Un 4 de febrero

Andrés Cañizalez: https://efectococuyo.com/opinion/un-4-de-febrero/

Se dovessi scegliere una data, solo una, come “punto di rottura” del Sistema Democratico venezuelano, sceglierei senza dubbio il 4 febbraio.

In alcuni articoli ho affrontato il significato anche del 23 gennaio [2019, Guaidò nominato Presidente del Venezuela], anch’esso data-simbolo per la costruzione democratica venezuelana.

Si tratta senza dubbio di una costruzione incompleta e piena di errori, ma effettuata con il sostegno popolare, per garantire ai venezuelani i diritti civili e la redistribuzione del reddito, sfruttando a questo scopo lo sviluppo economico nazionale, ora bloccato.

Leggi tutto “Un 4 de febrero”

Il problema dell’Italia e degli italiani è che hanno tragicamente perso la capacità di discriminare tra quello che è bene e quello che è male : qualche esempio. Ed i rischi che si corrono

 

Ogni tanto bisogna fermarsi e ragionare su cosa sta realmente accadendo. In quanto gli eventi non arrivano a caso. Oggi l’Italia è sull’orlo del tracollo, succube di una propaganda interessata a soddisfare gli interessi di pochi ma a danno di tanti. Molti anni fa mi successe di dover affrontare il mio inserimento nel mondo del lavoro e in diversi si premunirono di farmi accettare che l’Italia era il paese dove nulla era bianco e nulla era nero, infatti tutto era grigio. Chi ero io ai tempi per discutere su tale valutazione? La Penisola era la quarta potenza economica mondiale, si doveva solo scegliere il lavoro, non trovarlo. Adattai il mio pensiero ma solo con parziale convinzione sulla bontà dell’approccio. Oggi che l’Italia sta vedendo crollare il suo tenore di vita le cose sembrano molto diverse.

Leggi tutto “Il problema dell’Italia e degli italiani è che hanno tragicamente perso la capacità di discriminare tra quello che è bene e quello che è male : qualche esempio. Ed i rischi che si corrono”

La Guerra delle First Ladies

Redazione: Chi sarà la Vicepresidente che affiancherà Joe Biden nella corsa presidenziale di novembre?

La vigorosa Michelle — non sfidatela a “braccio di ferro”! — o la “strega” Hillary, sfuggita all’inquisizione ed arrivata, nessuno sa come, fino ai nostri giorni?

Vincerà Michelle, tirata a forza in una competizione quasi senza speranza, oppure Hillary che, invece, fortemente s’offre, visto che di motivazioni personali ne avrebbe e poi come, a prescindere dal risultato?

Barack, poi, perché dovrebbe fare il Giudice della Corte Suprema (ruolo che gli ha proposto Joe Biden), visto che guadagna così bene tenendo conferenze in giro per il mondo, ad incassare la ricompensa per le sette guerre che ha scatenato?

Leggi tutto “La Guerra delle First Ladies”

Brexit: il nostro futuro va ben oltre le immediate questioni commerciali

La Gran Bretagna dei prossimi cinquant’anni dovrebbe aggrapparsi al “sistema cartesiano” europeo, o tornare al “libero pensiero” anglosassone?

Ambrose Evans-Pritchard per The Telegraph

Negli Stati Uniti, la “cultura libera” dell’innovazione aziendale ha dato origine a degli autentici Titani della tecnologia — come ad esempio Google — ma il Regno Unito, purtroppo, si è trovato dalla parte sbagliata della storia, preda della rigida normativa dell’UE.

In Gran Bretagna, il caos politico degli ultimi tre anni — una democrazia con le “unghia e con i denti”, si potrebbe dire — è servito a mascherare l’incoerenza strutturale e l’atrofia economica della stessa UE.

Le patologie europee non sono mai state affrontate: l’UE è solo mera spettatrice della guerra fra America e Cina per la supremazia tecnologica nel 21° secolo.

Leggi tutto “Brexit: il nostro futuro va ben oltre le immediate questioni commerciali”