L’innegabile prova matematica che l’elezione è stata rubata

The Red Elephants – 5 nov. 2020

Doverosa premessa del traduttore: La matematica non è un’opinione e la probabilità che Biden abbia rubato le elezioni presidenziali USA è il 100%. Riportiamo questo post apparso su un sito di parte – dichiaratamente repubblicano – è vero, ma che  propone solo FATTI, questi “maledetti fatti”. Lo facciamo a futura memoria, se in futuro le prevedibili conseguenze negative di una presidenza di Biden si abbatteranno anche su di noi, per ragioni geopolitiche legate alla vicinanza dei Biden/Obama/Clinton a Germania, Cina, Francia, ovvero a Paesi che – ormai è chiaro – “non vogliono il nostro bene” .

Il presidente Trump non intende cedere nel caso in cui i media dichiarino Joe Biden vincitore delle elezioni ed eletto come 46° presidente degli Stati Uniti. La campagna elettorale di Trump ed i suoi principali consiglieri hanno richiesto molteplici azioni legali per il fatto che vi sono conteggi di voti illegittimi.

Le cause legali saranno uno sforzo aggressivo per evidenziare anomalie, assurdità statistiche o altri problemi di conteggio dei voti, prima che venga dichiarato un vincitore presidenziale finale.

[…]

Se sono solo le prove matematiche che gli americani stanno cercando, le prove sono infinite. Ecco i fatti.

Assurdità statistiche in Wisconsin e Michigan:

Sia in Michigan che in Wisconsin, si sono verificati diversi scarichi di voti alle 4 di mercoledì mattina circa, in tali scarichi di voti Joe Biden ha ricevuto quasi il 100 per cento dei voti [il che è statisticamente impossibile con voti veri]. Il presidente Trump è stato in testa con centinaia di migliaia di voti in entrambi gli stati, mentre l’America è andata a dormire; l’affluenza alle urne nello stato del Wisconsin ha raggiunto livelli che sembrano impossibili.

Con le votazioni in assenza, l’ex vicepresidente Joe Biden è salito di 60 punti in Pennsylvania e di quasi 40 punti nel Michigan, secondo il New York Times.  In confronto, Biden è salito di una sola cifra nelle votazioni in assenza nella maggior parte degli altri Stati. [La differenza non è statisticamente giustificabile]

[…]

I funzionari elettorali del Michigan e del Wisconsin non sono riusciti a spiegare l’improvviso e drammatico aumento del voto del candidato democratico alla presidenza Joe Biden, che si è verificato mercoledì mattina in entrambi gli stati.

Immagine non presente nell’articolo originale, NdT

Alla conferenza stampa di mercoledì, alla domanda su come ciò sia accaduto, il portavoce del Dipartimento di Stato del Michigan, Aneta Kiersnowski, ha detto ai giornalisti: “Non possiamo speculare sul perché i risultati siano questi, in un modo o in un altro”.

Ciò riguarda in particolare il fatto di considerare che i repubblicani prevalevano, nelle votazioni per corrispondenza richieste e nelle votazioni per corrispondenza restituite di persona prima ed il giorno delle elezioni.

Secondo NBC News, il giorno delle elezioni prima dell’apertura dei seggi, in Michigan i repubblicani prevalevano sui democrats con 41% vs 39% delle richieste di voto per corrispondenza. I repubblicani prevalevano con 42% vs 39% nella restituzione delle schede per corrispondenza e di persona.

Nel Wisconsin il giorno delle elezioni, il giorno prima dell’apertura dei seggi, i Repubblicani prevalevano sui democrats con 43% vs 35% nelle richieste di voto per corrispondenza e le prime votazioni di persona sono state restituite dal 43% contro il 35%. Quasi TUTTE le schede trovate, mentre la maggior parte nel Paese stava dormendo, dopo che i funzionari hanno dichiarato che avrebbero smesso di contare, erano per Joe Biden. [Statisticamente è impossibile in assenza di frodi].

Alcuni osservatori esperti di statistica hanno notato altri difetti matematici, poiché i numeri nelle statistiche dovrebbero seguire uno schema nella loro distribuzione. Se i numeri sono falsificati, è facile da rilevare.

