Un suggerimento al Prof. Onorevole CLAUDIO BORGHI, cerchi di usare Le sue indubbie capacita’ in materia economico-monetaria anche a vantaggio del popolo italiano e non esclusivamente a scopo elettorale.

di Megas Alexandros

 

L’articolo di oggi sara’ brevissimo ma istruttivo, per questo spero che lo leggiate tutti. Prende spunto da un tweett del Prof. Borghi che mi e’ stato segnalato sul nostro gruppo di lavoro e subito mi si sono “drizzati i capelli che non ho”, perche’ sinceramente di questi economisti da perenne campagna elettorale ne avrei anche abbastanza.

Ora, comprendo benissimo la difficolta’ che ha l’espertissimo in materia monetaria Claudio Borghi ha ricoprire la carica di Onorevole della Repubblica Italiana all’interno di un partito che ogni giorno non perde occasione di riconfermare quanto desiderano rimanere in questa Europa e quanto amano questa moneta di nome Euro.

Come comprendo altrettanto, quanto tutto questo abbia reso tremendamente difficile il suo rapporto quotidiano con gli specchi.

Io, sinceramente, che anche apprezzavo le idee del Prof. Borghi come del resto quelle del Prof. Bagnai prima del loro avvento in politica, sono veramente stanco e stufato delle loro “direttine socials giornaliere”, dove tra risatine sotto i baffi ed il dico non dico….. mai, li vedo affondare il colpo decisivo, anzi spesso li vedo arrampicarsi su quegli stessi specchi nei quali poi hanno difficolta’ a guardarsi. Perche’, capiamoci bene amici, loro sanno come funziona la moneta moderna, sanno cosa vuol dire per l’italia dell’euro essere posizionata nel settore privato e non in quello governativo, quando si parla di bilanci settoriali di un circuito economico. Ma, purtroppo per noi, a questi signori e’ imposto di seguire l’ordine di scuderia…. “sparare ma a salve…”, senza esagerare e non spingersi troppo in alto, hai visto mai che magari ci ritroviamo al governo come un’anno fa e poi ci tocca anche a noi di nuovo fare lo stesso avanzo primario attivo come tutti gli altri. Hai visto mai che poi la gente veramente ci chiede di uscire dall’euro e poi come facciamo!!!!!

 

Ma vediamo subito il tweet che fa riferimento ad un articolo apparso su Milano Finanza

 

 

E questo e’ il titolo dell’articolo apparso su Milano Finanza:

Andiamo ad analizzare le parole del tweet per farvi vedere come e fino a dove si spingono o meglio si fermano.

E’ evidentissimo come lo scopo di Borghi sia quello di mettere in contrapposizione il grosso importo della domanda per l’ultima asta dei BTP con la sciagura/truffa del Recovery Fund e del MES.

Primo!!!….. Borghi evita di specificare che si tratta di “domanda”, cioe’ l’Italia non ha piazzato 100 mld di BTP, ma 100 mld era quello che il mercato avrebbe voluto acquistare. Mentre leggendo l’articolo si puo’ capire chiaramente che l’importo dei titoli emessi e’ solo 14 mld (Il taglio dell’emissione, a fronte di una domanda così alta, è stato di 14 miliardi di euro per un rendimento finale dell’1,707% cit. MF).

E passi questa considerazione, del resto vi ho detto da tempo che l’Italia potrebbe spingersi molto oltre nell’emissione di titoli, vista la copertura senza limiti della BCE. Ma questo Borghi si guarda bene dal dirvelo.

Altra questione che Borghi non si degna di spiegarvi e’, che queste emissioni non servono a finanziare deficits per la ripresa economica od almeno se lo fanno, lo fanno solo in misura molto insufficiente, ma servono a coprire la mancanza di gettito fiscale dovuto al lockdown e poi a pagare gli stessi interessi sui titoli.

Si, perche’ quando non hai la tua moneta e persegui il pareggio di bilancio gli interessi che paghi li devi prendere direttamente dalle tasche dei cittadini con le tasse, cosa che invece risolveresti con  una semplice partita di giro fra la Banca Centrale ed il Tesoro se tu avessi il pieno controllo della tua moneta.

Borghi, in pratica vi dice ma perche’ ci fanno perdere tempo con il MES ed il Recovery Fund…. tutti prestiti con condizioni capestro, la Troika in casa, ecc. quando andando sui mercati possiamo ottenere tutti i prestiti che vogliamo.

E voi giustamente vi chiedete ma da dove arriva tutta questa domanda improvvisa di titoli italiani se fino a due giorni fa ci insultavano per l’alto debito pubblico ed eravamo anche alle soglie del declassamento (solo rimandato per ora) da parte delle agenzie di reting.

La risposta e’ semplice:

I titoli italiani sono tra i pochi che pagano interessi e per di piu’ con la BCE prestatore di ultima istanza sono anche privi di rischio

I mercati sono intelligenti, lo fanno di lavoro e sanno cosa fanno, non agiscono a caso.

Ma finaziarsi in questo modo all’interno del pareggio di bilancio e di tutti i paletti che l’Europa ci impone, senza una reale programmazione di uscita e’ un suicidio per il nostro paese….. e questo Borghi non ve lo dice, Borghi non vi dice quale e’ la soluzione migliore, ma vi usa solo per fare campagna elettorale per il suo partito.

Perche’ Borghi non propone quello che Mosler ci ha proposto due giorni fa…. e non si venga a dire che Borghi non lo sa.

Ma se quello che la BCE fa con il PEPP e con il QE lo facesse mettendo direttamente i soldi nei conti del Tesoro dei vari Stati…… ogni problema sarebbe risolto, niente piu’ disperazione tra la gente, niente piu’ disoccupazione ed una qualita’ di vita e benessere piu’ alto per tutti.

Borghi vi dice che con le emissioni dei BTP non abbiamo la Troika e vi mente sapendo di mentire… noi la Troika ce l’abbiamo gia’ da tempo, e’ da Tremonti che non abbiamo un ministro delle finanze non direttamente dipendente dalla Troika.

Per controllare uno Stato bastano il Ministro delle Finanze ed il Governatore della Banca Centrale…. perche’ con loro due controlli la moneta e quindi il portafoglio e Gualtieri e Visco sono due uomini dellaTroika, loro eseguono ordini…. le quantita’ di emissioni sono dettate da Bruxelles, altrimenti cosa vieterebbe al governo italiano a fronte di 100 mld di domanda emettere 100 mld ed aver risolto all’istante il problema della spesa pubblica.

Ma non lo fanno, proprio perche’ come spiegavo sopra la Troika ce l’abbiamo gia’ in casa ed il MES serve solo alle opposizioni per fare campagna elettorale, ma senza spingere troppo altrimenti hai visto mai che “ci ritroviamo al governo” e poi magari gli elettori ci rincorrono perche’ non usciamo dall’euro come avevamo promesso oppure facciamo Draghi Premier……

“perche’ la fine sara’ questa…… vedrete!!!!”