Un vaccino contro il Coronavirus è una bomba a orologeria?

Partiamo da una domanda, è giustificato vaccinare l’80% della popolazione italiana con terapie geniche di cui non si conoscono ancora gli effetti a lungo termine, a fronte di una “pandemia” che ha ucciso in un anno in Italia lo 0,2% della popolazione?

Ma cosa succede se qualcosa va storto?

Purtroppo le avvisaglie che ciò possa succedere ci sono già, basta leggere la conclusione di uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Nature:

L’ADE è stata osservata nella SARS, nella MERS e in altre infezioni da virus respiratori umani, compresi RSV e morbillo, il che suggerisce un rischio reale di ADE per i vaccini SARS-CoV-2 e gli interventi basati sugli anticorpi.

Per chi non sapesse cos’è l’ADE e volesse capire qualcosa in più sull’argomento ci viene in aiuto l’interessante articolo a seguire (molto più divulgativo dello studio di Nature):

Un vaccino contro il Coronavirus è una bomba a orologeria?

Pubblicato il 17 aprile 2021

Scritto da theburningplatform.com

Per maggiori referenze e fonti complete, referenze scientifiche, autori, date, …,  vedasi anche: https://alethonews.com/2021/04/18/is-a-coronavirus-vaccine-a-ticking-time-bomb/

Un vaccino contro la SARS-CoV-2 potrebbe peggiorare il problema? Anche se non è una certezza, tutti i dati attuali dicono che questa prospettiva è una possibilità reale a cui bisogna prestare molta attenzione. (…). Lo stesso deputato gallese a Westminster, Chris Elmore, presidente del gruppo parlamentare per i social media ha parlato di “bomba ad orologeria”, ossia che il vaccino potrebbe portare ad una carenza di immunità al virus (LINK).

Anche senza portare qualsiasi altra questione nel dibattito sui vaccini, un vaccino contro il coronavirus è un’impresa altamente pericolosa a causa di un peculiare meccanismo simile ad un cavallo di Troia noto come meccanismo del potenziamento dipendente dall’anticorpo (ADE). Indipendentemente dalla convinzione di qualcuno sui vaccini, questo problema deve essere riconosciuto. Nella parte restante di questo articolo, spiegherò come funziona l’ADE e i pericoli futuri che può portare.

Fonte: al LINK

Perché un vaccino funzioni, il nostro sistema immunitario deve essere stimolato a produrre un anticorpo neutralizzante, cioè un anticorpo che può riconoscere e legarsi a una regione del virus, e che di conseguenza fa sì che il virus non entri o si replichi nelle cellule.

Un anticorpo non neutralizzante è un anticorpo che può legarsi al virus, ma per qualche motivo non riesce a neutralizzare l’infettività del virus. Questo può accadere, per esempio, se l’anticorpo non si lega abbastanza strettamente al virus, o la percentuale della superficie del virus coperta dall’anticorpo è troppo bassa, o la concentrazione dell’anticorpo non è abbastanza alta. In pratica, c’è un qualche tipo di legame generico dell’anticorpo al virus, ma non riesce a neutralizzare il virus.

In alcuni virus, se una persona ospita un anticorpo non neutralizzante per il virus, una successiva infezione da parte del virus può provocare una reazione più grave al virus. Questo è chiamato meccanismo del potenziamento dipendente dall’anticorpo (ADE), ed è un problema comune con il virus Dengue, il virus Ebola, HIV, RSV, e la famiglia dei coronavirus.

Infatti, questo problema dell’ ADE è uno dei motivi principali per cui molti studi precedenti sui vaccini per altri coronavirus sono falliti. I maggiori problemi di sicurezza sono stati osservati nei modelli animali. Se l’ADE si verifica in un individuo, la sua risposta al virus può essere peggiore di quella che avrebbe avuto se non avesse mai sviluppato un anticorpo.


Una ipotesi del  meccanismo della temibilissima ADE è stata presentata da eminenti scienziati, ossia è potenzialmente reale. Vedasi: “Impact of Immune Enhancement on COVID-19 Polyclonal Hyperimmune Globulin Therapy and Vaccine Development.”,Ruklanthi de Alwis, Shiwei Chen, Esther S. Gan, Eng Eong Ooi (pubblicata sul pretigiosissimo The Lancet, LINK)


Cosa comporta l’ADE? Il meccanismo esatto dell’ADE nella SARS non è noto, ma la teoria principale è descritta come segue: In alcuni virus, il legame di un anticorpo non neutralizzante al virus può dirigere il virus ad entrare ed infettare le cellule immunitarie. (…)

In altre parole, la presenza dell’anticorpo non neutralizzante ora dirige il virus a infettare le cellule del vostro sistema immunitario, e questi virus sono poi in grado di replicarsi in queste cellule e portare scompiglio nella vostra risposta immunitaria. (…)

Questo può causare una risposta iperinfiammatoria, una tempesta di citochine, e una disregolazione generale del sistema immunitario che permette al virus di causare più danni ai nostri polmoni e ad altri organi del nostro corpo.