L’aumento dei Democratici rispetto ai Repubblicani è stato significativamente più alto quando i Democratici stavano facendo complessivamente peggio nei primi conteggi. All’interno di ogni circoscrizione, i conteggi si interrompono pesantemente per i Democratici proprio nelle gare in cui possono influire sul risultato [e arrivano voti per Biden].

Osservare il grafico in mezzo, a destra: i voti arrivavano esattamente quando servivano, NdT
I VOTI DI BIDEN VIOLANO LA LEGGE DI BENFORD

Secondo alcuni analisti https://github.com/cjph8914/2020_benfords i voti di Biden violano la legge di Benford, [legge statistica alla base di un] test accettato per la “cattura” di frodi elettorali, utilizzato anche dal Dipartimento di Stato e dai contabili forensi. Tutti gli altri candidati seguono la legge di Benford in tutto il paese, tranne Biden quando si trova in una corsa serrata. Il test in questione permette di riconoscere i falsi conteggi, nei quali la distribuzione delle cifre non è casuale come accade invece nei conteggi di dati reali.

https://pdfs.semanticscholar.org/e667/b8ad9f58992828ff820ddc8a005de754c5f5.pdf?_ga=2.67043500.340285523.1604599512-1614321896.1604599512

Gli analisti hanno eseguito calcoli sui dati di Allegheny (Pennsylvania) utilizzando il c.d. “test di Mebane a 2 cifre” con Trump vs Biden, [per verificare la citata “legge di Benford”, che come detto riguarda la casualità o meno delle cifre riportate nei conteggi elettorali]. La differenza era significativa, semplicemente nel caso di Biden statisticamente presenta molte deviazioni dalla casualità. Nel test di Trump ci sono state solo 2 deviazioni, ma nessuna delle due è significativa al livello del [9]5%. La X-asis è la cifra in questione, l’asse Y è la % di osservazioni con quella cifra.

Ad esempio, se il totale dei voti per Biden è di 100 in un distretto, “0” è la seconda cifra. Se il totale dei voti è 110, “1” è la seconda cifra, e così via.

Per Biden nelle votazioni di elettori assenti di Allegheny, ci sono più deviazioni significative. Per Trump, nessuna delle deviazioni è significativa al livello di sicurezza del [9]5%. [In pratica: secondo un test usato per valutare la correttezza delle elezioni, le cifre dei conteggi dei voti di Biden vengono da dati falsati e dunque non casuali].

GLI ESITI DEI CONFRONTI ELETTORALI DIFFERISCONO TRA ELEZIONE DI CAMERA E SENATO E DEL PRESIDENTE

Altri hanno dato un’occhiata ai numeri delle schede elettorali in stati importanti, senza particolare tendenza al voto postale, e hanno notato un pattern inquietante.

Nel Michigan, Trump ha ricevuto 2.637.173 voti, mentre il candidato al Senato dei Repubblicani ha ricevuto 2.630.042 voti. La differenza in questo caso è di soli 7.131, che non è molto lontana da quella che vediamo storicamente. Nello stesso Stato, Joe Biden ha ricevuto 2.787.544 voti, mentre il candidato democratico al Senato ha ricevuto 2.718.451 voti. La differenza è di 69.093 voti, molto più alta della norma storica.

Nella vittoria di Barack Obama nel 2008, ha ricevuto un totale di 2.867.680 voti, mentre il candidato democratico al Senato ha ricevuto 3.033.000 voti. In qualche modo Joe Biden ha ottenuto oltre 60.000 voti senza perdere voti.

In Georgia, è anche peggio. Il presidente Trump ha ottenuto 2.432.799 voti, mentre il candidato al Senato dei Repubblcani ha ottenuto 2.433.617 voti. Questa è una differenza di soli 818 voti. Joe Biden, invece, ha ottenuto 2.414.651 voti, mentre il suo candidato democratico al Senato ha ottenuto 2.318.850 voti.  Questa è una differenza di 95.801 voti.

