Miracolo, Salvini torna a parlare di Economia e di sfidare l’EU! Un consiglio, quello che deve annunciare è: “Piuttosto che alzare le tasse degli italiani, già al top mondiale, io sforo il 3% di Maastricht!” e “Puntiamo tutto sulla crescita e non sulle tasse”

Negli ultimi periodi mi sono preso di tutto, del traditore, del piddino (proprio io, ah…), dell’attaccabrighe anti-leghista… E Perchè? Solo perchè lamentavo promesse NON mantenute da parte del partito che io ho votato, ossia della Lega. Solo perchè non mi fidavo – e non mi fido – visto il comportamento nel caso TAV e nel caso Siri da parte del capitano? E ci mancherebbe anche mi fidassi, con quello che ho visto negli ultimi mesi! Per fidarsi dalle mie parti si dice “vedo cammello, pago cammello“.

Mi permetto di aggiungere che i contenuti dati da Morisi alla campagna mediatica/internet di Salvini, mia opinione, sono vergognosi: pagano a breve termine ma pensandoci bene, dopo poco appaiono come argomenti secondari, fumo negli occhi, alla fine gli italiani lo capiscono e ti mandano a quel paese… Anzi fanno paura, per improvvisazione! E poi fanno apparire il ministro dell’Interno come un minorato nel ruolo, uno con la felpa, che straparla… No good Morisi, cambiare registro please!! Lo Standing è un Must! (spero capisca cosa intendo, non ne sono sicuro).

Oggi leggo che Salvini torna agli argomenti importanti, dunque lo applaudo. E lo ringrazio per il segnale timido di normalizzazione. Solo che, come avete notato, appena parla di economia lo spread sale ed i giornali nascondo quello che lui dice, ad arte. Ecco, è sempre Morisi che non va bene a comunicare gli argomenti scottanti, lui va bene a parlare ai ragazzi di 20 anni, non alla gente in generale e soprattutto ai padri di famiglia: quello che deve essere chiarito nel messaggio ai cittadini sia di destra che di sinistra è quanto al titolo, ossia che non si vogliono alzare le tasse perchè in Italia sono già troppo alte PER COLPA DELL’EU (vedasi la nefasta austerità di Mario Monti) che chiede da anni di alzarle, anzi vorrebbe anche la patrimoniale. Dunque per evitare tasse maggiori, si è pronti anche a sforare il 3% di Maastricht (Boato).

Infatti a breve sarà crescita a mancare ovunque nel mondo, i commerci mondiali sono ormai a livello di depressione

Secondo, si deve puntare sulla crescita, quindi verranno investiti denari, 50 miliardi ad esempio, in progetti ad alto moltiplicatore. Senza tasse. Per il bene della gente. Anzi, per abbassre il rapporto debito/PIL facendo salire il denominatore!

E qui Salvini dovrebbe aggiungere:

Se la gente vuole nuove tasse ce lo dica, noi ce ne andiamo, le faccia qualcun’altro le tasse assurde. Anche perchè altre tasse faranno morire l’Italia, nonè essere contrari alla patrimoniale il problema è che non serve a nulla!“.

Queste cose – permettetemi – gliele avrebbe dovute spiegare Rinaldi; solo che evidentemente a Roma si interpreta l’essere utile alla causa con il dare sempre ragione al proprio capo, così ti fa fare carriera. Permettetemi, io la carriera la interpreto in altro modo, base merito. Ma va detto che chi scrive non è un politico romano (…).

Comunque applausi a Salvini, bentornato. Noi siamo qui a supportarlo,alla faccia di chi ci ha criticato.

Prima o poi, ben inteso ci vorrà l’ultimo passo: se ci vogliono fare morire dentro l’euro tanto vale uscirne. Detto chiaro. Ma ci vuole una strategia mediatica che vada oltre alle competenze di Morisi, mia opinione, che si fermano ai selfie ed al tragico concorso twitter “vincisalvini” a chi dava più “mi piace” al Capitano, con ricchi premi e cotillon [NON scherzo] (roba da dementi, permettetemi).

Cominciamo ad instaurare una strategia chiara ed efficace a livello economico; infatti  agli italiani a breve la cosa che brucerà di più saranno i pantaloni, da dietro, dove tengono il portafoglio, intendo…).

Mitt Dolcino

 

 

Please follow and like us:
error