine e distanziamento sociale (Intanto Paolo Mieli, ex Potere Operaio, sembrerebbe quasi parlare come se fosse un agente straniero, da ascoltare)”

E’ in corso un tentativo di golpe per abbattere Conte prima della riconferma di Trump? Non si spiega che sia ad es. il Gov. leghista Fontana ad imporre sia il coprifuoco che pensare al lockdown totale. Mentre la colpa viene data al Premier!

I fatti, questi tremendi fatti. Notavo ieri in concomitanza con la nomina di Amy Coney Barrett a Giudice Supremo (SCOTUS), notizia taciuta o passata oggi in fondo pagina di tutti i giornaloni italiani nonostante sia di una importanza vitale ed una grande vittoria di Trump, come tutti i media si stiano accanendo con il capo del governo di Roma per misure di semilockdown, sebbene sembra siano molto più blande di quello che si fa nel resto d’EUropa. Addirittura si va oltre: il governatore Fontana, della Lega, ossia dell’opposizione, ha imposto il coprifuoco per primo in Lombardia. E ieri asseriva di pensare ad un lockdown totale nella Regione. Ma i media continuano a dare la colpa a Conte. Temo quindi sia in atto un tentativo di golpe contro il Governo al fine di sostituirlo con un governo nemico di Trump, visto che il Presidente USA verrà rieletto la prossima settimana. Ossia un governo pro-€. Dunque, il governo Draghi, che dovrà imporre tasse a dismisura agli italiani, annettendo economicamente la Penisola – o almeno il nord Italia – all’asse di Acquisgrana (ex Vichy).

Leggi tutto “E’ in corso un tentativo di golpe per abbattere Conte prima della riconferma di Trump? Non si spiega che sia ad es. il Gov. leghista Fontana ad imporre sia il coprifuoco che pensare al lockdown totale. Mentre la colpa viene data al Premier!”

Il piano globalista per affossare l’Italia coi referendum costituzionali. Prima ci provò Renzi, ora il M5S. E i due primi partiti italiani, all’opposizione l’uno dell’altro, con Salvini (Lega) e Zingaretti (PD), sono per il SI. Come fu per la TAV, a favore di Parigi…

 

E’ in corso un attacco contro l’Italia, un attacco chiaro e deliberato. A voler rompere l’Italia sono i globalisti, ovvero le elites globali. Ossia Germania e soprattutto Francia a capo dell’EU neocoloniale. Quest’ultima, la Francia, si è distinta come paese per cercare costantemente di mettere le mani sulla Penisola, nei secoli. Fino a far pronunciare addirittura al suo corrente presidente, Macron, che la capitale dell’Italia è Parigi. A parte che se Macron volesse questo in tantissimi in Italia lo accoglierebbero col moschetto carico. In tale contesto non va però sottaciuto come sia stata proprio Parigi a boicottare da sempre il nucleare italiano. Sapete perchè? L’Italia con il nucleare sarebbe diventata formalmente NON CONTENDIBILE e dunque veramente indipendente. Così si spiegano gli attacchi negli anni vedasi nel caso Ippolito, vedasi la bramosia di prendersi Montedison, l’azienda che – come Edison – venne “nominata” da Fermi come referente per il nucleare civile in Italia.

Leggi tutto “Il piano globalista per affossare l’Italia coi referendum costituzionali. Prima ci provò Renzi, ora il M5S. E i due primi partiti italiani, all’opposizione l’uno dell’altro, con Salvini (Lega) e Zingaretti (PD), sono per il SI. Come fu per la TAV, a favore di Parigi…”

E se ci fossimo sbagliati? Nulla capita a caso ed il COVID può essere un ingrediente di un immenso tentativo di “power shift”, che va sempre di pari passo con un “industrial shift”. Vedremo l’incumbent…

Si vis pacem, para bellum

Proprio ieri mattina dissi ai colleghi del sito che avevo finalmente maturato la “chiusura del cerchio“, chiamasi anche la convinzione di aver capito il giro del fumo, dopo una notte insonne a consultare fonti varie e distanti. Anche su twitter lo scrissi, meditando su come (e se) sarebbe stato il caso di dipingere tale novella convinzione, per quello che sarei riuscito a dire. Ieri invece la sorpresa: Trump ha bellamente annunciato che gli USA hanno armi nucleari che nessuno ha nel mondo. Come dire, noi siamo qui e non ce ne andiamo, dunque?

Leggi tutto “E se ci fossimo sbagliati? Nulla capita a caso ed il COVID può essere un ingrediente di un immenso tentativo di “power shift”, che va sempre di pari passo con un “industrial shift”. Vedremo l’incumbent…”

Il genio? Prendere i soldi del Recovery Fund dall’EU – ossia da Berlino e Parigi – e spenderli per il progetto militare anglo-USA “Tempest”. Ormai si gioca a carte scoperte… (frangente pericolosissimo)

 

E’ chiaro che il Recovery Fund (RF) è insufficiente, pochi soldi rispetto al crollo del PIL ed all’aumento del debito italico, oltre che rispetto alla discesa delle entrate dello Stato. Il RF è pure tardivo, infatti arriverà tardi apposta per volere EU, il prossimo anno, sperando che l’Italia nel mentre ceda ed accetti il MES che di fatto comporta la troika immediata visto che le spese di Roma dovranno in tale caso essere contrattate EX ANTE con un tedesco a capo dell’ente, l’ESM, ente privatistico, che può escutere garanzie alla bisogna cambiando gli statuti, anche in prelazione ad altri meccanismi di aiuto EUropei. Parimenti i soldi del RF dovrebbero andare a progetti sistemici, grandi opere ecc. Fa sorridere che, proprio mentre Londra si appresta a fare la Brexit NO DEAL, ossia schiaffeggiando in faccia (ed anche molto più in basso) l’EU franco-tedesca, l’Italia suggerisca l’uso dei soldi del RF per progetti strutturali ma militari e pure in collaborazione non con l’EU ma con Londra e Washington!

Leggi tutto “Il genio? Prendere i soldi del Recovery Fund dall’EU – ossia da Berlino e Parigi – e spenderli per il progetto militare anglo-USA “Tempest”. Ormai si gioca a carte scoperte… (frangente pericolosissimo)”

Il progetto mercantilista e neo-feudale connesso all’Euro, guidato dalla BCE che “stampa” per l’élite finanziaria nel disinteresse per l’economia reale

 

 Megas Alexandros e Pepito Sbazzeguti

Per chi ancora non comprende come è gestito l’euro e per identificare meglio coloro che sono interessati a conservarlo ad ogni costo, ecco una breve lettura che ne descrive le disfunzionalità…raccontiamo come la Banca Centrale Europea, acquistando titoli di debito, non solo non risolve i problemi economici dei paesi appartenenti all’Eurozona, ma agevola la concentrazione della ricchezza reale a favore di pochi.

Leggi tutto “Il progetto mercantilista e neo-feudale connesso all’Euro, guidato dalla BCE che “stampa” per l’élite finanziaria nel disinteresse per l’economia reale”