Diciamo la verità, è stato un errore supportare i post-sovranisti. L’Italia purtroppo non ha alcuna possibilità di salvarsi, può solo sperare che finisca male piuttosto che malissimo

Forse, l’immagine simbolo della fine dell’Italia come Paese…

Quello che abbiamo visto negli scorsi giorni sulla gestione del coronavirus tra Roma e la Lombardia è stato sintomatico e rappresentativo: il responso finale è stato che l’Italia non ha alcuna possibilità di preservare il suo benessere storico, men che meno la dignità di Paese contemporaneamente libero, benestante ed in pace. Il motivo? In fondo in fondo lo stesso di sempre: gli stranieri sanno benissimo che i politici italiani amano prendere “stecche“”, dunque ne approfittano, da secoli. Me ne sono accorto mio malgrado, essendo stato uno dei massimi supporter degli attuali post-sovranisti, ossia della Lega prima di tutto, ma tutto sommato anche della ribellione solo sulla carta dei 5S.

Leggi tutto “Diciamo la verità, è stato un errore supportare i post-sovranisti. L’Italia purtroppo non ha alcuna possibilità di salvarsi, può solo sperare che finisca male piuttosto che malissimo”

I Banchieri Centrali non hanno alcun potere contro il tornado economico del Coronavirus

Siamo in uno stato di “animazione sospesa”, in attesa che lo shock della “catena delle forniture globali” colpisca in pieno, ma anche dello psicodramma delle infezioni in aumento, una volta che l’Europa e gli Stati Uniti cominceranno sul serio a fare i test sul Coronavirus

Ambrose Evans-Pritchard per The Telegraph

L’economia mondiale non ha ancora affrontato per intero l’impatto del virus, ma è solo una questione di tempo.

Le Banche Centrali hanno incontrato il loro avversario. Non possono contrastare il caos economico causato alla “catena delle forniture globali” dal Coronavirus.

Né i tagli alle tasse né l’esplosione della spesa pubblica possono colmare il gap, quando la fiducia e le misure d’emergenza anti-virus bloccano i canali di collegamento.

Ci troviamo in una situazione globale senza precedenti, più simile allo scoppio di una guerra che a qualsiasi altro episodio presente nella memoria economica collettiva.

Leggi tutto “I Banchieri Centrali non hanno alcun potere contro il tornado economico del Coronavirus”

In che modo l’Italia ha ceduto al Coronavirus — La risposta avventata e frammentaria del Governo ha peggiorato la situazione

Blocco di Codogno.

Dominic Standish per spiked-online

L’Italia ha ora il terzo più alto numero di casi positivi di Coronavirus (Covid-19) al mondo, dopo la Cina e la Corea del Sud.

Sta lottando per contenere la diffusione del virus e il numero di casi confermati aumenta di ora in ora. Al momento della stesura di questo report il numero è pari a 374 con 12 decessi.

La Lombardia è la regione più colpita. 258 persone hanno contratto il virus e 9 di queste sono morte. Nella vicina Regione del Veneto ci sono stati 71 casi con 2 morti.

Leggi tutto “In che modo l’Italia ha ceduto al Coronavirus — La risposta avventata e frammentaria del Governo ha peggiorato la situazione”

Tremonti: “Si deve fare come la Gran Bretagna” fuori dall’EU. Altro che far arrivare Draghi, come vorrebbe qualcuno…. A maggior ragione per come i partner EU hanno trattato l’Italia nel caso coronavirus!

Secondo chi scrive Giulio Tremonti resta l’unico faro nel caos quotidiano della politica italiana, il baluardo ultimo alla frammentazione dell’Italia in tre o più parti. La Lega di Giorgetti e Salvini, dopo aver tentato in tutti i modi di fare il renzusconi, salvo scontrarsi con il muro di Trump che non accetta nè accetterà mai Renzi nel governo italiano [nemmeno indirettamente] oggi si gioca forse il suo fatale piano B+, vedremo, dopo aver scelto di tradire i propri propositi di ITALEXIT e cambiare invece l’EU dal di dentro, ossia di non uscire dall’euro (…). Sullo sfondo il caso coronavirus, che sembra essere stato gonfiato ad arte dai media italici italiani, quasi fosse il perfetto cavallo di troia per portare avanti un cambio di agenda, agenda ad oggi ancora sconosciuta (…). Resto per altro interdetto dal comportamento per nulla collaborativo della politica italiana, Conte e Salvini su tutti: nel caso del virus cinese oggi in Italia, invece di collaborare per dare una soluzione ad una grave crisi sistemica, questi litigano. Folle. Come se i proprietari di una piccola palazzina, scoppiato un incendio, invece di cercare di fermarlo tutti assieme con gli idranti, smettessero di irrorare le fiamme ed iniziassero a litigare tra loro dandosi reciprocamente la colpa dell’incendio, lasciando dunque bruciare la casa. Quello che abbiamo visto in questi giorni non è solo roba da dementi , è proprio da coglioni!

