TWJ Exclusive: nuovo promemoria legale che da’ speranza ai sostenitori di Trump alla vigilia di Natale

di Megas Alexandros

In questo giorno che celebriamo il Santo Natale, vi propongo la lettura di questo interessante articolo comparso sul THE WESTERN JOURNAL e ritwittato dal Generale Flynn sul suo profilo.

Mentre il popolo americano a sostegno del Presidente Donald Trump sta combattendo una bataglia cruciale per salvare il loro paese da chi ha gettato le basi per la distruzione della democrazia, nel nostro paese anche in spregio al giorno del Santo Natale, assistiamo alle solite “schifezze” che i nostri politici privi di faccia e di vergogna non si curano di sospendere la divulgazione neanche nel giorno in cui si celebra la nascita di Nostro Signore.

Salvini e Borghi, entrambi sui loro profili socials non si fanno scrupoli nel lodare e benedire l’avvento della “BREXIT”, in perenne tradimento del popolo italiano e dei loro elettori.

Come possono due figure del genere, che hanno rinnegato l’ITALEXIT ed aspirano a rimanere in questa Europa fondata sulla “truffa” del sistema-euro, fregiarsi del titolo di sostenitori della “BREXIT”. Come possono, fregiarsi di tale titolo, due ignobili individui del genere, appartenenti ad un partito il cui leader Giorgetti, solo pochi giorni fa, si augurava per la Lega un governo insieme all’europeista MES-sostenitore Matteo Renzi, addirittura con la benedizione di Biden e dei globalist-DEM USA, i quali hanno appena compiuto la piu’ grande frode elettorale della storia, mai messa in atto in un paese del mondo occidentale. Un governo con a capo il traditore dei traditori del popolo italiano al secolo Mario sfinge-Draghi.

Non aggiungo altro solo perche’ e’ Natale e dovremmo essere, almeno questo giorno, buoni con il prossimo…… ma questi te le levano dalla bocca… e te le “leverebbero, anche dalle mani!!!!!”.

Ma veniamo all’articolo citato nel titolo.

Il Western Journal presenta questo memorandum, scritto da due eminenti studiosi legali conservatori, essenzialmente alla lettera, con solo una modifica sufficiente per formattarlo per la sezione Op-Ed del nostro sito web. Questo è il secondo promemoria dei signori Olson e McSweeney pubblicato esclusivamente da The Western Journal e, come il primo, delinea una possibile strategia legale per la campagna Trump da seguire nelle prossime settimane. Prima della sua pubblicazione qui, è stato inviato al presidente Trump. – Ed. Nota

Superamento dell’abdicazione della Corte in Texas contro Pennsylvania
William J. Olson e Patrick M. McSweeney
24 dicembre 2020

Rifiutando di ascoltare Texas v. Pennsylvania, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha abdicato al suo dovere costituzionale di risolvere una controversia reale e sostanziale tra gli stati che è stata adeguatamente promossa come azione originale in quella Corte. Di conseguenza, la Corte è stata oggetto di aspre critiche per aver eluso la più importante causa costituzionale interstatale ad essa portata in molti decenni, se non mai.

Tuttavia, anche nella sua ordinanza che respingeva il caso, la Corte Suprema ha identificato come un’altra impugnazione potrebbe essere portata con successo – da un attore diverso. Questo documento spiega questa strategia legale. Ma prima ci concentriamo sugli errori commessi dalla Corte Suprema, nella speranza che non vengano ripetuti.

Texas v. Pennsylvania

La Corte Suprema ha rifiutato di ascoltare il ricorso presentato dallo Stato del Texas contro quattro Stati che si erano rifiutati di rispettare l’Articolo II, § 1, cl. 2 – la clausola degli elettori presidenziali, che stabilisce le condizioni e i requisiti per l’elezione del presidente degli Stati Uniti. Adottando tale disposizione, i Framers (i legislatori) hanno conferito a ciascun legislatore statale l’autorità esclusiva di determinare le modalità di nomina degli elettori presidenziali. Il piano dei Framers si è dimostrato estremamente saggio, perché ora abbiamo imparato che consentire ad altri attori statali e privati di scrivere le regole elettorali ha portato a massicce frodi elettorali nei quattro Stati convenuti. Gli individui possono essere acquistati, pagati e corrotti molto più facilmente delle legislature statali.

Rifiutando di ascoltare il caso, l’unica ragione addotta era che il Texas non aveva “posizione”( cioe’.. “legittimita’”). In tal modo, tutti e nove i giudici hanno commesso un torto contro: (i) il Texas e i 17 stati che hanno sostenuto la sua causa; (ii) gli Stati Uniti; (iii) il Presidente; e (iv) le persone.

I molti errori della Corte in Texas v. Pennsylvania.

