Fatti sulla TAV: il “buco” (appaltato in gran parte all’ex FI Lunardi) costa 9.6 mld euro, 35% pagati da Roma e 25% da Parigi. Ma su 57 km di lunghezza ben 45 km sono lato francese. In tutto questo sarà un’opera in perdita. I politici passati han preso “stecche” dalla Francia?

Vedasi video al LINK (video da ascoltare bene)

I fatti, questi maledettissimi fatti: non mentono mai! Nel titolo vi ho riassunto quanto indicato dal ministro Toninelli nella sua diretta Facebook. Il ministro Toninelli ha un grande problema: è uno della “gente”. Ovvero, al contrario di Salvini – che basta aspettare, e sarà ricordato come Cola di Rienzo, temo, le prove si accavallano ormai – vorrebbe togliere le concessioni autostradali ai Benetton. Ed inoltre vuole stare ai fatti sulla TAV, opera fattualmente ingiusta, inutile e magari anche fonte di qualche stecca con la Francia: leggete i numeri sopra ed i costi associati, che idea vi fate? Non è che Salvini benedica ogni nave di migranti che arriva per non farci vedere i fatti importanti, ossia anche i numeri sopra? Il dubbio esiste, eccome!

Leggi tutto “Fatti sulla TAV: il “buco” (appaltato in gran parte all’ex FI Lunardi) costa 9.6 mld euro, 35% pagati da Roma e 25% da Parigi. Ma su 57 km di lunghezza ben 45 km sono lato francese. In tutto questo sarà un’opera in perdita. I politici passati han preso “stecche” dalla Francia?”

L’Europa sta morendo su una Croce d’oro

Tom Luongo

L’oro sta sfidando la follia dell’Unione Europea ed anche quella dell’economia globale. Ma, a questo punto, la sfida è davvero portata all’euro.

Da quando ha superato il massimo post-Brexit di 1.375 usd/oncia, l’oro si è spinto sempre più in alto.

Sì, è stato davvero instabile nel corso degli anni. Ed ancora, le “forze di controllo”, per così dire, continuano a fare l’impossibile per rimetterlo dentro la scatola, ma continuano a fallire.

Leggi tutto “L’Europa sta morendo su una Croce d’oro”

La Lega che voleva modificare la UE dall’interno ne è stata geneticamente modificata. Ora si preoccupa di cittadini europei e di Venezuela.

Sembra un titolo parossistico eppure ci risulta una interrogazione parlamentare presentata da 5 leghisti al Vicepresidente della Commissione nonché Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza  (VC-ARUAEPS) che riguarda la necessità di sapere che fine hanno fatto 8 europei in Venezuela, dei quali, paradossalmente, l’unico italiano, sembra piuttosto un apolide, visto il cognome di origine spagnola.

I cinque valenti leghisti sono: Antonio Maria Rinaldi (ID), Marco Campomenosi (ID), Paolo Borchia (ID), Mara Bizzotto (ID), Marco Zanni (ID).

Ben cinque rappresentanti politici leghisti che si sono prodigati non per gli obiettivi prioritari assegnati a loro dagli elettori, ma per preoccuparsi di altro……


Leggi tutto “La Lega che voleva modificare la UE dall’interno ne è stata geneticamente modificata. Ora si preoccupa di cittadini europei e di Venezuela.”

Boris dovrà indossare dei paraocchi diplomatici per conquistare gli scettici di tutto il mondo

I cinesi sono confusi da Boris, ma ciò che li guida è un imprescindibile imperativo strategico.

Ambrose Evans-Pritchard per The Telegraph

Nessun Primo Ministro britannico è entrato a Downing Street dopo una tale campagna diffamatoria da parte delle élites mediatiche mondiali.

Ha messo radici il ritratto di un incorreggibile pagliaccio che guida una paese sminuito e nostalgico verso un vicolo cieco. Questa caricatura è la Croce che Boris dovrà portare addosso.

“All’estero c’è una perdita di rispetto quasi universale verso il Regno Unito. Boris dovrà giocare una partita durissima“, ha dichiarato Sir Jeremy Greenstock, ex Ambasciatore alle Nazioni Unite.

Parte del mio lavoro nel campo dell’economia mondiale è di leggere ogni giorno la stampa europea.

Sto notando che vengono continuamente riciclate le stesse storie, che risalgono al tempo in cui Boris era corrispondente del Telegraph a Bruxelles, senza peraltro alcuna nota che lo precisi.

Leggi tutto “Boris dovrà indossare dei paraocchi diplomatici per conquistare gli scettici di tutto il mondo”

Quando Cossiga diceva pubblicamente che l’Associazione Nazionale Magistrati è “una associazione sovversiva e di stampo mafioso”: fu perseguito? Se no, perchè? Ricordando la sua previsione sullo scandalo CSM-Palamara…

Questo governo ha fatto una cosa giusta: proporre la nomina per sorteggio dei membri del CSM. Certo, i giudici tremano, in quanto il partito dei giudici così morirebbe. Restano le parole, pesantissime, di Francesco Cossiga: a quanto mi riguarda non sono mai state smentite, al LINK.