Leggi tutto “Tremonti: “Si deve fare come la Gran Bretagna” fuori dall’EU. Altro che far arrivare Draghi, come vorrebbe qualcuno…. A maggior ragione per come i partner EU hanno trattato l’Italia nel caso coronavirus!”

Analogamente ai giorni di Angela Merkel, anche quelli di Recep Erdogan sono contati?

Tom Luongo per Strategic Culture

Il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan dovrebbe chiamare la Cancelliera tedesca Angela Merkel per confrontare gli appunti su come ci si senta ad essere intrappolati fra Stati Uniti e Russia!

Il “centro politico” della Germania sta crollando sotto il peso dei disperati tentativi della Merkel di mantenersi al potere, mentre la coalizione da lei guidata cede in tutte le “elezioni locali” — con i leader regionali del suo Partito che la tradiscono.

Lo “scherzetto” in Turingia ha messo in moto un girotondo niente male all’interno della CDU che, probabilmente, finirà in lacrime in occasione delle prossime “elezioni generali” [2021], ammesso che l’attuale coalizione con i Socialdemocratici duri così a lungo.

Leggi tutto “Analogamente ai giorni di Angela Merkel, anche quelli di Recep Erdogan sono contati?”

È tempo che gli uomini si comportino “da uomini”

L’ascesa dell’uomo-bambino è un triste segno dei tempi.

Alexandra Phillips per spiked-online

Penso a me stessa più come #MeNeither che come #MeToo. Detesto le narrazioni autoindulgenti e controproducenti del femminismo della quarta ondata.

Le donne devono essere assertive e vedersi riconoscere in modo tangibile le loro abilità. Non devono essere trattate come vittime della società.

Più in generale, la politica dell’identità sta promuovendo la cultura della censura e dell’introspezione narcisistica.

Non c’è quindi da stupirsi se le malattie mentali siano ai massimi livelli — la nostra è un’epoca in cui “non avere un problema” può essere, in sé stesso, un problema.

Leggi tutto “È tempo che gli uomini si comportino “da uomini””

Coronavirus e colpe italiche all’ospedale di Codogno, “non sono stati seguiti i protocolli”. Invece di rispondere verificando la procedura seguita si butta tutto in caciara. Della serie, la colpa come sempre non esiste…

Far abbassare l’Italia intera al livello della Grande Meretrice, vedasi il Gladiatore, non mi è mai andato a genio. Ossia, invece di dare il buon esempio – come si saprebbe certamente fare –  qui sembra si stia facendo a gara a chi dà invece il peggiore di esempio: Conte, da primo ministro con delega ai servizi segreti, si scaglia contro l’ospedale di Codogno per la diffusione del virus con accuse assai precise, che secondo molteplici fonti di stampa hanno favorito la diffusione del virus a causa di una pesante falla nell’applicazione dei protocolli (…). La risposta della Lombardia è stata più stizzita che professionale, ossia riducendosi ad una mera sfida politica e non oggettiva al Premier, ossia allo Stato Italiano: invece di verificare passo per passo le procedure seguite, ossia instaurando una commissione di inchiesta sanitaria in modo da confutare le tesi contiane, si è preferito buttarla in caciara. Forse fa bene l’Europa ad asfaltare l’Italia, che dite? Verifichiamo i passi salienti della faccenda…

Leggi tutto “Coronavirus e colpe italiche all’ospedale di Codogno, “non sono stati seguiti i protocolli”. Invece di rispondere verificando la procedura seguita si butta tutto in caciara. Della serie, la colpa come sempre non esiste…”

Coronavirus: il turismo francese è crollato del 35% — L’Europa è in recessione

Tyler Durden per Zero Hedge

Lunedì, sono stati confermati in Italia più di 200 casi d’infezione da Coronavirus, con qualche decesso.