Inoltre, nuovi tipi di cellule in tutto il nostro corpo sono ora suscettibili di infezione virale (…)

Ciò significa che si può somministrare un vaccino che induce il sistema immunitario a produrre un anticorpo, ma poi quando il corpo è effettivamente sfidato con l’agente patogeno reale l’infezione diventa molto peggio che se non si fosse stati vaccinati.

La spinta ai vaccini da dove arriva? L’affarista…

Di nuovo, questo non si vede in tutti i virus, o anche in tutti i ceppi di un dato virus, e c’è un gran dibattito per il fatto che gli scienziati non capiscono quale sia la serie completa di fattori che dettano quando e se l’ADE possa verificarsi. È molto probabile che i fattori genetici e lo stato di salute dell’individuo possano giocare un ruolo nel modulare questa risposta. Detto questo, ci sono molti studi che dimostrano che l’ADE è un problema persistente con i coronavirus in generale, e in particolare con i virus legati alla SARS.

Si sa meno, naturalmente, riguardo alla SARS-CoV-2, ma le somiglianze genetiche e strutturali tra la SARS-CoV-2 e gli altri coronavirus suggeriscono fortemente che questo rischio sia reale.

L’ADE ha dimostrato di essere una seria sfida per i vaccini contro i coronavirus, e questo è il motivo principale per cui molti hanno fallito nei primi studi in vitro o sugli animali. Per esempio, i macachi rhesus che sono stati vaccinati con la proteina Spike del virus SARS-CoV hanno sviluppato gravi lesioni polmonari acute quando sono stati infettati con il SARS-CoV, mentre alle scimmie non vaccinate ciò non è successo. (…)

Affinché un vaccino funzioni, gli sviluppatori di vaccini dovranno trovare un modo per aggirare il problema delle ADE. Questo richiederà una soluzione molto innovativa, e potrebbe non essere realizzabile, o per lo meno prevedibile. Inoltre, il vaccino non deve indurre ADE nei successivi ceppi di SARS-CoV-2 che emergono nel tempo, o in altri coronavirus endemici che circolano ogni anno e causano il comune raffreddore.

Uno dei principali fattori scatenanti dell’ADE è la mutazione virale. I cambiamenti nella sequenza di aminoacidi della proteina Spike (che è la proteina del virus che facilita l’ingresso nelle nostre cellule attraverso il recettore ACE2) possono causare la deriva antigenica. Ciò significa che un anticorpo che una volta era neutralizzante può diventare un anticorpo non neutralizzante perché l’antigene è leggermente cambiato. Pertanto, le mutazioni nella proteina Spike che si verificano naturalmente con i coronavirus potrebbero presumibilmente provocare ADE.


Poiché questi ceppi futuri non sono prevedibili, è impossibile prevedere se l’ADE diventerà un problema in futuro.

Questo problema di imprevedibilità intrinseca è evidenziato nel seguente scenario: Un vaccino contro il coronavirus potrebbe non essere pericoloso inizialmente. Se i test iniziali sembrassero positivi, una grande porzione della popolazione verrebbe presumibilmente sottoposta ad una vaccinazione di massa. Nel primo anno o due potrà sembrare che non ci sia un vero problema di sicurezza, e nel tempo una percentuale maggiore della popolazione mondiale sarà vaccinata a causa di questa “sicurezza” percepita.

Durante questo periodo intermedio, il virus sarà occupato a mutare. Alla fine, gli anticorpi che gli individui vaccinati avranno in circolazione nel loro sangue diventeranno non neutralizzanti perché non riusciranno a legarsi al virus con la stessa affinità a causa del cambiamento strutturale risultante dalla mutazione. Quando queste persone precedentemente vaccinate verranno infettate da questo diverso ceppo di SARS-CoV-2, potrebbero avere una reazione molto più grave al virus.

Ironicamente, in questo scenario, questo vaccino avrebbe reso il virus più patogeno anzichè meno patogeno. Questo non è qualcosa che i produttori di vaccini sono in grado di prevedere o testare all’inizio con un alto livello di affidabilità, ma diventerebbe evidente solo in un momento successivo.

Se e quando questo accadrà, chi sarà responsabile?

L’industria dei vaccini è a conoscenza di questo problema? La risposta è sì, lo sanno.

Citando un articolo di Nature Biotechnology pubblicato il 5 giugno 2020:

“”È importante parlarne [ADE]”, dice Gregory Glenn, presidente della R&S di Novavax, che ha lanciato il suo trial sul vaccino COVID-19 a maggio. Ma “non possiamo essere eccessivamente cauti. La gente sta morendo. Quindi dobbiamo essere aggressivi”.

E dallo stesso articolo:

ADE “è una preoccupazione genuina“, dice il virologo Kevin Gilligan, un consulente senior con Biologics Consulting, che consiglia studi di sicurezza approfonditi. “Perché se siamo precipitosi e distribuiamo a tappeto un vaccino che rafforza la malattia, sarebbe peggio che non fare alcuna vaccinazione“.