Come ha spiegato Alexander Hamilton nel Federalista n. 78, i tribunali non hanno “né FORZA né VOLONTÀ, ma solo giudizio”. Pertanto, nel decidere i casi i tribunali hanno il dovere di spiegare le loro decisioni in modo che il resto di noi possa sapere se si tratta di esercizi arbitrari di potere politico o decisioni ragionate di potere giudiziario di cui il Popolo può fidarsi. In Texas v. Pennsylvania, tutto ciò che i giudici si sono sentiti obbligati a fare è stato di dichiarare la sua – “mancanza di posizione” (“non legittimita’”) – supportata da una giustificazione di una frase: “Il Texas non ha dimostrato un interesse giudizialmente conoscibile nel modo in cui un altro elezione. “ Risolvere un caso di questa portata con una frase conclusiva è del tutto inaccettabile.

Il docket (cioe’ .. la caratteristica , il distintivo… “cio’ che caratterizza”) della Corte Suprema consiste principalmente di quei casi che l’Alta Corte decide di ascoltare. Tuttavia, proprio come quando accetta di decidere su una causa, e nelle controversie in cui viene invocata la giurisdizione originaria della Corte, ha il dovere di decidere i casi adeguatamente proposti. Due secoli fa, il giudice capo John Marshall ha interpretato la clausola sull’obbligo dei contratti in una decisione in cui ha scritto: “per quanto fastidioso possa essere il compito, questo è un dovere dal quale non osiamo tirarci indietro”. Fiduciari del Dartmouth College contro Woodward, 17 U.S. 518 (1819). I tribunali hanno il dovere di risolvere casi importanti anche se preferirebbero evitarli. In Marbury v. Madison, 5 U.S. 137 (1803), Marshall ha descritto “il dovere del dipartimento giudiziario di dire qual è la legge” perché “ogni diritto, quando negato, deve avere un rimedio, e ogni danno il suo giusto risarcimento”. L’abdicazione in un caso di questo tipo non è un’opzione giudiziaria.

Il fatto che la Corte Suprema abbia fatto affidamento sulla legittimita’ come scusa ha avuto un risultato positivo, provocando molti a studiare le origini di quella dottrina che potrebbero essere sorpresi nell’apprendere che la parola “legittimita’” non compare da nessuna parte nella Costituzione. Ci sono prove convincenti per dimostrare che è stato creato dai giudici del grande governo durante l’amministrazione FDR per proteggere la legislazione del New Deal e per isolare lo Stato amministrativo dalle sfide del popolo. Coloro che hanno favorito la decisione del Texas sostengono che la posizione di legittimita’ è una dottrina conservatrice in quanto limita il potere dei tribunali, ma il vero costituzionalista usa solo test basati sul suo testo. Il vero test costituzionale soglia è se esista una vera e seria “controversia” tra gli Stati che potrebbe essere risolta da un tribunale.

L’unico motivo addotto dalla Corte Suprema era: “Il Texas non ha dimostrato un interesse riconoscibile giudizialmente nel modo in cui un altro Stato conduce le sue elezioni”. In verità, il Texas ha fatto una simile dimostrazione. Quando la Pennsylvania ha violato l’autorità esclusiva conferita ai legislatori statali nella clausola degli elettori della costituzione, ha aperto la porta alla corruzione e agli intrighi stranieri per corrompere i voti elettorali della Pennsylvania, e come ha spiegato Alexander Hamilton in Federalist 68, questo è esattamente il motivo per cui i Framers hanno creato il Collegio elettorale. Durante il ciclo elettorale del 2020, i giudici, i titolari di cariche statali e i funzionari elettorali hanno apportato modifiche al processo elettorale in Pennsylvania che non sarebbero mai state apportate dalla sua legislatura statale.

Se il processo con cui vengono scelti gli elettori presidenziali viene corrotto in alcuni stati chiave, come Pennsylvania, Georgia, Michigan e Wisconsin, manipolando il sistema a favore di un candidato, diventa del tutto irrilevante chi sostiene il popolo del Texas. Quella realtà politica presenta un reale “interesse riconoscibile dal punto di vista giudiziario”, indipendentemente da ciò che ha deciso la Corte Suprema. Ciò che accade in Pennsylvania non rimane in Pennsylvania, poiché gli elettori di tutti gli Stati, agendo insieme, selezionano il presidente degli Stati Uniti.

Nei Federalist Papers, sia James Madison che Alexander Hamilton hanno riconosciuto la necessità di combattere “lo spirito di fazione” e la tendenza di ogni Stato a cedere al proprio interesse immediato a scapito dell’unità nazionale. Hanno argomentato che la Costituzione ha fornito una soluzione a questa pressione centrifuga riservando una misura di sovranità a ciascuno Stato. Quando sorgono differenze tra gli Stati che minacciano di portare alla disunione, la Repubblica può essere tenuta insieme, come ha osservato Hamilton, o “dall’agenzia delle Corti o dalla forza militare”. Un rimedio costituzionale per consentire agli Stati di risolvere pacificamente le loro divergenze è la disposizione che consente a qualsiasi Stato di invocare la giurisdizione originale della Corte Suprema per affrontare e risolvere le loro divergenze.

In volgare, la Corte Suprema ha fatto saltare tutto, minacciando i legami che tengono insieme l’unione.