Il Paese sta adottando misure simili a quelle prese della Cina. Ha chiuso città e imprese con, sullo sfondo, un’economia che comincia a frenare.

Domenica, il Ministro Francese dell’Economia e delle Finanze, Bruno Le Maire, ha detto a Dan Murphy della CNBC (in occasione del G-20 riservato ai Ministri delle Finanze e ai Governatori delle Banche Centrali, che si è tenuto a Riyadh, in Arabia Saudita) che l’epidemia Covid-19 avrà un notevole impatto sull’economia francese e sul mondo.

Leggi tutto “Coronavirus: il turismo francese è crollato del 35% — L’Europa è in recessione”

Philip Haney: un Informatore e un Guerriero Felice

“Avete dei nemici? Bene. Questo significa che in un qualche momento della vostra vita vi siete battuti per qualcosa” — Winston Churchill

Redazione: Fonti di Polizia riferiscono che Philip Haney si sia suicidato. Gli amici negano quest’eventualità segnalando diversi fatti a supporto della tesi dell’omicidio.

Negli Stati Uniti, a mettersi contro gli Obama o i Clinton si va incontro, qualche volta, ad un destino assai triste.

Per chi volesse approfondire, la rete è veramente piena di articoli. Nei prossimi giorni, superata l’emozione del momento, potremo saperne di più.

Ma possiamo concludere fin d’ora che, sullo sfondo del fallimento del Partito Democratico, “il gioco”, in America, si sta facendo davvero duro e che va, forse, al di là di quest’orribile omicidio malamente mascherato.

Leggi tutto “Philip Haney: un Informatore e un Guerriero Felice”

I veri numeri del virus, al 16 febbraio: 112 morti! Peccato i numeri si riferiscano alla “normale” influenza del 2018…. Oggi il coronavirus forse ha fatto 1 o 2 morti? Della serie, forse qualcuno vuole seminare il panico…

Agli italiani sembrerà il coronavirus, in realtà è un “vecchio” virus dell’influenza (Indepedent.co.uk, 2014)

La natura umana è la stessa da sempre. Dunque ci sono personaggi che regolarmente ne approfittano. I tedeschi, libro di storia alla mano, anche nel male sono riusciti a mettere ordine, vedasi la famosa “dottrina Goering“, dal nome del celebre gerarca nazista, lo stesso che diceva che voleva salvare le opere dall’Abbazia di Montecassino per evitare la distruzione voluta dagli alleati col bombardamento più annunciato della storia e si fregava letteralmente i dipinti aggiungendoli alla propria collezione privata. Per inciso, Goering era legato alla nobiltà tedesca di stampo tradizionale, ossia quella con radici svedesi (…). Il Goering nella sua dottrina diceva, più o meno, questo: spaventa un popolo, digli che è attaccato dall’esterno, e gli farai fare ed accettare quello che vuoi…. Mai esempio – sempre libro di storia alla mano – sembra più calzante con quanto accade oggi, in Italia, vis a vis con un popolo italico che troppo spesso è stato socialmente incivile, ossia di gente che ragiona preferenzialmente con la panza più che con il cervello.

Leggi tutto “I veri numeri del virus, al 16 febbraio: 112 morti! Peccato i numeri si riferiscano alla “normale” influenza del 2018…. Oggi il coronavirus forse ha fatto 1 o 2 morti? Della serie, forse qualcuno vuole seminare il panico…”

Il perdono di Julian Assange: Donald Trump, WikiLeaks e il DNC

Julian Assange

Binoy Kampmark per Off-Guardian

Il pilastro centrale della paranoia democratica (e della vendetta) per la sconfitta di Hillary Clinton nel 2016, è da sempre il collegamento fra l’hackeraggio russo, i server del Comitato Nazionale Democratico [DNC] e la pubblicazione delle sue e-mail tramite WikiLeaks.

Nel tempo, quel racconto è diventato una questione agiografica, quasi un articolo di fede.

Gravi le sue conclusioni: sono stati WikiLeaks e la Russia a far eleggere Donald Trump!