Leggi tutto “Quando Cossiga diceva pubblicamente che l’Associazione Nazionale Magistrati è “una associazione sovversiva e di stampo mafioso”: fu perseguito? Se no, perchè? Ricordando la sua previsione sullo scandalo CSM-Palamara…”

Epstein, Barak e la Fondazione Wexner

Lo scandalo che coinvolge l’ex Primo Ministro israeliano rivela ancora una volta l’esistenza di “agenti stranieri del progressismo” che operano in Israele

Redazione: L’articolo è importante perché mette in rilievo i rapporti fra l’ex Primo Ministro Barak ed Epstein, che hanno avuto luogo attraverso la Fondazione Wexner.

Avevamo detto che, fra le tante ragioni del caso Epstein, c’era anche quella d’impedire che il progressismo di Barak potesse ostacolare la corsa di Netanyahu alle prossime elezioni in Israele, che si giocheranno sul filo del rasoio.

Ancora una volta l’abbiamo “azzeccata”. In particolare il nostro Mitt. Quest’articolo, dai toni soft ma durissimo nella sostanza, ce lo conferma autorevolmente (a volte leggendo un po’ fra le righe), vista l’importanza della fonte (Israel Today).

Leggi tutto “Epstein, Barak e la Fondazione Wexner”

Encore, gli Italiani devono ringraziare i grillini (nonostante il loro tragico voto in EU a VdL) per non aver fatto la TAV subito, come invece voleva la Lega: l’Italia ha così risparmiato miliardi di Euro, evitando altre tasse!

Da il Corriere della Sera di oggi

La cosa che più mi dà fastidio è buttare soldi nel cesso, da sempre: dunque non posso dimenticare pochi mesi fa quando Salvini si lamentava – anzi faceva il diavolo a quattro – per la mancata accettazione lato M5S della TAV. Noi scrivemmo che tale pausa sarebbe stata assai positiva per gli interessi del Paese Italia in quanto avrebbe costretto l’EU a pagare di più pur di terminare l’opera, sgravando l’Italia. Infatti è precisamente quello che è successo. Complimenti dunque al M5S che ha fatto in modo di non accettare subito di concludere l’opera in oggetto, come invece – erroneamente – voleva fare la Lega (ci tengo a sottolineare come noi supportammo il M5S in tale scelta strategica, ndr).

Leggi tutto “Encore, gli Italiani devono ringraziare i grillini (nonostante il loro tragico voto in EU a VdL) per non aver fatto la TAV subito, come invece voleva la Lega: l’Italia ha così risparmiato miliardi di Euro, evitando altre tasse!”

Da italiano dico: che bello è vedere Lega e M5S d’accordo contro i (sospetti, …) mostri di Bibbiano!

Certo, potrei essere politically correct e dire, come ovvio, “la giustizia deve fare il suo corso“. Ma quanto è vero affermare che gli italiani sono felicissimi di vedere che Lega e M5S mettono da parte l’ascia di guerra e fanno – assieme  – gli interessi del  cuore Paese! Ad esempio nel caso di Bibbiano! Esistono infatti argomenti che, secondo lo scrivente, dovrebbero essere super partes: non è colpa degli italiani se la sinistra ideologica – e vedremo se e quanto interessata – è coinvolta pesantemente nello scandalo di Bibbiano. Per quanto mi riguarda i giudici italiani verranno valutati anche e soprattutto in base a come verrà giudicato il caso Bibbiano, con un plauso – sempre e comunque – al giudice Morcavallo che per primo denunciò, da Bologna, da magistrato (ora ex), le derive del servizio all’infanzia emiliano! Ossia un disastro italiano. Leggi tutto “Da italiano dico: che bello è vedere Lega e M5S d’accordo contro i (sospetti, …) mostri di Bibbiano!”

Boris Johnson vince la gara per la Leadership del Regno Unito. Sarà Primo Ministro

L’ex Sindaco di Londra Boris Johnson è il nuovo leader del Partito Conservatore Britannico. Diventerà Primo Ministro Mercoledì pomeriggio.

Oliver JJ Lane per Breitbart

Boris Johnson ha battuto il rivale Jeremy Hunt per 92.153 a 46.656 voti, così hanno certificato i Funzionari del Partito Conservatore Martedì pomeriggio, in un meeting presso la Queen Elizabeth Hall di Westminster.

Le dimensioni della vittoria hanno superato le aspettative, che indicavano un rapporto di 55 a 45, com’era stato lasciato intendere Martedì mattina.

Leggi tutto “Boris Johnson vince la gara per la Leadership del Regno Unito. Sarà Primo Ministro”