In molte contee e stati di tutto il Paese, anche in quelle chiamate a Biden o dove Trump è ora in ritardo, i repubblicani hanno sostanzialmente sovraperformato le previsioni. La NBC stima che alla fine i repubblicani potrebbero finire per guadagnare fino a otto seggi alla Camera.

A Cuyahoga, Ohio, Joe Biden ha avuto un guadagno netto di soli 4.000 voti rispetto alla performance di Hillary Clinton nel 2016, ma allo stesso tempo ha avuto un guadagno netto di quasi 70.000 voti nella contea di Wayne, Michigan. Numeri come questo sono senza precedenti e altamente discutibili. Alcuni commentatori hanno persino espresso la loro confusione riguardo a quanto accaduto nella contea di Wayne e Milwaukee nel cuore della notte.

A quanto pare Joe Biden ha ottenuto milioni di voti in più rispetto a Barack Obama nelle sue storiche elezioni del 2008, dove ha ottenuto 365 voti nel collegio elettorale, vincendo la Florida, il North Carolina e persino l’Indiana. Un numero di voti elettorali che per Biden appare impossibile nel 2020, con milioni di voti in più ancora da contare.

IL CAOS IN PENNSYLVANIA

In Pennsylvania, Trump prevaleva di quasi 800.000 voti la notte delle elezioni, dopo che la maggior parte degli americani si è diretta a letto. Nel corso delle ultime 72 ore, il vantaggio del presidente Trump si è ridotto a meno di 95.000 voti in questo stato chiave, dove poi Joe Biden ha preso il comando.

Negli due giorni successivi, i voti hanno iniziato a confluire nel conteggio finale, per lo più a favore di Joe Biden. Five Thirty Eight ha riferito di recente che “Sono stati riportati altri due lotti di voti della Pennsylvania: 23.277 voti a Philadelphia, tutti a favore di Biden”.

Il Partito Democratico della Pennsylvania ha previsto che i restanti 580.000 voti non conteggiati andranno a favore di Joe Biden, prevedendo che l’ex vice presidente porterà lo stato per circa 175.000 voti.

“In base alla distribuzione delle schede elettorali in ogni contea, crediamo che il 75% delle restanti schede andrà a Joe Biden”, ha scritto il senatore Sharif Street in una dichiarazione. “Secondo il nostro progetto, Biden vincerà per circa 175.000 voti”.

Biden è in testa in Pennsylvania solo per poche migliaia di voti. [NB i conteggi mentre questo testo viene preparato, l’8 novembre, non sono finiti…ma del perché di questo…parleremo in un’altra occasione!!!]

Secondo Politico, sono state le schede trovate nelle strutture postali a mettere Biden in testa alla classifica della Pennsylvania. I lavoratori postali hanno trovato più di 1.000 schede nelle strutture di Philadelphia giovedì e 300 a Pittsburgh. Le schede di Philadelphia e Pittsburgh facevano parte di più di 2.000 schede scoperte in decine di strutture postali dei due stati e sono state spedite ai funzionari elettorali, in seguito a un’ordinanza del giudice. [Su queste schede arrivate in ritardo, pendono anche pesanti sospetti di retrodatazione al 3 novembre, termine ultimo per l’arrivo: un postino ha rilasciato anche una testimonianza giurata ora agli atti in senato ed un’intervista, che in qualsiasi TV non vedrete mai !!!]

[…]

ERRORI CONFERMATI

Il giorno delle elezioni, ci sono stati diversi errori di segnalazione confermati, che sono stati corretti dopo essere stati rivelati dai giornalisti mentre guardavano i numeri che si susseguivano.

[…]

Georgia

In Georgia, gli elettori non sono stati in grado di lanciare le schede elettorali nelle macchine per i conteggi per un paio d’ore nelle contee di Morgan e Spalding, dopo lo schianto dei dispositivi elettronici, hanno detto i funzionari statali.

Le aziende “hanno caricato qualcosa ieri sera, che non è normale, e ha causato un problema tecnico”, ha detto Marcia Ridley, supervisore elettorale del Consiglio elettorale della contea di Spalding. Quel guasto ha impedito agli addetti ai sondaggi di usare i registri elettorali per programmare le smart card che gli elettori inseriscono nelle macchine per il voto.