Secondo Round:  gli Stati Uniti devono gettasi nella mischia

Fortunatamente, quello potrebbe essere stato solo il primo round nella lotta per preservare la nazione. Esiste una strategia per ripresentare la sfida del Texas ai sensi della clausola degli elettori alla Corte Suprema in un modo che nemmeno quella Corte poteva rifiutarsi di prendere in considerazione. Solo perché il Texas non ha convinto i giudici che ciò che accade in Pennsylvania danneggia il Texas, non significa che gli Stati Uniti d’America non possano persuadere i giudici che quando la Pennsylvania viola la Costituzione degli Stati Uniti, danneggia la nazione. Articolo III, § 2, cl. 2 conferisce la giurisdizione originale alla Corte Suprema in ogni causa promossa dagli Stati Uniti contro uno Stato. Pertanto, gli Stati Uniti possono e devono intentare un’azione legale contro Pennsylvania, Georgia, Michigan e Wisconsin. Come la causa del Texas, quella nuova causa richiederebbe un ordine che invalidi la nomina degli elettori nominati da quei quattro Stati imputati che hanno rifiutato di rispettare i termini della clausola degli elettori presidenziali. Ciò lascerebbe alle legislature statali in quei quattro stati la “nomina” degli elettori – che è ciò che la Costituzione richiede.

Quando quei quattro Stati hanno violato la Costituzione autorizzando elettori che non erano stati nominati nel modo prescritto dal legislatore statale, gli Stati Uniti hanno subito un infortunio. In effetti, difficilmente avrebbe potuto esserci un danno più significativo per la nazione di quello che ha corrotto le sue elezioni presidenziali.

Gli Stati Uniti hanno un interesse vitale e la responsabilità di preservare il quadro costituzionale della Repubblica, che è stato formato da un patto volontario tra gli Stati. Come per qualsiasi rapporto contrattuale dei partecipanti a un’impresa in corso, nessuna parte ha il diritto di ignorare o modificare i termini essenziali del contratto con la sua azione unilaterale.

Il Presidente che ha giurato di preservare, proteggere e difendere la Costituzione ha il diritto e il dovere di ordinare al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di avviare un’azione del genere presso la Corte Suprema – e dovrebbe farlo rapidamente.

Motivi per una grande speranza a Natale

Nel respingere l’invocazione da parte dello Stato del Texas della giurisdizione originale della Corte Suprema per risolvere la controversia tra il Texas e altri quattro Stati che hanno rifiutato di rispettare i termini della clausola degli elettori presidenziali, per ora, la maggioranza dei giudici ha precluso l’uso di quella salvaguardia costituzionale da parte del Texas per fornire un mezzo pacifico per risolvere la controversia che ha diviso profondamente gli Stati ed i cittadini di questa Repubblica come mai dal 1860.

Quella conseguenza è troppo pericolosa per poter resistere.

Se lo stesso caso precedentemente presentato dal Texas fosse ora portato dagli Stati Uniti d’America, ci sono tutte le ragioni per credere che la Corte Suprema sarebbe costretta a capirlo, a sentirlo ed, a decidere favorevolmente.

Sebbene i risultati non siano mai certi, si crede e si spera che la maggioranza della Corte Suprema non potrebbe mai prendere la posizione che gli Stati Uniti non hanno affari per far rispettare il processo stabilito nella Costituzione con cui selezioniamo l’unico funzionario del governo che rappresenta tutto il Popolo – Il Presidente degli Stati Uniti.

 

Breve Commento

Come vedete, le riflessioni che noi del blog, avevamo fatto all’indomani della sentenza vengono confermate da illustri costituzionalisti, certamente esperti e qualificati in materia. Del resto anche al piu’ profano dei profani, e’ evidente come all’interno di una Federazione di Stati, regolata con un contratto che si chiama “Costituzione”, la violazione di quest’ultima da parte di uno Stato comporti un evidente danno agli altri Stati, violazione di cui solo la Corte Suprema, entrando nel merito, puo’ accertarne l’esistenza.

La circostanza che la Corte non sia entrata nel merito ed in gergo “pilatesco” se ne sia “lavata le mani”, emettendo di fatto una sentenza politica, e’ un evento gravissimo per la stabilita’ e l’unita’ stessa degli Stati Uniti Federali d’America. Oltre naturalmente al legittimo dubbio che la Corte stessa abbia voluto intenzionalmente o magari sotto forti pressioni, abdicare al suo supremo ruolo, non esercitandolo.

Per questo vorrei porre la vostra attenzione sulle seguenti frasi che compaiono nell’analisi dei costituzionalisti:

Quando sorgono differenze tra gli Stati che minacciano di portare alla disunione, la Repubblica può essere tenuta insieme, come ha osservato Hamilton, o “dall’agenzia delle Corti o dalla forza militare”

Ecco, se il Presidente Donald Trump che ha giurato di difendere la Costituzione, nel rispetto del suo ruolo di essere il primo cittadino a capo del popolo che ha il dovere di difenderla, non riuscira’ a farlo tramite l’unico organo costituzionalmente preposto, non avra’ altra scelta che usare la forza militare per tenere unita la Repubblica ed il popolo degli Stati Uniti.

Forse, il Presidente Donald Trump sta andando verso questa strada…….