Leggi tutto “Il perdono di Julian Assange: Donald Trump, WikiLeaks e il DNC”

La Cina “Game Over”: quando i cinesi torneranno ad uscire di casa post virus, nell’ex Impero Celeste l’inflazione esploderà. Nel mentre Renzi, da senatore, continua a fare conferenze anche a Pechino…

Certo, un comunista – che incita un bambino a combattere mentre lui sta nelle retrovie – che indica come nemico gli americani, mi fa anche un po’ ridere…

Sono allibito nel vedere Matteo Renzi – persona per me invotabile in quanto non ritengo, opinione personale, faccia il bene del Paese – continuare a sfidare le istituzioni al governo in un momento difficilissimo per l’Italia; con atti che – ritengo – non abbiano il fine di far abbassare le tasse impossibili figlie di una EU inaccettabilmente austera ma principalmente di: 1. evitare che vengano tolte le concessioni ai Benetton 2. nel caso, cercare di far dare qualche nomina ai suoi, al prossimo giro.

Reitero dunque il messaggio a Conte di qualche tempo fa, Conte che per altro non mi scomfpiffera nel ruolo di premier visto che NON sta abbassando le tasse e NON sta andando contro l’EU (ma ormai, chi va contro l’EU? Nemmeno la Lega, sigh…): NESSUNO SPAZIO AI RENZIANI, CHE A BREVE GIRO RITENGO VEDRANNO  RIBALTARSI LE LORO SORTI, verso l’abisso?

Leggi tutto “La Cina “Game Over”: quando i cinesi torneranno ad uscire di casa post virus, nell’ex Impero Celeste l’inflazione esploderà. Nel mentre Renzi, da senatore, continua a fare conferenze anche a Pechino…”

Le auto elettriche per tutti sono un sogno irrealizzabile — Il Governo delira se pensa di poter eliminare completamente le auto a benzina e a gasolio

James Woudhuysen per spiked-online

C’è un nuovo dogma nella politica britannica: il sostegno alle auto elettriche.

Nonostante siano molto care (ma si sente dire che diventeranno più economiche) e le “infrastrutture per la ricarica” debbano ancora essere costruite.

Ma sono considerate essenziali se la Gran Bretagna vuol ridurre le emissioni di carbonio, entro il 2050, allo “zero netto” [https://www.spiked-online.com/2019/05/08/austerity-forever/].

Leggi tutto “Le auto elettriche per tutti sono un sogno irrealizzabile — Il Governo delira se pensa di poter eliminare completamente le auto a benzina e a gasolio”

Come la politica italiana è svenduta ai grandi interessi, senza distinzione tra destra, sinistra e postsovranisti*: il caso Benetton e la nulla punizione dei responsabili per il crollo del ponte Morandi (paese alla deriva?)

* Post sovranista = neologismo – colui che prima cd. “sovranista”, una volta andato al governo è stato normalizzato. Ossia cooptato dagli interessi tradizionali, tradendo le ragioni del suo stesso successo elettorale e mediatico

Ritengo che bisogna avere punti fermi, almeno nelle cose importanti. Se mancano questi alla fine vale tutto, finendo nel caos. Esempio plastico di tutto ciò è il crollo del ponte Morandi: ad oggi resta impunito, con colpe varie e generiche, mal comprese dalla politica, ma con la costanza di circa 50 morti che gridano vendetta oltre ad una città – Genova – in ginocchio, mentre i colpevoli non ci sono. E’ proprio vero il detto che la giustizia italiana è debole coi forti e forte coi deboli. Detto questo, anche la politica italiana non sembra da meno, anzi cercando di lucrare vantaggi quanto meno politici sulle disgrazie degli italiani.

Leggi tutto “Come la politica italiana è svenduta ai grandi interessi, senza distinzione tra destra, sinistra e postsovranisti*: il caso Benetton e la nulla punizione dei responsabili per il crollo del ponte Morandi (paese alla deriva?)”

La connessione Coronavirus–5G e la sua “copertura”

Redazione: Gli articoli sul Coronavirus che abbiamo pubblicato fino ad ora vi hanno impressionato? Bene, non avete ancora letto questo!

Consapevoli che le teorie estreme debbano essere supportate dai fatti o da ragionamenti dalla logica stringente e consequenziale (per evitare le accuse degli “ufficialisti”, coloro per i quali contano solo le verità ufficiali), abbiamo pensato un po’ prima di proporlo.

Ma ci sembra che i fatti — che prendiamo al loro valore nominale — e le teorie esposte dall’autore meritino la pubblicazione, vista anche la documentazione a supporto.

Noi ci limitiamo a prenderne atto (pur restando “complottisti” nell’animo) …..   

Leggi tutto “La connessione Coronavirus–5G e la sua “copertura””