“Questo è qualcosa che non fanno mai”. Non li ho mai visti aggiornare qualcosa il giorno prima delle elezioni”, ha detto Ridley. Ridley ha detto di non sapere cosa conteneva l’upload. [forse un programma per alterare i conteggi, visto quanto è successo in Michigan, v. oltre: il software utilizzato in Georgia è utilizzato in una trentina di stati, pare su macchine con processore fabbricato in Cina, e provoca: “errori di conteggio”].

[…]

Secondo la Detroit Free Press, un’affiliata di USA Today, i funzionari hanno indagato sui risultati delle elezioni nella contea di Antrim.

L’impiegato della contea di Antrim, Sheryl Guy, ha detto che i risultati su nastri elettronici e su un computer sono stati in qualche modo “strapazzati” dopo che le schede sono state trasportate in buste sigillate dai distretti municipali agli uffici della contea e caricate su un computer.

Nel 2016, Trump ha vinto la contea di Antrim con circa il 62% dei voti, contro il 33% circa del democratico Hillary Clinton. Trump ha battuto Clinton per circa 4.000 voti.

Mercoledì mattina, i risultati di Antrim hanno mostrato il democratico Joe Biden alla testa di Trump con poco più di 3.000 voti, con il 98% delle circoscrizione. [Poi, il ribaltamento una volta scoperto il “glitch”]

https://theredelephants.com/wp-content/uploads/2020/11/2LTZgdW9CxBdvWMf.mp4?_=1

ANCORA SUL MICHIGAN

Nel 15° distretto della commissione della contea di Oakland County, un guasto al computer fisso ha trasformato un repubblicano perdente in un vincitore. Un errore del computer ha portato i funzionari elettorali della Contea di Oakland a consegnare una vittoria errata mercoledì a un democratico, per poi riportare la vittoria a un repubblicano in carica un giorno dopo.

Il repubblicano in carica, Adam Kochenderfer, sembrava aver perso per poche centinaia di voti, un risultato che sembrava strano a molti nella sua campagna elettorale.  Dopo che l’apparente errore informatico è stato trovato e corretto, Kochenderfer ha finito per vincere per oltre 1.000 voti.

Ci sono stati molti altri errori confermati, anche in Virginia, dove sono stati conteggiati 100.000 voti in più per Joe Biden, e altri ancora potrebbero essere rivelati con il passare delle settimane.

[…]

VOTAZIONI RICEVUTE OLTRE I TERMINI

Un giudice federale mercoledì ha detto che può chiamare il direttore generale delle poste Louis DeJoy per testimoniare sul perché il servizio postale degli Stati Uniti non ha rispettato la scadenza del giorno delle elezioni, per coprire i luoghi in diversi stati per le schede elettorali che dovevano pervenire.

L’ordine, emesso dal giudice distrettuale degli Stati Uniti Emmet G. Sullivan, aveva lo scopo di far scattare le perquisizioni delle strutture in sei stati chiave del campo di battaglia elettorale: Pennsylvania, Michigan, Georgia, Texas, Arizona e Florida. Alcuni dei 12 distretti inclusi nell’ordinanza hanno una legislazione contro l’accettazione delle schede dopo la mezzanotte della notte delle elezioni.

“Ora potete dirlo ai vostri clienti senza mezzi termini”, ha detto Sullivan in un’udienza del mercoledì. “Non sono contento di questo sviluppo di 11 ore di ieri sera. Potete dire ai vostri clienti che qualcuno potrebbe avere un prezzo da pagare per questo”.

Secondo il Washington Post, più di 150.000 schede sono state prese negli impianti di elaborazione del servizio postale degli Stati Uniti e non sono state consegnate entro il giorno delle elezioni.

In un paio di decisioni, mercoledì la Corte Suprema statale, ha permesso ai funzionari elettorali di due stati chiave del campo di battaglia, Pennsylvania e North Carolina, di accettare le schede assenti per diversi giorni dopo il giorno delle elezioni.

Nel caso della Pennsylvania, la Corte ha rifiutato un appello dei repubblicani dello Stato, che decideva prima del giorno delle elezioni se i funzionari elettorali possono continuare a ricevere schede elettorali per assenteismo fino al 12 novembre.