L’industria dei vaccini è consapevole di questo problema. Il grado in cui lo stanno prendendo sul serio è un’altra questione.

Mentre molti sviluppatori di vaccini sono consapevoli del problema, alcuni di loro si avvicinano al problema con un atteggiamento più laissez-faire. Vedono questo problema come “teorico” e non garantito, con l’idea che gli studi sugli animali dovrebbero escludere il potenziale di ADE negli esseri umani.

Come nota a margine, non è etico condurre studi “infettando” di proposito esseri umani. Tuttavia, questi studi sono condotti negli animali. In altre parole, uno studio clinico per un vaccino non include la somministrazione del vaccino a una persona, e poi l’esposizione di questa persona al virus dopo la vaccinazione per monitorare la sua reazione. Negli studi clinici, agli esseri umani viene dato solo il vaccino, non vengono infettati in seguito con il virus. Negli studi sugli animali, si conduce un test infettandoli per osservare come essi rispondono all’infezione con il virus reale dopo essere stati vaccinati.

Condurre studi sugli animali risolverà il problema e rimuoverà il rischio?

Non del tutto. (…) Gli animali e gli esseri umani sono simili, ma sono anche molto diversi. Inoltre, come sottolineato sopra, lo sviluppo di diversi ceppi virali negli anni successivi potrebbe presentare un grosso problema non percepibile durante i test di sicurezza iniziali negli esseri umani o negli animali.

Che dire delle persone non vaccinate che sono naturalmente infettate dal virus e sviluppano anticorpi? Queste persone potrebbero sperimentare l’ADE a un futuro ceppo di SARS-CoV-2?

La risposta all’ADE è in realtà molto più complicata del quadro che ho delineato sopra. Ci sono altri fattori concorrenti e non concorrenti nel nostro sistema immunitario che contribuiscono alla risposta ADE, molti dei quali non sono pienamente compresi. (…) In un vaccino, al nostro corpo viene normalmente presentata una piccola parte del virus (come la proteina Spike), o un virus modificato (attenuato o morto) che è più benigno.

Un vaccino non espone tutto il nostro sistema immunitario al virus vero e proprio.

Questi tipi di vaccini suscitano solo anticorpi che riconoscono la parte del virus presente nel vaccino. Le altre porzioni del virus non sono rappresentate nel pool di anticorpi. In questo scenario, è molto più probabile che gli anticorpi indotti dal vaccino possano essere resi come anticorpi non neutralizzanti, perché l’intero virus non è rivestito di anticorpi, solo la porzione che è stata utilizzata per sviluppare il vaccino.

In un’infezione reale, il nostro sistema immunitario è esposto in ogni sua parte dell’intero virus, e come tale, il nostro sistema immunitario sviluppa una miriade di anticorpi che riconoscono diverse porzioni del virus e, quindi, rivestono una maggiore parte del virus e lo neutralizzano. (…)

Sulla base di queste differenze e della risposta immunologica distorta che è inerente ai vaccini, credo che il rischio di ADE sia di un ordine di grandezza maggiore in un sistema immunitario preparato dal vaccino piuttosto che in un sistema immunitario preparato dal virus. Questo diventerà certamente più evidente con il progredire di COVID-19 nel corso degli anni, ma l’onere della prova è sulle spalle dell’industria dei vaccini per dimostrare che l’ADE non si manifesterà a breve o a lungo termine.

Una volta che un vaccino verrà somministrato e le persone svilupperanno anticorpi a qualche rappresentazione errata del virus, questo processo non potrà più essere invertito. Di nuovo, questo è un problema che potrebbe manifestarsi in un secondo momento. (…)

In questo momento, il tasso di mortalità del virus è stimato a circa lo 0,26%, e questo numero sembra diminuire poiché il virus si sta attenuando naturalmente nella popolazione. Sarebbe un grande peccato vaccinare l’intera popolazione contro un virus con un tasso di mortalità così basso, specialmente considerando il considerevole rischio presentato dall’ADE. Credo che questo rischio di sviluppare l’ADE in un individuo vaccinato sarà molto maggiore dello 0,26% e, quindi, il vaccino rischia di peggiorare il problema, non di migliorarlo.

Sarebbe il più grande errore del secolo vedere il tasso di mortalità di questo virus aumentare negli anni a venire a causa dei nostri sforzi casuali e affrettati per sviluppare un vaccino con una soglia così bassa di test di sicurezza e la prospettiva di ADE in agguato nell’ombra.

Vorrei sperare (e questa è una grande speranza), che questo vaccino NON DIVENTI OBBLIGATORIO.

Speriamo che ora sappiate un po’ di più sull’argomento del meccanismo del potenziamento dipendente dall’anticorpo (ADE), e sui pericoli reali e imprevedibili di un vaccino contro il coronavirus. Alla fine, dovreste essere voi a prendere le decisioni sulla vostra salute, non qualche burocrate che non sa nulla di biologia molecolare.


Link articolo originale:

https://principia-scientific.com/is-a-coronavirus-vaccine-a-ticking-time-bomb/

scelto e tradotto da RobertoX