Nel caso della Carolina del Nord, la corte ha lasciato in sospeso sentenze di tribunali di grado inferiore che hanno permesso al consiglio elettorale dello stato di estendere il termine a nove giorni dopo il giorno delle elezioni, a partire dai tre giorni richiesti dal legislatore statale.

Il 26 ottobre, la Corte Suprema dello Stato ha rifiutato di estendere il termine per il conteggio dei voti per corrispondenza nel Wisconsin, una vittoria per i repubblicani che hanno portato la sfida legale. Questo particolare ordine di proroga proveniva originariamente da un giudice federale a settembre, un punto cruciale su cui i conservatori in tribunale erano tutti d’accordo: i tribunali federali non dovrebbero decidere in merito alla conduzione delle elezioni statali.

La Corte Suprema degli USA ha ordinato ai Democratici della Pennsylvania di rispondere entro giovedì sera in un caso che contestava la proroga di tre giorni dello stato per il conteggio delle schede elettorali.

Il presidente Trump si è mosso per intervenire in una causa intentata dai Repubblicani della Pennsylvania, sostenendo che il Partito Democratico dello Stato e il Segretario di Stato hanno violato la legge, estendendo il tempo per il conteggio delle schede elettorali al 6 novembre alle 17.00, nonostante il legislatore statale abbia fissato la scadenza come giorno delle elezioni.

La causa è stata contestata da una sentenza della Corte Suprema di Stato che ha stabilito che si presume che le schede affrancate siano state spedite prima del 3 novembre, anche se il timbro postale non è chiaro in tal senso.

Il tribunale, su richiesta di Trump, ha recentemente emesso un ordine provvisorio ai consigli elettorali di accantonare alcune schede elettorali che mancano di informazioni identificative per l’elettore, e di non contare quei voti fino a dopo che il tribunale si sarà ulteriormente pronunciato.

La Carolina del Nord non finirà di contare i voti nelle elezioni presidenziali e statali fino a quando i consigli elettorali locali non avranno elaborato le schede elettorali in sospeso per posta e provvisorie la prossima settimana, secondo i funzionari delle elezioni statali.

Il processo, come previsto dalla legge statale, implica che il vincitore dei 15 voti elettorali della Carolina del Nord per le elezioni presidenziali non sarà probabilmente noto fino a venerdì 13 novembre.

MIGLIAIA DI MORTI NELLE LISTE ELETTORALI, E HANNO VOTATO

Un osservatore ha notato qualcosa di curioso su alcuni dei nomi sulle schede registrate nello stato del Michigan. Dopo un’ulteriore revisione, un nome in particolare fuori dalla lista, e confermato di aver votato, è nato nel 1902 ed è morto nel 1984.

Un sondaggista ha notato la lista ed il video e ha utilizzato i dati del registro decessi della previdenza sociale per confermare l’elettore morto.

https://theredelephants.com/wp-content/uploads/2020/11/HxGKud6M7W3Zeg5A.mp4?_=3

Ecco una lista di oltre 14.000 morti che hanno votato nella contea di Wayne (Detroit) o comunque si sono registrati per votare:   http://pastebin.com/zjz6nm6Q

[…]

Un altro osservatore di conteggi, che è stato poi cacciato per aver scattato fotografie, ha notato una corposa lista di residenti del Michigan che hanno votato.  Tutti i nomi sulla lista che ha esaminato mostrano la loro data di nascita in ordine cronologico.  A quanto pare, ci sono molti elettori nati all’inizio del 1900 nello stato dei grandi laghi [v. screenshot sopra].

Una causa intentata dalla Public Interest Legal Foundation (PILF) sostiene che ci sono almeno 21.000 persone morte nelle liste elettorali della Pennsylvania. La causa sostiene che la Pennsylvania non è riuscita a “mantenere ragionevolmente” i propri registri degli elettori secondo la legge federale e statale in tempo per le elezioni presidenziali del 2020.

“Al 7 ottobre 2020, almeno 9.212 dichiaranti sono morti da almeno cinque anni, almeno 1.990 dichiaranti sono morti da almeno dieci anni e almeno 197 dichiaranti sono morti da almeno venti anni”, afferma la causa.

“La Pennsylvania ha comunque lasciato i nomi di più di 21.000 persone morte nelle liste elettorali meno di un mese prima di una delle elezioni generali più conseguenti per i titolari di cariche federali degli ultimi anni”, continua la causa.

Secondo la causa, circa il 92% delle 21.000 persone morte nelle liste elettorali della Pennsylvania sono morte prima dell’ottobre 2019. Circa 216 persone morte mostrano crediti di voto dopo le date di morte elencate a livello federale nel 2016 e nel 2018, sostiene la causa.

Nel 2020, tantissimi anziani si registrano nelle contee democrats. Paura del Covid o c’è è “qualcos’altro “? Brogli?

Dagli studi si trovano centinaia di migliaia di schede elettorali illegali e più voti degli attuali elettori registrati:

Secondo la CBS LA, Ellen Swensen con il progetto di integrità elettorale California afferma di aver trovato più di 277.000 schede “discutibili” che sono state spedite quest’anno nella contea di Los Angeles prima del giorno delle elezioni.

Si tratta del 63% di tutti i voti “discutibili” spediti in tutto lo stato.

Include più di 4.800 schede doppie spedite alla stessa persona e 728 schede spedite a persone che probabilmente sono morte. Nel 2016 la loro indagine ha trovato molti elettori morti ancora registrati. Ora, quattro anni dopo, ce ne sono altri.

Se questo sta accadendo a Los Angeles, sta certamente accadendo nelle principali città del paese.

In ottobre, Judicial Watch ha pubblicato uno studio comparativo delle statistiche demografiche del Census Bureau e dei dati di registrazione degli elettori statali per rivelare una notevole disparità.

Lo studio ha rilevato che 352 contee statunitensi in 29 stati sono riuscite ad avere 1,8 milioni di elettori registrati in più rispetto ai cittadini in età elettorale.

“In altre parole, il tasso di registrazione di queste contee ha superato il 100% degli elettori idonei. Lo studio ha trovato otto stati che mostrano tassi di registrazione a livello statale superiori al 100%, compreso il Michigan”.

Milwaukee ha recentemente “aggiornato” i dati di voto per le sue circoscrizioni dopo che un giornale ha sottolineato che 7 circoscrizioni hanno avuto più voti degli elettori registrati.  In origine, l’affluenza alle urne di alcuni elettori è stata superiore al 200%.

In Nevada, sono in corso cause legali riguardanti oltre 3.000 persone che hanno votato illegalmente alle elezioni.

In una lettera inviata dagli avvocati al procuratore generale Bill Barr, che comprendeva 60 pagine di schede elettorali, si afferma che hanno identificato 3.062 persone che sembrano aver effettuato un voto per corrispondenza irregolare durante le elezioni. Abbiamo verificato questo fatto incrociando i nomi e gli indirizzi degli elettori con il database del National Change of Address”, ha dichiarato Catherine Herridge di CBS News.

Link:

https://theredelephants.com/there-is-undeniable-mathematical-evidence-the-election-is-being-stolen/   Scelto e tradotto da Pepito Sbazzeguti

Alcune conclusioni:
  • La probabilità che tutti gli eventi descritti non siano coordinati al livello nazionale degli interi USA, in modo da rubare le elezioni (in favore degli interessi di potenze straniere?) è zero.
  • Trump aveva twittato molto in maggio e giugno sulle frodi elettorali, ampiamente previste. Perché? Voleva anticipare gli eventi?
  • Siamo chiari: tutta la gente che straparla in TV e scrive sui giornali di Biden “Presidente eletto” mente sapendo di mentire: come noi sa perfettamente che Biden ha rubato le presidenziali.
  • Ricordatevi i nomi di quelli che non spalmano “miele” riguardo a Biden: tra i pochi che non sono in estasi per Biden, si possono identificare gli unici di cui fidarsi, in politica e nei media.
Perché Trump sapeva già tutto in maggio?Perché aveva avvertito in anticipo? Perché continua a dire di aver vinto secondo i voti “validi”?…To be continued…

PS